Crea sito

Archive for Gennaio 5th, 2008

Befane e….gomma a terra

Ciao a tutte…

stasera ho ricevuto un messaggio, diceva cosi:

"Siamo lieti d’informarla che dopo aver letto il suo curriculum e preso visione della sua foto, è stata ritenuta idonea per l’importante missione: la preghiamo di passare nei nostri uffici entro le ore 22.00 di oggi per ritirare la scopa".

Ovviamente se sono qui a scrivere è perchè non ci sono andata….lascio volentieri il posto alle giovani leve…chi l’ha detto che per essere BEFANE bisogna avere già una certa età? E poi questo post sarà la prova che ERO in casa e non in giro su una scopa…!!!!                                                                  

Cosi per impiegare il tempo vi racconto una cosa che mi è successa un paio d’anni fa….

UN VIAGGIO NELLE MARCHE – Novembre 2005

Avevamo chiesto un giorno di permesso…ma il viaggio a Sassoferrato non si poteva rimandare, cosi’  sono andata a caricare e sono partita subito e alla 1 e ¼  ero  là davanti allo stabilimento,  c’erano già 5 camion parcheggiati fuori dal cancello.  Ho fatto il giro del camion prima di chiudere le tende e mettermi a dormire. Sembrava tutto a posto…invece…il risveglio non è stato dei migliori…il camion davanti a me è entrato dal cancello e uno di quelli arrivati dopo si è messo al suo posto, poi  l’autista è sceso e  ha cominciato a farmi degli strani gesti…indicava davanti alla mia cabina…a me quelli che mi passano davanti già mi stanno …in basso…poi non capivo cosa voleva, quindi sono scesa e li’ la sorpresa: la gomma anteriore destra completamente a terra…con 150 quintali di bobine sul cassone…attimo di panico, anche perché erano si e no tre minuti che mi ero svegliata.

che bel risveglio

Il tipo mi chiede “E adesso cosa fai?” e mi sembrava che se la ridesse sotto i baffi….”telefono al mio capo!” gli ho risposto, invece ho tel a mio marito e gli ho spiegato il fatto, lui che era sveglio da più di me mi ha risposto” prova a gonfiarla, magari è un’altra valvolina che ha ceduto”, non ci avevo pensato, ho aperto il cassettino sul lato sinistro della cabina, preso il tubo dell’aria e il manometro, ho attaccato il tubo alle bombole, messo in moto il camion per avere aria a sufficienza, tolto il tappino della valvola, attaccato il manometro al tubo, aperto il rubinetto  e via, ho iniziato a gonfiar la gomma sotto lo sguardo perplesso del collega che non capiva  bene come mai fossi cosi’ organizzata…guido un Renault, abbiamo tutto, i cattivi dicono perché si rompono sempre, ma non è cosi’, difatti il più grande difetto che ha avuto questo camion sono le valvoline delle ruote, una alla volta le abbiamo cambiate tutte, il nostro gommista c’aveva fatto l’abitudine a vederci andar li… per fortuna ha solo 8 ruote!

Comunque piano piano ho tirato la gomma a 8 e 1/2, poi ho messo via tutto, li di fronte c’era un bar e sono entrata a far colazione e lavarmi le mani, nella foga non mi ero messa i guanti…morale: sono entrata nello stabilimento alle 10, dopo alcuni arrivati dopo di me che si sono infilati al mio posto al volo!!!

Quando ero andata a portar le bolle in portineria l’impiegato mi aveva detto che ero l’ultima! “Ma come , se sono qui dall’una di stanotte! Ho perso tempo perché avevo una gomma a terra, ma quelli fuori sono arrivati dopo di me!” La sua risposta è stata “Veditela con loro” – “Grazie!” nel frattempo un francese si è infilato in pesa…e hanno richiuso il cancello…sono andata a parlare con gli altri per mettere in chiaro che poi toccava a me, e sono stati gentili…anche perché altrimenti mi mettevo di traverso davanti al cancello…non pretendevo certo che mi aiutassero, ma da li’ a fregarmi il posto per scaricare….ma si sa, la solidarietà tra colleghi è una delle cose belle di questo lavoro…alle 11 e ½ ripartivo, carica di contenitori. Mi sono fermata nel parcheggio nelle gole di Frasassi  e ho controllato la gomma, era già scesa un po’ di pressione, l’ho rigonfiata, e cosi  ho fatto all’ads Metauro, alla Santerno, alla S.Martino, a S.Zenone….e c’era sempre qualcuno che mi guardava con curiosità …naturalmente mantenendo la distanza di sicurezza…mica mi venisse in mente di chiedere aiuto!

Poi finalmente sono arrivata a casa….la giornata era finita e le ore anche.

 

Read More →