Crea sito
4 commenti

CAMION…..un'altra canzone

Oggi non ho niente di particolare da raccontare, cosi continuo con le canzoni, anche se da questa dedicata a loro i camion e i camionisti non ne vengono decisamente fuori bene….anzi! Leggere il testo per credere….

 

CAMION  (di  Gianfranco Manfredi e Ricky Gianco)

Dall’album TANDEM di Ricky Gianco (2000)

 

Il mostro all’improvviso

appare all’orizzonte

Una mosca passeggia

tra il naso e la fronte

Il mostro sembra stanco

ondeggia sulla striscia

i fari sull’asfalto

qualche gomma un po’ liscia

Camion

Camion

Camion

Camion

La foto di una santa

e quella di una meno

sorridono in cabina

e il viaggio è sereno

Dorme quello di dietro

dorme quello che guida

Uno sogna la santa

e l’altro la figa…                                                                  

Se volevi entrare nel grill

era meglio lasciar fuori il TIR

son rimasti degli orfani dietro

hai le mamme sul vetro

hai buttato dal ponte una Dyane

ed il soccorso ACI

un pulmino di suore di Lourdes

più dormi e più mi piaci

Hai la patente a punti

hai guidato alla grande

vinci un premio benzina

alla banca del sangue

camion

camion

camion

camion…..

(la copertina del disco)

copertina Tandem Ricky Gianco 2000-

La storia del TIR nel grill credo che si rifaccia (ma non ne sono sicura!) ad un avvenimento veramente successo all’area di servizio di Somaglia sull’A1 in direzione sud nel gennaio del 1997 quando una donna alla guida di una motrice piombò nel ristorante, per fortuna senza causare vittime. Era mattina presto, erano in due sul camion e lei era alla guida  anche se non era in possesso dell’idonea patente….restò incastrata con le gambe tra le lamiere della cabina per un bel po’ di tempo, poi riuscirono a tirarla fuori e se la cavò.

Per CB se ne discusse a lungo…ognuno aveva una sua versione dei fatti, del perché e del percome era successo, di chi era lui, di chi era lei, del fatto che le donne i camion non li devono guidare, ecc., ecc.

Ero anch’io nell’elenco di quelli che ne parlavano – un modo come un altro di passare le ore al volante- e mi ero fatta una mia idea, e cioè che lo sbaglio fosse dovuto al fatto che ai tempi (ora è stata completamente rifatta) alla Somaglia quando entravi le auto andavano su a destra e il grill era subito li, e i camion sotto a sinistra, mentre di solito in tutti gli altri Autogrill è il contrario, e quindi non si era resa conto di dover frenare molto di più perché lo spazio era poco….forse!

 

Mi ricordo che un giorno un collega mi disse di aver pensato che fossi stata io!

-“Grazie della fiducia!” – gli risposi

-“Ma mi avevano detto che era una motrice rossa  guidata da una donna e l’unica che conosco sei tu!!”

-“Si, ma io la patente ce l’ho e da un po’ di anni!”

Poi ci siamo fatti una bella risata e via, amici come prima.

 

Buona strada a tutti!

About The Author

4 Comments

  1. gisytruck ha detto:

    Grazie a te mi faccio una cultura… questa non l’ho mai sentita e il testo è terrificante… anche se fosse ispirata a ciò che hai raccontato, nei miei anni di guida-solitaria vivevo di canzoni e musica una roba del genere non mi avrebbe aiutato… Buona Strada!!! gisy

  2. gisytruck ha detto:

    Mony… cosa vuol dire hai la patente a punti??? Sotto parla come se l’autista acquisisse dei punti ogni morto che fa?!?! Dovrai proprio farmela ascoltare….

    Una Buona Strada a tutte … e per tutto!!!

  3. ironduckmoni ha detto:

    Gisy, dovremmo chiederlo all’autore del testo…in quegli anni ancora non c’era la patente a punti che conosciamo noi…di certo hanno cantato le cose peggiori che si possono vedere per strada….non che non succedono, ma non sono certo la regola….alla prima occasione te la faccio sentire. Ciao, buona strada!

  4. […] gentilmente offerto da: http://buonastrada.altervista.org/2008/01/camionun039altra-canzone.html “Il mostro all’improvviso appare all’orizzonte Una mosca passeggia tra il naso […]

Leave A Reply