Crea sito

Archive for Marzo 21st, 2008

On the road again…

Ore 22.00, si mette la marcia e si esce dal cancello della scuderia. E’ domenica sera e son contenta di partire. So che sarà un bel viaggio…mi telefona il Coyote, ha deciso di venir via anche lui a quest’ora cosi facciamo un pezzo di strada insieme. Le chiacchiere non sono molto allegre stanotte, se ti guardi intorno ci sono un sacco di cose che non vanno bene…cosi i nostri discorsi sono un po’ “lamentosi”, purtroppo nella vita non tutto va sempre per il verso giusto e bisogna aver pazienza…è che a volte dovresti agganciarne un rimorchio pieno (di pazienza) e forse non basterebbe lo stesso. Comunque chiacchierando i km scorrono veloci e in 2 ore siamo allo svincolo x la Cisa. Ci salutiamo e ci auguriamo BUONA STRADA, il mio viaggio continua di qua, destinazione Piombino per l’imbarco. Questa volta arrivo fino ad Aulla senza toccare la leva delle marce. Ci siamo solo io e poche BM sull’A15 stanotte, non fosse stato per lo scambio di carreggiata sarei arrivata in fondo in 8^ lunga. Con su poco peso ci si può permettere di sfruttare appieno i CV e l’elasticità del motore…e di divertirsi un po’!

17 03 2008La nave parte alle 6.40 direzione Porto Ferraio – Isola d’Elba. Se fossi furba me ne starei in brandina a dormire. Ma io non lo sono mai stata e poi adoro il 17032008 sul pontemare e passo il tempo della traversata sul ponte esterno nonostante sia appena l’alba, faccia “abbastanza” fresco e il mare non sia decisamente un “olio”. Però è divertente vedere il traghetto infrangere le onde…per fortuna non soffro di mal di mare…chissà come dev’essere quando è un po’ più mosso…

Alle 7.45 si sbarca: siamo stati i primi a salire sulla nave e siamo anche i primi a scendere, ci vuole poco più di mezz’ora per coprire i 25 km che ci separano da Riomarina, sull’altro lato dell’isola, neanche ½ ora dopo siamo vuoti, meno di 2 km e siamo al porticciolo di Riomarina, il 17032008 Riomarinatempo di fare il biglietto e alle 9.20 si imbarca. Quello che si dice una toccata e fuga…se le navi non fossero cosi ben “sincronizzate” ci sarebbe il tempo di farsi un giro in questo piccolo paradiso e invece niente, ci si 17032008 arriva la navedeve accontentare di guardare dalla cabina…Il mare è più calmo, c’è il sole ed è un piacere starsene seduti sulle panche del ponte superiore a respirare l’aria di mare…e un po’ anche il “profumo di nafta” che arriva dai comignoli quando gira un po’ il vento…

Terraferma…si fila dritti a Prato per altre consegne e si ritorna dal “calvario”: l’appennino. Incrocio Debora col suo Scania sempre lucido e ci scambiamo un gesto di saluto. Dopo varie tel il capo ci comunica che si ricaricherà domattina e quindi ce la possiamo prendere con calma. Ci sentiamo col Gianfranco e decidiamo di cenare insieme, è indietro e l’aspetto a Parma. Usciamo a Fiorenzuola direzione via Emilia con tanta voglia di pizza…tira e molla, molla e tira arriviamo alle porte di Piacenza, ci fermiamo a “La Siesta”, credo l’ultimo posto prima di riprendere la grande…ma è una buona scelta: c’è posto per parcheggiare e la pizza è buona. Sulla parete di fondo della sala c’è un “murales” che La siestaraffigura una strada, una stazione di servizio e un camion (un vecchio Magirus musone) che si ferma li: solo il dipinto valeva la sosta. Saremo monotoni a parlare sempre di viaggi, di camion, di carichi, di ristoranti dove siamo stati, di persone che abbiamo conosciuto in giro? Forse, ma le nostre vite sono state tutte su “gomma” e questo  è il nostro mondo e si tende sempre a parlare di ciò che si conosce…alla fine ci alziamo dal tavolo e continuiamo il viaggio insieme fino a casa. I gatti sono contenti di vederci, non ci speravano di dormire con noi stanotte.

Martedì mattina si carica per Arco di Trento. Attraversare Milano è la solita lagna, se la gente fosse educata ci metteremmo TUTTI di meno, ma tanti si reputano furbi a spostarsi nella corsia di accelerazione di quelli che arrivano dal centro città per sorpassare a destra e reimmettersi più avanti creando un tappo…GRANDI automobilisti…mi sa che prima o poi anche li prolungheranno le barriere come già hanno fatto su altri svincoli.

Incrociamo e salutiamo il Coyote che sta rientrando e più avanti anche Andrea col suo bellissimo Premium rosso. Arriviamo a destinazione che sono in pausa e ne approfitto per telefonare alla mia cara Betty per sapere come sta. Si ricarica e si rientra. Sull’A22 non trovo neanche un camion fino ad Affi, stranissimo, la corsia opposta è piena di colleghi…sul tratto dell’A4  ogni commento è superfluo…tra assurdi divieti di sorpasso e sistemi tutor si creano dei pericolosi incolonnamenti e anche se tieni la tua bella distanza di sicurezza puoi star certo che qualcuno verrà ad occuparla bruscamente…per fortuna anche stavolta è andata bene.

Busto Arsizio:sono ferma ad un semaforo –verde da un po’- con la freccia a sinistra, dietro a una BM anche lei con la freccia a sinistra…di fronte NESSUNO (giustamente?) ci fa svoltare e noi blocchiamo la fila perché non c’è spazio sufficiente a passarci sulla destra. Quando finalmente c’è un varco la BM parte e io per fortuna guardo indietro prima di mollare la frizione: un ragazzino CRETINO con uno scooter mi sta sorpassando per andare DRITTO!!! Si infila dribblando tra me e la macchina che gira…se non avessi guardato o se avessi pensato che girava anche lui? Poi ero io l’assassina o che cosa? Non se ne può più…certe sere si arriva a casa con i capelli dritti…

1903200819 03 2008 piniLa notte si riparte per la Toscana, quella “bella”, sulla costa, quella con i viali di pini marittimi che portano all’ingresso delle ditte…una meraviglia!

19 03 2008 LaCaliforniaQuesto è un cartello che fa sognare di…essere dall’altra parte del mondo…al volante di  un Ken su un’highway assolata…Finiamo le consegne a Prato. Il viaggio è tranquillo fino a Sasso Marconi. Ci dev’essere una congiura e qualcuno ha deciso di fare di tutto per eliminarmi…basta avere un camion in sorpasso dove ancora c’è il divieto e un altro che riparte da fermo e si immette SUBITO in corsia di marcia. E io? Ero nel posto sbagliato nel momento sbagliato? Grazie colleghi per la professionalità!!!!

Milly mi manda un sms: avevo sorpassato suo fratello…la chiamo e parliamo un po’, potevamo incrociarci a PC, ma lei piuttosto che vedermi fa la via Emilia! Dispettosa!

Mi racconta che l’hanno fermata al centro di revisione mobile al casello della MI-GE. Io le dico che di quel posto li proprio non ce n’è bisogno:  la “prova freni” siamo OBBLIGATI a farla tutte le volte che sulla Ovest passiamo dallo svincolo della Genova (ma non solo da quello) e c’è sempre qualcuno che all’ultimo dalla 3^ corsia decide di USCIRE tagliando tutte le corsie e chisenefrega se sono già occupate…o che forse sarebbe meglio che facessero del pattugliamento: difatti faccio colonna da Lorenteggio alla TO-VE e in corsia di emergenza saranno passate 80 macchine: che educazione! Evidentemente era tutta gente che aveva fretta…

Si riparte per la Toscana, incrocio e saluto Gisy e do un’info a un collega. Scendiamo ancora dalla Cisa e risaliamo dall’appennino, il “Calvario”, come lo chiamo io, oggi lo è veramente per quelli in direzione sud: entriamo a Calenzano che sono già fermi e risaliamo la coda fino all’area 20 03 2008 calvariodi servizio Aglio. Santa “Pazienza”. C’è l’esodo pasquale. Le lamentele più ricorrenti al baracchino da parte dei colleghi incolonnati: “Ma gli italiani non erano tutti senza soldi?” “Ma non facevano tutti fatica a tirar la fine del mese?” Decisamente, visto il traffico, c’è ancora tanta gente che per fortuna sta bene!

Venerdi: oggi c’è il divieto dalle 16.00 alle 22.00, domani, domenica e lunedì dalle 8.00 alle 22.00 e martedì dalle 8.00 alle 14.00 (quando c’è stato lo sciopero non siamo stati fermi cosi tanto…). Per fortuna si fa solo del locale, qui in zona il traffico è tranquillo e si rientra presto in scuderia. C’è tempo di girare un po’ intorno al pupetto, piccole manutenzioni e una sciacquata alla cabina. Un saluto e una foto col “gestore” delle 21 03 2008 Mo e Lumacchine del caffè: io e lui ci conosciamo da sempre…da una vita si può dire…un po’ ci assomigliamo pure!!

La settimana è finita…questa volta vi auguro una Buona Pasqua serena e gioiosa, per la strada ci sarà tempo settimana prossima!

Ciaooo!!

Moni.

Read More →

Reality… ultima parte!

Ciao a tutte/i,19072007278

dopo aver scritto varie mail a Comiciamo Bene, Mimandaraitre e all’ufficio stampa senza ottenere nessuna risposta, possiamo affermare con sicurezza che nel nostro piccolo, facciamo parte di quella maggioranza che non ottiene neanche le semplici spiegazioni. Non avevamo chiesto danni per chissà quale cosa…, solo un semplice chiarimento: la provenienza del calendario inquadrato durante la trasmissione a cui ha preso parte una collega di un altro gruppo, che aveva rifiutato espressamente di partecipare a quell’iniziativa o a qualsiasi altra del nostro gruppo.  Come diceva qualcuno contano di più le conoscenze che le sostanze, in questo caso gli devo dar ragione… Continuo a pensare che se è stato inquadrato l’iniziativa è stata apprezzata, che la trasmissione è in diretta e se chi era presente non ha ritenuto di chiarire l’equivoco dicendo che erano "altre" lady truck ad averlo realizzato è perchè non aveva niente di meglio da proporre… ; poteva farlo in seguito con una semplice telefonata e non l’ha fatto, anzi mi ha aggredito dicendomi che visto che era su Internet non potevo pretendere nulla, quando l’ho chiamata io… come si dice dalle mie parti:" Ne andava a Lei!" E’ vero, il calendario è sul blog… ma questo non autorizza ad associarlo tacitamente a persone e gruppi errati, ma se non interessa alla Rai, dare informazioni giuste, noi sappiamo di averlo realizzato e ci basta! Mi sono già scusata col il Gruppo di colleghi che ha collaborato, senza chiedere niente in cambio; queste parole per  spiegare alle ragazze a cui era stata garantita estraneità da quel gruppo, che è stato fatto un uso improprio e noi non ne eravamo a conoscenza, che abbiamo fatto il possibile per ottenere un chiarimento, ma non abbiamo ne tempo, ne voglia di disperdere altre energie in questa storia, quando sono Foto1 - anno 1965coinvolte certe persone le cose assumono sempre un aspetto non proprio limpido, mi chiedo se è sempre fatalità. Per fortuna lungo il nostro percorso abbiamo avuto modo d’incontrare giornalisti seri, niente a che vedere con altri, che hanno scritto e parlato chiaro e semplice, come il nostro modo di agire, e li ringrazio, anche dei consigli su come ottenere risposta, ma sappiamo di essere nel giusto e ci basta, quindi come i grandi reality, c’è chi VINCE e siamo NOI!!! Come sempre BUONA STRADA!!! gisy

Read More →

Album degl'incontri… – 11

Ciao a tutte/i,

settimana pesante, rientri sempre più tardi, camion dispettoso, turisti in autostrada e mal di testa costante; dopo essere rientrata alle 8,30 del mattino lasciando il camion in officina, ieri sera sono andata a 21032008738riprenderlo e ho ricomiciato il mio solito viaggio, un’ennesima attesa al carico mi ha fatto capire che sarei tornata al mattino, perdere mezz’ora a Modena significa avere davanti 5 o 6 camion in più… Durante il viaggio ho ricevuto una telefonata da un ragazzo di Salerno, non ricordo il nome, aveva preso il numero su Tuttotrasporti, hanno in progetto di fare un gruppo di autisti per rivendicare diritti sul posto lavoro, combattere per il rispetto degli orari e delle persone stesse, unirsi per poter raggiungere un numero di persone tali da essere prese in considerazione… anche qui contano i numeri, in realtà il gruppo esiste già ma da anni non agiva per motivi di salute di chi lo dirigeva… niente in contrario, anzi, quando qualcuno s’impegna per portare migliorie a questo settore ha sempre la mia approvazione e penso anche la vostra… Il momento in cui gli ho spiegato che non ci potevamo impegnare in niente di simile, perchè i nostri obbiettivi sono più piccoli e di altro genere, che ognuna di noi era libera di fare questo percorso a livello personale, misurato alla realtà locale e alle esperienze individuali, la conversazione ha assunto un tono che non mi è piaciuto, mi sono sentita dire che non è fregandocene che esprimiamo solidarietà ai colleghi, tralascio le critiche ai padroncini e tutto ciò che riguarda la politica, su cui ho subito chiarito che il nostro modo di fare gruppo era 21032008737oltre questo confine, se si conoscono le inclinazioni politiche di alcune è perchè loro stesse ne hanno fatto dichiarazione esplicita, ma non c’è questo argomento nelle nostre conversazioni, non c’interessa e vogliamo continui ad essere così, il nostro voler socievolizzare è finalizzato a conoscere le colleghe e se ne condividono le motivazioni, invitarle a partecipapare alle nostre iniziative, che saranno anche piccole, ma sono misurate alle nostre forze. Quando poi ho sentito parole di sola critica nei confronti dei padroncini, sprovveduti e ingenui a priori e solo pronti ad esibire i loro bei mezzi…e tante altre  verità in tasca del mio interlocutore… mi sono spazientita, nel modo più gentile possibile gli ho detto che per i loro obbiettivi c’erano persone più adatte di noi, gli ho consigliato prima di criticare di andare a vedere un raduno dove la gente socievolizza col vicino di parcheggio e prima di andarsene sicuramente avranno parlato anche delle difficoltà del settore, per fortuna sono arrivata a destinazione… ho salutato, facendogli i miei auguri per la riuscita delle loro imprese, ho anche consigliato d’imparare ad ascoltare le motivazioni altrui con maggiore attenzione, ma ormai ne ero uscita offesa sia come padroncino che come portavoce del gruppo… del resto si sa che io sono permalosa e non capisco ciò che mi si dice al telefono. Per fortuna al Cargocity è arrivata Susana e con la sua carica di sorrisi e parole mi ha fatto passare il 20032008736malumore, mi ha raccontato che qualche sera prima ha salutato con i fari vedendo il mio camion, poi quando si è avvicinata ha visto che era Fabio ed è andata via;mi manderà altre ricette e mi ha raccontato che del nostro blog, ne hanno parlato sul giornale locale della città dove vive sua mamma con i suoi fratelli in Argentina… Un altro collegamento internazionale… I magazzinieri del turno di notte sono più o meno sempre gli stessi, non dipende da loro se si aspetta molto, alcuni sono veramente simpatici… due foto veloci e la lunga attesa per lo scarico, lei si è parcheggiata vicino alle ribalte per dormire quando le hanno detto che sarebbe passato parecchio tempo,prima del suo turno, ci siamo fatte gli auguri per la Pasqua  ….Buonanotte e Buona Strada Susana!!!

Read More →

Festa del Papà.

Ciao a tutte/i,

sempre in ritardo su quello che mi propongo di fare, avrei voluto scrivere per il giorno giusto, non mi è Festa del papàstato possibile, non voglio neanche rinunciarvi perchè i Papà sono una cosa importante. Molte di noi non ce l’hanno più e conservano i ricordi gelosamente, altre hanno avuto un padre-padrone ne parlano per liberarsi di ciò che le ha fatte soffrire, altre si preoccupano costantemente del loro stato di salute e di accompagnarli nel percorso di malattie più o meno gravi, sperando di tenerli vicino il più a lungo possibile; altre cercano di godersi la loro compagnia e di catturare i lati del carattere che li distinguono, di condividere le passioni e gli interessi… Ognuna di noi ha un suo modo di parlare del proprio Papà. Parlando con i miei amici, anche i più burberi, cerco sempre di spiegare loro che devono stare vicino alle figlie, perchè a qualsiasi età, donna o bambina, devi sapere di poter contare sul tuo Papà, di poter andare a dirgli che ti è successa una cosa bellissima o una cosa terribile, senza pudori, senza paura di poter essere giudicata; non vale nessuna scusa, il Papà deve essere un punto di riferimento, sempre. Quando il destino ci separa dobbiamo avere un bagaglio di ricordi sufficenti per il resto della nostra esistenza. Da piccole siamo felici di poter fare la festa al Papà, da grandi siamo orgogliose di poterlo ricordare con i suoi pregi e i suoi difetti,  sia che possiamo farlo guardandolo negli occhi, sia che dobbiamo guardarlo nei nostri cuori.       Auguri e Buona Strada a tutti i PAPA’!!!

Read More →