Crea sito
6 commenti

Maialino… indifeso.

Ciao a tutte/imaialino sorriso

Leggo spesso notizie che mi sconvolgono dalle cronache di tragedie familiari, incidenti o episodi di vera e propria follia umana, per cui mi rattristo molto ma non ho gli strumenti necessari, ne le Maialino salvadanaioconoscenze intellettuali per commentarli, una in particolare mi ha dato un istinto d’indignazione…maialino e monete

Avete presente il maialino salvadanaio? Quello che regalavano ai bambini quando ero piccola io e che a mia volta ho regalato in futuro ad altri piccoli perché mi ricordava come ero felice di inserire le monetine e da quanti se ne vedono in commercio, di diverse forme e colori non apprezzato solo da me, ora è stato stabilito da una grossa banca europea, con sede nel nord-europa, che non va più regalato, è diseducativo perché offende la cultura islamica; io non ho conoscenze a sufficienza di film babe va in cittàquesta religione per stabilirlo, il mio prof. di religione (parroco cattolico) ci aveva detto che i musulmani erano molto praticanti e osservanti ma che rispettavano e ammiravano molto anche le altre fedi, erano gli anni ottanta… adesso non credo che potrebbe affermarlo con tanta convinzione… Mi chiedo se consiglieranno di ritirate dal mercato anche i libri di BABE, il maialino filmmaialino che simpaticamente accompagna la vita quotidiana del fattore facendogli compagnia anche in casa e successivamente si avventura in città… Ma voi avete mai avuto in maialino salvadanaio? Avete mai introdotto monetine fino a non sentirle più muoversi all’interno, per poi andare a romperlo in futuro, con tanta impazienza di sapere se l’importo delle monete contenute sarebbe stato sufficiente a permettervi di comprare ciò che desideravate tanto? Non era un bel modo d’insegnare ai piccoli Maialini salvadanaioche risparmiare qualche piccola somma, poteva far fronte a un imprevista spesa futura? Ci vedete anche voi un affronto ad una religione? In futuro dovremo evitare anche le mucche-maialino inoxpupazzo per non offenderne un’altra?  Sono io che mi faccio venire idee strane o c’è davvero una tendenza all’esagerazione e all’esasperazione delle consuetudini e tradizioni? Dalle mie parti il maiale è la fonte di profitto di molte aziende e di conseguenza il sostentamento di molte famiglie, dovremo sopprimere anche quelle?

Scusatemi per lo sfogo, ma di questo passo non perderemo molte belle tradizioni e un pò dei nostri punti di riferimento a scapito di altri che non sono i nostri???

BUONA STRADA a tutti… maialini compresi!!!  gisy

 

About The Author

6 Comments

  1. sosladydriver ha detto:

    ah…dove andremo a parare…

    storie di tradizioni venete

    il mio povero nonno (che era un contadino delle campagne trevigiane proveniente da una famiglia che di generazione in generazione si è tramandata terre comprate coltivando la canna da zucchero in australia e con sacrifici per sfamare i sempre numerosi figli…) mi ha sempre detto:è stato il maiale a salvare l’italia dai tempi duri!

    Si, proprio il maiale, animale che si poteva allevare con poco e del quale poi NON SI BUTTAVA VIA NIENTE… come dicono alcuni detti veneti. Il maiale: che insaccato era cibo che si poteva mantenere per i tempi più tristi. Il maiale: un eroe che salvò l’Italia dalle carestie dopoguerra!!!

    un maiale che per la numerosa famiglia era un segno di festa (le porchette ai matrimoni ad esempio) …

    Fino ad arrivare ai giorni nostri, era del consumismo!

    c’è troppo di tutto!

    Largo spazio alle diete, ai menù vegetariani, e all’islamismo a quanto pare….

    e si dimenticano i tempi passati!

    Sabri

  2. gisytruck ha detto:

    Scusami Sabry, ho dovuto correggere il post perchè non era venuto come lo volevo io, il commento però è sul testo quindi per te nessuna differenza… anche dalle mie parti il maiale viene onorato molto a tavola e sono migliorate le condizioni d’allevamento rispetto ad anni passati… per i produttori di Parmigiano poi è anche l’unico modo per smaltire il siero di lavorazione, altrimenti inquinante, mentre questo animale ne è molto ghiotto… forse per questo nei tempi passati veniva associato all’idea del risparmio perchè con il maiale potevano risparmiare soldi evitando di comprare altri cibi… BUONA STRADA!!!

  3. Elisabetta78 ha detto:

    ciao gisy, 😀 nessun problema per la foto 😉 grazie per aver rispettato quanto richiesto… un abbraccio

    anche al maiale :S

  4. ivyivy ha detto:

    grazie per essere passata nel mio blog….hai ragione: x mia figlia supero tutte le difficoltà perchè la amo con tutta me stessa. Un bacio

  5. Caosinside ha detto:

    Sì, mi sembra un’esagerazione assurda… Da sempre esistono persone che offendono, pur non volendolo, e persone che sono offese, pur non subendo alcun danno propriamamente detto.. Si chiama convivenza, si chiama imparare ad accettare le diversità.. Una cosa tolta a noi è una cosa concessa ad altri e viceversa.. Perché togliere? Perchè scegliere? Non è meglio imparare a convivere e accettare gli altri per quello che sono fintanto che non ci offendono nel vero senso della parola? Se fosse per noi magari sarebbe così, ma quando ci si mettono di mezzo le autorità e le cosiddette leggi, beh è un’altra cosa..

    Grazie del passaggio da me e dei complimenti.. ^__^

    A presto!

  6. SimonaeGuido ha detto:

    Io, come già successo altre volte, vado contro corrente. Non mi sembra giusto che io devo cambiare le mie tradizioni, i miei usi e costumi per “far contenta” una persona che ha lasciato il suo Paese per i motivi più svariati, e ha scelto di vivere nel mio. Se io ho un ospite a casa mia non tolgo i quadri o le tende perchè a lui non piacciono. Io ho viaggiato e viaggio spesso nel continente africano (Marocco, Tunisia, Egitto e Kenya); so che sono di una religione diversa dalla mia e mi adeguo; non vado il giro con abiti troppo corti e non circolo in costume da bagno perchè so che a loro dà fastidio, se entro in una moschea, mi copro la testa. Non le capisco, ma le rispetto. Molta gente immigrata (non tutta per fortuna) non stà nel suo Paese perchè ci sono cose negative e viene a vivere nel nostro portandosi dietro invece quelle che gli fanno comodo. Se da loro la donna è succube e qui da noi no, tu la rispetti; se non la vuoi rispettare torni da dave sei venuto!!!!!!!!!!e vale la stessa cosa per il burca, il crocifisso, i maialini…

    Scusate lo sfogo ma i cogl…. non sono loro, ma noi che ci facciamo mettere i piedi in testa!!!!!!

    Sia chiaro, io ce l’ho solo con chi non rispetta il mio Paese, le sue regole e la mia libertà.

Leave A Reply