Di nuovo sulla strada…

DIARIO DI BORDO DAL 25 AGOSTO….

 

Finite le vacanze si riprende la strada.  Siamo in pochi in scuderia, molti colleghi sono ancora in ferie e anche le ditte sono ancora in parte chiuse.

Il primo giro da fare è una sorpresa…un carico di imballi per una mostra storica che si è tenuta dentro la Reggia di Venaria  Reale. Cosi facciamo un po’ i “turisti per caso”.

25 08 2008 VenariaI cortili interni sono molto ampi, il problema però è entrarci…per fortuna siamo con una motrice più corta oggi ( il “Pupetto” è ancora in ferie, lui!), altrimenti sarebbe stata dura. Dal 1° cancello ci fanno entrare in retromarcia…perché, ci dicono, non vogliono che sterziamo con le ruote del camion sul selciato…hanno paura che glielo roviniamo…c’è un palchetto montato li davanti che da fastidio per mettersi dritti, bisogna chiudere gli specchi e c’è 1 cm tra gli angoli superiori della cassa e l’arco di mattoni che sovrasta la cancellata, per fortuna che con le sospensioni pneumatiche possiamo abbassare un po’ il camion….guida Ste, io sto giù a fargli segno insieme a un gruppo di persone: qui è VIETATO fare danni!! E per fortuna che ci sono li anche io se no sopra mica ci guardavano….sempre in retromarcia lo fanno andare vicino a un portone, io mi accingo ad aprire le porte e mi dicono

 -Ma non dobbiamo scaricare qui!

-Ah, no? E dove?

– Deve entrare in retro nel portone…25 08 2008 2 portone

E anche qui non è che fosse molto largo, ma ci  “passava” senza chiudere gli specchi…anche se mancava poco, lo fanno venire indietro per tutto il corridoio e qui c’è un altro bel cortile

– Ci fermiamo qui? – chiedo

Prima mi dicono di si, poi mi indicano un altro portone all’altra estremità del cortile: è la che dobbiamo scaricare. Ancora si preoccupano del selciato, dei tombini, ci chiedono quanto PESA il camion, poi si decidono a farci andare là, ma “piano piano” e prendendola larga….e non passando sopra ai tombini….

25 08 2008 1 cancelloPer fortuna ci lasciano uscire a marcia avanti anche se il cancello con l’arco è veramente ostico, specchi chiusi e lo sfiora quasi, ma usciamo senza fare danni.

Come primo giorno di lavoro non è male per testare l’abilità dell’autista, due prese veloci e poi rientriamo e torniamo sul nostro camion,   si parte per la toscana, poco dopo la ½ notte mi parcheggio davanti al cancello del deposito e facciamo li là pausa.

A proposito di sicurezza stradale: la notte, mentre passavo da Bologna, sulla diramazione per l’A14 (che è a TRE corsie!) ho notato dei fari bianchi sulla terza, erano le luci di retromarcia accese di un’autovettura che stava facendo retromarcia in TERZA corsia per poi riprendere la direzione Firenze!!!!! Io ho avvisato per CB, ma c’era il solito rompi….e in frequenza. Puffi zero. Neanche l’ombra, d’altronde era notte…

Martedì un altro compleanno, telefono al mio amico Paolo per fargli gli auguri, è anche lui un autista, ma di autobus. Sta portando il suo “carico” al mare!

Volevamo tornare dalla Cisa, ma una presa dell’ultimo minuto ci obbliga a fare il calvario  anche al rientro. Ci sono molti vacanzieri, e anche gente con molta fantasia su come si usa una BM e come si fanno i sorpassi…chissà se le telecamere che hanno messo per multare i camion che sorpassano in divieto riprendono anche certi signorini…

Per la serie i cattivi non è che viaggiano SEMPRE in “TIR”….e uno che fa lo slalom tra le altre auto e i camion col suo bel SUV non è che lo sta facendo per sbaglio…

Mercoledì sveglia alle 5 direzione Piemonte per un paio di consegne veloci, poco traffico, autostrada larga, troviamo subito i clienti…fossero sempre cosi tranquilli i viaggi. Il pomeriggio lo passiamo a “perdere” tempo in un grosso stabilimento della nostra zona…vai di qui, no di li, no di là, scarica, vai a far l’ordine di carico, carica, torna a far la bolla…abbiamo sbagliato, non era merce per voi, torna a scaricare….AAAAARGHHHHHH!! Per fortuna che sono giornate in cui c’è poco da fare e non è un problema.

La sera torniamo in toscana…cominciamo con trovare chiuso lo svincolo per la tangenziale Ovest…poi i cartelli della deviazione mandavano per Milano città…faccio la Est che è meglio. Sull’appennino alcuni colleghi mi dimostrano che a volte non hanno tutti i torti ad avercela con noi…il premio lo do all’autotreno che mi avrà passato a 100km/h in galleria (io ero a limitatore, non andavo piano). Va bè…giro di consegne e si rientra. Il calvario al ritorno è un vero 28 08 2008 gallerie artificiali“calvario”: ci fermiamo all’altezza delle gallerie artificiali e da li al valico andiamo a passo d’uomo, fermandoci continuamente. Ci sono “milioni” di vacanzieri che rientrano e non hanno una sorte migliore della nostra. (Piccola polemica per informare il GENIO che pensa di mettere i divieti per i camion nel periodo estivo anche il venerdi l’anno prossimo: alla gente piace viaggiare di giovedì!!!)

Esco a Parma e rientro a Fidenza, non perché avevo nostalgia della via Emilia, ma perché sulla grande ci sono 6/7 km di coda per un incidente tra BM. Sulla piccola  mi prendo un mezzo spavento 28 08 2008 via Emiliaquando davanti a me si fermano, io freno tranquillamente e metto le 4 frecce e dagli specchi vedo il fumo uscire dalle ruote del  bilico che ho dietro mentre pianta una bella inchiodata, per fortuna si ferma anche lui. Mi sa che si era distratto un attimo perché comunque teneva una buona distanza da me. Rientro a Fidenza e sento una modulazione femminile al baracchino, è la mia amica Patrizia che se ne sta andando in direzione sud: Ciaoo karissima!

Una telefonata di AUGURI con Cate che mi dice di salutare tutte le colleghe (lo faccio qui cosi non mi dimentico!). A Melegnano sono intenta a guardare cosa sta combinando la BM davanti a me che continua a frenare senza apparente motivo e sento suonare, giro lo sguardo, è la Simo! Uno scambio di battute veloce al CB anche con lei e imbocco la Ovest.  Sono in corsia di marcia, ho una Volvo station wagon alla mia sinistra di fianco al cassone, la terza corsia è vuota…vedo arrivare un motociclista che si infila DRITTO tra me e la macchina, gli suono e lui mi fa il gesto delle corna. Che dire: avrà voluto informarmi della sua situazione sentimentale? (poi però se per sbaglio o io o la bm lo urtavamo diventavamo “assassini”…?). Un po’ di coda per lavori a Settimo, prendo l’A4 e passo da Mesero. In scuderia si scarica e si parcheggia. Non c’è niente da caricare. La ripresa è molto lenta.29 08 2008

29 08 2008 cafféVenerdi a far del locale, prese e consegne tutte qui intorno, passiamo dal “Garage OMT, ma Mario non c’è, salutiamo Marco e Vitalba, varie telefonate con gli amici per darci appuntamento per stasera a Giussano: inizia il raduno del Coast to Coast Truck Team!!!

Adesivo Coast to Coast 2008Finiamo di caricare che è ora di cena e si va a casa, mando un ringraziamento al mio capo che ci da il permesso di “usare” il camion per venire ai raduni, sono felice, sono sicura che saranno due giorni stupendi in buona compagnia!

Buona Strada a tutti!!

Moni.

Precedente Buon Compleanno Caterina Successivo 17° raduno Coast to Coast Truck Team - Giussano

4 commenti su “Di nuovo sulla strada…

  1. FrancescoPatti il said:

    E adesso mi tocca aspettare un’altra settimana prima di leggere un altro bel resoconto di viaggio?…

    Uffa!…

  2. alessandrodue il said:

    Se per scaricare in quella reggia ci volevano tutte quelle accortezze potevano farsi trovare fuori dall’ingresso con un carro trainato da cavalli.

    Grazie Moni per i bel diario di viaggio che hai postato,la foto della moka sul fornellino non è male,sembra quasi di sentire l’aroma mentre viene su il caffè.

    Ciao a Tutte-i e buon fine settimana.

    Buona Strada.

    Ale

  3. Son passata dal Truck Team lì a Giussano. Niente male i camion (mi ricordano quando mio zio, autista, mi portava con lui) soprattutto le camioncine coi fiocchi rosa!!!

  4. Una nota di “colore” per distinguerci… potevi fermarti a far due parole… sembriamo mastini ma siamo socievoli…. Torna a trovarci e… ti sei dimenticata di firmarti…

    Buona strada!!!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.