L'asfalto scorre sotto le gomme e…

Dopo 48 ore di raduno è difficile riprendere la “strada”. Non si fa niente di particolare a un raduno, si chiacchiera, si mangia e si beve in compagnia, si chiacchiera, si gira in giro ai camion, si chiacchiera, si salutano gli amici, si chiacchiera, si conosce gente nuova, si chiacchiera, si ride, si scherza, si chiacchiera… Poi tutto finisce…arriva la “maledetta” mezzanotte della domenica sera, dove dopo gli ultimi saluti, sorrisi, baci e strette di mano si gira la chiave nel quadro e BROOOOMMM, il disco, la marcia, si parte….

Questa volta direzione toscana, vado giù in compagnia di Gisy fino a Modena. Appena saliamo in cabina si scatena un temporale che ci accompagna fino alla tangenziale di Milano.

Lunedì scorre tra gli sbadigli, la fiacca, qualche telefonata con gli amici…per sera siamo di nuovo carichi per il secondo giro di giostra. A casa i miciotti si stupiscono di vederci…mi sa che si abituano più in fretta alla nostra assenza che alla nostra presenza, qualche sera troverò la porta chiusa dall’interno e loro dentro che se la ridono…

02 09 2008  440Martedì mattina ci sentiamo col nostro amico Coyote: lo “sentiamo” passare mentre facciamo colazione in un bar a Prato (ha delle belle trombe “squillanti”!), poi ci siamo02 09 2008 Ste e Giuliano

telefonati più volte e alla fine siamo riusciti a partire da Firenze e venire insieme fino a Milano chiacchierando chiacchierando. Il “calvario” non si smentisce mai…poi recuperiamo in pianura per fortuna. C’è ancora in giro molta gente che rientra dalle ferie.

02 09 2008 Moni e Coyote Facciamo il quarto d’ora di legge alla Arda, caffé e sigaretta e foto di rito, poi riprendiamo la strada…”fischiando”, perché, come dice il Colautti “1/4 d’ora di sosta t’avevo detto, la tabella è sacra, al 16° minuto io riparto, chi c’è c’è, e chi non c’è FISCHIA!”…20 minuti siamo stati fermi!!! (E’ un giochetto che facciamo spesso tra di noi, FANS  del film “IL BESTIONE”, di parlare citando le battute del Colautti Sandro e di Patrovita Nino, chi non l’ha mai visto non locandinapuò capire…quindi non perdete altro tempo prezioso e guardatelo!!! ). Un incrocio in rosa, la nostra kara Milly che ci informa che la nostra direzione è tutta buona: “grazie! Anche la tua!”.  Allo svincolo per l’A4 ci salutiamo, io proseguo per NO e lui per VA. Ciao Collega! Buona strada!

Mercoledì …giriamo in giro tra Como, Varese, Malpensa…A Como noi e un’altra trentina di “rimbambiti” scendiamo dalla SS dei Giovi per la via Scalabrini, direzione Lecco-Bergamo, perché il cartello segnalava si un’interruzione per lavori di corsa, ma che era percorribile fino alla via “minchiarelli”. Che evidentemente non conosceva nessuno (neanche quelli targati Como…), giù in fondo mentre giravamo a sinistra leggo in fondo al cartello che non si passava per LC-BG…ma ormai eravamo entrati dietro  a delle BM e  con dietro delle altre BM….anche un bilico…ci tocca fare retromarcia per riuscire a girarci, anche un po’ a fatica, in mezzo alle BM che fanno altrettanto, il collega del bilico ci chiede se non si arriva in via del Lavoro…NO, è li che dobbiamo andare anche noi, dallo stesso spedizioniere… Io chiedo solo PERCHE’ su in alto il cartello che indicava LC-BG non era chiuso? A che pro far scendere tutta quella gente per poi dover tornare indietro e rimettersi in coda dietro agli altri diretti in centro? Eravamo noi tutti “rimbambiti” o qualcun altro che non aveva fatto bene il proprio lavoro?03 09 2008 truckstop

Ora di sera avevamo fatto 19 servizi, avrei potuto morsicare qualcuno se mi passava sotto i denti…qualcuno mi dirà che i furgoni fanno anche 40 consegne in un giorno…appunto, le fanno 03 09 2008 temporale03 09 2008 il ponticinocol furgone, ci abbiamo provato, è tutta un’altra cosa. Ciliegina sulla torta nel pomeriggio un acquazzone di quelli tosti, un passaggio su un ponticino sull’Olona da paura, (la domanda: reggerà?) 3 manovre per mettermi dritta per uscire, non si vedeva nulla negli specchi dall’acqua che scendeva….

La notte avviso per baracchino chi deve fare la tangenziale Ovest direzione Laghi che a Rozzano c’è l’uscita OBBLIGATORIA causa lavori di corsa di asfaltatura all’altezza dello svincolo della Genova. Sento chiamare “Monica!” e rispondo chiedendo chi è…è Giampiero ed è nella stessa mia direzione, ci spostiamo di canale e andiamo insieme da Melegnano a CastelsanPietro dove lui svincola. Chiacchierando i chilometri scorrono veloci anche se a dire il vero ci hanno sorpassato quasi tutti!!  In un attimo è già il momento di augurarci una BUONA STRADA e un arrivederci alla prossima.

Arriviamo all’alba, 5 camion davanti. Alle 10 e 20 ci fanno entrare, ma in ribalta c’è ancora un collega spagnolo. Ste “accetta” la mia proposta di caffè e biscotti in cabina, tanto ora che 04 09 2008 Ste e il caffé04 09 2008 cafféripartiamo da qui il tempo della colazione al Bar sarà scaduto da un bel po’. Prepariamo la moka, c’è una bella arietta fresca e si sta proprio bene. Alle 11e 10 tocca a  noi scaricare, io me ne sto rilassata in brandina col quaderno in mano a scrivere “cullata” dagli scossoni del muletto elettrico sul cassone. Poi si ricaricano i vuoti, si fanno i documenti e si riprende la strada per casa.

Quando finalmente si sente Isoradio, la brutta notizia, a Bologna l’A14 è chiusa a causa di un grave incidente tra camion…ne parlavamo la notte con Gianpiero di quanto è brutto e pericoloso quel tratto di autostrada…spero solo che i colleghi non si siano fatti troppo male. Usciamo a Imola, visto che tutti ci dicono che la coda è lunghissima e c’è ancora l’uscita obbligatoria a S. Lazzaro, ma anche a CastelSanPietro c’è già bailamme. Siamo in tanti sulla piccola, ma piano 04 09 2008 sulla piccolapiano arriviamo al casello di BO Interporto, già che ci sono tiro dritto e rientro a Modena….oggi proprio non mi va di passare da Bologna.04 09 08 sulla piccola

 La sera faccio il giro da Mesero, esco dalla superstrada a Vanzaghello, c’è una rampa molto lunga, con tanto di doppia striscia continua e cartelli di divieto di sorpasso visto che è a doppio senso di circolazione…ma una BM dietro di me dopo aver rischiato e rinunciato più volte alla fine mi sorpassa facendo frenare la BM che arrivava di fronte…per la serie chi sono i criminali…ma non è finita, 1 km più avanti ripresa la statale vecchia lo vedo inchiodare in mezzo alla strada….e fare inversione ad U, naturalmente dove c’è ancora la doppia striscia continua e 200 m prima di una rotonda…….il CO….NE  aveva sbagliato strada!!!  Per fortuna dopo pochi KM sono arrivata a casa, di scaricare se ne riparla domattina.

Venerdi, scarichiamo e poi dal meccanico, si è accesa la spia delle pastiglie dei freni e andiamo a la spiacambiarle, ogni tanto anche il “pupetto” ha bisogno di cure….i kilometri percorsi cominciano a farsi sentire. 05 09 2008 dischiPoi tutto il pomeriggio a far prese e consegne che di solito faceva un collega con un camion che ci stava TUTTO nel nostro cassone e avanzava ancora spazio….la sorpresa la sera, dobbiamo andare a caricare un completo e son già le 5 passate, lo stabilimento è a un’ora da dove siamo noi. Per fortuna poi si rientra e si parcheggia. La settimana anche per questa volta è finita e tutto è andato bene: possiamo raccontarla!

Buon weekend e buona strada a tutti voi!

Moni.

Mettiti lì e aspetta!

Ciao  a tutte/i

 quante volte facendo trasporti ci si sente dire: “Mettiti lì e aspetta…!!!” “Scusa ma quanto devo aspettare?” “Cosa devo aspettare?” Se ti va bene l’impiegata/o delle spedizioni è una persona educata e ti da spiegazioni: “Manca il pagamento!” “L’ordine è per domani, è in preparazione.” “ Dobbiamo verificare…” “Non c’è l’ordine, dobbiamo aspettare l’ok dall’ufficio commerciale” “ I magazzinieri sono in riunione” “ C’è il piazzale pieno di camion…” “ Le ribalte sono tutte occupate…” “ C’è la pausa…” “ L’interessato è in ferie… “ Non sappiamo dove questa merce va scaricata…”, tutte probabilità possibili e plausibili… ; se invece  capita un impiegato che pensa solo a far passare il tempo che gli rimane ad uscire dalla Ditta, non si ottiene neanche una spiegazione di questo tipo, si comincia a telefonare e070820081111 cercare di districare la matassa d’ingarbugli altrui… Se va bene si perde mezzora, minimo… Nel caso in cui si ottenga un sollecito diretto dalla committenza, il suddetto impiegato gnugnirà per il resto del tempo che sarà costretto a interagire con te… Se va male, qualcuno non ha fatto bene il proprio lavoro e non si scarica o carica a seconda dell’occasione… magari ti sei alzata presto per essere fra i primi, magari non hai pranzato, oppure hai rinunciato al caffè in compagnia di un collega e ti ritrovi ad aver rinunciato a qualcosa per un emerito NULLA… nessuno che ti presenti le proprie o altrui scuse, anzi sembra COLPA tua, in realtà nessuno di noi si è mai inventato carichi o scarichi;  se siamo incavolati quando arriviamo nelle ditte è perché abbiamo già un bel carico emotivo dal viaggio e dalle precedenti ditte, o perché ci sono aziende che non funzionano bene e sempre ci sono complicazioni, ci arrivi prevenuto e quando hai conferma che i tuoi dubbi erano motivati di certo non ti scappa un sorriso, anzi a fatica trattieni le parole… Questa sinfonia ripetuta nei giorni, sempre più spesso, fa perdere la calma, la pazienza 110820081164e il buonumore; complicazioni che si vanno ad aggiungere alle altre, quelle di quando si guida… se sei in centri urbani ti devi armare di pazienza e continuamente controllare che nessuno ti venga sotto e agire di conseguenza per evitare il peggio: nelle rotonde puntualmente ti si mette qualcuno sulla destra impedendoti di percorrere la tua traiettoria… ai semafori ti si metteranno davanti biciclette, motorini e moto..  se c’è rimasto mezzo metro di spazio libero anche un’autovettura proverà ad evitare la coda sorpassandoti… viaggiando per file parallele tutti INCURANTI della tua direzione zigzagando proveranno e sorpassare, ti va bene se non ti stramaledicono nonostante siano loro a vagare senza segnalare o avere scelto una meta… ciclisti paralleli alla ciclabile ma GUAI a percorrerla… senza contare i restringimenti, i divieti, le indicazioni assenti o errate e non dimentichiamo le telecamere per infrazioni ai semafori e al traffico limitato… della guida extraurbana meglio che ne parliamo prossimamente, non vorrei perdere completamente l’ispirazione a ripartire, amo molto il mio lavoro ma la convivenza con i turisti in questo periodo massacra lo spirito e la passione… frantuma in briciole tutta la voglia d’imboccare l’autostrada e consegnadirà: “re a destinazione la merce che tutti i giorni mi viene affidata… e giunta a destinazione, qualcuno mi  dirà: "Mettiti lì e aspetta!!!”

Buona Strada a tutte/i