Crea sito
6 commenti

Mettiti lì e aspetta!

Ciao  a tutte/i

 quante volte facendo trasporti ci si sente dire: “Mettiti lì e aspetta…!!!” “Scusa ma quanto devo aspettare?” “Cosa devo aspettare?” Se ti va bene l’impiegata/o delle spedizioni è una persona educata e ti da spiegazioni: “Manca il pagamento!” “L’ordine è per domani, è in preparazione.” “ Dobbiamo verificare…” “Non c’è l’ordine, dobbiamo aspettare l’ok dall’ufficio commerciale” “ I magazzinieri sono in riunione” “ C’è il piazzale pieno di camion…” “ Le ribalte sono tutte occupate…” “ C’è la pausa…” “ L’interessato è in ferie… “ Non sappiamo dove questa merce va scaricata…”, tutte probabilità possibili e plausibili… ; se invece  capita un impiegato che pensa solo a far passare il tempo che gli rimane ad uscire dalla Ditta, non si ottiene neanche una spiegazione di questo tipo, si comincia a telefonare e070820081111 cercare di districare la matassa d’ingarbugli altrui… Se va bene si perde mezzora, minimo… Nel caso in cui si ottenga un sollecito diretto dalla committenza, il suddetto impiegato gnugnirà per il resto del tempo che sarà costretto a interagire con te… Se va male, qualcuno non ha fatto bene il proprio lavoro e non si scarica o carica a seconda dell’occasione… magari ti sei alzata presto per essere fra i primi, magari non hai pranzato, oppure hai rinunciato al caffè in compagnia di un collega e ti ritrovi ad aver rinunciato a qualcosa per un emerito NULLA… nessuno che ti presenti le proprie o altrui scuse, anzi sembra COLPA tua, in realtà nessuno di noi si è mai inventato carichi o scarichi;  se siamo incavolati quando arriviamo nelle ditte è perché abbiamo già un bel carico emotivo dal viaggio e dalle precedenti ditte, o perché ci sono aziende che non funzionano bene e sempre ci sono complicazioni, ci arrivi prevenuto e quando hai conferma che i tuoi dubbi erano motivati di certo non ti scappa un sorriso, anzi a fatica trattieni le parole… Questa sinfonia ripetuta nei giorni, sempre più spesso, fa perdere la calma, la pazienza 110820081164e il buonumore; complicazioni che si vanno ad aggiungere alle altre, quelle di quando si guida… se sei in centri urbani ti devi armare di pazienza e continuamente controllare che nessuno ti venga sotto e agire di conseguenza per evitare il peggio: nelle rotonde puntualmente ti si mette qualcuno sulla destra impedendoti di percorrere la tua traiettoria… ai semafori ti si metteranno davanti biciclette, motorini e moto..  se c’è rimasto mezzo metro di spazio libero anche un’autovettura proverà ad evitare la coda sorpassandoti… viaggiando per file parallele tutti INCURANTI della tua direzione zigzagando proveranno e sorpassare, ti va bene se non ti stramaledicono nonostante siano loro a vagare senza segnalare o avere scelto una meta… ciclisti paralleli alla ciclabile ma GUAI a percorrerla… senza contare i restringimenti, i divieti, le indicazioni assenti o errate e non dimentichiamo le telecamere per infrazioni ai semafori e al traffico limitato… della guida extraurbana meglio che ne parliamo prossimamente, non vorrei perdere completamente l’ispirazione a ripartire, amo molto il mio lavoro ma la convivenza con i turisti in questo periodo massacra lo spirito e la passione… frantuma in briciole tutta la voglia d’imboccare l’autostrada e consegnadirà: “re a destinazione la merce che tutti i giorni mi viene affidata… e giunta a destinazione, qualcuno mi  dirà: "Mettiti lì e aspetta!!!”

Buona Strada a tutte/i

About The Author

6 Comments

  1. LauraRocatello ha detto:

    5 settembre 2008

    Cari tutti,

    Io ho coniato il detto: “HO ASPETTATO NOVE MESI A NASCERE, ASPETTERO’ ANCORA”.

    (Però, se ci fanno aspettare molto a vuoto e il reclamo è necessario, “QUANDO CCE VO’, CCE VO’!”).

    Zia Lulù

  2. gisytruck ha detto:

    Ciao Zia Lulù

    ti posso garantire che in certe Ditte scapperebbe la pazienza anche a un frate… non vieni considerato per una persona che è lì unicamente per svolgere il suo lavoro, ma come uno che si presenta a rompere le scatole di sua iniziativa… Se poi moltiplichi questa senzazione per parecchie volte la settimana, ogni volta la pazienza si rimpicciolisce…

    Credo che la Pa

  3. alessandrodue ha detto:

    L’attesa è un rompimento grandissimo,specialmente quella causata da disorganizzazioni di vario tipo,e per la maggior parte delle aziende è una cosa di normale amministrazione.Poi trovare anche persone scorbutiche allora si che monta il nervoso,chi come Voi deve combattere tutti i giorni con queste situazioni, non deve essere una cosa facile.

    A queste aziende sarebbe bello quando hanno da consegnare qualcosa d’urgente dirle METTITI LI E ASPETTA!!.

    Un Ciao a tutte-i e Buona Strada.

    Ale

  4. ironduckmoni ha detto:

    Ciao Gisy…mi sa che ieri qualcuno te l’ha detto una volta di troppo “mettiti li e aspetta!”…hai ragione al 100% cmq…troppe volte siamo trattati come persone di serie B…..tanto siamo camionisti. Per fortuna che non capita dappertutto altrimenti avremmo tutti l’esaurimento nervoso incurabile. Se dovessimo fare il paragone con quanta pazienza DOBBIAMO avere noi e quanta non ne hanno le altre persone vinceremmo alla grande: vai in un qualsiasi ufficio postale, una qualsiasi farmacia, ecc e senti gli sbuffi di chi deve attendere 10 minuti o poco più il suo turno e i commenti tipo che non se ne può più di fare file, che non è giusto, che hanno altre cose da fare….ma si sa, ognuno guarda solo per se stesso, tu…”mettiti li e aspetta!”…c’era anche la barzelletta su questa battuta…

    Ciao e buona strada!

    Moni.

  5. gisytruck ha detto:

    Ciao Mony

    non è che capita solo un giorno, che metteresti nel dimenticatoio subito, è diventata negli ultimi anni la normalità e mi stupisco quando trovo aziende dove non c’è da aspettare… Se per noi deve essere consuetudine aspettare, a volte perchè qualcuno non ha saputo organizzare, perchè per gli altri è così difficile comprendere anche un quarto d’ora di ritardo…?!? Poi so benissimo che tu vivi le stesse situazioni e a te non devo spiegare nulla, ma anche se un argomento banale mi sembrava giusto scriverlo, perchè non va dato per scontato che chiunque ci possa dire: “MEttiti lì… e aspetta!” Spiegami cosa e perchè devo aspettare, prima cosa e per seconda cercate di migliorare per quando torno o per il prossimo autista che si presenta allo sportello… basterebbe il famoso Buon Senso!!!

  6. SimonaeGuido ha detto:

    Cara Gisy, come suonano vere le tue parole…mettitili e aspetta, cosa ? Io provo a dare la mia risposta…aspetto i comodi di tutti gli altri !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Io faccio tra le 4 e le 7 cnsegne al giorno, la maggior parte di queste sono 1o 2 bancali al massimo, eppure ci metto una giornata perchè c’è quello che stamattina proprio di lavorare niente, perchè quell’altro si è alzato male, perchè non spetta a lui e adesso arriva l’addetto e così via. Altro che contare fino a 10 io a volte arrivo a 1000. Noi ci dobbiamo presentare sempre cordiali e sorridenti perchè il cliente ha sempre ragione e in cambio cosa ottieni ? Delle grandi ore di attesa. E’ vero, come ha detto Monica, c’è anche una barzelletta, ma invece di fare ridere, dovrebbe far riflettere molta gente che del nostro lavoro non sa propio niente.

    Ciao

Leave A Reply