Crea sito

Archive for Novembre 7th, 2008

Settimana breve…

DIARIO DI BORDO DAL 3  al 6  NOVEMBRE

 

Lunedì mattina piovigginoso, usciamo di casa in un orario da operai, 10 alle 7, il “pupetto”  ci aspetta ancora tutto sporco da settimana scorsa, lavarlo sarebbe stato uno spreco: di tempo, di fatica e soprattutto di acqua. Una consegna a Novara e poi via, direzione Torino. Appena 03112008 coda in tang a TOpaghiamo il casello della tangenziale e ci immettiamo ci tocca accodarci a una colonna praticamente FERMA… dicono che è cosi fino a Pianezza…un sacco di km…guardo parecchie BM sfrecciare in corsia di emergenza, tante escono veramente per Caselle/Torino, ma tante tirano dritto…hanno fretta…loro. Guardo la cartina e propongo a Stef di passare per la città, altrimenti in corso Francia quando ci arriviamo? Appena raggiungiamo la corsia di decelerazione  svincoliamo per il centro, il traffico non è nemmeno tanto anche se ci vuole lo03112008 Torino città stesso un po’ di tempo per via dei semafori, ma per baracchino sento gli altri lamentarsi ancora di essere fermi in colonna e quelli che arrivano dalla direzione opposta  dire che l’unico problema è una BM ferma con un carro attrezzi in una piazzola….Un’altra città di “curiosi” come Milano? Sembra di si. Carichiamo velocemente e torniamo a Varese. Ora piove seriamente, il paesaggio è proprio grigio, umido e triste, decisamente è arrivato novembre.

Carichiamo per Sassoferrato, sembrava troppo bello uscire dallo stabilimento alle 16 e 30 e partire…arrivare a Milano è un disastro. Già la piccola è intasata…il solito FURBO – stavolta con una Panda gialla – che sorpassa tutta la fila ferma al semaforo già da tanti turni e si viene a buttare nei pochi metri liberi davanti al mio muso…gli suono…non perderò MAI questa abitudine…e il Co….ne scende dalla macchina e mi viene a chiedere cosa voglio…”secondo te?”…GGGRRRRRR….troppa prepotenza, e chi di dovere che non c’è mai quando serve…

Il tabellone all’ingresso della grande a Castellanza segnala un km di colonna dopo Legnano per incidente. Non è esattamente cosi, la coda c’è perché è CHIUSO lo svincolo per la Como-Chiasso (l’incidente è di li) e c’è gente che nonostante le torce e le transenne cerca lo stesso un varco per svincolare…uno si ferma pure a chiedere informazioni…si vedono le fiamme della torcia sotto la sua auto…mi aspetto di vederlo esplodere da un momento all’altro..!! Poi è tutta 04112008 Sassoferratocolonna fino a Lainate perché tutti quelli diretti a Como vogliono uscire li…pazzesco….non mi funziona il baracchino per completare l’opera…e il tempo passa….se a Castellanza la segnalazione fosse stata giusta chi era già fuori poteva proseguire sulla piccola per Saronno e rientrare li per Como… Ceniamo alla Secchia, mi fermo quasi sull’uscita perché stasera è particolarmente pieno questo autogrill…poco dopo la mezzanotte ci parcheggiamo davanti al cancello dello stabilimento. Buonanotte…finalmente.

Viaggio di rientro. Piove, piove, piove, a momenti tanto, a momenti poco, ma piove. Incrocio un po’ di amici ma non posso salutarli se non con un gesto della mano e una sfanalata, il baracchino va a singhiozzo, si vede che qualcosa non fa contatto bene…uff. Sulla tangenziale Ovest di Milano c’è un po’ di coda e tanti…stronzi…ma non è mai diverso qui.04112008 pioggia e fango questo è il risultato

Il mio morale è a terra, in più in scuderia c’è da fare il solito trasloco, non fosse che il camion deve ancora rientrare e dobbiamo aspettarlo….

Veneto. Mercoledì mattina. Sganciamo il rimorchio nel parcheggio di un bar e facciamo la prima consegna. Riagganciamo. Secondo posto, non lo conosciamo, è la stessa ditta del primo ma in un altro paese e i dipendenti non sapevano indicarcelo. Ho una cartina stampata da internet che indica la via in centro…c’è il divieto…riprendiamo la SS308 e facciamo l’uscita successiva, c’è il divieto anche qui…avvisto una vigilessa carina e le chiedo come si può fare per andarci, mi spiega dov’è la via, ma non conosce la ditta, secondo lei l’indirizzo non è giusto, ci dice di andare a girarci e tornare indietro…ci indica un’altra ditta …allora andiamo a fare la terza consegna, sempre nello stesso paese, sganciamo li il rimorchio e poi con solo la motrice andiamo a cercare questa via….ma è un casino, km per niente, divieti su divieti, continuiamo a chiedere, finiamo in una zona residenziale –giustamente vietata-  piena di sensi unici, finalmente troviamo la via ma…al posto di uno stabilimento una bella palazzina con tanto di negozietti sotto. Al numero civico non c’è neanche il nome della ditta sui campanelli….GGGRRRRR… Serie di telefonate 05112008 a Loreggiacol capo che telefona al mittente che telefona al destinatario…abbiamo un’altra consegna sempre per loro ma in un altro paese ancora, forse ci mandano li…intanto che decidono torniamo a prendere il rimorchio. Pessima scelta…ci dicono di tornare nel PRIMO posto…torniamo là, sganciamo ancora nel piazzale di fronte al bar, entriamo: NON CI SCARICANO!!!! Dicono di non essere autorizzati e che dobbiamo andare nell’altra sede….però ci caricano un bancalino di reso…riagganciamo. Ci concediamo un caffè nel bar li di fronte, niente brioches perché sono finite, e poi via. Ci sono più cartelli di divieto che alberi in Veneto…finalmente arriviamo, il posto non è grande, cosi il rimorchio lo mettiamo in una ribalta e la motrice nell’altra…poi riagganciamo e ce ne andiamo in direzione sud di Padova, le lancette dell’orologio oggi girano  VELOCI… siamo al limite per arrivare a caricare…seguiamo i cartelli che indicano l’autostrada e un altro camion su un ponte col limite del peso…ma siamo vuoti e non sforiamo di molto, un collega ci spiega la strada per andare a Pontelongo, ma qualcosa non quadra, o abbiamo capito male noi o lui non sapeva dell’ultimo divieto…un altro collega ci dice che lui è appena passato e che il divieto son solo 500m e che è libero e che se non passiamo di li dobbiamo andare a fare un giro dell’oca, è tardi, rischiamo. Una pattuglia della “municipale” la incrociamo che siam quasi fuori, per fortuna non ci viene dietro….giriamo al semaforo e siamo SALVI….sono le 11 e 1/2, mancano due km…ma ora cosa succede? Perché suona l’allarme e si è accesa la spia di STOP  sul cruscotto? Perché dice che la pressione dell’aria è insufficiente mentre il manometro la segna a 10 bar? Poco più avanti l’ultimo semaforo, dobbiamo girare a05112008 in mezzo alla strada si è piantato sinistra….è rosso…frena, fa per scalare, la marcia non entra più…zero aria per la frizione…NOOOOOO!!!! Bloccati in mezzo alla strada, nella corsia per svoltare a sinistra….per fortuna sia alla nostra destra che alla sinistra passano….4 frecce…scendiamo a vedere cosa è successo…..dopo aver cercato inutilmente  di fare qualcosa, è la valvola quadrupla che non manda più aria a una delle bombole, facciamo una serie di telefonate col capo e con l’assistenza Renault di PD, ci manderanno i “soccorsi”…nel frattempo restiamo piantati li, Stef mette i birilli dietro al camion per segnalare di girarci intorno. Il signore del 05112008 i nostri salvatoridistributore di benzina li di fianco è molto gentile, ci lascia pure il bagno aperto quando va a casa a mangiare: Grazie!! Mi scappa un po’ da ridere a un certo punto, sono al telefono con Ciccio e gli dico che è un’ora e mezza che siamo FERMI a un semaforo….si, ma in panne!! Allo scoccare delle due ore arriva l’assistenza e in un quarto d’ora risolvono il problema. Possiamo andare a caricare li a 500 metri…quelli della ditta ci chiedono cosa ci è capitato: ci avevano notato fermi in mezzo alla strada. Sono solo le 2 del pomeriggio, per oggi sarà sufficiente quello che ci è successo? SI. Sganciamo, carichiamo sia la motrice che il rimorchio, riagganciamo. Rientriamo tranquilli, passiamo Milano senza quasi rallentare nonostante l’ora anche se dopo un giorno di caldo e sole quando siamo a pochi km dalla scuderia inizia a DILUVIARE, giusto il tempo di arrivare e far manovra per parcheggiare, 06112008 Pete giallosganciare, traslocare e  riprendere possesso del “pupetto”, il tutto sotto l’acqua battente.06112008 giallo Pete

Un incontro notturno in un autogrill: un super-truck che fa sognare orizzonti lontani….

Giovedì. Toscana. Mi 06112008 silospiace qui. Molto. Chissà se viverci sarebbe bello come venirci o se alla fine tutto il mondo è paese e un luogo vale l’altro? La giornata scorre tranquilla, il rientro06112008 autunno in appennino pure, l’appennnino è la solita storia infinita, più avanti  incrocio Gianpiero e lo saluto. A pochi km da casa ricomincia a piovere…non dubitavo. Scuderia, scaricato, parcheggiato. Casa. Questa settimana finisce qui.06112008 giallo Daf

Buona strada a tutti.

Moni

Read More →