Crea sito
12 commenti

Giro giro tondo, giro intorno al….

DIARIO DI BORDO DAL 27 AL 31 OTTOBRE 2008

 

28102008 gemello poveroLe ferie non durano a lungo…lunedi sera si parte col “gemello povero”…solito trasloco, stavolta mi dimentico il cavetto per caricare il telefono…mannaggia. Andiamo a caricare in stabilimento, piove giusto il tempo di far manovra e aprire le porte delle casse. Il rimorchio in una ribalta, la macchina in un’altra, per le sette siamo carichi e partiamo. Solita cena alla Somaglia. Poi notte nera, la radio, il CB e anche i tabelloni portasfiga informano di una coda  LUNGHISSIMA in appennino per colpa di un incidente del pomeriggio (un camion bruciato in una galleria), stanno riasfaltando, c’è lo scambio 28102008 paesaggio marchigianodi carreggiata, chi dice 12, chi 15, qualcuno addirittura 20 km di coda. Son proprio contenta che stanotte la mia direzione è per l’adriatica. Come cantava anni fa  Antonello Venditti:”Autostrada deserta, al confine del mare, io che guido…”il traffico è scarso e viaggio tranquilla. Arriviamo davanti ai cancelli dopo 4 bilici centinati e una cisterna (ma quella scarica da un’altra parte!), si dorme. L’attesa sarà lunga, il tempo della pausa, ripartiamo che è quasi ora di pranzo.

Ste cuoce il risotto e io guido, Ste sbuccia la frutta e io guido, Ste prepara il caffé e io guido. C’è un bilico rovesciato dopo Rimini….ogni tanto piove, è 28102008 allo specchiopazzesco vedere quante BM non accendono i fari neanche col brutto tempo….all’Ads S. Martino un piacevole incontro con un amico collega -un altro Gianfranco– che non vedevamo in verticale da tanti anni, facciamo 10 minuti di chiacchiere nostalgiche a ricordare i bei tempi andati…ormai questo lavoro non è più “allegro” com’era una volta, è la sua considerazione. Incrocio Mirko col suo 620 super-luminoso, ci scambiamo un gesto di saluto. A Milano è il solito manicomio, di più che piove, giro per l’A 4 ma 28102008 bilico rovesciatoc’è un po’ di bailamme anche qui. Arriviamo in scuderia e traslochiamo di nuovo sul “pupetto”, mi mancava già, lo metto in ribalta e mentre caricano mi risistemo le mie cose, accendo 10 minuti il webasto, non fa freddo –ci sono 15°- ma c’è umido per la pioggia e cosi si asciuga un po’. Io ho una mia personale teoria sul cambio dell’ora, ho notato nel corso degli anni che nella settimana seguente allo spostamento delle lancette succedono sempre brutti incidenti con i camion….purtroppo anche questa settimana sembra confermarlo. Siamo in direzione toscana, la radio dice che dopo Parma in nord c’è un incidente tra 2 camion, che la carreggiata è chiusa. In sud siamo in 4 gatti veramente, ma quelli che mi hanno sorpassato prima dell’incidente una bella frenata per guardare ce la piantano lo stesso, è vero che uno dei camion è a cavallo del newjersey e che la terza corsia è chiusa, ma c’era bisogno di inchiodare? Secondo me no…Mattina a Prato, la prima cosa che faccio appena sveglia è accendere la radio per sapere se hanno liberato: NO. Non avevo dubbi. Quando c’è di mezzo un prodotto in ADR (questa volta è floruro di idrogeno) si fa sempre molto lunga…La cosa “divertente” era che nei percorsi alternativi per un po’ hanno consigliato di passare da Genova….poi però nell’elenco  dei “problemi” di viabilità davano 12 km di coda tra Recco e Genova per “ripristino incidente”, tempo di percorrenza 70/80 minuti…ripartiamo dopo le 10, prendiamo lo stesso per Viareggio-GE e intanto sentiamo gli sviluppi, dovrebbero riaprire verso l’una a sentire gli “operatori”…Ma arrivati allo svincolo della Cisa e dopo un consulto con Milly tiro dritto per Genova, qui la colonna si è esaurita e si viaggia nuovamente su 2 corsie…di là dicono che è in smaltimento ma c’è uno scambio di carreggiata, meglio non rischiare. Piove, in certi tratti anche tanto…non mi piace questa strada, a parte quando si vede il mare tra un tunnel 29102008 ads Dornoe l’altro. Giriamo sull’A 7 per Milano, troppi divieti…poi è sempre la stessa storia, tu li rispetti e gli altri fanno come vogliono e poi si rischia…un bilico davanti si ferma in corsia di emergenza, mi devo allargare anche se sta arrivando una motrice in sorpasso, è la seconda volta che lo fa, nonostante il divieto e il limite di velocità di 60 km/h…Esco a  Binasco perché sulla ovest dicono che c’è molta coda per lavori di corsa, faccio la piccola, imbocco la SS11 e poi la superstrada per la Malpensa. Coda a un semaforo, scatta l’arancione che son a pochi metri, mi fermo, scatta il rosso, la BM che avevo dietro mi passa a destra e attraversa alla cieca l’incrocio col rosso pieno, tanto il T-red non c’era…io suono…è l’unica arma di difesa e almeno si avvisano gli altri che c’è un pericolo (o uno “pericoloso”?). Poi le chiamano disgrazie…Scuderia – finalmente – scarichiamo e carichiamo un giro per il Piemonte, stasera si dorme a casa con i gatti!! Miaooo!!30102008 a Torino

Alle 7 e ½ siamo davanti al cancello di una ditta a Moncalieri….aprono alle 8 e ½. La strada pian piano si riempie di BM, speriamo di riuscire ad entrare dal cancello, non è molto largo qui:in retromarcia e al pelo…ma questo è solo l’assaggio di una “bella giornata”. Capita quando non si conosce la zona…Al secondo cliente devo telefonare, l’indirizzo è quello di un vialone a 4 corsie, ma loro sono in fondo a una piccola traversa sterrata che finisce in mezzo ai 30102008 un bel muralescampi…e vai!! Il 3°, a parte un giro lungo per arrivarci a causa di QUALCHE divieto, lo troviamo facilmente. Il 4° è in una frazione “collinare” di un paese del canavese…chiediamo a due benzinai e tutti e due ci indicano una strada….ma c’è un problemino: è vietata ai veicoli più lunghi di 10m, ci sono dei tornanti stretti. E adesso? Varie telefonate col capo che dice di aspettare, che si informa col cliente. Nel frattempo chiediamo ad un fabbro che ci spiega come fare ad andarci passando da un’altra parte. Ci dice di non spaventarci che è un po’ stretta e si raccomanda poi di risalire di là perché dai tornanti non ci possiamo passare…Ci proviamo, il primo pezzo di strada è normale, poi però quando giriamo a sinistra (e anche qui c’è il cartello di divieto per i 10m di lunghezza) la 30102008 lstrada diventa larga COME il camion ed è a doppio senso…incrociamo le dita e speriamo di non incrociare un altro camion, anche perché non ci sono molti slarghi…dietro una curva ci troviamo pure un albero caduto, scendiamo e proviamo a spostarlo…manco di un cm si muove….allora Ste si tira tutto a destra sull’erba e ci passa sopra con le ruote…la betulla ha un legno molto elastico, non si spezza nemmeno sotto il peso del camion. La ditta è li a 50 m, carichiamo. Il titolare ci racconta che ogni tanto qualche straniero è 30102008 passaci soprapassato di li, un francese e anche un russo, sono scesi col bilico e hanno PROVATO a fare i tornanti, si sono incastrati, uno ha anche rotto i tubi dell’aria dei freni, un disastro, son dovuti venire con la gru a liberarli…

Il 5° apre alle 14.00, aspettiamo una buona ½ ora…intanto ascolto al baracchino i discorsi tra i camionari in viaggio sull’A 4, ce n’è uno che racconta che lui faceva 3 viaggi in Inghilterra alla settimana…gli chiedono “partendo da dove?”, lui risponde che faceva Milano-Londra, che partiva alla domenica sera, lunedì primo pomeriggio scaricava a Londra e per il sabato pomeriggio rientrava dal terzo viaggio….non ci credeva nessuno…io non ci sono mai andata e non ho voce in capitolo, ma sento che quelli che lo fanno rispettando le ore ci mettono tutta la settimana per farne uno…sarà stato un SUPERTRUCKER?!?!?! WOW!!!! Poi incrocio la Milly – riconosco la nostra targa fucsia sul cruscotto del suo Stralis – ci salutiamo e ci scambiamo 2 30102008 Risaie dinformazioni sulla strada. Ma oggi non è giornata…ultima presa (credevo)…un quiproquo col capo e tocca di chiudere tutto e di andare di corsa da un’altra parte…qui ci torneremo dopo, quando è già buio da un po’. Poi completiamo in scuderia per la toscana. Ultimo viaggio della settimana, domani c’è il blocco dalle 16.00 alle 22.00 per il ponte di Ognissanti. Ma che ponte è una festa che vien di sabato? Tanto per complicarci la vita e far restare qualcuno bloccato in qualche piazzale o autogrill…tanto noi siamo sempre persone di serie C2…dopo un po’ di telefonate mi trovo col mio amico Coyote a Piacenza e scendiamo insieme, fino a Bologna la grande è deserta, ma troviamo tutti in appennino, in più qui diluvia e ci sono i soliti FENOMENI col bilico (quelli 2 + 2…) che corrono e sorpassano stando a cavallo della striscia di mezzeria…uno  rientra in discesa tra me e il collega che avevo davanti da km inchiodandomi senza motivo: mavafff….se devi fare il fenomeno fallo fino in fondo e smamma! Non venire a farmi rischiare che non siamo tutti carichi di aria compressa come voi!! Giuliano commenta che in questo orario quelli con l’abat-jour sul tetto non si vedono mai. E’ vero. E’ l’ora dell’espresso…A  Calenzano ci salutiamo. Cosa c’è di più bello del tichettare della pioggia sul tetto della cabina quando finalmente si è arrivati e te ne puoi andare in 144?? Una dolce ninna nanna per un meritato riposo!

Stef fa il giro delle consegne e io me ne sto in brandina fino al momento della colazione  al nostro Bar preferito dove al banco c’è una ragazza che ci accoglie sempre con un sorriso luminoso. Ripartiamo con i minuti contati per arrivare a casa: se non ci saranno intoppi ce la faremo. Una molto breve sosta a Roncobilaccio, cambio guida e poi via fino a casa. Una telefonata con Caterina che mi incarica di salutarvi tutti, un’altra con Ely e Luciano che oggi hanno fatto presto e sono quasi a casa, incrocio Mirko e oggi c’è anche Luisa con lui:ciaooooo!!!! Piove per quasi tutta la strada, telefono a Milly che mi conferma che il blocco la blocca dalle mie parti, e pochi minuti dopo le 16.00 entro dal cancello della scuderia. Ce l’abbiamo fatta!!

Buona strada a tutti e buon weekend!

Moni.

About The Author

12 Comments

  1. Misteriosa ha detto:

    Sembra proprio che il nostro lavoro sia una vera missione: portare un carico prezioso con il proprio tir nonostante troviamo ostacoli, persone che ci mettono i bastoni fra le ruote, un albero rotto in mezzo alla strada, il blocco…. siamo una forza! xchè gli altri nn la vedono così? xchè la nostra categoria è sempre disprezzata da serie c2? dovremmo essere rispettati x quello che facciamo che non è da tutti!!!

  2. gisytruck ha detto:

    Ciao Mony

    sempre bello un giro in cabina con Voi, oggi mi hai detto: “Trovi sempre le parole giuste.” Non è sempre così, io on saprei raccontare la mia settimana in un modo così dettagliato, senza annoiare con descrizioni di particolari inutili; tu sai scrivere i dettagli essenziali uniti a “chicche” e quando arrivi al venerdì sera, ci aspettiamo tu riparta in fretta per sapere della settimana succesiva, eppure viaggiamo anhe noi, ma se non ci sono eventi straordinari a me non viene in mente di scrivere nulla… Gazie ancora dell’ospitalità sula vostra cabina… Buona Strada Sempre!!!

  3. anonimo ha detto:

    Ciao Mony:per far Milano Londra hai bisogno di 18h di guida (solo andata) vedi quanta strada riescono a fare con in mano un microfono? Un saluto a tutte J:Paul coast to coast

  4. ironduckmoni ha detto:

    Ciao Rò, hai ragione, ma ci vedono importanti solo quando minacciamo di fermarci e lo facciamo veramente…allora siamo “criminali” nell’altro senso, perchè non possiamo farlo di stare fermi….non possiamo far mancare le merci…un bel dilemma, si potrebbe risolvere col rispetto reciproco…?

    Gisy, io saprò scrivere i diari, ma tu hai sempre la parola giusta al momento giusto per ogni persona che ne ha bisogno, ed è molto importante!!

    J.Paul :benvenuto!!! E grazie dell’info, cosi mi saprò regolare, cmq hai ragione, con un microfono si possono fare delle cose “incredibili”!!!

    Un salutone a te e a tutti gli amici del coast to coast, buona strada!

    Moni.

  5. fabiofabiofabio ha detto:

    Però che differenza che c’è tra viaggiare al nord o verso il sud!!!

    Come Monica dice spesso, questi episodi da lei raccontati sono oramai vita “ordinaria” putroppo!!Questa settimana io ho fatto tutta la A14 da BO a TA, poi da lì sono stato a PZ per la SS106 + la SS407. Da qui sono poi stato a AQ facendo la basentana + la A14 + la A25. Poi sono rientrato a BO facendo la A24 + la A14…In pratica ho fatto una gran parte delle strade importanti del sud…ma che pacchia: mai una coda, cantieri accettabili (non ho dovuto fare la A3 questa volta)!! Il traffico è drasticamente minore, così gli autogrill vuoti e spaziosi e si riesce a tenere una velocità media molto buona! Questo è un viaggiare sicuramente più accettabile!! Già mi viene male a pensare che domani dovrò andare in Slovenia, quindi attraversare tutta la tangenziale di Mestre!!!

  6. FrancescoPatti ha detto:

    > Non è sempre così,

    > io non saprei raccontare la mia

    > settimana in un modo così

    > dettagliato, senza annoiare con

    > descrizioni di particolari inutili

    Gisy, facciamo una cosa?…Tu scrivi un bel resoconto settimanale. E noi ci prenderemo tutta la libertà di dire che è noioso e zeppo di particolari inutili!…

    Che ne dici?…Ci dai questa possibilità al più presto?…

  7. giannimille ha detto:

    Ciao Mony, voglio ringraziarti per le belle parole che hai risposto al mio commento, io ora stò abbastanza bene, ho ripreso a lavorare ma senza stressarmi troppo non ne vale la pena. Non aprirò mai un blog, io le cose sò solo raccontarle e non scriverle come invece fai tu magnificamente e anche il racconto di questa settimana è una storia di vita. Se chi legge è una persona intelligente non può fare altro che apprezzare chi fa questo lavoro seriamente, non certo chi dice di fare tre viaggi alla settimana (Milano/Londra), fino a dieci anni fa facevo alcuni viaggi al mese a Rouen (che si trova sopra Parigi) e solo ad arrivarci ci mettevo quasi due giorni (con la cisterna in ADR). Vedi perchè questa categoria è cosi mal vista, chi fa certi racconti non merita certo rispetto. Saluti a te e al tuo 50, continua cosi, ciao Gianni.

  8. ironduckmoni ha detto:

    Ciao Fabio, che invidia che mi fai venire..una volta facevamo il sud, soprattutto la puglia e mi manca parecchio, perchè come racconti tu, era tutto un altro andare…cmq buona strada per la slovenia!

    Gianni, son contenta che stai meglio! Cmq anche se non aprirai mai un blog tuo, spero che verrai spesso qui a far commenti e raccontarci qualcosa, sai che sarai sempre il benvenuto!! Un salutone, un abbraccio e…buona strada!!

    Moni.

  9. gisytruck ha detto:

    Wow!!!

    Assente dal blog per un giorno, trovo un gruppo di amici che è passato a leggere e lasciato un commento… ho immaginato questo gruppo intorno a un tavolo, a raccontarsi, come succede a volte nei raduni… ciao Fabio, Gianni, G.Paul,Francesco e tutti gli altri, grazie per la vostra compagnia… Buona Strada a tutti!!!

  10. millybar63 ha detto:

    Ciao a tutti,

    X Fabio ad averlo saputo prima potevamo farci il viaggio assieme. Sono andata in Slovenia appena fuori Lubljana. Viaggio di andata al lunedi tangenziale di Mestre tempo di percorrenza 15 minuti (non mi pareva vero); martedi viaggio di ritorno sempre la suddetta tangenziale tempo di percorenza olte 1 ora!!! Appena ripreso la A4 mi sono dovuta fermare perchè avevo finito le ore di guida!!! Aspetto co ansia l’apertura del passante di Mestre!!! Ciao e Buona Strada a tutti, in particolare a quanti quotidianamente percorrono quel tratto di strada, Milly!!!

  11. fabiofabiofabio ha detto:

    Ciao Milly. Anche io, purtroppo, transito spesso da Mestre! Ma hai notato anche tu, o è una mia impressione, che nell’ultimo mese il traffico sia drasticamente diminuito? Lunedì mattina ho passato la barriera alle 6, e non ho incontrato fila. Ritorno in serata tardi senza problemi. Martedì mattina ho ripassato la barriera alle 8 (orario che evito accuratamente di solito)…dopo il casello non c’era il solito blocco, e in un lampo ero già a San Donà. Rientro mercoledì pomeriggio, un po’ di traffico in corrispondenza della a27 ma nessun problema particolare (ho un furgone, posso usare la terza corsia). Stamattina ho riattraversato la barriera alle 7…tutto stranamente ancora liscio. Domattina rientro…vedremo…Non ho potuto non notarlo…sarà la crisi???

  12. gisytruck ha detto:

    Concordo Fabio… purtroppo è l’effetto visibile della crisi, io per km non incrocio camion sull’A1, all’alba quando rientro è l’orario in cui tantissimi camion si dirigevano verso Milano formando un lungo serpentone di luci, ora solo uno ogni tanto… ‘na tristezza!!! Saranno contenti gli automolisti che non li disturbiamo… Buona Strada a tutti!!!

Leave A Reply