Per non dimenticare…

Ciao a tutte/i

so che è banale parlarne oggi che lo fanno tutti, ma sarebe peggio non farlo… Mony ha scritto di recente di come possa bestiale il comportamento umano, le cronache ce lo ricordano ogni giorno e una guerra, solo perchè non ci coinvolge da vicino, non vuol dire che non metta in pericolo anche il nostro mondo, di riflesso ci saranno più degrado, più disperati, più sfruttatori e sempre meno stabilità; in tutto questo le guerre si assomigliano senza distinzioni geografiche o temporali… Non sono in grado di parlare di strategie internazionali, non ho ne la cultura ne la conoscenza ma vedo negli occhi delle popolazioni gli stessi occhi smarriti… per non dimenticare che il nostro Paese ha pagato un grosso tributo di vittime inseisco il testo di una canzone di Guccini, ripresa da molti altri, ma la sua interpretazione fa venire i brividi, a mio parere..

Son morto con altri cento, son morto ch’ ero bambino,

passato per il camino e adesso sono nel vento e adesso sono nel vento….

 

Ad Auschwitz c’era la neve, il fumo saliva lento

nel freddo giorno d’ inverno e adesso sono nel vento, adesso sono nel vento…

 

Ad Auschwitz tante persone, ma un solo grande silenzio:

è strano non riesco ancora a sorridere qui nel vento, a sorridere qui nel vento…

 

Io chiedo come può un uomo uccidere un suo fratello

eppure siamo a milioni in polvere qui nel vento, in polvere qui nel vento…

 

Ancora tuona il cannone, ancora non è contento

di sangue la belva umana e ancora ci porta il vento e ancora ci porta il vento…

 

Io chiedo quando sarà che l’ uomo potrà imparare

a vivere senza ammazzare e il vento si poserà e il vento si poserà…

 

Io chiedo quando sarà che l’ uomo potrà imparare

a vivere senza ammazzare e il vento si poserà e il vento si poserà e il vento si poserà…

Buona Strada a Tutte/i !!!   gisy