Crea sito
17 commenti

I nuovi Gladiatori.

Dopo la trasmissione ANNOZERO  di stasera, qualche considerazione…

Sarò anche sospettosa e malpensante ma mi aspettavo di peggio… sotto un certo aspetto a darci un volto umano ci hanno provato, non condivido molte dichiarazioni dei colleghi, non posso pensare che i trasporti in Italia siano tutti frigoriferi e guidati da tossici e alcolizzati.Se contano i numeri, devono contare anche quelli a nostro favore… mi chiedo perchè non sia stata fatta una premessa dicendo che la percentuale dei sinistri in cui sono coinvolti i mezzi pesanti è inferiore all’8%, che la maggior parte dei sinistri avviene nei centri abitati dove i camion non possono entrare, si tratta di furgoni e che l’80% degli autisti non è italiana; Vorrei anche sapere delle 14 Vittime al giorno nominate, quante siano causate da mezzi pesanti, sempre per essere coerenti con l’argomento…  Non voglio credere a un rappresentante di un sindacato che non sa neanche quante ore di guida si possono fare la settimana o uno spacciatore che impiega 4 o 5 secondi a salire in cabina, consegnare e scendere,  è forse Superman? I numeri se li usiamo facciamolo con criterio, ad esempio qualcuno mi può dire quanto costano cocaina ed amfetamine varie, non ne ho mai fatto uso e vorrei calcolare quanto risparmierebbero in termini economici questi autisti e sottrarre questa cifra allo stipendio, tanto per capire dov’è la convenienza…Non ci sono attenuanti se si usano sostanze stupefacenti o si beve lo si fa per vizio non per star svegli e guidare di più. Perchè nessuno ha messo in evidenza che tante delle nostre ore di guida le bruciamo in coda per strada nei cantieri o per il traffico paralizzato… Scusatemi ma io non trasporto pomodorini e non ho mai fatto 1.500 km in 15 ore, che per 20 giorni lavorativi fa 30.000 e non 20.000 come ha detto l’autista e per di più a 100 km orari, non mi sembra adeguata neanche la velocità…ma io non ho mai neanche fatto la pipì nel contenitore per l’ammorbidente… come non ho mai strappato un disco, sarà per quello che ho pagato tante multe e mi sono rimasti pochi punti patente… Dovrei scrivere un romanzo… ho avuto mille pensieri come quello sul ritiro delle varie patenti post-incidente, ci sono dei tempi anche per quello, delle persone preposte a quel compito, non sempre viene revocata o sospesa sul momento ma mesi dopo…Quello che contava dire è la percentuale degli autisti di professione che infrange le regole, tutte a priori e fare un confronto con gli automobilisti… non è forse pericoloso quell’automobilista che sfreccia oltre 180 e scuote la mia motrice quando mi sorpassa? Non sembra anche lui Padrone della strada? Cosa significa mettere in evidenza che non rispettiamo la distanza di sicurezza quando in continuazione dobbiamo frenare perchè un’auto rientra prima di averci superato interamente? Una cosa è voler dire che si corre perchè committenza, destinatari e andamento del mercato impongono orari e penali e un’altra è far apparire i trasportatori e gli autisti belve pronte al sacrificio come gladiatori… Tanti temi tutti caldi, voi cosa ne pensate? Si sono sollevati diverse problematiche… pochi controlli, poche regolarità, poco riposo, pochi soldi, poche alternative… ma non sono state nominate le centinaia di migliaia di persone che cercano di rispettare norme e persone… niente Onore!

Vorrei sottolineare, per precisione che anche per ANNOZERO ha dato interpretazione al termine TIR come ormai uso comune, in leggerezza e non esattamente come acronimo  di Transports Internationaux Routier , so che un piccolo particolare ma si parlava di mezzi pesanti e anche un motocarro può trasportare merci soggette a regime TIR… informare è prima informarsi!

Nonostante tutto… BUONA STRADA a TUTTI!!! 

 

 

About The Author

17 Comments

  1. FrancescoPatti ha detto:

    A me la puntata è piaciuta. Perché ho visto i camionisti alla stregua di vittime piuttosto che di carnefici. Vittime di una clientela che vuole sempre più roba e sempre più in fretta, vittime di un mercato che guarda unicamente al profitto e poco al modo in cui questo viene ottenuto.

    Secondo me non è emersa la figura del camionista che ha voglia di correre e azzardare i sorpassi perché così si diverte alla guida; si è invece elevata la costrizione imposta da ritmi di lavoro insostenibili.

    Un vero peccato che questa puntata di Annozero sia andata in onda al di fuori della possibilità di avere il parere di forze politiche.

  2. fabiofabiofabio ha detto:

    Anche a me la puntata è piaciuta!! A dire la verità seguo sempre Santoro, lo considero decisamente un discreto giornalista e non ero sospettoso e prevenuto sulla puntata come la maggior parte di noi. E sono anche d’accordo con Riccardo sull’altro post dello stesso argomento. Certo ci si è soffermati quasi solo sui trasporti INFERNALI dei deperibili sud-nord…da bambino mi ricordo quando viaggiavo con mio papà che si vedevano 180 con rimorchi condotti da bambini la notte, mentre il loro papà dormiva…non c’era droga magari, ma altri problemi di sicurezza ce n’erano comunque! Diciamo che si sono focalizzati dove ci sono maggiori problemi, ma questo era prevedibile.

    E poi sono stati trattati davvero tanti aspetti, dalla imposizione a correre, alla concorrenza dell’est, alla manutenzione dei veicoli, ai controlli della polizia. Di sicuro, se avessero voluto, avrebbero potuto dargli un taglio molto più “terroristico” verso la categoria. Io ho guardato la puntata cercando un certo distacco, per essere più obiettivo, e mi è sembrata una puntata abbastanza positiva. E la conferma l’ho avuta parlandone con mia moglie, che di sicuro non è coinvolta come me.

  3. gisytruck ha detto:

    Ciao Fra

    anch’io ho apprezzato alcune cose, come la riabilitazione dell’autista morto a Cessalto e incriminato con grandi titoli che non sono stati replicati con altrettanta evidenza… Forse io sono un’eccezione ma non ho mai strappato un disco, ho perso trasporti proprio perchè non volevo continuamente sforare con le ore. L’opinione pubblica fra qualche giorno ricorderà solo che i camionisti si fanno di coca, pisciano nelle bottiglie e corrono per 20 ore al giorno, sono sempre stanchi e incazzati per le attese… non è stato detto che ci sono ditte in cui le regole si rispettano e non riescono a sostenere la concorrenza di chi non lo fa. Nemmeno un accenno al fatto che puoi fare anche 200 km prima di trovare posto in area di servizio e poter fare la pausa… Che i controlli non sono uguali per tutti, ti ritirano il libretto se hai montato fari e luci supplementari o oscurato i vetri e poi vedi mezzi circolare che cadono a pezzi e le lampadine sono un vago ricordo…Dov’è chi dovrebbe fare queste revisioni e se non lo fa correttamente chi lo controlla? Il trasporto non è solo frutta e verdura dalla Sicilia, ma è sicuramente quello che colpisce di più l’opinione pubblica… Non sono riuscita a vederci tutta la positività che si dice, un Bisonte in meno ha una dignità e una famiglia… invece hanno fatto vedere solo familiari e feriti dove la responsabilità era dell’autista, sarà così, ma se contano i numeri dovevano dare anche quelli a difesa della categoria… Un taglio più umano di tante altre trasmissioni ma ancora lontano dalla realtà… Avrebbero dovuto dare, secxondo me, cifre esatte e illuminanti. Sabato mattina ero di rientro, in perfetto rispetto delle ore e da Varese a Modena ne ho impiegate 3 in più del solito per il traffico semiparalizzato, di camion ce n’erano pochi ma non credo che se avessero avuto un’alternativa si sarebbero infilati in quella bolgia, eppure è stato un continuo evitare auto zig-zaganti, per non parlare delle 218 moto in corsia d’emergenza… gli utenti della strada non sono tutti uguali.

  4. anonimo ha detto:

    Ciao a tutti,

    io non sono un camionista….. la puntata di Anno Zero di ieri mi ha trasmesso che molti che fanno il vostro mestiere siano in realtà una delle parti più evidenti di un sistema generalizzato , almeno a livello nazionale,e perverso dove la produttività economica viene prima di tutto, prima delle leggi, prima dei vostri diritti di lavoratori, prima dei vostri figli e delle vostre mogli o mariti, sicuramente prima della vostra e della nostra sicurezza. L’impressione è stata che, se da una parte le imprese italiane ci dicono che non ci sia un’alternativa a questa situazione di estremo degrado morale e civile, in realtà in Francia le cose stanno in maniera molto diversa, eppure non mi sembra che la Francia sia una nazione sottosviluppata, anzi.

    Un’altra sensazione è quella che ci sia l’impossibilità da parte vostra di ribellarvi a questo stato di cose, che in qualche maniera siate “costretti” a rischiare la vostra e la nostra vita per portare a casa la “pagnotta”….quello che vi chiedo, non essendo del mestiere, stanno veramente così le cose???

    Vi saluto

    Jona

  5. anonimo ha detto:

    brava !!!!

    la penso esattamente come te!!!!

    Franco B&B

  6. anonimo ha detto:

    Non sono riuscito a vedere la puntata di anno zero perchè fuori per un viaggio ma sò per certo che ogni volta che si parla di trasporto e trasportatori si cerca di fare uno scoop su una categoria allo sbando è purtroppo la verità dove il sindacati divide e non unisce i trasportatori dove miglioni di regole vengono infrante dai più FURBI a discapito di chi cerca a fatica di far quadrare il cerchio a fine viaggio,dove il più delle volte è impossibile dove i prezzi di qualsiasi viaggio sono un asta a ribbasso e dove le grandi flotte distruggono interi piazzali di trasportatori storici dove non c’è certezza del prezzo minimo dove i prezzi di manutenzione continuano a crescere e trasportatori riescono ancora a fare sconti sul viaggio cercando la quantità e non la qualità fà molta più notizia dire che i trasportatori sono tutti criminali drogati e prepotenti non faranno mai una trasmissione dove verranno illustrati i problemi reali della categoria con ospiti nella stessa trasmissione che riescano a tirare fuori il punto vero che sono le tariffe di un viaggio e delle varie categorie di merci trasportate ho 38 anni padroncino figlio di padroncini da un paio di generazioni il mio mondo si stà sgretolando e gionalisti come santoro e come qul famoso articolo su panorama ne ho piene le tasche se non si sà di che parlare si continui a parlare delle veline del presindete e si lasci in pace una categoria ormai allo sbando che non ha bisogno di altra pubblicità negativa …

  7. anonimo ha detto:

    ciao io purtroppo non sono riuscita a vedere la trasmissione siccome ero via col camion ma purtroppo il giorno seguente dove sono andata a scaricare mi anno chiesto se era vero quello che e’ stato detto ad annozero, che i camionisti non dormono mai ecc… io ho risposto che non siamo tutti uguali e che purtroppo esiste della gente che si deve fare della pubblicita’ rovinando anche la reputazione dei loro colleghi che si fanno un culo tanto per portare a casa la pagnotta quindi e’ ora di finirla visto e considerato che siamo gia’ in mezzo a una strada.A un altra cosa ci fate caso che le interviste di solito le fanno sempre da roma in giu’ vi siete mai chiesti il perche’

    ciao da tania “bellagnocca”

  8. anonimo ha detto:

    Ciao a tutti ,neanche io ho visto annozero perchè in viaggio.Mi sono fatto un idea di cio che hanno trattato da quello che ho sentito e letto in giro,devo amaramente confessare che sono anch’io uno di quelli che “corre e non dorme mai”rivendico con orgoglio solo il fatto che lo faccio senza “drogarmii”,e la pipì…quella mai nella bottiglia solo vicino alle gomme!! qualcuno in un commento precedente chiedeva se tutto questo fosse vero, eh si è tutto vero purtroppo ! è tutto vero almeno per quanto riguarda i colleghi da Roma in giù,anzi da Frosinone và…non a caso le interviste come faceva notare un altra collega le fanno proprio ad iniziare da questa parte geografica d’Italia.E’ vero non siamo tutti così,ma la maggior parte se non la stragrande maggioranza dei camion che partono dal sud Italia con destinazione Veneto, Piemonte o Lombardia trasgredisce sistematicamente le regole cioè non rispetta in nessun modo i famigerati tempi di guida,per un motivo molto semplice :non riuscirebbe a stare sul luogo di destinazione il giorno dopo! e non mi chiedete cosa cambierebbe se arrivasse con un giorno di ritardo!!! conosciamo tutti le condizioni in cui versa il nostro settore. Io non sto qui a piangermi addosso sono consapevole come credo ognuno di noi di essere vittima di un sistema illogico e paradossalmente vigliacco! Mi preme una sola cosa ,far capire all’opinione pubblica o a chi non e un addetto ai lavori,che il camionista cioè quel signore che sta alla guida di quei bestioni che incrociate sul vostro cammino o vi trovate davanti magari in una salita non è nient’altro che un povero Cristo sfruttato e mal pagato,che fà il proprio lavoro.E’ alla committenza;se voi riuscite a far arrivare le vostre merci a destinazione lo dovete soprattutto alla passione e alla fatica che ci mette questo esercito di “drogati”e “alcolizzati”,e al Governo; se in questo paese riusciamo ad avere un sistema di trasporto piu o meno efficiente ,nonostante le infrastrutture da terzo mondo che ci ritroviamo,lo dovete a quell esercito di “Trasgressori e fuorilegge” dei camionisti.E quando uno di questi viene a mancare “è un bisonte in meno”,ma è un peso in più che graverà sulle vostre già SPORCHE coscienze! Buona strada a tutti. Luigi Pezzullo.

  9. AleRibelle ha detto:

    Gente sono rimasta senza parole,quanto skifo c’è in questo settore e quanto sfruttamento di autisti ke hanno bisogno di lavorare e purtroppo sono costretti ad adattarsi alle situazioni imposte da quei “macellai”.Al solito il 90% di interviste sono state fatte a persone del sud ke portano frigo e devono arrivare in consegna il prima possibile,abbiamo visto tutti di ke sostanze fanno uso x arrivare in consegna…come hanno detto? Correggetemi se sbaglio,una dose 200 € e fa effetto x 45 minuti,al massimo un’ora? E se un viaggio dura 18 ore,di quante dosi avrebbe bisogno una persona,ammettendo di riuscire a guidare tranquillo e sveglio x le prime 10 ore?…uno stipendio a viaggio!

    Anke questa volta nn ci hanno proprio fatto un bel ritratto,ma mi consola un pò il fatto ke sono state fatte interviste con telecamere nascoste anke a titolari di aziende ke “chiedono” di lavorare in un certo modo,mi auguro ke anke qualke autorità,come molti di noi,abbiano visto la trasmissione e prendano seri e concreti provvedimenti nei loro riguardi e ke forse un giorno si potranno vedere dei piccoli miglioramenti in questo settore…

    Buona strada gente….

  10. gisytruck ha detto:

    Ringrazio tutti quelli che hanno lasciato la loro opinione, firmandola;

    BUONA STRADA a Tutti Sempre!!!

  11. anonimo ha detto:

    ormai non si vuole capire che in italia tuto gira intorno ai camion,la puntata è stata interessante in qunto molta gente ha potuto capire il modo in cui lavorano i nostri auisti….inoltre vorrei precisare che la stradale non è poi cosi tonta nel leggere le strisciate del cronotachigrafo infatti la conferma lo avuta 2 giorni dopo trasmissione:mio padre è stato fermato e dalle strisciate hanno capito al balzo che non era in regola e hanno emesso regolare verbale con la decurtazione di punti dalla patene,quiondi penso che non poi cosi stordita……buona strada a tutti un saluto cb JAMAICA

  12. Vacco ha detto:

    Rispetto la vostra professione ma continuerò a non comprendere i vostri sorpassi su autostrade a tre corsie, sorpassi fra di voi intendo.

    Non facciamo le vittime né i santi, se da un lato vi spingono a far presto, dall’altro non vi risparmiate sorpassi inutili e pericolosi che tengono impegnati due terzi di una carreggiata senza sortire alcun effetto se non quello di accodarvi ad altri tir.

    Vedo situazioni in cui davvero non c’è criterio, se vi si suona stranamente il tempo di percorrenza dei vostri viaggi non ha più importanza ma è più importante lampeggiare e comunicare via cb ad altri tir che “lo stronzo non deve passare”.

    Non voglio generalizzare, sò bene che in ogni categoria ci sono persone e persone.

    E sò bene che ci sono automobilisti che non dovrebbero circolare s’un’autostrada, parlo di quelli che viaggiano a 80 all’ora e provocano alcuni dei vostri inutili e pericolosi sorpassi.

    Ma tra di voi, e sono la maggior parte, i sorpassi sono solo una grande stronzata.

    Ritengo di essere un automobilista corretto, non impegno corsie che non merito, non vado a 110 in corsia di sorpasso e se sto tutto a destra rimango costante e a 40 metri da qualcuno di voi. Mi è capitato di “svegliare” qualche vostro collega visibilmente rincoglionito e ondeggiante, lampeggiando a distanza.

    La strada è la strada, ma se si pensa di poterne fare ciò che si vuole per via della stazza ricordatevi la storia di Davide e Golia.

    Buon viaggio.

  13. ironduckmoni ha detto:

    Si potrebbe dire la stessa cosa per i sorpassi inutili tra le BM…tanto anche “voi” avete tutti lo stesso limite di velocità…spero che presto avrete il limitatore di velocità come noi cosi magari capirete il perchè ci vuole tanto a fare un sorpasso….poi magari ci accodiamo ad altri “TIR” che vanno più veloci di quelli che abbiamo appena sorpassato….:-) e magari i 5 minuti che guadagnamo ci fanno fare una consegna in più senza dover stare 2 ore fuori da un cancello aspettando che altri finiscano la pausa pranzo…provare per credere…ciao e buona strada…

  14. chiodovideo ha detto:

    Premetto che ti rispondo,ma con una certa sensazione che sia tempo sprecato !! Se le tue capacità mentali non ti permettono da solo di arrivare a comprendere un nostro sorpasso in una autostrada a 3 corsie, difficilmente arriveresti a capire una mia logica e razionale spiegazione sempre che io abbia voglia di dartela. Allena la tua materia grigia e forse un giorno prenderai coscienza,del semplicissimo fatto,che noi,divieto permettendo,abbiamo lo stesso diritto di sorpassare quanto ne hai tu !!

    P.S. Se non arrivi davvero a capire l’essenza di un sorpasso,inoltre previsto dal codice della strada,dammi retta fatti un’abbonamento per autobus ciao.

  15. anonimo ha detto:

    PER il commento n12

    Non ne vale davvero la pena continuare questa avvilente annosa polemica sui sorpassi, gli automobilisti non capirebbero mai…

    neanche io voglio generalizzare ma la maggior parte di loro non sa guidare!! non sono sicuri delle loro capacità e non hanno la patronanza della macchina e della strada,lo dimostra il fatto che lampeggiano senza motivo e hanno “paura” ad affrontare loro stessi un sorpasso.

    Specialmente se la strada curva a destra,si affiancano e si fermano all’altezza della cabina!!

    Vanno capito e sopportati,del resto non è colpa loro,se non hanno la tecnica della guida,

    e la tecnica cari colleghi automobilisti non la si impara a scuola ,men che meno alla scuola guida!!

    La tecnica è quella “cosa” che cominci ad apprendere quando hai percorso un paio di milioni di kilometri per le strade d’Europa

    In condizioni non sempre ottimali (nebbia ghiaccio sole neve e stress)

    Detto questo mi chiedo;chi vi dà l’arroganza di credere che con un colpo di fari svegliate un camion che và “ondeggiando” “rincoglionito” !..

    Amico ascolta uno spassionato consigilo,prega il tuo Dio affinche non ti faccia trovare mai di fronte un camion che “dorme”,altrimenti per quanto abile e veloce tu possa essere non avrai nenche il tempo di portare le dita al devia luci !!!

    LUIGI P.

  16. ironduckmoni ha detto:

    Grande Luigi!!!

    Sto ancora ridendo, e magari non si dovrebbe visto l’argomento serio…:-) …ma la battuta del devio luci è troppo forte! Hai centrato in pieno la risposta giusta!

    Buona strada sempre!

    Moni

  17. gisytruck ha detto:

    Secondo me la coerenza non è il tuo forte… inizi scrivendo che rispetti la nostra professione e finisci dicendo di ricordarci la storia di DAvide e Golia… possiamo fare a meno del tuo rispetto, non lo meritiamo come le corsie di sorpasso a tuo dire… Di solito invito a tornarci a trovare su questo blog, nel tuo caso credo non serva a conoscerci meglio, bensì ad alimentare le tue paure… predicare è più facile di guidare… tra noi si dice;”OCCHIO VIGILE!!!” perchè sappiamo che ogni istante può essere fatale per noi o qualcun altro… e non è una “sfanalata” che può evitarlo… ti auguro Buona Strada Sempre!!!

Leave A Reply