Venerdi 13, amara riflessione di un camionista. Parte seconda




Ciao a tutti,

 torno sull’argomento del post Venerdi 13 per ringraziare chi mi ha risposto e per pubblicare un commento che ho trovato su Truck Italia Forum (anche là è stato pubblicato il video) che mi riguarda direttamente….ero indecisa se metterlo come ero indecisa se rispondere là, ma alla fine lo faccio perché credo in quello che scrivo. E non mi sono mai vergognata dei miei pensieri. Anche perché non mi sembra di aver mai offeso nessuno. Se l’ho fatto chiedo scusa. Questo è il testo:

Aerodyne –  Inviato il 15/11/2009, 21.31

“E si checco, parla da solo nel senso che dice un mucchio di stronzate.Eccheppalle,non se ne puo’ piu’ di questi sfoghi da presunte verginelle.Chi le afferma si qualifica per quello che è,una persona ignorante.Un autista francese o tedesco non si sognerebbe mai di identificarsi in quelle parole.Perchè il francese o il tedesco è un professionista conscio dei propri diritti,l’italiano che si esprime come nel video è un lanzichenecco,non è credibile,ha ancora in testa la mentalità del tira e tasi,del guidare 15 ore al giorno perchè è convinto che cosi’ guadagna di piu’ e non si rende conto che quel modo di pensare da servo e schiavo arricchisce solo il padrone.Che mi frega a me se perdo tempo in giro?Quante volte lo racconto nei miei diari?Puo’ scocciarmi perdere tempo non per colpa mia,ma quando finisco le ore di impegno o di guidanon c’è santo,io mi fermo,anche a mezzora da casa.Di questa mia rigidità il frutto è sempre stato il rispetto da parte del datore di lavoro,sa che sono coerente,non sforo ne per vantaggio suo ne mio,in passato altri colleghi han sempre abbozzato,ma se lo fai una volta devi farlo sempre,che ci trovi a rientrare venerdi notte all’una invece di rientrare il sabato mattina facendo la sosta?Guadagni di meno,riposi di meno e se ti becchi la multa(sacrosanta),te la paghi come è giusto,hai voglia di brontolare.
Nel testo del video l’autore si lamenta di dormire nei parcheggi,sai che professionista,sai che viaggiatore,sarà il solito sguattero da localini in pista dalle 3 alle 22 tutti i giorni fino a ieri,domanda,ma sta gente perchè non fa il concorso per guidare il camion della spazzatura o il bus di città?
Domanda per chiodo,fai i container,lo sai che il lavoro è cosi’,se non ti piace cambia no?
Io son di Genova come te e i container non li ho mai voluti fare ci sarà un motivo no?
Che non lo so che si sta delle mezze giornate fermi al sec alla sanità,al vte,alle dogane,in tangenziale a milano ecc?
Che a pranzo sei fermo in un piazzale sterrato nell’hinterland di milano?
Dici sempre che sei un professionista,che hai un sacco di anni di esperienza,bene se vuoi lavorare in regola cambia genere di lavoro no?
Cosi’ vedi anche un po’ di mondo.
Se poi il discorso non è la mezzora che ti manca per tornare a casa ma il tornare a girare come prima(parlo in generale eh,come tanti containeristi han sempre fatto,lo saprai bene),a fare 2 milano o 3 torino al giorno allora è un altro discorso.”

Questa è la mia risposta:

”Ciao a tutti.

E’ parecchio che non scrivo più nel Forum…e qui ci son capitata per caso…ma visto che mi si tira in ballo penso sia giusto rispondere. Ad Aerodyne. Il testo del video di Chiodo è mio, è pubblicato sul blog Buonastrada…quindi forse dovresti fargli delle scuse per le accuse che gli muovi, visto che lui mi ha chiesto gentilmente se poteva farne un video.

E non sono stronzate da presunte verginelle come ci definisci. Se tutti POTESSIMO fare l’internazionale tutti lo faremmo, forse. Ma esistono anche altre tipologie di trasporto che qualcuno dovrà pur fare. Esistono anche altre situazioni di vita, non tutti sono single senza nessuno nessuno che li aspetta a casa, a volte si sceglie di fare il nazionale proprio per essere a casa alle 6 di sera da moglie, figli, genitori anziani, congiunti invalidi, anche solo cani e gatti. NESSUNO ha difeso chi guida 15/18 ore al giorno, anzi, si parla di chi si è visto elevare verbali per BEN 13 minuti in più: un grave delitto, vero? Ti garantisco che è successo!! E a più di un collega!!

Di certo non si arricchisce il padrone ma lo stato in questo modo. Quello stesso stato che fino a ieri “beveva caffè”…e oggi non può più avere tolleranza nemmeno per un quarto d’ora. Quello stesso stato ASSENTE in tangenziale a Milano quando io son li a far colonna e accumulare minuti, mezzore, ore sul disco e intanto vedo 200 auto sfrecciare tranquillamente in corsia di emergenza…probabilmente tutta gente che ha fretta….e non può far colonna come gli altri…

A te non frega niente perdere tempo in giro, a me si. Si perché ci sono delle sere in cui DEVO essere per forza a casa per motivi di famiglia, ho le mie ore arrivo a Melegnano tutto bene, nessuno che segnala nulla, imbocco la tangenziale e ci sto 3 ore 3…e secondo le leggi mi dovrei fermare a Lainate perché ormai sono fuori. Ti chiedi perché sono fuori: perché tutta quella gente che l’ha intasata la tangenziale HA il diritto alla mobilità, a poter andare a Fiere, partite,concerti ecc…è giusto, ma allora è anche giusto che io possa tornare a casa mia, perchè se nella macchina di fianco al mio camion c’è un operaio che ha lavorato le sue ore a Lodi e abita a Busto come me e ci mette lo stesso tempo ad andare a casa che ci metto io, non rischia niente né quella sera né mai. Questa è solo una questione di giustizia…..non di essere schiavi dei padroni!!!!

E non sono nemmeno una sguattera da localini…facevo il sud con un camion con cabina corta, senza branda, senza riscaldamento autonomo, senza aria condizionata quando ho cominciato e ho dormito dappertutto in Italia, anche in parcheggi sterrati in mezzo al nulla…senza tante storie. E per più di dieci anni. E con un occhio sempre aperto per paura di essere rapinati…forse un po’ di esperienza ce l’ho.

Se tutte le ditte fossero come dici tu, che basta dirgli “io rispetto tutto” per farlo, forse non ci sarebbero in Italia cosi tante ditte con autisti stranieri come dipendenti da sfruttare …evidentemente tanti italiani hanno preferito smettere e hanno ceduto il posto piuttosto che cedere ai ricatti….

Nel video comunque si parla di altre cose, nessuno si lamenta di essere sfruttato dai padroni ma schiacciato dal sistema Italia che non è lo stesso di quello francese o tedesco da come racconti tu….anche se quando leggo i testi su Fieredetreroutier non mi sembra che le loro lamentele siano tanto diverse dalle nostre…per la serie :tutto il mondo è paese!

A volte prima di puntare il dito contro qualcuno e sparare a zero bisognerebbe pensare cosa c’è dietro alle persone, a quali motivi a volte ti obbligano a sforare la mezzora. E ti posso garantire che ce ne sono anche di seri. Basterebbe ascoltare. Basterebbe essere un po’ più umani, le regole servono per una convivenza civile e vanno rispettate, ma non devono diventare disumane. In nessun caso, mai. Perchè anche il camionista è un essere umano come tutti gli altri, e non lo spegni con un giro di chiave insieme al motore del camion.

 

Buona strada a tutti.”

 

Poi  vi aggiungo un video denuncia di un collega austriaco aid2003, si intitola “DAILY NIGHTMARE” (INCUBO QUOTIDIANO) ed è dedicato alla difficoltà di trovare un parcheggio per rispettare le ore di guida, è girato in Italia sull’A4, dove  gli è toccato dormire in piazzola 9 ore…è un po’ lungo ma giustamente la dice lunga sulle condizioni in cui siamo costretti a lavorare…

W W W  l’Italia per l’ennesima volta!!!!

Buona strada a tutti sempre!!