Se mi piace non torno più

Poco tempo fa io e mia mamma abbiamo avuto il piacere di incontrare la nostra amica Paola Trevisan, ve ne parlai in questo post di qualche tempo fa. Abbiamo Se mi piace non torno piùpassato una splendida mattinata fatta di shopping, foto, baretti nel centro Se mi piace non torno piùdi Bolzano. Inoltre in piazza Walter si stavano allestendo i mercatini di Natale che vi invito a venire a vederli, qui sono veramente speciali. Ci siamo fermate anche a pranzo  a degustare la tipica cucina alto atesina in compagnia del marito Pio, persona molto cordiale e di spirito, come la nostra Paola. E fra una chiacchiera e l’altra Paola sfila dalla sua borsa il suo capolavoro, ovvero il suo libro DSC00536tanto atteso! Ci teneva tantissimo che la sua storia venisse pubblicata, dopo aver compiuto un’impresa da guinness dei primati. Sì perché non è da tutti fare il giro d’Europa con un’apecar! La decisione di questo viaggio fu presa a seguito di una grave malattia che riuscì a sconfiggere; doveva prendersi una rivincita dopo un lungo periodo fatto di forti cure e crisi depressive, sentiva di dover vivere tutto subito e non perdere tempo visto il suo grande valore. Questo viaggio inoltre lo dedicò anche a tutte le persone che sono malate per dar loro la speranza e il coraggio per affrontare la battaglia contro il tumore, e che si può combatterlo, perché lei ce l’ha fatta. Il libro si intitola “Se mi piace non torno più” di Paola Trevisan e lo trovate in tutte le librerie. Potrebbe essere un bel regalo di Natale, x gli altri e anche per sé. Io l’ho letto tutto d’un fiato e mi sento orgogliosa di lei, perché Paola è veramente grande!         

In Camion… alla DAKAR

 Ciao a tutte/i
in un momento in cui non sto viaggiando e non ho voglia di confrontarmi con la realtà triste con cui ho dovuto scontrarmi oggi, il lavoro scompare per diverse lady e io stessa mi ritroverò con più tempo libero e meno soldi in tasca…, sono andata a fare un viaggio nel web e ho incontrato una Lady Truck d’eccezione… 
 

 
 Luisa Trucco
Una donna alla Dakar … in camion 8_Iveco_Luisa_2_small[1]Copia_di_24[1]
 
 201[1]
 
 

E’ la prima donna italiana ad aver tagliato il traguardo di Dakar al voltante di un camion.

E’ Luisa Elena Trucco, anno ’73, laureata in architettura, nella vita gestisce un centro cinofilo nel canavese e nel suo poco tempo libero si diverte con qualsiasi cosa abbia un motore.


Nel 2004 è stata l’unica donna italiana che ha partecipato al Rally dei Faraoni, dove si posiziona al 4° posto nella classifica camion e al 10° posto assoluto nella classifica auto e camion.

Nel 2005 si ripresenta alla prima Dakar a Barcellona con un Mercedes Unimog accompagnata dal suo copilota Corrado Pattono, già partecipe come pilota di 14 Dakar con auto, moto e camion fino al 2005. Ora è copilota e tecnico della Trucco.

Da soli, senza assistenza e senza meccanici, sono riusciti a qualificarsi al 13° posto su 71 camion, dove solo 33 hanno tagliato il traguardo della Dakar. Insieme hanno superato la sabbia, la fatica, gli imprevisti e persino gli errori di calcolo dell’organizzazione.

Nel 2006 con il Team Motorsport Italia partecipa alla Lisbona-Dakar, ma a tre giorni dalla fine ha dovuto abbandonare la gara per la rottura del cambio.trucco01g[1]

Così l’anno dopo, nel 2007, con una maggiore grinta e con una maggiore esperienza ormai raggiunta con le precedenti gare che hanno ormai trasformato  in lei la passione per i motori nel coraggio per l’avventura, si ripropone alla Lisbona-Dakar con un Eurocargo da gara e uno di assistenza. Questa volta con un nuovo team, con il loro team P&T Racing Team composto dalla Trucco e dal Pattono: tra loro c’è sinergia, complicità e queste qualità sono emerse a Lisbona, permettono loro di qualificarsi al 24° posto.

Nel 2008 la Lisbona-Dakar viene annullata causa pericolo atti di terrorismo e nel 2009 decide di  affrontare la Dakar “Argentina-Cile” con due Eurocargo: si piazza al 17° posto nella classifica camion e al 3° posto nella categoria sotto i 10 litri.Corrado-Pattono-e-Luisa-Tru[1]

E’ stato il primo equipaggio italiano a raggiungere il traguardo e soprattutto, è stato uno dei pochi equipaggi composti da solo due persone, poiché in genere sui camion si va in tre.luisa_trucco_pilota[1]

Nel 2010 Luisa Trucco parteciperà nuovamente alla Dakar.