Monumento al Camionista

Ciao a tutte/i


Anche se diverse volte vi abbiamo fatto riferimento, agli sgoccioli del 2009, voglio dedicare qualche parola a riconoscere l’impegno dei Belli & Budelli per la realizzazione del “Monumento al camionista”, un’iniziativa meritevole, non solo di approvazione ed elogi ma anche di diffusione…

Con un’opera artistica si vuole creare un luogo simbolo dove riconoscere l’impegno di autotrasportatori e autisti a svolgere la loro professione, indiscutibilmente portante per l’economia; dare un volto umano a chi troppo spesso viene denigrato, sottovalutato e discusso.

Quante volte utilizziamo  il detto interregionale  “ Bisognerebbe fargli un monumento!” ?  Lo si fa per descrivere una persona o un gruppo che si adopera per il sociale o per chi spende tempo ed energie ad aiutare, nell’interesse della comunità; non si possono certo escludere i camionisti… anzi produttori di una considerevole percentuale di prodotto interno lordo, nonostante non siano presi in considerazione da chi dovrebbe tutelarli e sostenerli, continuano a lavorare cercando di oltrepassare questo momento di regressione, indirizzati solo a sopravvivere, con le loro aziende o conservando il posto di lavoro.

A prendersi cura dello sviluppo di questa “operazione” ci sono Franco e Dino Sette, persone squisite che aggiornano sempre sui progressi, ma si sa che in certe cose la perseveranza è d’obbligo e a loro non manca. C’è il progetto, c’è l’area, ci sono le autorizzazioni, ci sono anche dei sostenitori  ma non ancora sufficienti e soprattutto manca l’adesione di chi sul lavoro dei camionisti si è arricchito, latitante anche chi avrebbe dovuto essere in prima fila e ci rappresenta o dice solo di farlo.
A parole è sempre più facile… prendere tempo… promettere… impegnarsi… proporre…

Il Veneto è una regione dove la movimentazione delle merci è indispensabile, numerose sono le aziende di trasporto nel territorio e altrettante quelle che lo frequentano per i carichi/scarichi provenienti dal resto d’Italia e il monumento sarebbe lì a rappresentarci tutti… un luogo dove rivolgere lo sguardo e compiacersi che qualcuno riconosca il sacrificio del nostro duro lavoro, un luogo simbolico dove volgere lo sguardo e ricordare i nostri compagni persi lungo le strade, sempre troppi e sempre troppo presto, un luogo dove non fare distinzioni tra padroni, padroncini o dipendenti e neanche se viaggi in Italia o all’estero, se guidi un Daf o uno Scania, se il peso totale a terra è di 3 ton o 30 ma riconoscere il sacrificio umano e l’impegno costante.

Il messaggio che si vuole lanciare alla base di quest’idea non è quello di compatimento, solo di riconoscimento e rispetto, per un’intera categoria di lavoratori e le loro famiglie, considerazione del sacrificio che comporta la lontananza prolungata e i tempi di lavoro, disagi condivisi e non sempre fare ritorno a casa…

 

 


Idealmente esiste già, speriamo di vederlo presto a Grisignano.

 

Alloraaaa “ Facciamogli un MONUMENTO Al CAMIONISTA!!!!”

Una collega dal Lazio…

Ciao a Tutte/i sempre bello incrociare il nostro percorso con nuove colleghe, tramite la rete web, abbiamo conosciuto Titty… quale miglior presentazione di questo video simpatico e divertente… presto scriverà, se avrà tempo e voglia, lei stessa…
BUONA STRADA a Titty e a tutte voi!!!