Buon Natale a tutti!!!!!!

Ciao a tutti/e!!!

Buon Natale a tutti 2


…a tutti i blog-lettori, a tutti gli amici e le amiche, i colleghi e le colleghe, a tutti quelli che hanno un camion nel cuore e seguono la loro buona strada…a tutti tanti tanti auguri di passare delle feste serene!!!!
Baci, abbracci e tante buone cose! ! ! 

AUGURIIIII!!!!

Bbye Moni.

Maltempo…

Ciao a tutte/i

il maltempo investe tutta l’Italia e crea disagi, fratture e contusi a dismisura… ma era previsto, si parla di stato di allerta da diversi giorni, a parte il fatto che d’inverno è normale che nevichi e ghiacci… mi sembra che tanti l’abbiano dimenticato… pneumatici da neve? Perchè montarli? Nevica tre giorni l’anno. Sale? Non serve a salare l’acqua per la pasta? Pulire i marciapiedi? Meglio aspettare che si sciolga, si può camminare in strada. Autostrade? Perchè usare mezzi spargisale e spazzaneve? Il servizio meteo ha previsto una perturbazione glaciale straordinaria, quindi inutile sprecare risorse,meglio chiuderle; tutte…Cisa, A1,A4,A13, A22 … e tante altre… tanto chi le deve percorrere " sta a pettinà le bambole!!!" Ma statali e provinciali non possono defluire questo traffico… e "qualcuno" si muove per risolvere?!?:

Maltempo: allarme in E-R per arrivo pioggia ghiacciata

(ANSA) – BOLOGNA, 22 DIC – Allarme della Protezione Civile per la ‘pioggia ghiacciata’ che, caduta nella notte, ha reso impraticabile il sistema viario della regione. Il fenomeno si ripetera’ dal pomeriggio di oggi fino a quello di domani e riguardera’ tutta la regione, soprattutto la pianura e le citta’. La Protezione Civile parla di una situazione ”pericolosissima” e invita i cittadini a non mettersi in viaggio per 24 ore. Inoltre suggerisce che le autostrade restino chiuse e che domani lo siano pure le scuole della regione. (ANSA).

Maltempo: Matteoli, nessun rimborso
Ministro, regolamento non ne prevede in caso di calamita’

 

(ANSA) – ROMA, 22 DIC – Il ministro dei Trasporti, Altero Matteoli, esclude la possibilita’ di rimborsi per i disservizi causati dal maltempo di questi giorni. ‘Non ci saranno – fa sapere il ministro intervistato stamani da Radio 24 – Esiste un regolamento a cui bisogna attenersi: quando si tratta di calamita’ come queste non e’ previsto alcun rimborso. Comunque il fatto e’ emergenziale – ha aggiunto Matteoli – La nevicata e’ di proporzioni gigantesche ma e’ tutta l’Europa in queste condizioni’.

Maltempo: Linate operativo ma voli Alitalia dopo le 12

Malpensa resta chiuso per voli fino alle 13

 

(ANSA) – MILANO, 22 DIC – E’ operativo l’aeroporto milanese di Linate, mentre Malpensa resta chiuso per i voli in partenza fino alle 13. Lo ha reso noto la Sea.L’aeroporto di Linate e’ rimasto chiuso dalle 24 alle 7. Al momento e’ operativo, ma Alitalia ha cancellato i voli fino alle 12. Quattrocento persone hanno passato la notte in aeroporto perche’ i loro voli sono stati cancellati o per l’impossibilita’ di raggiungere le proprie destinazioni causa neve. Malpensa e’ chiusa per i voli in partenza fino alle 13.



Maltempo: riaperto l’aeroporto di Genova
Era rimasto chiuso l’intera mattina per la pista ghiacciata

 

(ANSA) – GENOVA, 22 DIC – E’ stato riaperto poco prima delle 13,30 l’aeroporto Cristoforo Colombo di Genova, rimasto chiuso l’intera mattina per la pista ghiacciata. Il traffico riprendera’ man mano fino a regolarizzarsi nel pomeriggio.

Ieri sera e’ stata riparata la macchina per il de-icing degli aerei, la cui indisponibilita’ aveva provocato ieri ulteriori problemi allo scalo: alcuni voli in arrivo infatti erano stati cancellati proprio per l’impossibilita’ di sghiacciare gli aerei prima del decollo.

 

Maltempo: riaperte autostrade Emilia-Romagna
Rallentamenti su A1 tra Modena e Reggio e su tratto appenninico

 

(ANSA) – BOLOGNA, 22 DIC – Riaperte in mattinata tutte le autostrade della rete che attraversano l’Emilia-Romagna. Al momento la circolazione e’ regolare in A13 sulla Bologna-Padova, la A14 verso le Marche e la A1. Gli unici problemi sono fra Modena sud e Reggio Emilia per un incidente e nel tratto appenninico fra Sasso Marconi e Roncobilaccio per traffico intenso che provoca code a tratti. (ANSA).

Valanghe: in Valle d’Aosta pericolo in aumento

Da moderato salira’ a marcato in tutta la regione

(ANSA) – AOSTA, 22 DIC – In Valle d’Aosta il pericolo valanghe e’ in aumento: per oggi risulta essere ‘marcato’ sul settore nord-occidentale e ‘moderato’ sul resto della regione, mentre domani sara’ ‘marcato’ su tutto il territorio valdostano. E’ quanto riportato nel bollettino neve e valanghe dell’amministrazione regionale. ”Dal pomeriggio di oggi – si legge – e’ prevista una ripresa delle precipitazioni in particolare nel settore nord-occidentale della Regione, con limite neve a 600/800 metri. La nevicata sara’ accompagnata da venti forti sud-orientali, in rotazione verso ovest nella giornata di mercoledi’. Tali condizioni favoriranno l’attivita’ valanghiva spontanea, con scaricamenti di neve fresca e valanghe a debole coesione, prevalentemente di piccole e talora di medie dimensioni oltre 2000-2200 metri. Il distacco provocato e’ possibile anche con debole sovraccarico nelle localizzazioni sede dei nuovi accumuli eolici, principalmente alle esposizioni settentrionali ed orientali oltre il limite del bosco”. (ANSA).

MALTEMPO: PROBLEMI SU RETE FERROVIARIA IN TRENTINO

UN TERZO DEI CONVOGLI REGIONALI NON VIAGGIA
Maltempo: tromba d’aria nel Palermitano
 Sarebbe tutto più semplice, se i camion rimanessero parcheggiati; dove vorranno poi andare, questi pazzi, autolesionisti di camionisti?
Ciao a Tutte/i, guidate con prudenza e BUONA STRADA!!!

 

Ha provocato ribaltamento 2 tir su A19, traffico interrotto

Maltempo: sospesi aliscafi nel golfo di Napoli

Traghetti invece regolari nonostante forte vento e mare forza 5
 

foto 

Maltempo: Italia ancora nel gelo

Disagi in tutto il Paese, problemi ai trasporti

 

(ANSA) – ROMA, 22 DIC – Il maltempo continua a creare disagi in tutta Italia: cancellati molti treni, chiusi alcuni tratti autostradali, voli a singhiozzo. FS fa sapere che le cancellazioni riguardano il 5% dei treni di media-lunga percorrenza ed il 6% dei regionali. A Napoli, sospesi i collegamenti con le Isole del Golfo; a Milano, scuole chiuse e problemi a Linate e Malpensa. Stop alle lezioni anche a Genova dove ci sono ghiaccio e vento forte. Chiuse le autostrade in Emilia Romagna, e tra Firenze e Bologna.


 



 

Progetti in corso….. – 1




Un altro anno sta per finire e anche quest’anno volevo ringraziare tutte le amiche e gli amici che ci hanno aiutato nella realizzazione delle nostre iniziative, un piccolo aiuto da ognuno per portare avanti i nostri progetti a favore delle varie Associazioni che continuiamo a sostenere perché siamo convinte che anche dei piccoli contributi possono servire ad aiutare chi ne ha bisogno!! Noi ci proviamo e continuiamo sulla nostra Buona Strada e questi sono i risultati: i calendari per il 2010, sempre sponsorizzati dagli amici del “Coast to coast Truck Team”, 5 versioni per le Lady Truck a favore dell’A.L.T.S. (Associazione Lotta Tumori al Seno) e una per i Mister Truck a favore dell’Associazione Paolo Belli:

 

 IL CALENDARIO ROSSO





2010_2 -



Hanno partecipato: Daniela, Dayana, Monica, Evelyn, Elda, Giusy, Nicoletta, Sabrina, Rosa, Silvia, Paola, Laura, Elisa e  Marianna.

 

IL CALENDARIO BLU






2010_1-



 

Hanno partecipato: Federica, Susanna, Elisabetta Gisella, Marcella, Giorgia, Agata, Francesca, Monica, Simona, Marzia e Josephine.

 

IL CALENDARIO VERDE






2010_3-



Hanno partecipato: Luisa, Ramona, Milena, Tania, Lorena, Ornella, Sara, Romina, Angela, Rita, Giuliana, Anna, Romy, Orianna e Sara.

 

IL CALENDARIO GIALLO





2010_4-



 

Hanno partecipato: Betty, Daniela, Debora, Patty, Cristina, Antonella, Rita, Donatella, Alessia, Angela, Claudia, Patrizia, Valentina e Giulia.

 

IL CALENDARIO FUCSIA





2010_6



Hanno partecipato: Silvia, Giovanna, Daniela, Caterina, Ramona, Monica, Giusy, Paola, e Lady Paolina”!

 

IL CALENDARIO MISTER TRUCK





2010_5



Hanno partecipato: Paolo Iceman, Roby, Fabio, Roberto Chiodo, Herbert, Luca, Franco  B & B, Giovanni, Daniel, Ivan  Graspa e  Andrea Pandorino, Nicola, Giovanni, Max , Carioca, Lupo,  Walter e Matteo.

 

I nostri progetti continuano con il RICETTARIO  “Nonsolocamioniste”   giunto alla sua terza edizione e che anche quest’anno  con l’aiuto e la collaborazione di tante colleghe raccoglie ricette da tutta Italia e i cui proventi vengono devoluti all’associazione “Noiperloro”  che si occupa di assistere i bambini ricoverati nel reparto di oncoematologia pediatrica dell’ospedale di Parma.





maglietta



Copertina 3 ricettario-







…e naturalmente ci sono sempre le T-shirt col logo del gruppo il cui ricavato va a favore dell’associazione Rock No War



Anno dopo anno continuiamo il nostro percorso, anno dopo anno continuiamo a crederci e speriamo che anche voi continuate a credere in noi !!! Grazie a tutti/e ! ! ! !

 

Buona Strada sempre, e Buone Feste a tutti ! ! ! !









Due amici, due video….buona strada….

Ciao a tutti/e….

volevo condividere qualche video con voi: l’ultimo di Roberto Chiodo, perchè oltre ad essere bellissimo come sempre ha una musica che mi piace troppo, si intitola "Highway overtake", sorpassi in autostrada….

Il secondo è di Rorò, la mia anzi nostra "colleghina", una ragazza che ha veramente i camion nel cuore e chissà mai che un giorno non segua il richiamo e salga anche lei su un "bisonte", per il momento per dimostrarle la mia amicizia ho pensato di mandarle la nostra targa perchè secondo me quello che conta è avere la passione….lei mi ha ringraziato cosi….con un saluto a me ma anche a tutte le altre ragazze del gruppo….è veramente carina, io mi sono emozionata al pensiero che basta veramente poco per dare un pò di felicità, anche per un attimo!! Grazie Rorò!!!!! Sei grande!!!!

Un abbraccio a tutti e buona strada sempre!!!

Reumatismi del camionista

Lo sapevate che….

http://www.mondobenessereblog.com/2008/11/06/-

Reumatismi del camionista e artrosi da mouse al computer: le patologie dei reumatismi professionali

Dall’ artrosi da mouse al computer alla lombalgia del camionista, fino al ginocchio della suora. Ogni professione ha il suo reumatismo e saperlo è il primo passo per anticipare l’ esatta diagnosi, correggere gli stili di vita e cominciare per tempo una terapia mirata. Parola degli esperti.
I medici stimano che le patologie dei reumatismi colpiscono in Italia oltre 5 milioni di persone, donne nel 60% dei casi. Con un trend in crescita legato soprattutto all’ aumento dell’ età media, ma condizionato, in certe fasce di popolazione e in certi periodi della vita, dal lavoro svolto.
Il cosiddetto ” ginocchio della lavandaia “, ben noto a nonne e zie, non è dunque scomparso. Ha solo cambiato nome, adattandosi all’ evoluzione della società e declinandosi in problemi reumatici differenti e corrispondenti ai nuovi mestieri.

tuffo nel passato

Non è un segreto, per esempio, che tra i motociclisti della stradale è particolarmente diffusa l’ artrosi lombare, conferma Giovanni Minisola, responsabile dell’ Unità operativa di Reumatologia dell’ ospedale San Camillo di Roma.
Disturbi legati alla postura anche per i camionisti, continua l’ esperto, senza dimenticare ovviamente i dolori associati a un utilizzo continuo del
computer e del mouse.

BUONA STRADA a Tutte/i!!!

19 dicembre: buon compleanno Gisytruck!!!!

Gisy on truckCiao a tutti/e ! ! !

Oggi è il compleanno della nostra cara Gisy ! ! ! ! !


Potevamo non "ricordarglielo" anche dalle pagine del blog?????
Potrei scrivere pagine di complimenti su di lei ma…..non lo farò…non lo farò Romy e Gisyperchè penso che ormai abbiamo imparato tutti a conoscerla sia incontrandola di persona ai raduni, o per strada, o nelle ditte, sia ascoltandola di quando in quando nei programmi radiofonici dove viene invitata a partecipare, sia leggendo le sue parole nelle pagine di questo blog, parole che la rispecchiano sempre e che fanno capire che persona veramente speciale è ! ! ! Cosa altro posso aggiungere a quello che già lei è ? Niente….

E allora BUON COMPLEANNO GISY! ! ! 
Sei una vera amica ! ! !
Un abbraccio e tantissimi auguriiiiii ! ! !

E naturalmente:
BUONA STRADA SEMPRE ! ! ! 

Per Michela

Questa lettera è stata scritta da Anna Manigrasso per Michela e tutti noi…parole vere…
Buona strada sempre a tutti…
 
Giovedi 17 Dicembre 2009
Per Michela, per la sicurezza e per la dignità dell’autotrasporto

Oggi 17 dicembre, alle 15.30, i camionisti di tutta Italia si fermeranno per cinque minuti.
Non è una protesta, ma il ricordo di una collega che non c’è più.

L’iniziativa è promossa dalla Filt Cgil per ricordare, nel giorno del suo compleanno, Michela Ciullo, camionista e delegata sindacale, deceduta in un incidente stradale la scorsa nei giorni scorsi a Verghereto (Forlì Cesena), mentre tornava a casa, in Romagna, alla guida del suo camion.

Nell’occasione i suoi colleghi di tutta Italia faranno anche suonare per un minuto i clacson.

Michela Ciullo aveva 38 anni e, come molti di noi, pur originaria del Sud Italia, si era dovuta trasferire al Nord, dove risiedeva da anni, a San Mauro Pascoli, in quella vera e propria fucina di camionisti che è la provincia di Forlì Cesena.

Michela é rimasta coinvolta in un terribile incidente sull’E45, a Canili di Verghereto: stava trasportando un carico di verdura quando improvvisamente ha perso il controllo del mezzo precipitando da un viadotto. Un volo di circa trenta metri che non le ha lasciato scampo.
Michela era separata e lascia una figlia di 19 anni.

I suoi colleghi, come leggiamo sui molti blog in cui essi spontaneamente hanno raccontato le loro emozioni, la ricordano come una "camionista vitale e allegra, orgogliosa di esserlo. E, contemporaneamente, orgogliosa del suo essere mamma e innamorata della figlia.
Era, così la descrive chi meglio la conosceva, un’attivista sindacale, sempre disponibile per i colleghi; esplosiva nella sua voglia di vivere, di ascoltare e aiutare i suoi compagni.

Michela Ciullo non la conoscevamo personalmente, ma la sua morte ci riguarda.

E mi riguarda ancor più personalmente, come donna e come imprenditrice dell’autotrasporto che da anni si batte per introdurre in questo settore trasparenza, legalità e sicurezza.
 

Della legalità e della sicurezza fanno parte, anche e soprattutto, il rispetto delle norme che possono e devono consentire a chi lavora guidando un camion  – ed assolvendo, per questo, ad una funzione sociale insostituibile, – di veder rispettata la propria dignità, il proprio diritto a condizioni di lavoro dignitose ed alla giusta alternanza tra tempo di lavoro e tempo di riposo.

La liberalizzazione selvaggia in cui il settore è stato sprofondato in questi anni, se non può essere identificata come la diretta responsabile dell’incidente di Michela, sicuramente ha portato, per molte imprese un peggioramento drammatico dei propri conti economici.

Talvolta, da parte dei più deboli, si è cercato di rispondere ai tagli delle tariffe imposti dalla committenza, accentuando oltre la prudenza, l’utilizzo dei veicoli e del personale, in un’illusoria speranza di contrastare il peggiormento dei bilanci con l’aumento del lavoro e, quindi, di un fatturato puramente nominale.

Anche di questo, vorremmo che i colleghi di Manuela, nel ricordarla, parlassero tra di loro.

Perché abbiamo bisogno di far tornare l’autotrasporto e chi vi opera – piccoli imprenditori, autisti e collaboratori – al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica e della politica nazionale.

Occorre ridare dignità ad un settore decisivo per la vita quotidiana di tutti noi, per la nostra economia e le nostre esportazioni.

Un settore che non è fatto di "tirroristi" come si ostinano talvolta a raccontare alcuni "illustri", quanto disinformati opinionisti, ma di gente che – come ha fatto Michela fino all’ultimo schianto – conosce sulla sua pelle quanto sia duro affrontare tutti i giorni le avversità atmosferiche, la carenza delle infrastrutture, le inefficienze della rete logistica e le pretese dei più dioversi committenti, pur di assicurare a ciascuno di noi di trovare ogni giorno, sulla propria tavola, quella verdura che Michela, invece, con il suo camion non porterà più.

Cara Michela, sono certa che oggi, dovunque tu sia, risponderai al saluto dei tuoi colleghi facendo risuonare anche tu la sirena del camion che certamente stai guidando tra le nuvole.

E come madre sono certa che tua figlia possa essere fiera di chi, come te, è morto facendo il suo dovere perché è morta sul lavoro.

Anna Vita Manigrasso
Presidente di Transfrigoroute Italia Assotir

 

Una collega… dal Friuli.

 

L’autostrada A4 vista da una donna

Daniela Uliana, autotrasportatore, macina chilometri con il suo Scania

Daniela Uliana, 35 anni, residente a Udine, è una delle poche donne autotrasportatore in Friuli Venezia Giulia. Da tre anni, quasi tutti i giorni percorre sul suo Scania R500 (più di sedici metri di lunghezza), l’autostrada A4, e consegna vari tipi di merce per la Movest di Cervignano del Friuli. Destinazione: Lombardia, Toscana e Lazio in particolare.
Un lavoro di fiducia: pezzi e materiali di ogni genere che avranno come punto d’arrivo aziende italiane e internazionali, e la cui consegna non deve sgarrare di un giorno. “Mi hanno affidato questo impegno perché sanno come lavoro, indipendentemente dal fatto che io sia una donna” dice con una punta d’orgoglio.
In Italia non sono molte le donne al volante dei “bisonti” della strada, già in Francia se ne vedono di più, un po’ in tutti i settori merceologici. “Va tenuto presente – dice Daniela – che in Francia o in Germania questo mestiere è più “umano”, rispetto a ore di guida e riposo, carico e scarico non li fa l’autista, le aree di sosta sono numerose, i servizi igienici e le docce sono diffusissimi e sempre puliti. Realtà, queste, che in Italia sono ancora fantascienza”.
Daniela sa il fatto suo: “Paura? E di cosa? L’unico problema, all’inizio, è stato quello di farsi accettare, farsi considerare un collega a tutti gli effetti, una che è perfettamente in grado di fare questo lavoro”. Più complicato superare le diffidenze culturali: “In area cargo oggi – afferma – ci sono tanti extracomunitari, per la maggior parte dei quali le donne, soprattutto di notte, devono stare a casa”. Daniela ha “scoperto” la passione per questo mestiere cinque anni fa, dopo aver provato a svolgere diversi tipi di lavoro, dietro un bancone di un bar o come impiegata in ufficio. “Quella vita mi andava stretta – ammette Daniela -. La mia dimensione l’ho trovata con il camion. Cinque anni fa ho chiesto a un mio amico di provare a guidare il suo camion, e mi sono subito accorta che non era poi così difficile”.
Un mestiere faticoso e impegnativo “per questo – spiega ci vuole la passione. Devi farlo proprio volentieri, altrimenti non riesci a superare le difficoltà che inevitabilmente si presentano”.
Daniela conosce ormai ogni tratto della A4, e non la ritiene un’autostrada particolarmente pericolosa: “Certo, è trafficatissima e ormai inadatta a sostenere i flussi di veicoli che la percorrono. Non solo. A mio parere, e non è un paradosso, sono i divieti di sorpasso a creare gli incidenti. Faccio un esempio: fino a qualche mese fa, sulla tangenziale di Mestre, nonostante i divieti, c’erano incidenti di continuo. Ora, con l’apertura del passante non ce ne sono più. Le nostre sono autostrade costruite quando il traffico di oggi era inimmaginabile. I camionisti sono spesso accusati di essere indisciplinati, ma gli automobilisti non sanno che noi non li vediamo: si infilano tra un camion e l’altro in modo sconsiderato, e basta poco a creare un incidente. Bisognerebbe educare tutti su come guidare in sicurezza e soprattutto essere più attenti quando si è al volante. Questa è forse l’unica ricetta”.
 

Tratto da:

http://www.quiautovie.autovie.it/cms/data/articoli/000030.aspx

Per questa collega e tutte le  altre BUONA STRADA!!!

Senza titolo 36

Ciao a tutte/i
navigando in rete ho trovato due poesie dedicate al nostro mondo… le trascrivo e ringrazio chi le ha scritte… BUONA STRADA Sempre!!!

Camion

L’autocarro che silenzioso arranca
domina la strada.
Spaurite auto lo sorpassano veloci
mentre incede con maestosa lentezza.

Lontano come sono
non ne sento il rumore.
Sullo sfondo il mare agitato
le alte onde d’acciaio
le navi
il piombo liquefatto del cielo.

Mi vengono alla mente
come rauchi gridi,
gli uccelli carducciani,
non esuli pensieri, ma affermazioni
di leggi evolutive.

Tutto questo si stacca dalla mente
non ci appartiene.
Vivendo isolati non si ha presa sui luoghi.

Lungo canto lunga strada per un babbo

Il babbo camionista

 C’è una bimba che va a nanna,
stretta stretta alla sua mamma.
Si addormenta nel pregare
tanto è lungo l’aspettare.
Nella notte
il suo papà camionista
tornerà.
Sulla strada
romba intanto l’autocarro
quel suo canto.
Lungo canto
lunga strada per un babbo
che non cada, che non sterzi
bruscamente, che non abbia
un incidente.
Che alla bimba
del suo cuore torni presto
con amore,
Romba romba
il buon motore, pare un vecchio
grande cuore