Crea sito
4 commenti

Per non dimenticare – 1

filospinato[1]PER NON DIMENTICARE…..

About The Author

4 Comments

  1. loredana62 ha detto:

    cara Gisy,sono a Ventimiglia e ci concediamo una piccola pausa prima di trasferirci a Marsiglia ,ce la prendiamo con calma xch’e siamo riusciti a farci mettere in notturna e quindi abbiamo tempo fino alle 22 x caricare.Hai ragione nel dire che non bisogna dimenticare ma sembra che i tedeschi ci riescano benissimo! Io mi sono trvata un paio di volte a Dachau che al pari di Bergen Belsen ed Auschwitz era un campo di sterminio.Oggi è una ridente cittadina,nulla da dire ma la cosa che ti ghiaccia il sangue nelle vene è quando ad un certo punto cominci a costeggiare un muro sormontato dal filo spinato,il primo pensiero và ad una caserma poi arriva lo schocki un portale sormontato dalla famigerata scritta ARBEIT MACHT FREI IL lavoro rende liberi! Non ci sono parole per descrivere l’emozione che ti assale pensando a uomini donne e bambini che lì vi hanno trovato una morte atroce gassati e poi bruciati,ma la cosa che ti fà venire il voltastomaco è il gran numero di villette costruite lì intorno!Con quale coraggio una persona può aprire le finestre ogni mattina e non rivivere con gl’occhi della mente gli orrori li perpetrati? Non so se queste pe rsone posseggono una coscienza, ma continuo ad augurarmi che le grida dei bambini ed i loro volti ogni tanto facciano capolino nei loro sogni!Scusa lo sfogo ma credimi sono emozioni veramente molto forti ed ho finalmente capito xch’è di questo campo se ne parla poco e non viene mai filmato,sarebbe imbarazzante far vedere in tv che un luogo di morte è stato trasformato in una zona residenziale! Hasta la vista siempre!  

  2. gisytruck ha detto:

    Non dimenticare… per me è importante, lo porto nel cuore da sempre… mio nonno è stato salvato da un gerarca compaesano,  mentre veniva sollevato con una corda appesa a un ciliegio, davanti a moglie, figli, parenti e vicini di casa… questa persona è intervenuta, rischiando del suo :" Lasciatelo andare, è una brava persona, le informazioni che avete sono false!"
    Pochi mesi dopo viene preso mio padre in una rappresaglia per la morte di un tedesco, nessuno a intervenire, lo portano a Fossoli, da dove partono per la Germania…. non scriverò altro di mio padre, ma il campo di fossoli è ancora lì a ricordare, c’è anche un gruppo di volontari che se ne prende cura, cerca di conservarlo e ne hanno anche restaurato una parte, guidano le visite scolastiche organizzano mostre fotografiche e altre forme d’incontro… sono nati tutti dopo la fine della guerra ma hanno capito l’importanza di non dimenticare… ma intorno ci sono strade, case e coltivazioni, la vita continua, così deve essere… le persone che vivono vicino a questi luoghi non hanno responsabilità ed è giusto che vivano la loro vita, anzi credo che sia una bella convivenza, il problema vero è che si tende a sminuire l’entità dell’olocausto… non dimenticare, anche noi, che non c’eravamo ma ci sono stati trasmessi documenti sufficenti a indignarci… "
    Buona Strada!!!

  3. Diamante65 ha detto:

    …Con ritardo. Era proprio il 27 cm, mi trovavo  nella stazione fs di Carpi (mo), Oltre al nutrito gruppetto di persone con il naso all’insù intenda a gurdare il tabellone degli arrivi, un gruppo di ragazzini,probabilmente studenti pendolari, si immortalava con il telefonino, d’avanti ad una lapide di marmo scura che ricopriva la parete dell’atrio della piccola stazione.
    Quando questi sono partiti, sono rimasto io da solo  d’avanti al marmo inciso e qualche extra comunitario seduto sulla panchina in attesa del proprio treno.

    Da questa stazione- vi si leggeva- ,tra il gennaio e agosto del 43 partivano per i campi di sterminio del centro Europa i prigionieri provenienti dal campo di Fossoli ! solo il tempo per rabbrividire, poi l’altoparlante ha annunciato il mio treno,quasi a voler dire; da qui i treni ci partono e ci arrivano ancora,e di quello che è stato in passato la stazione non c’entra niente,la colpa è solo della gente!! questo il mio "per non dimenticare".
    LUIGI…

  4. loredana62 ha detto:

    ciao Gisy,non immaginavo mai più che la tua famiglia potesse aver vissuto simili tragedie,ma appunto x questo dovremmo tutti quanti indipendentemente dalla fede che secondo me è la cosa che frena l’amicicizia tra legenti,impegnarci xchè nulla venga dimenticato.Tu la fai passare come una cosa normale,ma io non riesco a concepirte di famiglie che ogni mattina hanno sotto gli occhi il più grande abominio perpetrato da coloro che si definivano esseri superiorI!

Leave A Reply