Crea sito
2 commenti

poesie sui camionisti

Ciao a tutte/i,

vi riporto 2 poesie in dialetto veneto scritte da Danilo Mason in occasione di due camionraduni che si sono svolti a Trebaseleghe nel 2001 e nel 2003. Di seguito vi porto anche la traduzione. Buona lettura!

7^ festa del camionista Trebaseleghe 7,8,9 sett 2001

SEMPRE PA A STRADA

Me also che tuti xè in leto
sensa fare tanto bordeo,
gero promoso far n’altro soneto,
bevo el cafè e verzo el canceo.

Me meto in strada che xè ancora scuro
taco la radio, impiso i ciari,
na corsa tranquia, so pi sicuro,
a che l’ora xè sù soeo i fornari.

Na fermada pa sgranchirme i ossi,
na bea rinfrescada soto a fontana,
se cato i semafori rossi
verzo i finestrini se no ciapo a caldana.

Xè bruto pal stomego magnar in ostaria
e no bere gnanca on giosso de vin,
parchè se me ferma a poisia
i me fa a prova col baeoncin.

Verso sera se torna coa schina desfada
i oci se sara, a testa pesante,
pa fortuna xè finio a a jornada
conto e ore e xè sempre tante

SEMPRE PER LA STRADA

Mi alzo che tutti sono a letto
senza fare tanto rumore
avrei potuto dormire ancora
bevo il caffè e apro il cancello.

Mi metto in strada che è ancora buio
accendo la radio e i fanali
una corsa tranquilla sono più sicuro
che a quell’ora sono in piedi solo i fornai.

Mi fermo per sgranchire le ossa
e mi rinfresco sotto la fontana
se trovo i semafori rossi
apro i finestrini altrimenti mi prendo un colpo di calore.

Non fa bene allo stomaco mangiare in osteria
e non poter bere un goccio di vino
perchè se mi ferma la polizia
mi fa la prova del palloncino.

Verso sera torno con la schiena a pezzi
gli occhi si chiudono e la testa mi pesa
per fortuna è finita la giornata
conto le ore e sono sempre tante.

Trebaseleghe 25/01/2003

COL CUORE IN GOEA

Albari, cormei, campi, segnai,
linee e strisse bianche e zae,
stemo atenti a strucare el pedàe,
se no se metemo nei guai.

Gabine de lusso, ogni ben di Dio,
tuti i confort, aria condissionà,
ma sempre sòeo tra paesi e sità
no posso vere a sposa e fioi drio.

El sòe se sconde romai xe scuro,
a nebia se alsa davanti i me oci,
stemo pi atenti a rotonde e incroci,
me sento sempre manco sicuro.

Col cuore in gòea finisso el viaio,
el me porta a destinassiòn,
staco a motrice, tiro el teòn,
ghe voe sempre tanto coraio.

COL CUORE IN GOLA

Alberi, case, campi, segnali,
linee e striscie bianche e gialle,
stiamo attenti a spingere il pedale,
altrimenti ci mettiamo nei guai.

Cabine di lusso, ogni ben di Dio,
tutti i confort, aria condizionata,
ma sempre solo tra paesi e città
non posso avere moglie e figli con me.

Il sole si nasconde ormai è buio,
la nebbia si alza davanti i miei occhi,
stiamo più attenti a rotonde e incroci,
mi sento sempre meno sicuro.

Col cuore in gola finisco il viaggio
che mi porta a destinazione,
sgancio la motrice, tiro il telone,
ci vuole sempre tanto coraggio.

About The Author

2 Comments

  1. gisytruck ha detto:

    Che bello Rò…
    credo che i dialetti siano un patrimonio da conservare… leggerlo è difficile ma non impossibile… grazie per la traduzione e Buona Strada!!!

  2. ironduckmoni ha detto:

    Grazie Rò per averle pubblicate!! son proprio belle!!

Leave A Reply