Crea sito
4 commenti

Racconti di viaggio 2

Ciao a tutte/i,m’hanno fatto piacere i commenti ricevuti sulla parte 1 ed ora voglio continuare su questo tono ,non fatevi illusioni che all’estero sia tutto più bello ,che tutti viaggiano in regola o che non ci siano problemi di sorta,anzi,forse i problemi x chi porta un camion con targa italiana sono maggiori a causa della ns stupidità! Dopo aver attraversato tutta la Francia x un tot di 575 km arriviamo al cofine F/E e come da tradizione delle migliori cartoline la sagoma di un toro vi dà il benvenuto in terra Iberica.Se avete il cb e fate un po’ d’ascolto vi accorgerete che i colleghi difficilmente parlano di lavoro ,ma del prossimo appuntamento con la fidanzata che lo aspetta a fine turno fuori dal Lady Dallas,dal Paloma e vari altri club,Cose che al mio primo viaggio ero convinta fossero club sportivi,ma non avevo capito il genere di sport praticato,naturalmente vi parlo di ca 15 anni fa.Di primo impatto troverete una terra brulla vedrete solo macchia mediterranea,ed auguratevi che non soffi la tramuntana un vento molto forte quasi come il mistral della provenza.Fermatevi in Jonquera giusto il tempo della pausa,avrete ristoranti e parcheggi x tutti i gusti,la maggior parte degli italiani si ferma alla esso (spero abbia ancora questo marchio) poi a seconda della destinazione programmatevi il viaggio.Io normalmente seguivo sempre la N2 xchè l’autopista è molto cara ed è un pò carente come servizi.Se dovevo andare a Madrid facevo l’uscita 25 che mi portava direttamente a Lleida dove trovavo un comodo parcheggio dove fare una doccia e mangiare tranquilla.Io cercavo sempre di gestire le ore per arrivare qui calcolando che dalla Jonquera ci vogliono ca 4 ore traffico e tempo permettendo.é una bella strada in mezzo alle prime sierras,ma evitavo di farla con nebbia e freddo intenso x il pericolo di ghiaccio e in secondo luogo xchè gli spagnoli hanno il brutto vizio di fare i pazzi nelle discese e credetemi con determinate condizioni di tempo è sempre meglio l’autostrada! Io ho sempre portato Scania leggermente modificati da quel tal Spolzino,non fraintendetemi,non erano gli accessori a cui mi riferivo,ma al fatto che il motore aveva quel quid che in certe situazioni ti dava una soddisfazione immensa.uando  lasciavo Lleida diretta verso Zaragozzasapevo già che arrivando a Fraga mi aspettavano ca 5 km di salita tra il 7/8 % non avete idea che soddisfazione salire a 70 km/h mentre quasi tutti arrancavano a 20/30.So che sono soddisfazioni infantili,ma tant’è che nella monotonia del viaggio basta poco,naturalmente il tutto nel rispetto del codice xchè lì ci sono 2 corsie x chi sale ed 1 x chi scende con la possibilita di sorpasso per questi ultimi di sorpasso a patto che nessuno sorpassi in salita anche xchè c’è un’ottima visibilità. Ho perso il conto di quante volte sono passata da Zaragozza e con grande rimpianto non sono mai riuscita ad andare a visitare la catedral de la Virgen del Pilar,una  Madonna molto venerata in tutta la Spagna e di cui una volta l’anno fanno una festa che tutte noi dovremmo vedere almeno una volta ,fosse solo per la statua della Madonna che viene portata in processione completamente ricoperta di fiori.Io ho avuto la fortuna di essere a BaRcellona l’ultima settimana di settembre quando si festeggia la Virgen de la Merce patrona di questa città,e credetemi se vi dico che noi pensiamo di fare festa nelle nostre feste patronali,vivete questa dove in ogni Barrios(quartieri)c’è uno spettacolo diverso,ci sono le sfilate dove ogni gruppo cerca di dare del suo meglio,ci sono spettacoli di flamenco ed altro non sò dirvi bisogna vivere queste cose xchè le parole non rendono merito.Per ora vi tolgo il disturbo e vi lascio a Zaragozza alla prox puntata arriveremo a Madrid e poi su fino in Galicia,in seguito vi parlerò della costa facendo il giro al contrario scendendo dal nord attraverso Toledo Cordoba Granada Sevilla x scendere dalla meravigliosa Andalucia e rientro a casa purtroppo!Hasta la vista siempre! 

About The Author

4 Comments

  1. gisytruck ha detto:

    Sempre più lontano… aspettiamo il prossimo racconto; anche se in realtà mi sembra di aver capito che scrivi quando non sei in viaggio… e allora un pò mi dispiace… Bel racconto, bella esperienza davvero… Buona Strada!!!

  2. loredana62 ha detto:

    cara gisy,i miei racconti di viaggio si riferiscono.purtroppo ad una vita passata risalente a 3 anni fa,quando giravo in lungo ed in largo attraverso la Spagna,figurati che gli ultimi 3/4 mesi lavoravo x una ditta austriaca la famosa LKW WALTER X CONTO loro agganciavo  un semirimorchio al giorno al porto quando facevo tanto viaggiavo sui 90/100 km al giorno ,figurati che addirittura capitava di dover scaricare un rimorchio di lavatrici alla zal di Barcellona percorrendo 12/(si hai letto bene)dico 12 km in una giornata .Parcheggiavo il trattore all’imbarco delle isole e quindi tutte le sere era una festa sulla Rambla,il sabato e la domenica percorrendo ca 2 km sul lungomare e buttando un occhiata al puerto viejo de Barcelona si arrivava in spiaggia  dove è tutta un’altra cosa che in Italia.Perdonami tu e tutte le altre se forse avete frainteso ,volevo solo condividere mie esperienze vissute e ricordate con grande nostalgia.Il ricordo più bello di quella stagione è stato quando l’Itali ha vinto i mondiali,una festa bellissima con la Rambla illuminata a giorno e gli spagnoli felicissimi per la nostra vittoria!Penso che in Italia non sia stato così bello x tanti troppi imbecilli.Ripeto i miei sono ricordi di viaggio neanche troppo lontani ,ma penso che in 3 anni le cose non siano cambiate più di tanto,e continuo a pensare che nemmeno le persone si siano deteriorate a tal punto ! Un bacione e Hasta la vista siempre

  3. omega61 ha detto:

    Ciao Lory,
    Tu e Mony scrivete molto bene , avete un modo di scrivere che coinvolge chi legge…. potreste scrivere un libro che può leggere chi, come me, sta sempre in mezzo a tanto traffico , a parte sporadici e benvenuti viaggi piu lunghi, perchè fa il …. locale, che a volte mette a dura prova anche i nervi piu saldi … e allora benvenute siano le Feste patronali di qualsiasi paesino se servono a farci sorridere e rilassare un pò!!! Comunque non di persona , ma in tele ho visto spesso quelle megagalattiche feste con sfilate di quelle parti da te nominate … bè l’Italia risparmia anche nelle Feste, tranne a quelle che fanno a NOI quando …. ci fermano !! Ciao Lory e Buona Strada ….

  4. Diamante65 ha detto:

    Ciao a tutti/e. ho "sfogliato"il blog frettolosamente questa settimana, per motivi di tempo e non per altro non ho commentato. Ho letto il post  dell’incidente al collega Armin …il suo "gioiello" distrutto – che spianto!!

    mi appassionano i racconti di viaggi, (guarda caso) e questo dell’amica Loredana, e di come "canta" la Spagna ,me lo sono letto tutto d’un fiato.Metti qualche foto la prossima volta, diventerà più bello il tuo racconto.

    Magari qualche immagine di quei club Iberici, dove non è difficile immaginare che tipo di "sport" ci si suole praticare !!.. Arrivederci al tuo prossimo racconto.
    LUIGI…

Leave A Reply