Crea sito
Nessun
commento

Un pò di nostalgia….

Ciao a tutti/e….

Un video nostalgia dei camion degli anni ’80 e ’90 sulle strade italiane….

…sono tutte foto che ho scattato durante i viaggi e le attese nei piazzali…click! click! la mia passione da sempre!!!

Buona domenica e buona strada a tutti sempre!!! Bbye!

About The Author

No Comments

  1. gisytruck ha detto:

    Bellissimo Mony, per me che fino a poco fa non distinguevo un camion dall’altro una vera enciclopedia visiva… grazie
    prima o poi dovrai insegnarmi a fare i video… evito di postare 100 foto e poi forse riesco a dargli un filo-conduttote… lo avrei voluto fare con le foto della Dakar… ne ho scartate decine….
    Buona Strada, se parti… qui è stata una giornata all’insegna del bianco…

  2. ironduckmoni ha detto:

    Grazie Gisy…per fare i video ci vuole un programma di editor…e tanta pazienza e qualcuno che ti spiega come fare, cosi impari prima!!!! Non è difficile se impari il meccanismo e riesci a seguir la musica…
    Stasera non parto, oggi c’erano sole e vento freddo…niente bianco qui!!! Buona strada per la settimana! bbye!

  3. anonimo ha detto:

    Bei ricordi Monica,mi hanno fatto tornare in mente quando qui al mio paese esisteva una ditta di autotrasporti,la Matra,forse ne hai visti in giro di quei camion negli anni 80.Io ero un ragazzino e mi ricordo quando c’era il 170/35 ancora con il fooler,il mercedes 1932.La Scania almeno qui da noi non la vedevo ancora,(correggimi se sbaglio)e di Volvo ne vedevo pochissimi. Poi è arrivato il 190/35 e vedevo questi camion partire a tutte le ore del giorno e della notte per andare in tutta europa,specialmente in Spagna.Io ero amico dei titolari e mi piaceva andare da loro e stare assieme agli autisti per ascoltare le loro avventure in giro per l’Europa.
    Bei tempi,ciao e Buona Strada.
    Claudio.

  4. loredana62 ha detto:

    caro Claudio, mio papà e bunanima di mio zio sono stati tra i primi a comprare i 170/35 e sono venuti fuori prima degli anni 80, il cambio a cui ti riferivi era il cambio fueller, roba che ci voleva una certa pratica  ad usarlo xch’è dovevi andare ad orecchio non essendo sincronizzato come i cambi moderni, Io ho avuto la fortuna c.ca 15 anni fa di guidare un Iveco Eurostar con cambio fueller,Non ti racconto i primi giorni,ad ogni cambio marcia chi mi stava vicino pensava stessi grattuggiando  qualcosa ,ma con l’esperienza e soprattutto gli errori,parlando con colleghi più anziani non hai idea quali soddisfazioni quel tipo di cambio mi habbia dato.Ora guido un camion supertecnologico,con radar ,mantenimento di corsia , cambio automatico ,manca solo più l’omino che mi tenga il volante e sono a posto.Ma non sai la nostalgia di quando era l’essere umano a comandare il mezzo.Mantieni i tuoi ricordi e se puoi portali avanti xch’è con le nuove tecnologie siamo tutti piloti ma a tornare indietro nessuno è capace!bacioni Claudio a te e Famiglia

  5. anonimo ha detto:

    Bellissimo!
    I camion vintage mi piacciono molto e tra tutti quelli che ho visto nelle foto, più di tutti mi piacciono i vecchi DAF, come quello bianco (credo targato Regno Unito).
    Spero di vedere altre belle immagini come queste.
    Buona strada e buone foto.
    Marino

  6. giannimille ha detto:

    I camion degli anni ottanta/novanta, sono gli ultimi veri protagonisti delle strade, i veri camion che ancora si dovevano guidare, in particolare gli Iveco con il loro cambio Fuller, vera scuola di formazione autisti; nei ricordi ho ancora il mio turbo star. Ora i camion sono dei computer viaggianti, e forse tra qualche anno nn servirà più nemmeno l’autista! è progresso o pazzia?
    Buona strada,  Gianni. 

  7. gisytruck ha detto:

    X Gianni… mi sa che non diventerò mai un’Autista… l’unica volta che ho guidato col Fuller, per fortuna di chi seguiva, poche ore, ho dovuto fermarmi e ricominciare da capo la successione delle marce, non so quante volte,nessuno mi aveva spiegato o insegnato, arrivata in piazzale mi sembrava di aver fatto il viaggio a piedi dal gran che ero stanca…
    E’ stata un’esperienza unica…

Leave A Reply