Sciopero!!!

Ciao a tutte/i

Dopo mesi di costante impegno a mantenere i contatti con le lady truck , i nostri amici e colleghi vediamo in nostro filo conduttore spezzarsi, ci eravamo prefisse un obbiettivo e l’abbiamo sempre perseguito, la meta non era un trofeo, ma il sorriso e le parole di ringraziamento, da parte di chi abbiamo aiutato nel corso di questi anni, senza nessun’ altra pretesa.

Saranno anche piccole cose ma impegnano molto, in termini di tempo e lavoro, anche scrivere su questo blog ci fa sottrarre tempo ad altro, ma ci ha anche arricchito, ci ha regalato nuove conoscenze, persone coerenti col nostro modo di pensare e con lo scopo per cui è stato creato.

Un percorso di tante persone diverse unite in un unico progetto; da oggi non ci crediamo più,  su quella che pensavamo essere la nostra BUONA STRADA,  qualcuno ha indetto una deviazione…

Il punto d’unione era stato deciso, a priori e a maggioranza,  essere la beneficenza, oltre alla socializzazione, ora lo vediamo trasformato in qualcosa di completamente diverso, che disconosciamo.

Gli invitati a nostro parere, sono i benvenuti, finchè non stravolgono l’operato di altri, per questo motivo indiciamo uno SCIOPERO e noi che lo abbiamo fatto fino ad ora, SMETTEREMO di scrivere, scelta dolorosa ma dovuta, l’ipocrisia non fa parte del nostro bagaglio.

Noi abbiamo sempre cercato di dare quella visione del mondo del trasporto che veniva trascurata, per far capire che anche l’autista di mezzi pesanti ha un’anima, un cuore e una famiglia da cui tornare, abbiamo sempre ribadito che le storie personali delle lady truck non c’interessano ma solo la loro voglia di partecipare al gruppo, che non ci saremmo prese carico di cambiare il mondo del trasporto come gruppo, perché ognuna ha la possibilità di farlo privatamente, abbiamo sempre rimarcato che non c’è superiorità in noi, nessuna guerra agli uomini, solo riscatto per la nostra professionalità, non abbiamo mai parlato di quelle problematiche che avrebbero comportato ulteriori divisioni, perché questo blog è nato per unirci, può essere una scelta discutibile, ma è frutto di un’opinione a maggioranza.

Oggi vediamo sfumare ciò in cui abbiamo creduto e per cui abbiamo investito energie, ci prendiamo una pausa di riflessione e facciamo il nostro Sciopero!!!

Buona Strada a tutte/i!!!

Da na venexiana…

Ciao a tutte/i

Sono una collega, da quando avevo 18 anni guido i camion, mi sono appassionata a questo mondo tramite mio suocero e non ho più smesso… Trieste-Venezia la prima rotta… Troppo bello guidare..

Troppo bello addomesticare questa “bestiaccia” , diventa un gioco,e io amo molto gli animali…

La sfida più grande è sempre stata farsi accettare, tutti avevano da insegnare e criticare.

“Vedemo dai, se ‘sta qua se bona a guidar?”

“Go capio, beo, fasemo che t’insegno, se ti vol!!!”

Non è stato mai facile, dover sempre dimostrare di essere all’altezza di un uomo, anzi i preconcetti mi hanno indurita e sono diventata determinata.

Per 8 anni ho lavorato per la Zanardo Autotrasporti , titolare corretto, unica nota negativa, un po’ lunghi i pagamenti, mi trovavo bene e potevo dedicarmi al mio bambino che aveva 7/8 anni…

Avevo un’ambizione e l’ho realizzata, nei fine settimana lavoravo in pub e ristoranti, ho pensato di apriene uno mio,… ho cominciato a frequentare il corso e tre mesi dopo avevo il Rec…

Mattina sul camion, pomeriggio e sera al pub, ho resistito un anno poi ho venduto… E’ stata una soddisfazione riuscire, anche se la gente non credeva nelle mie capacità.

Non è andata altrettanto bene nell’azienda per cui ho lavorato in seguito, mi hanno fatto entrare solo per curiosità, per alcuni ogni occasione era buona per umiliarmi, baruffe da orbi, ero una donna e dovevo essere sottomessa, dicevano che le mie mansioni era in grado anche una scimmia di svolgerle; c’è voluta tanta pazienza per far cambiare opinione a titolari e colleghi, ma ho conquistato la stima di qualcuno di loro con cui ancora conservo buoni rapporti.

Nella mia vita professionale non mi sono fatta fregare dagli uomini, ma in quella affettiva sì; purtroppo ho aiutato economicamente la persona sbagliata e sono stata protestata, posseggo due magazzini di mobili e cose per la casa, ma non ho più una casa.

Mi è rimasto il camion, ma da Giugno non ho più lavoro; una grande ditta di Villorba non vuole protestati e mi ha dirottato su di una cooperativa, che non ha voluto la mia fattura e non mi ha pagato il pattuito, mi chiedo se questo è più onorevole di un protesto?

Non mi scoraggio, ho mio figlio, unica ragione di vita, oltre agli animali;  ho voglia di lavorare e vorrei trovare una ditta seria per cui farlo in zona Mestre, vedere fermo il mio mercedes mi mette tristezza, è furgonato con sponda idraulica, trans pallet elettrico e riprendere il lavoro sarebbe l’unico modo per non separarmene, ho tutte le patenti e molta esperienza…

Se vi viene in mente qualcosa, io sono qua, scrivete a [email protected]

UN BASOTO DA NA VENEXIANA, MATA, MA BRAVA PUTEA; ONESTA E BONA.

Buona strada a tutte/i!!!
Patrizia

 

Non è semplice raccontarsi e presentarsi riducendo la propria vita a poche righe, ringrazio Patrizia per averci reso partecipi… e le auguro BUONA STRADA Sempre!!! gisy

C' è posta per noi… – 10


Ciao a tutte/i 
pubblico integralmente questa email… 
 

Salve,

L’8 marzo premierò una camionista, con un omaggio molto originale,

fiori e un pranzo.


Uscita A14 Castel San Pietro.

 

E’ una cosa seria, la fotografia andrà sui giornali.

 

Per saperne di più e per candidarsi scrivere mail a [email protected]

, oppure rispondere direttamente a me (o telefonare al numero sotto).

Le sarei grato se potesse diffondere la notizia sul suo blog http://buonastrada.altervista.org/

Resto a sua disposizione per qualsiasi chiarimento.

Grazie

Saluti cordiali

 Grifone b n

Massimo Calvi

 

RIZOMEDIA – società fondata da giornalisti

Tel. 051 19987131 – Fax 051 19987559

www.rizomedia.com

Avrei una valanga di domande, del genere se questo premio è per riconoscere l’impegno delle donne nei settori considerati maschili, se è per esprimere stima per la determinazione, se è per conoscere queste "mosche bianche" di persona e rendersi conto che sono persone normali… se così fosse mipiacerebbe fare una proposta… una Lady Truck che sa il fatto suo… e chi l’ha conosciuta può confermare…
Al momento mi verrebbe in mente Romina da proporre… voi cosa ne dite? Determinata e femminile, simpatica e spigliata… Una bella rappresentanza… non siamo a caccia di pubblicità personale, ma in occasione dell’8 Marzo può essere un’occasione per far vedere un lato umano della nostra categoria, dove il camionista non è
Brutto Sporco e Cattivo, come crede molta gente….
 
Buona Strada a Tutte/i!!!

Ci metto la faccia!!!

DSC00205Ci metto la mia faccia

Tante troppe volte ci metto la faccia, sono portavoce di un gruppo, nato spontaneamente e ci metto la mia faccia sempre, anche quando vorrei nasconderla… o almeno sfumarla.

Sono passati anni e affronto ancora gli stessi ostacoli da sempre, non cerchiamo punti di ulteriore divisione ma punti d’incontro e unione, di divisioni ce ne sono anche troppe nel mondo del trasporto e sulla strada. Come diceva un saggio:” La miglior difesa è l’attacco” e qualcuna sta divagando in questo senso, senza rispetto per alcuni e troppa venerazione per altro, adottando un’unità di misura incomprensibile a tutti, una raffica continua di parole a discapito di semplici concetti di base, come il rispetto e l’educazione.

Leggendo le prime pagine del blog e proseguendo in ordine si nota una linea seguente, guidata da tacite norme, come due binari da seguire e che nessuno ha mai dovuto evidenziare fino ad ora. I mesi si succedono e anche i nostri testi, con una logica sciolta ma allo stesso tempo razionale, non abbiamo mai avuto la presunzione di fare informazione, risolvere i problemi delle infrastrutture e mettere in discussione tutto, a priori; con modestia e costanza ci siamo raccontate, informate, sfogate ,divertite e messe in discussione tante volte, ma senza offendere, con educazione e razionalità, anche quando “due parolacce” venivano spontanee… per noi socievolizzare vuol dire questo!

Anche ora mi vengono spontanee altre due parole : : ADESSO BASTA!!!

Ho invitato sempre tutte a scrivere le loro impressioni e i propri racconti di strada, sbagliavo e me ne rendo conto solo ora, dopo un periodo d’assenza dal blog, apro e leggo, andando anche indietro nelle pagine… Non abbiamo aperto un forum perché non approvavamo il “potere” del moderatore, il traffico dei messaggi privati visibile solo ai partecipanti, la possibilità di “revisionare” lo scritto da parte di altri..; credevamo che il blog aperto alle lady per scrivere e a tutti per commentare, fosse il massimo dell’espressione liberale… In oltre due anni non era mai successo che qualcuno a ruota libera sparasse a zero su tutto e tutte, criticando e sentenziando, senza ascoltare e prendere in considerazione le opinioni altrui; predicando a raffica, su tutto questo nostro mondo, senza interessarsi minimamente a come e perché esista questo blog, mancando di rispetto ai 100 lettori quotidiani, che frequentano questo punto d’incontro virtuale e a coloro che da due anni ci mettono faccia e impegno  e senza porre scuse a chi le ha fatto notare che ha sbagliato, senza leggersi una sola pagina del nostro percorso prima del suo arrivo… che può essere discutibile ma è ciò che ci siamo prefisse.

Non siamo ne paladine della sicurezza, ne giudici, ne legislatrici, siamo lavoratrici, appartenenti a una categoria, semplici amiche e colleghe, vogliamo conoscerci e scambiarci esperienze ma senza prevaricare il mondo, senza giudicare tutto sbagliato a priori, qui vogliamo condividere una passione, per il resto, ci sono altri siti, preposti a questo, o semplicemente più indicati… dove persone “esperte”, possono interagire e sentenziare, cosa è meglio o peggio del nostro Paese.

Con questo non dico che non si debba scrivere dei problemi, solo farlo in maniera coerente, esprimendosi senza creare altri pregiudizi, inutili e fuori luogo, come possiamo pretendere di farci rispettare, se per prime non ci portiamo rispetto, tra noi.

Sempre da queste pagine abbiamo difeso il concetto di uguaglianza, di discriminazione e legalità, con le nostre poche conoscenze, con il tono che utilizziamo parlando tra noi, senza salire in cattedra, senza platea, ed è così che vogliamo continuare, quindi togliamo voce a chi non vuol capire, per noi è una sconfitta e chiedo scusa a chi è stato offeso.
Ci metto la mia faccia, che può piacere o no, ma per ora sono io portavoce, che non è una  figura dominante, solo di rappresentanza della opinioni, le raccolgo e cerco di metterle in pratica, nel miglior modo possibile, come ora.
Scusate per la franchezza, ma in poche settimane vedersi cambiare il percorso di anni non è ammissibile; ci sono mille cose che non vanno bene, e ammiro chi si sta impegnando per cambiarle, passo dopo passo, nella legalità e con le modalità del nostro Paese, investendo tempo ed energie nelle diverse associazioni sindacali.
So che manco di diplomazia in questo testo, ma difendo ciò in cui abbiamo creduto essere
la nostra BUONA STRADA!!!
gisella

Buon compleanno Rossy




Ciao a tutti/e

Torno con gli auguri di buon compleanno, perché ogni tanto ci vuole un po’ di allegria e oggi non è stata decisamente una bella giornata per me…Ma questa è un’altra storia.

Non potevo non fare gli auguri alla mia colleghina Rossy!!!

Lei è una ragazza speciale veramente, una di quelle persone con cui entri in sintonia subito perché parli la stessa lingua e provi le stesse emozioni, e non è facile trovare persone cosi!!!!

A volte le amicizie nascono per caso, come la nostra, ma poi è bello riuscire a comunicare con una persona che sai che ti capirà e condividerà  i tuoi pensieri senza bisogno di spiegare cosa intendi dire, una persona vera, con un cuore grande e una grande passione, che ci è vicina quando viaggi perché è come se viaggiasse con te in cabina…una persona che ama la strada come te, che prova l’emozione che ti da l’asfalto nero che di notte scorre sotto le ruote, che sa guardare al di la del guard-rail e vedere un mondo a colori, un mondo bello in cui ancora vale la pena di vivere anche se ci sono tante cose che non vanno. Che sa cosa vuol dire la parola “amicizia” , che sa cos’è il rispetto…

Rossy, questa non è una sviolinata, ma è il mio modo di esprimerti la gioia di averti conosciuta!!!!

Buona strada sempre colleghina, nella vita e quando viaggi!!

Un abbraccio forte, tanti baci e naturalmente…un camion di auguri!!!! Ciao bbye!!!

 1102201010457

BUON COMPLEANNO!!!!!





voglia di estero

Ultimamente se ne sono scritte tante sul famoso "virus" esterofilo che colpisce sempre più genteda parte mia è stata una scelta di vita, sono una tipa curiosa e m’è sempre piaciuto confrontarmi con altre realtà, premetto che ho anche girato tutta Italia in lungo ed in largo, dalla calda Sicilia al gelido Trentino, mi manca solo la Sardegna che ho vsitato da turista. Una volta si faceva l’internazionale x questioni economiche, gli stipendi erano più allettanti e in certi paesi mangiavi bene a poco prezzo ,calcolate che quando c’era la lira uno che faceva l’intertnazionale guadagnava dai quattro milioni e mezzo ai 6 milioni a seconda delle rotte e delle ditte ed erano bei soldi, cosa ancora migliore erano le dogane che obbligandoti alla fermata ti permettevano di socializzare. Caricando con il frigo c’era sempre il regalo x l’autista, fosse verdura o carne,naturalmente c’erano ,e ci sono tutt’ora, gli optional ovvero le mitiche fidanzate, andavi in Spagna e c’erano i "Club", in Germania ci sono i quartieri con le palazzine dove facendo stepping nel salire e scendere scale trovate tante signorine disposte a dispensarvi affetto dietro congruo compenso, in Belgio andate ad Anversa. e Bruxelles dove ci sono i quartieri a luci rosse con le signorine in vetrina, a Londra andate a Soho  oppure sulle strade troverete camper o roulottes che vi offrono massaggi,lo stesso dicasi in Francia. Ma tutto ciò è solo il contorno xchè facendo l’estero imparaqvi un altro rispetto della strada, ancora oggi sento idioti dichiarare che la Germania è il non plus ultra xchè non hanno limiti di velocità in autostrada,Cavolate,hanno dei tratti e ripeto TRATTI in cui puoi camminare con la BM anche a 200 km/h ma sono solo tratti, x il resto prova a sgarrare io sono convinta che la polizei si nasconda dietro ai fili d’erba x beccarti appena sgarri!!Ma nonostante tutto rimango del parere che sia bello confrontarsi con altre culture,altri modi di vivere quindi non denigriamo chi è esterofilo,anche xchè guardando la realtà delle cose passate le Alpi i soldi vengono impiegati nella sicurezza sulle strade e x gli utenti delle medesime,da noi vengono impiegati solo x mantenere ministri con aggiunta di accompagnatrici e l’esempio più lampante è la SA/RC ,fino a qualche anno fà la Spagna era un paese da terzo mondo come viabilità ha preso i contributi europei e li ha messi a frutto, e NOI???A noi basta mettere divieti ed aumentarci i costi di gestione. Quindi prima di parlare di virus esterofili confrontatevi con queste realtà e poi giudicate.A proposito ,prima che arrivassero i cosiddetti intelligentoni del trasporto che si pigliano a botte x accaparrarsi il traspaillet e scaricare x primi mentre gli addetti ridono e prendono il caffè  a noi ci chiamavano signor autista o chauffer ora siamo canchero scarica in fretta che mi serve la ribalta libera! Belle conquiste abbiamo fatto!!!!Buona strada sempre a tutte/i

Incontri – 8

Ciao a tutte/i

 è da un pò che non scrivo dei miei viaggi, anche perchè percorrendo lo stesso tragitto e in zone tranquille non capitano molte cose interessanti. Fa sempre piacere salutare colleghi che fanno la tua stessa linea, anche se ormai x cb non si sentono + le solite animate kilometriche chiacchierate di camionisti che fanno la stessa tratta in Incontricompagnia. Non so voi , ma almeno nella A22 il cb sembra diventato un optional; penso x contratti di telefonia mobile che ti permettono di parlare al cellulare senza limiti di tempo e in privato. Un volta infatti eri aggiornato sulla situazione del traffico x incidenti, caselli sporchi/puliti  e informazioni su posti di carico e scarico (che son sempre quelli ormai li so anche se non ci sono mai andata). Addirittura su certiIncontri canali sapevi di trovare radioamatori con l’apparato in casa propria (quindi stazione fissa) e x compagnia o semplice senso di utilià davano informazioni ai camionisti in zona, se non ricordo male c’era nonna Rosa nelle coordinate di  Merano e un religioso in zona Rovereto. Poi se chiedevo io informazioni… tz! gringhella!!! chi sei dove sei cosa fai come ti chiami ecc ecc (da quì il nome di Misteriosa) oppure la classica domanda "sei la Pinky?" Sono lontani quei tempi, sanno chi sono perchè ormai non sono + Misteriosa come una volta, dagli anni che faccio linea nonostante non abbia sempre lo stesso mIncontriezzo, sicuramente mi riconoscono e non passo mai inosservata. Comunque non ho mai avuto problemi con nessuno, anche perchè x me il fatto di non aver mai dato confidenza agli altri mi ha aiutato parecchio. Mi sono dilungata con questa prefazione x dire che… è sempre un piacere trovare amici che con un sms mi informano "Rò sono in zona, riusciamo a trovarci x il caffè?" era Tania che mi avvisava che aveva scaricato e che intorno le 8 mi avrebbe aspettata x la colazione. Infatti ho parcheggiato a fianco di lei intorno le 4.30 e verso le 8 abbiamo tirato le tendine x la sveglia. Andiamo al Truckstop x caffè, una sciacquata alla faccia x la foto di rito, due chiacchiere in compagnia e poi via x il viaggio di rientro! vita dura x noi frigoristi! bruci le notti x le consegne e poi hai anche tutta la giornata davanti! poi se devi cimentarti nella guida di un autotreno… Tania te lo sconsiglio!!! ok x il bilico ma se puoi resta con la motrice, che + il mezzo è lungo e + ci son rotture di maroni!! E questo è tutto vi auguro sempre una buona strada e quando siete nelle mie zone non esitate a contattarmi che il caffè è d’obbligo ciaoooooo

strage

Come da copione s’è verificata l’ennesima strage sulla strada. Un bus impazzito con a bordo ragazzini dagli 11 ai 14 anni in gita scolastica trovatisi a vivere l’esperienza più terrificante della loro giovane vita. Erano francesi di un piccolo paesino vicino a Bordeaux, da ciò che si legge sui giornali stamane ancora non sapevano che un loro compagno di 13 anni aveva perso la vita, e cosa ancora più tragica uno di loro ha perso la madre insegnante. E’ morto anche l’autista. Chiunque di noi viaggiando sulle strade ed autostrade vede quotidianamente questi mezzi sfrecciare il più delle volte a velocità nettamente superiori a quelle consentite, ma tant’è che loro devono portare la gente a divertirsi! Da parte mia ho il terrore nelle gallerie di Genova che già fanno schifo di loro sono consapevole che se sbando faccio saltare mezza Genova ed allora quando dagli specchi li vedo arrivare mi sposto leggermente a centro strada x impedirgli il sorpasso. Sono consapevole di fare una manovra scorretta ,ma la paura è davvero tanta. I peggiori sono quelli della compagnia Atalassib, La maggior parte di questi bus viaggia con un rimorchio a 2 assi, il che già non viene più considerato carrello appendice che, ricordo, non deve superare i 750 kg a pieno carico, quindi se tanto mi dà tanto dovrebbero venire equiparati ad un autotreno con divieti e limiti di velocità dei camion. Nel giornale di stamane si ipotizzava che lautista sia stato colpito da infarto  quindi il buon nome di questi conducenti è salvo .Ricordate l’incidente sulla A4 quello del camion che sbanda invade l’altra corsia ne centra un altro ed esplode coinvolgendo anche vetture con un bilanciodi 7 morti? Ci hanno martellati giorno e notte, ci hanno accusati di essere dei criminali, ma quando s’è trattato di dire che l’incidente è stato causato da un guasto meccanico e che l’autista non era nè fatto,nè ubriaco è calato improvvisamente il silenzio. Ora mi chiedo io esistono due pesi e due misure x gli autisti? Noi siamo assassini ,loro hanno la scusante del malore. Il mio cordoglio va a queste persone ,al bimbo in modo particolare,ed a tutte le vittime della strada, ma cerchiamo di fare qualcosa xchè queste stragi cessino, facciamo sì che anche i bus vengano considerati mezzi  pesanti e facciamogli rispettare i limiti di velocità. Forse ogni tanto m’illudo di vivere ad Utopia ma continuo a sperare con tutta me stessa che un giorno la gente imparerà a rispettarci ed a capire che stiamo lavorando x loro, e ricordate cari conducenti di bus, noi portiamo rimorchi con merce, Voi avete delle vite umane a bordo!!!!!Meditate gente meditate!!!!!!!!!!!! Buona strada a tutte sempre

In ritardo…il diario della scorsa settimana…




 DIARIO DI BORDO DALL’8 AL 12 FEBBRAIO 2010

 

0802201010383Ultimamente il lunedì mattina fa sempre freddo. Il termometro segna -5°C, i vetri sono completamente coperti da uno strato di ghiaccio. Metto in moto e accendo il webasto, la ventola del riscaldamento al massimo anche se l’aria è ancora fredda, e poi giù a pulirli col raschietto. Andiamo a fare 0802201010386una consegna e torniamo a ricaricare. La giornata scorre cosi, nel traffico tra Varese, Como e Milano a far prese e consegne. Non c’è il viaggio per la sera e ci fermiamo a casa. Martedì altro giro…carichiamo per Varese e dintorni. Grazie ai divieti ad orario, ai divieti a peso e altre 1002201010406amenità del genere il conto dei chilometri sale per niente…se uno potesse fare il giro con un po’ di logica ne farebbe la metà. Ma si sa, i camion inquinano solo in certi orari e in certe zone, davanti alla casa di qualcuno che riesce sempre a farsi mettere un bel cartello di divieto e risolve il suo 1002201010422problema…creandolo però a noi. Stiamo fermi due ore per una consegna in una ditta che chiude alle 11.45 e riapre alle 14.00, diversamente non si poteva fare. Cosi però riesco a vedermi Gisy e Germana in un servizio sulle donne camioniste su TG2 Costume e Società. Che belle che sono!!

1002201010423La sera c’è da caricare per la toscana. Mi faccio la Cisa e mi fermo a Massa a dormire, nella via che “credo” sia quella giusta: niente cartello col nome della via, niente numeri civici, pochi nomi delle ditte sui cancelli, e naturalmente quella che cerco io non c’è. Ma c’è posto per parcheggiare. Quando sorgerà il sole si vedrà. Da li direzione Prato per altre consegne e poi su di corsa…si fa per dire!! Sull’appennino  inizia a nevicare, dopo il valico è tutto bianco, per fortuna in corsia di marcia non attacca. Dopo Bologna è più pioggia che neve…incrocio la Simo in tangenziale ovest, ci scambiamo una sfanalata e un saluto per baracchino. Arrivo a Busto che c’è un pallido e tenero sole. 1102201010439Ci aspetta un bel carico pesante per le Marche. Passiamo a far gasolio e da casa. Cena e si parte. Una lunga telefonata con un’amica riempie il buio dei chilometri. A Bologna, in direzione nord, il traffico è momentaneamente bloccato per la ruota di un camion che sta bruciando in quarta corsia, c’è una colonna di fumo nero che sale alta, i pompieri stanno per iniziare a fare il loro “dovere” mentre io passo in senso opposto. Poco più avanti inizia a nevicare, ma è una neve fine fine e attacca poco. Stanotte gli 1102201010455spargisale girano…e salano anche me!! Mi fermo alla Rubicone. Le mie ore sono finite. A destinazione ci sono già parecchi camion davanti al cancello, ci “arrembiamo” sulla destra, webasto e tende chiuse, si dorme. Il giovedì mattina l’attesa sembra farsi lunga, il 1102201010459tempo scorre lento, un caffé con brioches  in cabina per colazione, uno ad uno entriamo dal cancello, ripartiamo che è quasi mezzodi. Qualche fiocco di neve sulla piccola, ma poi la strada è tutta pulita fino a casa. A Bologna, quando mi immetto sull’autosole, vedo nello specchio il Premium rosso di un 1102201010457collega che conosco, Alfredo,  lo chiamo per baracchino e facciamo la strada insieme fino a Milano. Poi lui tira dritto, io invece mi fermo per spezzare le ore e telefonare alla mia colleghina Rossy. E’ qui a Milano per lavoro, non si poteva perdere l’occasione di vedersi, anche solo per una mezz’ora!! 1202201010467Cosi entro nel parcheggio del centro commerciale dove sta lei. Baci, abbracci, risate, foto di rito, il tempo vola e ci dobbiamo salutare. La sorpresa: l’uscita del parcheggio è un po’ troppo “bassa”…decisamente non ci passo…e mo? A volte è una fortuna essere in due…Stef va 1202201010481sulla rotonda a fermare le BM mentre io mi faccio tutta la rampa in retro….ops!!!! La pausa si fa a casa. Venerdì mattina si scaricano i contenitori e poi in scuderia. Un altro “bel” giro per il varesotto ci attende….il pupetto crede di essere diventato un furgone…ma con qualche manovra va dappertutto…c’è il sole, tanto traffico per le piccoline, qualche “esagerato” al volante, qualche sonora strombazzata ogni tanto ci vuole…per quel che serve… il tempo scorre, carichiamo già una completo per lunedì mattina in veneto, il pieno e anche questa settimana è volata via…

 Buona strada e occhiovivo sempre. Ciao a tutti.