W gli Alpini!!!

 In questi giorni sono passata spesso da Bergamo e mi rattrista sapere che non potrò partecipare all’83° Adunata Nazionale degli Alpini; la città si è preparata stava vestendosi di tricolore, anche dall’autostrada si vedono idee pittoresche, ma il popolo alpino è un’altra cosa, porta i colori dell’altruismo, della positività, del volontariato, della fraternità, della  riservatezza,dell’integrazione,oltre il loro Corpo e la dedizione alla bandiera.
Non lo pubblicizza nessuno..Cappello
 ma sono presenti in montagna per i salvataggi e a Dicembre 2009 in val di Fiemme e val di Fassa hanno pagato un contributo in vite umane;
le varie sezioni dislocate su tutto il territorio si adoperano in diversi fronti del volontariato, che vanno dalla costruzione di edifici nelle zone terremotate al facchinaggio in caso d’alluvione, passando per la realizzazione dei pasti per centinaia di persone, in silenzioso impegno…alpino
non voglio dimenticare gli alpini di un paese piemontese che in poche ore hanno assistito i camionisti “buttati” fuori dall’autostrada per neve, realizzando pasti e posti per consumarli;
sezioni che realizzano iniziative per socializzare e raccogliere fondi destinati a ospedali e/o  associazioni Onlus; il soccorso e il sostegno,avanti a tutto.
restauro, costruzione e manutenzione di sacrari e altri luoghi per conservare una memoria che altrimenti sarebbero abbandonati a se stessi;
supporto d’ospitalità in collaborazione con gli Enti del territorio, e tante altre iniziative di sostegno alla società , un ricordo su tutti… ma avete presente il profumo del vin brulè nelle giornate gelide e il sollievo che ne deriva assaggiandolo? Spero per voi l’abbiate assaggiato, almeno una volta nella vita…loro sono maestri nel farlo e lo servono con riverenza, come gli inglesi il thè…
Le penne nere l’ospitalità ce l’hanno nel dna, non è forse stata la culla dell’integrazione, mettere sulla stessa tavola Chianti, Barbera, Lambrusco e Marzemino? Tutti rossi, ma provenienti da diverse zone, come è stato per le tutte le altre specialità, ognuno porta quelle della propria con orgoglio. Abbattuti i ranghi, classi sociali, portafoglio e cultura, sono solo Alpini, conservano tutti nel tempo la filosofia di vita che hanno acquisito nel periodo di leva, e una volta l’anno si ritrovano,nella città prescelta, come ieri, oggi e domani a Bergamo; evento unico, tutti gli anni.luise-antonietta-primo-caporal-maggiore-alpino-di-aversaSfileranno tutti, insieme, sotto lo sguardo rapito delle migliaia di persone che li apprezzano per la loro simpatia…
Sembra retorica, ma è indescrivibile l’atmosfera che si crea, all’ombra del Tricolore …con ogni mezzo, da ogni parte della penisola, non importa: Cappello e Penna nera…basta poco, sei il benvenuto! Brigata, reggimento, grado… sì, ma tutti Alpini pronti a far festa con chiunque li apprezzi. Tra loro molti camionisti e da qualche anno: le donne, motivo in più per me per apprezzare questa realtà. Non credete al messaggio che traspare dai media, “solo ubriachi e casinisti”, come per la nostra categoria, le colpe di pochi ricadono su tutti per effetto di una falsa amplificazione. “Veci e Bocia” meritano stima e l’adunata è l’unica occasione per far festa, il resto dell’anno lo passano in silenziosa dedizione alla comunità, nel nome della nostra stessa Bandiera e dello spirito alpino.

W GLI ALPINI !!!
 

Precedente I raduni del weekend! - 19 Successivo W la Mamma!!!

0 commenti su “W gli Alpini!!!

  1. Che bella descrizione Gisy!!! Ne ho visti tanti ieri sera di rientro dal veneto…l'autostrada era piena di veicoli diretti a Bergamo….facevano sorridere….non ci sono mai stata ad un adunata ma è vero che fanno venire il buonumore solo a vederli passare con i loro veicoli con bandiere e piume al vento!!!! Spero che oggi non piova e la festa vada tutta ok!!!
    Buona strada a tutti gli Alpini e a chi sarà presente!!! Ciao bbye!!

  2. Ciao Mony
    ci siamo "mancate" di poco allora… davvero bello vederli, mettono davvero allegria; anch'io ne ho incontrati tanti.
    Un collega di Brescia mi ha chiesto cosa vanno a fare, giovedì mattina suo padre è partito da casa diretto all'Adunata, e da casa sua a Bergamo servono 25 minuti… io ho cercato di spiegare che i primi che arrivano preparano per chi verrà dopo, facendo gli onori di casa… ma se non l'aveva mai accompagnato era difficile da capire…
    io e te incontreremmo molti amici… Mario, Gianpiero, Graspa, Marco e tanti altri…
    Se dovesse piovere, Loro non demorderanno, sono addestrati a ben altre difficoltà, senza lamentarsi mai, ma la Festa in parte sarebbe compromessa… quindi "speremo ben!" come dice la Giulia…
    W Gli Alpini!!!

  3. Ciao a tutti."Gli Alpini culla dell'integrazione con l'altruismo nel dna". E su quella tavola, insieme al barbera al lambrusco e al chianti,mettiamoci pure un nero avola e un aglianico del taburno, poi ognuno ci metterà il suo, ne verrà fuori una cantina veramente assorita, e si spazierà da i piu corposi,a quelli piu briosi ,e anche qualcuno  dal  retrogusto un pò amaro.

    Ma tutti vini di quell'Italia che é "Unica e indivisibbile", Che i nostri nonni hanno inizato a fare senza badare a spese ,quando il sanque ancora non era "vino", e che noi vorremmo bercela tutta d'un fiato,sol perche' incapaci di riempire il bicchiere ed insofferenti di vederlo mezzo vuoto. W gli Alpini !!
    LUIGI…

  4. Bellissimo il tuo post Gisy, hai descritto perfettamente il mondo degli Alpini.
    Io frequento la montagna e conosco lo spirito di aggregazione che si respira fra i monti, ma gli Alpini lo sanno portare ovunque si trovino.
    Vorrei andare a Bergamo, almeno una volta nella vita queste esperienze andrebbero vissute…
    Anche a me è capitato di vedere in settimana veicoli provenienti da tutta Italia bardati con cartelli e il tricolore; mi hanno dato dei momenti di gioia e a volte, non lo nascondo, le lacrime agli occhi.
    Sono orgogliosi di essere italiani, anche in questi periodi quando l'amore per la Patria è l'ultima cosa a cui pensiamo…
    Evviva la montagna, le sue tradizioni, la sua gente e i suoi Alpini.!!!!!!!!!!!!!

  5. Ciao a tutti/e, nel 2005 l'Adunata degli Alpini era a Parma!!!
    Festa bellissima e indimenticabile!!!
    Al sabato baldoria: bere e mangiare a volontà!!!
    Alla domenica la sfilata dei vari gruppi!!!
    O ancora una rosa rossa lanciata da un'Alpino durante la sfilata!!!
    Nella vita almeno una volta si deve partecipare all'Adunata degli Alpini!!!
    Se ne avrò l'opportunità parteciperò ad un'altra Adunata!!!
    Ciao Buona Strada Alpini!!!
    Buona Strada a tutti/e!!!

  6. anonimo il said:

    Gli Alpini sono straordinari, e rimangono Alpini "dentro" anche dopo il congedo.
    Essi sono un esempio di altruismo in occasione di calamità, sempre pronti a dare volontariamente un aiuto a chi è in difficoltà.
    Le loro adunate sono bellissime ed ho avuto la fortuna di poterne vedere 2 nella mia città, e di ammirare la loro semplicità ed il loro spirito di amicizia.
    A volte nelle loro adunate si verificano alcuni problemi, ma a crearli sono quasi sempre persone che con lo spirito degli Alpini non ha nulla a che fare.
    La più grande figata l'ho vista all'ultima adunata di Trieste alcuni anni fa: ho visto passare un camion IVECO per il traporto di container, ma al posto del container c'era uno chalet in legno pieno di Alpini, che cantavano le loro canzoni.
    Buona strada e…..se qualche Alpino legge, spero che torniate quanto prima dalle mie parti!
    Marino

  7. graspa190 il said:

    Grazie da un alpino. Gisy hai descritto gli alpini come sono. Reduce da cinque giorni di adunata fa piacere leggere quanto hai scritto. Ritornato stanco ma pieno di soddisfazioni. Grazie Alpini, W gli Alpini W l'talia.


  8. Qualcuno mi ha fatto notare che ho dimenticato un aspetto importante del mondo "alpino": Giuliano Razzoli, campione olimpico e tutti gli altri atleti che questo Corpo dell'esercito ha regalato alla nazione.
    Mi scuso, non era per sminuire, solo una distrazione.
    gisy

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.