C'è posta per noi… una poesia

25052008417Ciao a tutte/i

in realtà, questo testo non è arrivato per posta ma per sms dietro mia richiesta; parlando con una Lady Truck che mi raccontava quando è nata la sua PASSIONE per i camion, ad un certo punto mi "recita" questa filastrocca, che calza a pennello con la sua storia; in attesa che si senta pronta per condividere con noi strada e ricordi, le ho chiesto di pubblicare queste righe da cui traspare l'amore per questa professione, nonostante abbia dovuto lottare per continuare a inseguire il suo sogno, senza permettere a nessuno di distruggerlo… Pubblico le parole semplici che ha voluto dedicare al suo camion…. perchè anche il camion ha " un Anima "….

 

Al mio camion

A cinque anni mi sono innamorata,
a cinque anni ho deciso che ti avrei sposato!

Non sapevo ne dove come ti avrei avuto,
ma ti ho voluto…
ti ho cercato…
ti ho trovato,
e ti ho abbracciato!

Compagno fedele e sempre presente,
sempre pronto a partire portandomi con te.

Ne abbiam fatta di strada e tanta ancora ne faremo,
con l'aiuto del Buon Dio, da qualche parte arriveremo.

L'importante è andare avanti,
rispettando tutti quanti,
abbracciandoci col cuore,
con l'aiuto del Signore!!!


by Stella

 

Buona Convalescenza TANIA!!!

 Ciao a Tutte/i
Le notizie che non si vorrebbe mai sentire sono quelle di quando una di noi subisce un infortunio, ma il nostro lavoro è pieno di rischi e può succedere di farsi male, ora  è in ospedale per qualche giorno, poi andrà a casa, ma dovrà affrontare alcune settimane di convalescenza e speriamo che nel blog trovi un buon passatempo; Le mandiamo un abbraccio per augurarle una pronta guarigione e un’ottima convalescenza e BUONA STRADA Sempre!!!
11032010339
gisy

Una rontonda… per i camionisti!!!

Ciao a tutte/i

su questo blog si è scritto del Monumento al Camionista che i Belli & Budelli si stanno impegnando a realizzare, con determinazione hanno interpellato le istituzioni, gli enti e le associazioni; so che hanno ricevuto tante parole buone ma anche promesse a parole, un pò meno buone, perchè non spendibili… così va il mondo e il nostro ne è un grande specchio. Diverse volte si è parlato che dovrebbe finanziarlo chi ha tratto e trae profitto dal lavoro dei camionisti, malauguratamente anche le disgrazie dovrebbero essere addebitate a chi ha avuto interessi economici dal lavoro della categoria che versa tante vittime. Il Monumento al Camionista vuole essere un luogo dove poter piangere, ricordare o solo portare un fiore a chi ha perso la vita sulla strada, un luogo simbolo, per ricordarli tutti, indistintamente; e per noi Lady Truck, romantiche e sentimentali è il Monumento che ci rappresenta.monumento

Ci fa ugualmente piacere che nel 2006 il Comune di Bologna, una concessionaria di veicoli industriali e un'associazione di categoria, abbiano indetto un concorso per la realizzazione di una rotonda dedicata ai giganti della strada, riconoscendo l'importanza che ha avuto questo settore nello sviluppo economico della zona; Il concorso lo vinse una sassolese:

 

Modenese la vincitrice concorso rotatoria via E.Lepido di Bologna

Sono andati a Costanza Bruini, artista di Modena, i 13.000 euro messi in palio dal Comune di Bologna, nell’ambito del concorso d’arte pubblica ‘Circolare’, bandito per individuare l’opera da realizzare al centro della nuova rotonda di via Marco Emilio Lepido a Borgo Panigale.

Bruini, premiata questa mattina presso l’Urban Center di piazza Maggiore, ha sbaragliato la concorrenza di 13 gruppi (per un totale di 35 partecipanti) che hanno concorso alla gara, presentando i loro progetti.

L’idea della vincitrice è quella di realizzare una scultura dal titolo ‘Giganti della strada’ che raffigura un uomo in marcia con un camion in spalla. L’obiettivo del concorso, infatti, era proporre un’interpretazione dell’identità storica della rotatoria e, in particolare, del ruolo sociale e lavorativo degli autotrasportatori.

La realizzazione del gigante avverrà nell’arco di circa 4 mesi e sarà sostenuta anche da altri sponsor privati, visto che il suo costo sfora il budget messo a disposizione dal Comune. Tutti i 13 progetti presentati al concorso, invece, saranno esposti all’Urban Center per le prossime due settimane e non è escluso che possano essere utilizzate per arredare in futuro altre rotonde della città

Ora il progetto ha preso forma, dovrebbe arginare il degrado che c'è in quella zona, considerata "terra di nessuno" per troppo tempo, un compito troppo grande per una rotonda, ma in Emilia è normale circolare in cerchio attorno a enormi forme di formaggio parmigiano, grappoli d'uva, maialini, macchinari e costruzioni in piastrelle e una a ricordare il camionista non guasta.

 Inaugurato alla rotonda di Borgo Panigale il 'gigante della strada'
Mer 7 Lug – 19,30
Inaugurato alla rotonda di Borgo Panigale il 'gigante della strada'
Bologna, 7 luglio 2010 – E' stato inaugurato oggi il grande monumento in onore degli autotrasportatori. Si tratta di una mega installazione – rivestita di alluminio, alta nove metri, del peso di 8 tonnellate e mezzo – che rappresenta un uomo con sopra un vero 'bisonte della strada': un camion modello Daf con 20 anni di onorata carriera. L'opera svetta imponente alla rotonda di Borgo Panigale, sulla via Emilia.
 
Il taglio del nastro si è tenuto oggi in un punto simbolo dell'autotrasporto bolognese: è alla Pioppa infatti che si sono svolte fin dagli anni 70 le più importanti manifestazioni sindacali delle imprese dell'autotrasporto a Bologna. L'operazione 'Giganti della strada' è iniziata nel 2006. Il concorso d'arte pubblica è stato lanciato dal Comune di Bologna e, visto che riguardava "la rotonda degli autotrasportatori", dalla Cna Fita, l'associazione – sottolinea un comunica della Cna – più rappresentativa dell'autotrasporto bolognese.
 
L'opera vincente è nata da un'idea dell'artista modenese Andrea Capucci ed è stata sviluppata da un team composto da Agnese Gemma Barbieri (architetto), Costanza Bruini (architetto), Francesco Bursi (ingegnere), Antonio Ruggerini (ingegnere), Alessandro Zomparelli (designer informatico). La scultura è stata poi realizzata dalla ditta Pietro Ruggerini di Rubiera (Reggio Emilia), su progetto esecutivo di uno staff composto da Augusto Ruggerini, Luciano Manes, Vito Antonio Lazazzara.
 
La scultura è rivestita di 60 fogli di alluminio (ne sono stati utilizzati tre quintali), saldati e bullonati, su di una struttura portante principale. Considerando anche il camion posto sulle spalle del gigante, l'opera è alta complessivamente dieci metri. L'opera si è 'autofinanziata' grazie all' intervento di numerosi sponsor e al sostegno di tante imprese dell'autotrasporto e della logistica bolognese.

Non basterà una rotonda a ridarci la dignità e il rispetto della collettività, che aveva il camionista quando io ero bambina, ma è comunque un primo passo, forse un pò costoso, quello sì.
Non pensino gli amici B & B che questo monumento tolga importanza ai loro sforzi, anzi prova il fatto che la necessità di avere un luogo per ricordare il sacrificio del Camionista è sentita in diverse parti d'Italia e a loro è affidato il duro compito di realizzarlo.

BUONA STRADA a Tutti i Camionisti e le Camioniste!!!