Grande VALE…

 Ciao a tutte/i
Riflettendo su come può riprendersi un Campione vittima di un grave incidente, in breve tempo, rispetto un comune mortale; è stato davvero emozionante rivederlo in sella alla sua moto e lottare per un piazzamento, avrebbe potuto prendersi tempi più lunghi e nessuno avrebbe potuto biasimarlo…a parte chi ha da criticare a priori, specie molto diffusa anche fra i tifosi sportivi.Valentino rossi
Vale ci ha regalato un bello spettacolo e lo abbiamo gustato in ogni minuto; speriamo sia così anche oggi; l’amaro in bocca arriva quando i pensieri continuano a correre e ci si chiede quanto tempo ci avrebbe impiegato un camionista, con le stesse identiche fratture, vittima di un incidente stradale a riprendersi fino ad essere di nuovo al volante???? Lo so, è un paragone assurdo, ma io di camion vivo, mi mantengo e alla fine il confronto mi viene naturale… Il Camionista sarebbe ancora errante per le varie strutture sanitarie ad affrontare più burocrazie che terapie… Inail a parte, il percorso delle consulenze specialistiche non è semplice, diagnosi e terapie al passo delle tartarughe, quelle che Vale ama così tanto… Il Gran Premio è passato da qualche giorno e il pensiero del camionista infortunato all’inizio di giugno è ancora ricorrente… sarà perché capita anche alle Lady Truck di farsi male. Come Tania in questo periodo, ed altre in precedenza, Cate, Rò, Elda,  …il nostro saluto: Buona Strada, include anche lo scongiuro di non farsi mai male… e in caso succeda, recuperare bene e in tempi brevi.
 
A proposito… Tania ha fatto rientro a casa e le auguriamo, da queste pagine, una rapida e completa guarigione. … naturalmente:     BUONA STRADA!!!

 

Il Grifone sugli schermi

 
Il camion appare spesso sugli schermi cinematografici, anche nella veste del protagonista, come accade in Duel di Stephen Spielberg. Scania ha fatto un censimento delle apparizioni dei suoi modelli sotto i riflettori degli studios, ricavando una filmografia cucita intorno al Grifone. Ve la proponiamo.

Extras – 2005: uno Scania N113 serve come sala da pranzo in una serie TV di Ricky Gervais
Ronin – 1998: uno Scania 93M allestito con betoniera è un ostacolo durante un inseguimento nelle strade di Parigi in questo film interpretato da Robert De Niro e Jean Reno. Notiamo che il regista Frankenheimer ha girato le scene d'inseguimento dal vivo, sul luogo ed a velocità reale, senza interventi del computer.
National Treasure: Book of Secrets (Il mistero delle pagine perdute) – 2007: uno Scania 94D è protagonista di un inseguimento nelle strade di Londra in questo film interpretato da Nicolas Cage e Jon Voight
I Spy (Le spie) – 2002: Uno Scania Serie 4 appare in questo film di Eddie Murphy basato su una serie degli anni Sessanta.
The Last King of Scotland (L'ultimo re di Scozia) – 2006: uno Scania L80 del 1975 allestito come autopompa si vede nello sfondo di un aeroporto, in questo film sul dittatore africano Amin Dada.
Mr Bean's Holiday (Le vacanze di Mr Bean) – 2007: Uno Scania 124G viaggia sullo sfondo mentre il protagonista giunge sulla Riviera francese.
Unit One – 2000-2003: un trattore Scania R124 Topline traina un semirimorchio della polizia adibito ad ufficio mobile e stanza degli interrogatori in questa serie tv danese, che ha vinto il premio Emmy.

IL GRIFONE sullo schermo è tratto da Camionsfera.it

Chiodovideo – 1

Ciao a tutte/i
da un pò non mettiamo video di Chiodo, rimedio subito con l'ultimo che ha pubblicato:

 oltre a questo di qualche tempo fa, ma sempre attuale…

 GRAZIE CHIODO per la condivisione dei tuoi viaggi e BUONA STRADA Sempre!!!
gisy

Codice della strada 2010

 

Codice della Strada: le norme subito in vigore

No alcol ai neo patentati e… multe territoriali.
Zero alcol per i neopatentati; decisogiro di vite sulla questione minicar; rateizzazione delle multe superiori a 200 euro per iredditi più bassi; aumento della periodicità dellevisite per il rinnovo della patente degli automobilistipiù anziani; "federalismo stradale" sui proventi da autovelox.
Ecco gli emendamenti sulle novità al Codice della Strada che sono stati approvati, ieri, dalla Commissione Trasporti alla Camera, e che diventerannoimmediatamente operativi. Il provvedimento, ora, è atteso al via libera, prima della lettura al Senato.
Si tratta, per lo più, di provvedimenti più volte indicati, in passato; e per i quali se ne attendeva una ratifica ufficiale, in modo da entrare immediatamente in vigore.

Neopatentati: vietato bere

Confermato iltasso zero per gli automobilisti in possesso di patente dameno di tre anni: non potranno assumere alcolici. Stesso provvedimento per gli autisti professionali, con ripercussioni anche sul lavoro: gliautotrasportatori dipendenti di aziende, che saranno pizzicati con una quantità anche minima di alcol nel sangue, verranno licenziati.
  
Reddito basso, multa a rate
E' stato alzato l'importo minimo per le contravvenzioni che potranno esserepagate a rate dagli automobilisti che denunceranno un reddito basso (fino a 10.628,16 euro): questo, infatti, passada 150 a 200 euro. Quanto alla confisca del veicolo, questa avrà carattere di misura di sicurezza, e non di sanzione accessoria.

Over 80 al volante: visita ogni due anni

Per la questione degli automobilisti più in avanti con l'età, è stato deciso che gli ultraottantenni potranno ottenere il rinnovo della patente solo dopo una visita medica ogni due anni. E' stata portata da 65 a 68 anni, solo dopo l'esito positivo di una visita medica annuale, l'età massima consentita per la guida di automezzi per il trasporto di persone o di cose, autotreni e autoarticolati con massa inferiore a20 tonnellate. Da ricordare che il Senato aveva approvato questa normativa, ma solo per i conducenti di autobus e fino a 70 anni.

Minicar: cinture e… sanzioni per chi le trucca

Ecco il provvedimento relativo ai quadricicli a motore: le minicar che, negli ultimi mesi, sono salite alla ribalta della cronaca. Entra subito in vigore l'inasprimento delle sanzioni per chi produce, mette in commercio o elabora le minicar per far loro raggiungere velocità massimeoltre 45 km/h. Allo stesso modo, entra subito in vigore ildivieto di mettersi alla guida di una minicar (ma anche di un ciclomotore), se la patente è stata revocata. E, dai prossimi giorni, sarà obbligatorio il montaggio e l'utilizzo dellecinture di sicurezza a bordo delle minicar.

Autovelox: via al "federalismo stradale"

L'importo delle multe a carico di chi viene "fotografato" andranno per il 50% al Comune nel cui territorio è montato l'autovelox, e per l'altro 50% alle competenze territoriali dell'Ente proprietario della strada. In pratica, un "federalismo stradale". Sarà, poi, di competenza deiprefetti la decisione su dove posizionare gli autovelox, fuori dai centri abitati. I proventi delle sanzioni, indica un emendamento che è stato approvato, dovranno essere utilizzati dai Comuni per la manutenzione delle strade, la loro messa in sicurezza, l'adeguamento degli impianti e delle infrastrutture, segnaletica, barriere e spese per il personale. "No", dunque, ad arredi urbani e pertinenze.

Test antidroga

Gli accertamenti per stabilire se l'automobilista sottoposto a controllo sia sotto l'effetto di sostanze stupefacenti si faranno sulla saliva e non più sulle mucose. In più, l'aumento di un terzo delle multe commesse fra le 2 di notte e le 6 del mattino, con tasso alcolemico fino a 0,8 g/l è stato cancellato…
Origine: Motori.it
 

Overland 12 arriva e parte il 13.

  
 

  •  

OVERLAND 12: MISSIONE COMPIUTA


 Italia-Africa
 
Con l'arrivo a Roma e la cerimonia presso il Ministero degli Affari Esteri si è conclusa ufficialmente Overland 12, la spedizione che ha portato quest'anno i veicoli Iveco ad affrontare l'esplorazione dello sconfinato continente africano, lungo un percorso difficile e ricco di insidie che coniuga il fascino dell'avventura a finalità umanitarie.
La flotta, composta da veicoli, nella classica livrea color arancione che li ha resi famosi, della nuova gamma off-road e dai 2 dei mitici "musoni" 330.30 ANW 6×6, appositamente ricondizionati, dopo tanti anni e tante spedizioni, è giunta a Roma dopo aver percorso oltre 50.000 chilometri attraverso 30 Paesi.
Un itinerario che ha portato veicoli e partecipanti alla spedizione, capitanata da Beppe Tenti (composta da un nucleo di 16 persone divise su quattro turni, per un totale di oltre 40), a percorrere tutto il continente sino al Sud Africa per poi risalire, attraversando l'Africa centrale, sino all'Egitto prima di concludere il viaggio a Roma. Un itinerario affascinante e ambizioso, sia per le distanze, sia per l'asperità di molti tratti stradali, oltre che per le barriere geografiche incontrate lungo il tragitto, in territori complessi dal punto di vista ambientale, di sicurezza e logistica ma sicuramente ricchissimi per la varietà di popolazioni, paesaggi e fauna. Alle difficoltà delle piste africane, attraverso deserti, savane e foreste, si sono aggiunte quelle derivate dall'anticipo della stagione delle grandi piogge che ha messo a dura prova l'affidabilità e la robustezza dei veicoli, tanto che la dodicesima edizione di Overland è da considerarsi l'avventura di gran lunga più impegnativa, ma per questo anche più affascinante, rispetto a tutte le altre. Overland è da sempre molto attenta anche all'aspetto umanitario della spedizione e anche in questa edizione ha quindi cercato, per quanto possibile, di aiutare le popolazioni che incontrava sul proprio tragitto. A questo aspetto della missione era dedicato un Daily, appositamente attrezzato, sul quale si sono alternati quattro medici dell'area rianimazione e pronto soccorso dell'Università di Parma che hanno raccolto dati statistici e portato nuove conoscenze, grazie ad avanzate tecniche di telemedicina. In questo modo è stato possibile aiutare i tanti avamposti medici raggiunti nel corso della spedizione, ma soprattutto compiere un intervento di promozione della salute materno-infantile e della prevenzione e di cura di alcune delle principali malattie che colpiscono il continente africano. Dopo aver seguito tutto il lungo viaggio sul sito Iveco www.iveco.com, gli appassionati potranno seguire l'attraversamento delle tante Nazioni africane e la performance dei mezzi Iveco, in quella che può essere considerata la sfida più difficile della lunga storia di Overland, attraverso la serie tv di Rai Uno appositamente dedicata che andrà in onda tra breve.

Questa pagina viene   da  Tuttotrasporti.it

Buona Strada a Overland !3 a bordo dei Piaggio!!!