Buon Compleanno RENATO!!!


 

 Ciao a tutte/i
Dopo tanti post che dimostrano, a parere di qualcuno, quanto sono distante dal mondo del trasporto, ne do conferma scrivendo un post a celebrare uno dei miei cantautori preferiti, in occasione del suo compleanno: un piccolo regalo, da parte mia e di cui lui non saprà mai….
In tutti gli anni che ho frequentato la capitale, ho sentito mille storie su di lui, non saprei neanche dire quali vere e quali no, ma unico comune denominatore in tutte che aiutava tante persone economicamente ,  sia sostenendo le famiglie che i centri di aggregazione… e non lo chiamano come noi, Renato nei quartieri di  Roma è il POETA.
Ho viaggiato spesso con la sua voce in sottofondo, kilometri e kilometri in buona compagnia, le parole dolcissime a cui unire i propri pensieri e farne un mix, la voce di tante notti insonni a descrivere emozioni e sentimenti…
Per festeggiare il suo compleanno, ho scelto una canzone quasi sconosciuta in cui descrive un viaggio con un amico camionista che a un certo punto lascia solo perché ha fatto un incontro intrigante… BUONA STRADA a RENATO e a tutti coloro a cui ha dato emozioni!!!

 

Non ho dormito e vado via innocente
L’alba spia sulla ghiaia i passi miei
Come i primi mia madre lei
E lascio tutto come sta alla sua immobilità
Hai la maglia non ce l’hai
Chi è al telefono? Che fai?
Sempre gnocchi il giovedì
Se stai al cesso tutti li
Ma io no
Non si può respirare su misura
Soffocare in quattro mura…
L’autostrada corre là
Non so neanche dove va
Sa di nafta la mia libertà
Non sarà né Mercedes né una Porsche
Camionista ferma dai
Che un sacco in più sul tuo carico avrai
Di sudore e Gauloises
Di mignotte state qua
E di vino la tua branda sa
E sarà una foto di playboy
O la vergine Maria
A indicarti la via.
Uno scossone e salto giù
Dove siamo io non so
Più forse ho sognato forse no
Probabilmente andiamo al nord
È li che porto questa faccia mia
Camionista il pieno e via!
L’autostrada corre la
E quanta vita smisterà
Divora asfalto giorni e umanità
Girerà anche la fortuna mia
Camionista ferma
Che se lei ci sta sento che cambierà.
Clandestina come me
Morde il fango e sputa via
Questa nafta che non va più via
Anche lei stessa rabbia di città
Anche lei si fermerà buona fortuna a te …
Amico io scendo qua