Crea sito
Nessun
commento

Si torna ai contanti…

  

 Ciao a tutte/i
leggendo questo articolo mi è venuta in mente la conversazione telefonica con una collega della settimana scorsa, si torna indietro anzichè andare avanti… avevamo raggiunto le condizioni per viaggiare con poco contante in cabina, tessere, bancomat, carte di credito e telepass ci agevolavano ed ora si dovrebbe tornare a riempire il portafoglio perchè si potrebbe incorrere in una sanzione che prevede il pagamento in contanti; mi tornano in mente le lacrime di rabbia quando in meno di una settimana, con due camion diversi e diversa dinamica ci ho rimesso due borse e parecchie centinaia di euro… la stessa pattuglia che raccolse la denuncia disse che in un momento di crisi, i camionisti rimanevano un facile bersaglio perchè dovendo viaggiare hanno sempre cifre che gli permettano di far fronte alle necessità e i "professionisti" lo sanno bene.
Altro discorso per la merce, che in caso di sequestro del mezzo o semplice ritardo per un fermo di ore,  verrà consegnata in ritardo o avariarsi…;
spesso poi l'autista ha informato l'azienda delle avarie del mezzo ma non sono state eseguite le riparazioni e se rifiuta di partire viene "ricattato" che fuori c'è la fila di altri conducenti pronti a partire…
Senza portare il discorso su rappresentanti dello Stato che hanno infangato la loro categoria "bevendo" caffè più o meno costosi… ;
A voi le considerazioni, su questa parte delle modifiche del codice della Strada in vigora da alcune settimane, ma che portano sempre e solo a colpire i Camion, più controlli possono portare al rispetto delle normative e reprimere le infrazioni, ma lo stesso Ente che legifera dovrebbe anche considerare che se i trasporti venissero retribuiti col giusto ricavo, molte di esse non verrebbero commesse.5banconote[1]

Pagamenti su strada solo in contanti
 
 03 settembre 2010
Il nuovo CdS impone in alcuni casi l'immediato pagamento della sanzione, pena il fermo del camion. Ma la Polizia non ha i Pos per le carte di credito.
 
La riscrittura dell'articolo 39 del Codice della Strada è nata per evitare il mancato pagamento delle sanzioni da parte degli autotrasportatori stranieri, ma può rivelarsi un boomerang per le imprese italiane. Infatti, come rileva TrasportoUnito, la norma vale per tutti i veicoli sanzionati ed in alcuni casi prevede il fermo del camion in caso di mancato pagamento. Pagamento che, però, allo stato attuale deve essere effettuato solo in contanti, perché le Forze di Polizia non sono attrezzate per ricevere pagamenti con moneta elettronica (bancomat o carta di credito).
 
Quindi, gli autisti dovranno tornare a riempire i portafogli di contante, dopo che negli anni scorsi si erano progressivamente "sgonfiati" grazie all'utilizzo delle carte di credito per l'acquisto di carburante e per il pagamento dei pedaggi. Ciò comporta per l'impresa sia un'immobilizzazione di capitale (in un periodo di scarsa liquidità), sia il pericolo di furti e rapine. L'alternativa è dedicare una risorsa aziendale che accorra in tutta la Penisola a sbloccare i veicoli fermati.
 
"Il provvedimento pone anche alcuni dubbi di legittimità", spiega Maurizio Longo, segretario generale di Trasportounito. "Il fermo amministrativo propone una sproporzione fra il valore della sanzione e quello del mezzo posto sotto sequestro ed alle merci che si trovano a bordo. Inoltre, siamo di fronte ad una difformità di trattamento tra chi guida un'autovettura e un veicolo pesante. Tra l'altro, il fermo amministrativo del veicolo, in attesa del pagamento della cauzione in denaro contante, espone l'impresa di autotrasporto anche al rischio d'inadempimento del servizio, del ritardo nella consegna, se non addirittura delle responsabilità per avaria della merce".  

Tratto da: Trasporto Europa
 
 
 
 

About The Author

No Comments

  1. sosladydriver ha detto:

    sarebbe proprio il caso di approfondire, perchè una legge nata per far pagare le multe agli stranieri, non è detto che sia implicitamente allargata a tutte le ditte italiane …. è vero anche che il recupero crediti di questi tempi è difficile anche presso le ditte italiane….

    ….è vero anche che ti può capitare di essere fermato ed essere tranquillo perchè sei in regola con le ore e ti ritrovi una multa di 146 euro perchè non hai a bordo il foglio delle ferie!  Come vedete si creano delle situazioni veramente ridicole per rendere la vita difficile a chi fa questo lavoro! Poi c'è sempre chi, nella casistica opposta meritevole di pagine e pagine di verbale, non viene mai fermato!

  2. anonimo ha detto:

    e un portone aparto per reintrodurre il caffffffffeeeeeee

  3. anonimo ha detto:

    ho dimenticato di firmare j.paul ctc

  4. gisytruck ha detto:

    Ciao J.Paul, ho pensato la stessa cosa;
    in realtà i caffè di tanti viaggi
    mi fanno ricordare anche un certo  buon senso in tante valutazioni… se mancava un documento la prossima volta il caffè non sarebbe servito ad evitare il verbale; non è per piagnucolare ma ricordo più buon senso e meno arroganza in quelle pattuglie, quella che invece ho trovato nella maggioranza delle pattuglie che mi hanno fermato negli ultimi tempi (4 settimane), le ferie non hanno dato loro nessuna serenità e le disposizioni di colpire i mezzi pesanti adibiti al trasporto per conto terzi che è venuto dalle istituzioni lo applicano alla lettera… "maiuscola":
    Buona Strada!!!

Leave A Reply