Non sempre colpevoli…

Ciao Lady

questo è uno dei video di Fabio, figlio di camionista, con semplici parole esprime uno dei concetti che noi ribadiamo da sempre, lo fa con lo strumento che conosce e parole semplici, un grande messaggio  che viene da un giovanissimo e che merita diffusione…

Grazie Fabio, bel video & splendido messaggio!!!

Proprio ieri notte sull'A1 un collega ci ha lasciato la vita e altri l'hanno rischiata; nazionalità e dinamiche sotto i riflettori, il giornale scrive che il primo ha causato un incidente, uno dei camion si è intraversato, formando un "tappo su cui gli altri sono andati a sbattere… ma la realtà, forse, la sa solo chi era presente e neanche tutti, altrimenti avrebbero cercato di evitare l'impatto… in ogni caso non siamo coinvolti da dover a tutti costi avere una spiegazione logica,  per me un collega ha perso la vita e altri due sono gravemente feriti; meritano di essere considerati VITTIME SUL LAVORO, una semplice frase ma contiene una DIGNITA', quella dell'uomo uscito di casa per andare al lavoro e mai più tornato ad abbracciare i familiari.
Non m'interessa leggere nazionalità e professionalità, se non era in grado di svolgere quel lavoro, qualcuno lo aveva permesso… qualcuno gli ha dato patente e cqc & qualcun altro un mezzo da guidare e sono altrettanto colpevoli, ma chi conferma che non si è trovato davanti un veicolo a 30km orari, praticamente "fermo" che se n'è andato tranquillamente senza essere coivolto… di notte succede spesso di raggiunger "lumache"…ma ci sono figure preposte a questi compiti e speriamo svolgano bene, con professionalità il loro lavoro…

Il lavoro è un diritto, come la vita, come lo studio e uno non deve togliere l'altro!!!

BUONA STRADA a Tutte/i!!!

Precedente Buona Strada... anche l'ultima. Successivo Dal web - 3

0 commenti su “Non sempre colpevoli…

  1. Le immagini di questo video sono impressionanti.
    Spesso i camion non sono colpevoli degli incidenti…sono "semplicemente" coinvolti…ma tutte e due le parole cominciano con la C e alla fine per chi guarda il risultato non cambia: distruzione. 
    Purtroppo  a tanti non sembra che siamo in giro per "lavorare", nello stesso modo in cui altri vanno in fabbrica, o in ufficio, o in negozio…. a tanti sembra che siamo in giro solo a dare fastidio a loro.
    Cambierà mai questa mentalità? Un giorno saremo anche noi "semplici" lavoratori come tutti gli altri? Capiranno mai che il nostro luogo di lavoro è la strada? Che oltre ai doveri abbiamo anche gli stessi diritti di dignità degli altri lavoratori?
    Io ho smesso di crederci, cerco di comportarmi bene, ma troppo spesso mi scontro con situazioni di pericolo che non sono io a creare…
    La Buona Strada che auguro sempre a tutti è quella fatta di rispetto tra tutti gli utenti della strada…. facile a parole, difficile nella pratica.
    Mi fermo qui, non voglio diventare troppo polemica….
    Di nuovo, buona strada!

  2. luciano64 il said:

    Immagini che parlano da sole,sempre colpa dei camion,ma abbiamo mai fatto 2 conti per vedere nelle nostre strade che percentuale di camion girano in proporzione a tutto il parco mezzi che gira? E molto piu' facile per un mezzo pesante essere coinvolto in un sinistro.E facile poi puntare il dito.
    Rispettiamo questa BRAVA gente che lavora per il bene del paese e che ci fa trovare sempre tutto pronto per ogni bene di cui abbiamo bisogno

  3. Proprio ieri sul quotidiano si parlava di un incidente in A1, dove un'auto ha causato una carambola e i due autisti di furgoni sono morti, il conducente del camion coinvolto per fortuna illeso… non sempre colpevoli.
    I mezzi pesanti sono coinvolti in quasi l'8% dei sinistri e la maggior parte succede nei centri abitati, dove quasi sempre il traffico è precluso ai camion; sarebbe però interessante sapere se quell'8% è inteso come "veicoli destinato al trasporto di merce" perchè comprenderebbe anche tutti quelli di PTT inferiore alle 3,5, e il numero sarebbe molto maggiore rispetto a quelli che le superano.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.