Dal mio diario di bordo – Venerdi 29 aprile 2011 – Uno sfogo…

Stanotte ho dormito sulla corsia di uscita dell'area di servizio Rubicone. Alle nove e venti di sera non c'era già più posto nei parcheggi nelle strisce e nemmeno fuori.
Bella l'Italia che si adegua alle leggi europee sulle soste obbligatorie e le SANZIONA ma non ti fa i parcheggi.
Quando mi sono svegliata, davanti a me c'erano due bilici. Uno era quasi in autostrada. Alla faccia della sicurezza.
E non mi dite: "Dovevi fermarti prima se sai che quell'area di servizio non è tanto grande". Perchè io ho il DIRITTO di sfruttare le mie ore di guida e se mi fermavo prima oggi non avevo ore a sufficienza per arrivare a casa e mi toccava un'altra notte fuori…
No, non è cosi che deve funzionare.
Anche perchè è venerdi e avevo messo in conto la coda che immancabilmente avrei fatto sulla tangenziale Ovest di Milano. Difatti ci sono voluti tre quarti d'ora in più del solito. Eravamo in coda già dalla rampa di svincolo dell'Autosole fino a Settimo…E meno male che ora c'è l'alternativa all'Autolaghi e si può passare da Mesero direzione Malpensa e si recupera qualcosa anche se è più lunga.
No, non è cosi che deve funzionare.
Il "DIRITTO" al riposo giornaliero non deve essere un problema. A volte rinnovano le aree di servizio, stanno chiuse per mesi e quando le riaprono invece di 5 posti per i camion ce ne sono 10 e ti dicono che hanno aumentato i parcheggi del 100%.
Vero. Ma io quando sento dire queste cose mi sento presa un pò per il "c . . o"!!!!
Conosco un'area di servizio in cui entrando  e seguendo la corsia per i camion  ti ritrovavi sotto le pompe del carburante e poi sull'uscita. E i parcheggi? Non ce ne sono!!! WOW!!! Io li non mi fermo più!
Un amico mi dice di non lamentarmi, "Lo sai che è cosi, hai ragione, ma che cosa ci vuoi fare?"
Non lo so, magari parcheggi nuovi? Sono 25 anni che giro e il problema è sempre lo stesso.
E' vero, hanno fatto posti come l'autoparco di Brescia Est, ma sono mosche bianche. Non ne basta uno là!!
Ce ne vorrebbe uno ogni cento chilometri come minimo!!
E per fortuna che in alcune zone ci sono Ristoranti con grandi parcheggi, altrimenti saremmo veramente rovinati!!!
Che il problema sia che i parcheggi per i camion non creano sufficienti introiti a chi li fa? Ho paura di si…
E la sicurezza stradale? Quella in che conto la mettiamo?
Vabbè, buona strada a tutti, scusate lo sfogo… ora arriva la bella stagione e dovremo sgomitare anche con i camper e le auto con roulotte al seguito che occupano i nostri posti…perchè anche per loro non ce ne sono!!! E anche questo non è mica tanto giusto…

Precedente da "PASSIONE TRUCK" Successivo Donne & Camion...nel mondo...6

2 commenti su “Dal mio diario di bordo – Venerdi 29 aprile 2011 – Uno sfogo…

  1. ciao Mony hai perfettamente ragione! viviamo in un mondo di DOVERI di chi lavora che avrebbe bisogno di essere ascoltato, d'altra parte di DIRITTI di chi ha il coltello dalla parte del manico ovvero le istituzioni, chi legifera, chi parla tanto e fa nulla. Un esempio? i divieti di circolazione per i mezzi pesanti nei paesi. Prima fanno il segnale e poi forse faranno una deviazione o un percorso alternativo e sei costretto a volte a girare così senza una direzione e un percorso adeguato, in Veneto è spesso così ahimè. E' giusto lamentarsi e non sempre adeguarsi, ok non si può cambiare il mondo ma bisogna pur cominciare a farsi valere. E' triste trovarsi in certe situazioni in cui non puoi riposarti adeguatamente perchè per le ore di impegno devi sbrigarti a far tutto oppure quando saresti vicino a casa non riesci più ad arrivare, quando ti fermi non trovi posto, quando trovi posto non trovi dei servizi a te indispensabili come il mangiare e il poter andare in bagno…  fortunatamente ci sono gli autoparchi e quello di Brescia est è veramente un paradiso vedendo in giro cosa che c'è anzi che non c'è! consiglio sempre a tutti di andarci se per qualsiasi motivo un collega si dovesse trovare nei dintorni e non sa dove ristorarsi, riposarsi o anche poter sganciare il rimorchio evitando multe come capita alla sottoscritta   La prima ora è gratis e ci sono tutte le comodità che un autista possa desiderare, provare per credere!!!

  2. anonimo il said:

    Il brutto di questo paese è che a volte ti ritrovi tra l'incudine ed il martello, il tuo racconto è un esempio di queste situazioni.
    Il nostro paese è molto europeo per i divieti e restrizioni, molto meno europeo quando si tratta di adeguarsi agli altri paesi che offrono ai cittadini servizi e strutture come si deve.
    Ciao.
    Marino

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.