La Strada… dello sciopero

Ciao Lady
non ho mai parlato dello sciopero indetto da Trasportounito da domani in poi, come non lo abbiamo fatto in altre occasioni per altre sigle, la motivazione è sempre la stessa, ogni Lady è iscritta dove preferisce e non ci sono preferenze sindacali in questo blog ,qui ci sono persone attive in diversi sindacati, direi che è l'unico punto d'incontro senza contraddizioni, solo accordo: non è il luogo predisposto a confronti sindacali!
Oggi però leggendo questo mi sono venute in mente le difficoltà di tante di noi:

http://www.trasportale.it/news/leggi-news.php?id=20838

Non sono iscritta al sindacato da diverso tempo, pago le consulenze e i servizi ogni volta proprio per non avere vincoli e per essere in disaccordo con personaggi che dichiarano che si è fatto molto per il mondo del trasporto e scioperare non è giusto… che il governo ha fatto e sta facendo molto per la ripresa, bhè io vedo e sento solo aziende che chiudono o sono in perdita e non hanno i soldi per pagare gli autisti, a cui vengono ritirati gli affidamenti e nei casi peggiori anche i mezzi… non si tratta di casi isolati, ma di tantissime aziende che cercano di sopravvivere e hanno trascorso gli ultimi due anni a cercare di limitare i danni… Non posso quindi credere a ministri, sottosegretari e presidenti di sindacati, mi spiace, ma TROPPE BUGIE…
Dov'è l'accesso al credito?
Dov'è la garanzia ai pagamenti?
Dov'è il compenso adeguato al servizio?
Dov'è la tutela dell'imprenditore artigiano?

Io vedo solo accanimento sulle strade, pattuglie appositamente formate e munite di "schede" di controllo per mezzi adibiti al trasporto di merci per conto terzi, ma anche lì con una forbice che esclude certe aziende…
Difficile credere a chi dice che questo sciopero non è il giusto strumento e propone il nulla in cambio…

Scioperare è un DIRITTO !!!

La STRADA per Medjugorje

Ciao Lady

ripetiamo sempre e ce siamo consapevoli da sempre che siamo un gruppo di persone estremamente diverse una dall'altra: per provenienza, per età, per cultura e anche per credenza, condividiamo passione e percorsi, ognuna mantenendo la propria vita ma sempre ascoltando volentieri le esperienze delle altre come una crescita… Anche per chi non è credente, anche per chi crede in altro…

Ho conosciuto Stella prima della sua metamorfosi e sono rimasta colpita dall'energia positiva che trasmette parlando ora, le ho chiesto di scrivere le sue senzazioni per queste pagine…


"Sono trascorsi trenta anni da quando ebbero inizio i fatti "misteriosi" di MEDJUGORJE.
Il pomerigio del 24 giugno 1981, alcuni ragazzini di un paesino sconosciuto della Bosnia-Erzegovina,dissero di aver visto la MADONNA. E iniziò un fenomeno che poi è diventato valanga inarrestabile. Allora quel paesino era sotto il regime comunista che tentò in ogni modo di soffocare quanto i veggenti dicevano. Ma la flebile fiamma accesa dai balbettii di quei ragazzini divenne fuoco, incendio, terremoto e continua a correre per le vie del mondo".Madonna_di_Medjugorje_1E' con l'inizio della prefazione del libro "A MEDJUGORJE LA MADONNA E' VIVA" che voglio iniziare a raccontarvi quella che è stata la mia esperienza là, su quel monte, su quella terra dove ancora oggi la Madonna ci parla e ci consola.
Ho sempre creduto in DIO e ho sempre avuto la certezza che lassù qualcuno mi amava, ma non pensavo mai fino a che punto……..
Quando nel giugno dell'anno scorso mi trovai a casa della mia madrina di cresima, sapendo che loro erano ormai decenni che si recavano a Medjugorje mi uscì spontaneo chiederle quando saremmo andati a trovare la Madonnina. Mi rispose "ad agosto per la festa del 15, vuoi venire?". Senza pensarci su due volte, risposi di SI, e, arrivato agosto presi mia mamma e mi imbarcai per Dubronik. L'11 agosto ero a Medjugorje con il cuore pieno di entusiasmo e la sera corsi sul Podbro(la collina delle apparizioni) con un elenco di nomi, erano i nomi di tutte le persone che sapendo che sarei andata là, mi avevano raccomandato i saluti per la Madre Celeste. Inginocchiata d'avanti alla Madonna pregai per quella gente e quando finì l'elenco continuai a pregare per tutte le mie colleghe e colleghi, per tutti quelli che incrociavo giornalmente sulla strada, per quelli che non avrei mai conosciuto e incrociato e sopratutto mi ritrovai a pregare per tutte le persone che mi avrebbero potuto far del male. Ebbene si, soprattutto per colui che pensava di avermi sopraffatta, che si era impegnato a distruggermi la vita calunniandomi e offendendomi, dopo avermi anche picchiata, io davanti alla Mamma Celeste ho pregato anche per lui.
Perdonando lui mi sono accorta di essermi liberata da quella rabbia e quel rancore che offuscava il cuore mio. Ma non me ne sono mica accorta subito…..
Davanti al Cristo Risorto mi sono ritrovata a piangere disperatamente. Non vedevo le lacrime su suo ginocchio(è dal 1994 che dal ginocchio del Cristo escono lacrime umane) e sentendomi indegna del suo amore volevo scomparire per quanto mi rendevo conto di essere piccola e misera. E mentre mi crepavo di pianti sentii una voce dietro di me che mi diceva "Non piangere, LUI ti ama, ti ama tantissimo se solo tu sapessi quanto LUI ti ama…..", mi ritrovai abbracciata ad una ragazza che non conoscevo e insieme ci siamo sedute a leggere un brano della Bibbia. Ragazze , voi non ci crederete ma quel Cristo mi aveva abbracciata come mai uomo avesse fatto prima e mentre io ero disperata mi ha mandato un'anima bella a consolarmi ed a dirmi che Lui mi amava!!!!! Tornai alla casa con il cuore gonfio di gioia e una felicita indescrivibile, mi sarei resa conto in seguito che quelle lacrime oltre agli occhi mi avevano lavato l'anima da tutte le scorie depositate sopra di essa. Ah, dimenticavo di dire che le lacrime non uscivano quei giorni perché  si avvicinava la festa della Madonna e in quei giorni GESU' è contento e non piange!!
Là con i miei fratelli della comunità ho imparato a pregare ed a lodare DIO, ho imparato l'adorazione al Santissimo Sacramento che non sapevo neanche esistesse, ho messo la mia anima  e il mio cuore nelle mani di Maria e le ho detto" fa' di me quel che vuoi" e da quel giorno vivo nelle grazie del Signore. La Madonna mi ha portato da Suo Figlio e con loro vivo ogni giorno gioia infinita… La mia comunità è bellissima perché è tutta gente che si offre al signore per la salvezza delle anime perse e per le anime del purgatorio. Hanno detto tante cattiverie su Padre Tomislav, ma io ringrazio DIO ogni giorno per avermi fatto conoscere un uomo come lui, un uomo di DIO, un uomo che ogni giorno si offre a DIO per la salvezza delle anime. Un uomo rimasto sempre coerente con se stesso e verso DIO non inseguendo false ideologie e potere ma semplicemente offrendo se stesso pur di portare anime al Signore e ne sta' portando veramente tante, bisognose dell'amore di DIO. E non si può non riconoscere questo!!!!!!!
Lui ci insegna solo a donarci, il resto lo fa il Signore.
Lui ci indica la via e su quella via troviamo GESU' .
Se questo è un male……. il bene qual'è????
Siamo rientrati da MEDJUGORJE il 17 agosto, mia sorella e mia nipote mi prendevano in giro sentendomi parlare con tanta euforia di cio' che avevo vissuto là, ma con il passare dei giorni, dei mesi, loro hanno visto la mia metamorfosi, il mio cambiamento(anche fisico) e si sono convinte che non erano solo illusioni ma che qualcosa di grande era veramente successo. Oggi vivo nella gioia che GESU' ogni giorno mi regala, vivo abbracciata alla Croce che mi solleva da ogni pena, non vivo più nelle angosce dei problemi anche quelli si son fatti più leggeri e vivo amando il Signore e tutta la gente. Non c'è cosa più bella che provare amore verso chiunque. Non c'è cosa più bella dello svegliarsi al mattino e sentire la presenza di Colui che non ci abbandona mai, sentirlo vicino e sentirsi forti con Lui. Si, il Signore è la mia forza, è la mia guida, è il mio tutto e voglio rimanere abbracciata a Lui perche' mi da gioia infinita.00688Dimenticavo di dirvi che quest'anno se DIO vuole, tornero' a Medjugorje e oltre a mamma verra' anche mia sorella e mia nipote. Me lo hanno chiesto senza nessuna forzatura di venire ed io sono felice di portarle con me dalla tanto amata Mamma Celeste. Se non è un dono del Signore questo…. per me è un miracolo perche' mai avrei immaginato tutto ciò. Se noi siam pronte ad accogliere DIO, figuriamoci Lui com'è felice di abbracciarci al Suo Cuore!!!! Gli uomini sono meschini, non mantengono mai le loro promesse e non sono affatto fedeli neanche a se stessi. DIO invece mantiene sempre le sue promesse perche' la sua fedeltà non ha limiti.
Il nostro caro Papa Giovanni Paolo II gridava di non avere paura, di aprire anzi di spalancare le porte a Cristo!!!!!!!!!!!
Se apriamo il nostro cuore Lui ci colmerà di ogni bene.
Non è una favola, è la realta della mia vita!!!
 

Vi abbraccio in Cristo e  vi aspetto in Cristo.

 LEO    STELLA         
 

Donne & camion…nel mondo…8… Sophie Aeterna

Ciao…
Il viaggio tra le colleghe in giro per il mondo continua.
Oggi vi voglio raccontare la storia di
Sophie. La storia di una ragazza che sognava di fare la camionista, anzi, la camionneuse, come si dice in Quebec, dove vive lei. Un sogno inseguito e realizzato, è riuscita ad ottenere i suoi permessi ed andare a lavorare con la TransWest, viaggiare tra il Canada e la California. Fin qui tutto normale, penserete, anche in Italia tante ragazze sognano di fare le camioniste, e qualcuna ci riesce pure!!
Ma la storia di
Sophie è diversa. E’ una storia fatta di tenacia, di desiderio di vivere appieno ogni giorno che la vita le concede, una storia di sogni inseguiti, nonostante tutto. Ed il suo “tutto”, quello che ora l’ha fatta scendere dal camion, si chiama “fibrosi cistica”, una malattia senza cura, una malattia genetica e degenerativa che purtroppo è abbastanza diffusa tra i giovani in Canada. Ho letto nel suo blog, (che seguo da parecchio tempo)  –  http://aeterna09.blogspot.com/la spiegazione di cos’è questo male che per me era quasi sconosciuto, ho letto cosa succede alle persone affette da questa patologia, ho letto dell’età media di vita che hanno, e ho pensato che si, Sophie è davvero una persona speciale. Perché lei non si piange addosso ma continua a vivere per realizzare i suoi sogni e sperare che un giorno, chissà… Sophie ama il camion, ama la vita sul camion, è felice ogni volta che può partire, è felice in ogni momento del viaggio… e non smette di sperare di tornare dietro ad un volante, se i suoi polmoni glielo permetteranno…
Durante i suoi viaggi ha realizzato qualche video, ve ne posto qualcuno (sono immagini bellissime!!!) e vi invito a visitare il suo blog, è scritto in francese, non è difficile da capire, e le sue parole sono speciali!

 

Buona strada a Sophie e a tutte le persone che come lei soffrono di questa malattia, buona strada veramente!