Sempre cittadini di serie B ?

Per la serie : due pesi, due misure…

Ciao,
questa mattina ascoltavo il programma di Emanuela Falcetti su Isoradio. Parlavano della manifestazione di protesta degli autotrasportatori (disperati) in corso a Roma. Hanno detto che non è autorizzata. Hanno detto che anche se i motivi sono validi non si può creare problemi alla circolazione. Lei diceva di stare attenti che c’è rischio di denunce penali e multe salate…diceva di essere dalla parte dei camionisti e li metteva in guardia ….
Da parte loro, i camionisti, dicevano che continuano a chiedere provvedimenti al governo ma non vengono ascoltati, dicevano che avevano chiesto il permesso per manifestare ma gli era stato negato e l’hanno fatto lo stesso.
Qualcuno diceva che non si può creare disagio agli altri cittadini anche se si hanno seri problemi perché se tutti facessero cosi dove andremmo a finire…
Eppure, eppure, io ho un ricordo (e decisamente credo di non essere la sola!!) di manifestazioni di operai IN AUTOSTRADA!!! Chi non si ricorda (ad esempio) dell’Alfa Romeo di Arese e di quante invasioni in A 8 hanno fatto gli operai ai tempi? Qualcuno mi sa dire se la Società che gestisce l’A 8 dei Laghi li autorizzava a ciò? No, perché se cosi fosse, allora tutte le belle parole sulla sicurezza stradale ecc, ecc, sarebbero veramente solo una presa per i… fondelli!!! Se poi ripenso alle ore perse in colonna,  ma noi non facciamo testo……
E con questo non ce l’ho con gli operai, ma con chi sempre e a priori ce l’ha con i camionisti.
Dovremmo veramente starcene tutti a casa per un paio di settimane, cosi la finiremmo una volta per tutte di disturbare la tranquillità degli altri cittadini!!!
Scusate lo sfogo… buona strada, sperando che ce ne rimanga da fare!!!

Precedente I raduni del weekend! - 38 Successivo Da Youtube un bel video

2 commenti su “Sempre cittadini di serie B ?

  1. Ciao Mony
    non ci crederai ma mi hai preceduto, avrei scritto qualcosa di simile…
    voglio ripescare anch'io nella mia memoria… ricordi di ore passate ad aspettare che mi lascino ripartire, chimici, ceramisti, metalmeccanici e coltivatori… nel corso degli anni, ma anche recentemente, circa due settimane fa, ebbene tutti possono interrompere il nostro viaggio e noi no!
    Che delusione la Falcetti, poche settimane fa avevo scritto di lei e del suo programma ed ora devo ammettere di aver sbagliato, non è la persona che mi era sembrata, ma ultimamente su ISORADIO ne ho sentite tante di cavolate… ma torniamo ai ricordi:
    Ingresso e uscita MO nord, quando c'era ancora il semaforo e i coltivatori manifestavano contro le quote latte imposte dall'UE e ti dovevi fermare minimo mezzora ogni passaggio, erano accoglienti e gentili ma determinati e se provavi a passare oltre ostruivano il passaggio con trattori e persone… per non parlare di Grisignano o Piacenza dove irroravano l'asfalto e i mezzi di passaggio con il liquame… partivo da Modena e mi è capitato di fare quattro soste all'uscita di Cassino perchè facevano partire 10 mezzi ogni 20 minuti e non fregava niente a nessuno se ne avevo già incontrati altri di punti di scioperanti;
    Operai ceramisti a interrompere la circolazione sulle provinciali davanti alle fabbriche innumerevoli volte;
    Metalmeccanici anche la settimana scorsa a Modena…
    ma quello che mi ha disturbato di più è stato un mese fa in una ditta in provincia di Mantova, mi hanno fatto entrare ma non raggiungere gli uffici e il magazzino, ho dovuto aspettare 50 minuti perchè era uno sciopero a singhiozzo, un'ora sì e una no, nel frattempo se avessi potuto uscire avrei potuto andare a far colazione o comprarmi il giornale… invece sono rimasta a rispettare sciopero e scioperanti… e caricato nell'ora di lavoro.
    Ma chi si chiede perchè i camionisti scioperano?
    Ma chi ci rispetta?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.