Donne & camion… from Italy….

Ciao a tutti…
negli ultimi giorni i media hanno parlato delle donne camioniste, vi segnalo due cose:

Questo articolo apparso su "La ventisettesima ora" blog al femminile del "Corriere della sera.it", si intitola "La normalità di essere camioniste" ed è dedicato a Cinzia Franchini, nuovo presidente della Fita-Cna…c'è anche il link del nostro blog…Grazie!!!

Testata

Cinzia Franchini, 39 anni, presidente della Fita-Cna, l’associazione degli autotrasportatori
lug
07

Il problema più difficile della giornata: Che cosa faccio per cena?

La normalità di essere camioniste
E leader


Il leader dei camionisti italiani è donna.

Cinzia Franchini, 39 anni, da qualche giorno è la nuova presidente della Fita-Cna, l’associazione degli autotrasportatori più rappresentativa (circa 35 mila iscritti sul totale di 110 mila proprietari di un mezzo pesante). Subentra a Daniele Cassi, dopo un duro confronto interno sull’accordo firmato l’anno scorso dalla categoria e dal governo. Adesso Cinzia si prepara a chiedere la revisione dell’intesa, nel frattempo diventata legge: “Non ha dato i benefici attesi, anzi, i costi sono diventati ancora più pesanti”. Intanto, la prima iniziativa da presidente: “Una grande manifestazione trasversale all’intero mondo del trasporto, per protestare contro l’aumento indiscriminato dell’accisa (il prelievo fiscale sul carburante ndr). Stiamo studiando cosa fare, ma di sicuro non ci saranno blocchi stradali. Penso a qualcosa di molto colorato, in un clima pacifico”.

La nomina di Cinzia non è una nota di colore. Parole sue:

“Siamo ben oltre il folclore”.

 

 Cifre ufficiali non ce ne sono, ma si stima che le donne camioniste siano tante (vedere articolo pubblicato dal Corriere della Sera venerdì 12 marzo 2010). Almeno una su dieci, secondo i calcoli di Angiolina Mignolli, 51 anni, vice presidente vicario della Fita, negli ultimi mesi su posizioni politiche opposte a quelle di Cinzia.

La “normalità di “essere camioniste”

 è il principio ispiratore di alcuni gruppi di base, che stanno guadagnando visibilità sulla Rete. Il blog di riferimento è “Buonastrada”, curato da “Ladytrack”, pseudonimo di Gisella Corradini, 41 anni di Fiorano Modenese, scuola professionale e in tasca la patente D (abilitazione a guidare pullman e camion). Sul “blog” di “Ladytrack” si trovano chiacchiere innocue mescolate con analisi di grande spessore sul mercato dell’autrasporto, a cominciare dalle insidie del “dumping”, l’offerta di servizi sottocosto alimentata dai camionisti dell’Est. E, naturalmente, storie come quella della neo-presidente.

Alle 5 di ogni mattina (alle 6 quando va bene) Cinzia ha già messo in moto il suo furgone bianco e blu. Guida per 400-500 chilometri, trasportando merci classificate “pericolose”, poi alle otto di sera torna nella sua casa di Modena per affrontare quello che considera

“il problema più difficile della giornata”. “Che cosa faccio per cena”?

Ha sposato un “padroncino”, un camionista-imprenditore, titolare di una piccola società. Cinzia lo racconta così:

“Quando l’ho conosciuto avevo preso il diploma delle magistrali. Ma ho deciso liberamente di condividere il suo lavoro. E oggi sono sua moglie, sua socia e ora anche il suo presidente. Comunque il nostro rapporto è rimasto identico. Quando può mi dà una mano a cucinare anche se se i suoi orari sono molto pesanti”.

Ma anche Cinzia non scherza. La sua agenda è fitta come quella di un ministro. Due giorni alla settimana a Roma, per gli incontri con i rappresentanti del governo o della “committenza”, cioè Confindustria e Confetra, vale a dire chi produce e poi mette le merci sui camion. Il fine settimana è bruciato: in giro per l’Italia per assemblee e dibattiti con gli associati della Fita. Restano tre giorni, da passare in furgone sulle strade del Centro-Nord, la sua area di competenza aziendale.

La differenza è che nel carnet di Cinzia, le bolle di accompagnamento delle merci si confondono con le tabelle fiscali preparate dagli esperti della Cna e con i post-it pieni di punti esclamativi (“detersivo”, “tintoria”, “bollette”).

Lavoro-vita pubblica-casa. C’è altro? La risposta di Cinzia è una mail autobiografica “chiavi in mano”. Sarebbe un peccato cambiare anche solo una virgola:

“Cinzia Franchini: 39 anni

Figlia unica: papà modenese, mamma abruzzese.

Non ho figli.

Quando non lavoro amo trascorrere più tempo possibile a casa mia insieme a mio marito e al mio adorato gatto Romeo.

Ho altri 3 gatti in ufficio: come avrai capito amo molto i gatti.

Mi piace leggere: i miei scrittori preferiti sono Isabel Allende e Jorge Amado. In questo momento sto leggendo, in contemporanea, l’ultimo libro (incuriosita dal soggetto) di Matteo Renzi e “Lettera a un bambino mai nato” della Fallaci.

Non amo cucinare, approfitto molto della disponibilità di mia madre che invece è molto brava.

Non mi piace fare la spesa. Mi piace avere la casa in ordine (mi piace l’ordine in generale).

Quando posso, anche se sono molto pigra, vado in palestra. Mi piace molto camminare e andare in bicicletta.

Adoro i posti poco frequentati. Mi piace molto il mare e mi mancherebbe la nebbia.

Amo andare a teatro, mentre vado raramente al cinema.

Guardo la tv: il Tg della 7 è il mio preferito, per il resto prevalentemente programmi d’ informazione e qualche fiction.

Ascolto frequentemente musica: i miei preferiti sono i cantautori italiani.

Ho pochi amici selezionati.

L’ultimo viaggio: Madrid, Toledo e Costa Blanca. Vado spesso in Sicilia perché mi piace da morire.

In giro per l’Italia non resisto alla tentazione di entrare in cantina ad acquistare vini: i miei preferiti sono i rossi (per la disperazione di mio marito perché spendo molto!).

Amo acquistare vestitini e borse anche se poi appena posso vesto sportiva e indosso scarpe da ginnastica.

Vado molto poco dalla parrucchiera: recentemente ne ho individuata una che mi piace perché velocissima, non mi fa perdere tempo.”

E poi da Canale 5…..

http://www.video.mediaset.it/video/tg5/full/234472/edizione-ore-2000-del-7-luglio.html#tf-s1-c1-o1-p2

 DSCN9648

A questo indirizzo corrisponde l'edizione  serale del 7 luglio del TG5  in cui hanno fatto un servizio (dal 30° minuto) sempre su Cinzia Franchini, hanno parlato del film "Teresa" di Dino Risi, hanno nominato il blog Buona Strada e dato la parola anche a Katia Benazzi di Ferrara.  Bello!!!!
La parte di telegiornale che  riguarda le camioniste inizia più o meno al 30° minuto…. ho fatto qualche foto..

Cinzia FranchiniCinzia Franchini, 39 anni, camionista da 20 anni! Ora nuovo presidente della Fita-CNA…

Teresa Serena Grandi (1)

Serena Grandi in "Teresa" di Dino Risi, per dire: "Mestieri, anche donne alla guida dei TIR"

Katia Benazzi 2 (2)

Katia Benazzi, ferrarese, camionista da 3 anni…

Katia Benazzi 2 (1)

…simpaticamente consiglia, per chi affronta lunghi viaggi, di non dimenticarsi mai: "…un cambio, un asciugamano, uno spazzolino da denti e soprattutto un paio di ciabatte, perchè la vita è un pochino dura su questi mezzi qua…"
Grandi colleghe!!! Buona strada a tutte sempre!!!

Precedente Operazione calendario Lady Truck 2012...Comunicazione di servizio :-) Successivo La strada della ...Polenta di Castagne

2 commenti su “Donne & camion… from Italy….

  1. anonimo il said:

    buondi a tutte volevo augurare a cinzia buona strada e tanta fortuna sperando che riesca a farsi valere come presidente e che cambi qualcosa.ciao da tania"bellagnocca"

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.