Cronaca di un disastro

Come ben sapete Aulla è uno dei comuni vittima dell'alluvione delle incessanti piogge dei giorni scorsi. L'acqua e il fango che hanno sommerso la zona hanno creato ingenti danni da creare un tam tam di volontari che sono partiti per dare il loro aiuto. Una di questi è la nostra amica Laura che oggi è stata nel posto a dare il suo piccolo grande contributo e una cronaca fotografica del disastro.

Credo che le immagini parlino da sole. Un pensiero di solidarietà alle famiglie che stanno vivendo il tragico dramma e un grande ringraziamento a Laura e tutti i volontari che sono accorsi in aiuto ad Aulla e alle zone alluvionate.

Voglia di SOLE……….

 Ciao Lady

Riguardando alcune foto mi è tornata alla mente un’osservazione che non ricordo più chi me l’aveva fatta, ma DSCN0428si sa che sono un po’ svanita, che mi aveva062 turbata:” Portate sempre gli occhiali per atteggiarvi a dive e non far vederelo sguardo!” In poche parole, sintetizzate:” Per Tirarcela!”; non è assolutamente questo il motivo, molte di queste lenti sono graduate e qualsiasi oculista consiglia di DSCN0389proteggere gli occhi, chiari o scuri che siano,260420111912 da fonti di luce intense, conclusione che molte di noi portano gli occhiali abitualmente e magari dimenticano anche di toglierli perché fanno parte di ciò che ci accompagna nel quotidiano, come il 260420111911cellulare o i fazzoletti di carta, o la sciarpa ecc.. ; poi riguardo queste foto… e mi convinco che senza i nostri occhiali forse non sarebbero120420111865 neanche le nostre immagini reali… non nascondiamo lo sguardo, anzi, li usiamo proprio per vedere meglio e non 250520112039perderci nulla … e ad alcune di noi donano molto.
 

In attesa di rivedere il sole, perché questa pioggia era sì annunciata ma ha creato danni, disagi e vittime purtroppo, pubblico un po’ di foto tratte dalla mostra fotografica “Donne & Camion” a cui qualc uno continua a dedicare tempo…100520111988
01540153

GRAZIE a tutte per aver prestato la vostra immagine 

                                                                              & 
                                                                                      BUONA STRADA SEMPRE!!!!

0101071014601340106 GP Truck Misano Lady truck 00101470136064051 Patrizia 001

Piccolo artigianato.. un incontro ed una consegna!

Io ho una grande, immensa passione nella vita: i camion Dopodiché amo far fotografie (ai camion soprattutto!! )… e al terzo posto direi che mi piace dipingere… ma non classici quadri, a me piace dipingere sui muri e sul legno. Con le tempere e gli acrilici. Alla fine, unendo le tre cose, ho cominciato a dipingere camion partendo da loro fotografie e dai consigli degli amici.

Piccolo artigianato...estivo...

Cosi, dopo aver passato l’estate a pitturare musi di 682, (qualcuno se li ricorderà al nostro gazebo a Giussano!) ho deciso di cimentarmi in qualcosa di più moderno. Decisamente un gran salto generazionale, dai Fiat degli anni 50/60 a un modello del  2011!!!
Serve principalmente una foto frontale del camion designato, da li si taglia una sagoma nel legno e poi ci si arma di colori, pennelli e tanta pazienza e pian piano il piccolo camion prende forma e …colore!

001…prime pennellate…

002…comincia a prendere forma…

003…il "vecchio" Fiat ed il  "nuovo" Scania!!!

004
…sono a buon punto…

Volevo fare una sorpresa ad un amico speciale e ci sono riuscita: quando l’ha visto è rimasto senza parole!

005
…FINITOOOO!!!!

“E’ solo un camion di legno!” gli ho detto…
“Però, dai, è venuto carino, no?”

Questa notte siamo riusciti ad incontrarci in autogrill e  finalmente ho potuto consegnarglielo.

007006Ora fa bella mostra di se su quello vero, di Scania R420!!!  E' "quasi" uguale!!!

008Buona strada a tutti! …torno ai pennelli e ai 682! Ciao bbye!

una nuova amica: Helga

Ciao a tutte/i
questa estate io e Paolo siamo stati ad Assen con il suo camion in occasione del mitico Truckstar Festival e nel ritorno siamo andati a caricare a Kassel dove ho avuto il piacere di conoscere una collega tedesca, Helga. Ricordo bene quel giorno: è arrivata con il suo man al parcheggio dell'autohof, fa manovra, scende ed entra nel ristorante dove abbiamo pranzato insieme ad altri colleghi. Ha una bella presenza, mora, occhi chiari, stile dark, ci somigliamo molto in questo. Si parla un pò di tutto, ma sempre nell'ambito del lavoro, soprattutto su come è stato duro lo scorso inverno con la neve che ha creato non pochi problemi per le strade tedesche. Poi quando viene a sapere che sono anch'io camionista facciamo subito amicizia e cominciamo a parlare di noi come si fa di solito. Bè credo di non aver mai incontrato una camionista del suo calibro, perchè guida da ben 36 anni! attualmente porta un bilico frigorifero per la ditta Kaiser & Schmoll e oltre a viaggiare in lungo e in largo per la Germania viene anche in Italia. Le ho chiesto se non è stanca di fare questo lavoro dopo tanti anni, ma mi ha risposto che poi è questione di abitudine. Ci sono poi molte ragazze che viaggiano in Germania ma lo fanno per un breve periodo, vuoi per la famiglia, vuoi perchè non c'è molta resistenza. In segno di amicizia le ho consegnato la nostra tabella rosa, ora che il nostro gruppo si è esteso anche oltre confine! e' stato un vero piacere Helga spero di incontrarti ancora e questa volta in Italia, perchè prima o poi le strade si incrociano!

Lavorare con le parole

 Ciao Lady

Vorrei parlare di “crisi”… sì, ancora crisi, quella che gli autotrasportatori denunciavano in uno sciopero anni fa per primi e da cui saranno gli ultimi ad uscirne…
 

Quella crisi che ha cambiato la vita di tutti noi, che più a meno direttamente sperimentiamo tutti i giorni, e versiamo il nostro tributo… anche nelle piccole cose, come le pagine di una rivista.
 

Proprio oggi il mio edicolante preferito, non ci venivo da settimane si lascia andare con uno sfogo in dialetto… dice che tira la cinghia, deve sopravvivere qualche anno per arrivare alla pensione, ma lo fa unicamente per quel traguardo perché non ne ricava più uno stipendio dignitoso, non c’è un reale guadagno perché nelle vicinanze tante aziende hanno chiuso, altre dichiarato fallimento; chi è in cassa integrazione o a stipendio ridotto rinuncia ai giornali e alle riviste.
 

Chi compra riviste di settore, ne sceglie una, anziché tutte per confrontarle come fino a qualche anno fa…gli stessi camionisti selezionano sfogliandola quale comprare, ma rigorosamente UNA e non si concedono più ne altre letture, ne cd ne dvd. SALUTO ed esco amareggiata riflettendo…
 

A questo proposito viene naturale essere solidali con le sue parole… che non posso ripetere…
 

 
Il mio piccolo contributo al settore,  tempo per leggere poco ma… , produce una mini-rassegna stampa di opinioni personali:
 180420111894
TRUCK VAN DRIVER
Commoventi le parole nell’editoriale Ferruccio Venturoli che racconta il passaggio di un gruppo di persone da una rivista ad un’altra, storie di vita di persone che vivono in un mondo parallelo al nostro e che conosciamo da diversi anni, che abbiamo seguito, apprezzato ma anche criticato, come è giusto che sia in un confronto positivo. Condividere quelle emozioni da loro un volto umano… e esprimere sentimenti di fiducia nel futuro alla faccia della “crisi”, con impegno e tenacia che li ha contraddistinti da sempre… Stampato il  numero 3  il risultato sembra ottimo.
Il doveroso saluto a Vittorio Sette con le parole tratte dal nostro blog ci onora. GRAZIE.
Altri momenti ci riguardano, ma non posso mica raccontarlo tutto… si trova ancora in edicola.
 180420111893
VADO E TORNO
Da una rivista storica si può trovare il confronto con un numero del’92 e i titoli sono molto simili all’attualità: L’economia va a picco e nessuna prospettiva- Serve controllo per il cabotaggio-Galoppa l’RCA- Gasolio alle stelle- Autostrade che crescono del 10%. “Pacchetto Sicurezza”per tempi di guida,velocità, alcol, patente…
Nelle posta c’è una giusta osservazione su chi da Confindustria accusa i trasportatori di essere un COSTO insostenibile, ignorando volutamente che a “fare” il prezzo sono proprio le industrie del trasporto… a cui tutti poi ci dobbiamo adeguare.
Un’indagine su di una logistica tedesca ha rilevato che neanche loro sono così “perfetti” e i camionisti possono aspettare per ore.
Sempre in Germania un pericoloso killer a bordo di un camion spara su altri camion e lo ha fatto centinaia di volte causando non solo danni materiali…Predilige le bisarche nell’ultimo anno… ed è stata istituita anche una “taglia”…
Nell’articolo “Se la strada diventa un Far West” la signora Vanna Santinato Detomi dell’Associazione Vittime della Strada dichiara che la quasi totalità dei camion viaggia a 110 kmh anziché dei 90 consentiti… nessuna rettifica, solo repliche da dei colleghi intervistati… il giornale non ha replicato…
Personalmente non le rispondo, credo che la perdita del figlio la giustifichi, lei, non i giornalisti che hanno collaborato alla stesura, questo titolo e articolo sa più di un’altra rivista, non una specifica e tecnica come questa.
 
Le altre le commenterò in un altro momento, tempo scaduto, chi lavora con le parole dovrebbe usarle per fare chiarezza… Voi che ne dite?

BUONA STRADA !!! 
 
 

Senza titolo 63

Ciao Lady
Mi permetto ancora di scrivere un post su di un argomento che forse non interessa a tante, ma ci tengo particolarmente.; forse non tutte sapete che il termine Piastrellawalley, inventato da me su queste pagine, è la distorsione di cartelli che si trovano in Emilia Romagna : Motorwalley…
Quella che ha dato i natali ad auto e moto che lasciano la loro impronta in tutto il mondo… ma anche ad uomini e donne con la "passione" per esse..
Questa terra dove fabbriche di costruzione e il loro indotto hanno reso le persone un po’ più portate a respirare una miscela tra aria e carburante, dove dai piccoli kart ai bolidi di Formula 1; mi vengono in mente tante marche e tanti nomi… ma oggi, un solo nome ha diritto di essere nominato; quello di un ragazzo di 24 anni, partito dalla Romagna a portare le migliori qualità di quella terra in tutto il mondo, guidato dalla sue passione per la moto e con la sua semplicità aveva conquistato tutti… Un Campione che nonostante il successo ha continuato ad essere un ragazzo semplice, impegnandosi per il suo progetto ma facendo anche ciò che fanno i suoi coetanei, curando lui stesso il suo canale youtube… coltivando amicizie tra le persone che incontrava… e suscitando simpatia in chi lo osservava dal teleschermo in pista o lo ascoltava alla radio……
L’ultima immagine di Marco è un casco rotolante e un corpo senza vita, ma qui voglio Augurargli Buona Strada, per il suo viaggio in cielo con il video che aveva messo lui, alcuni giorni fa…
Ciao Marco….

non se ne può più

Ciao a tutti ,vorrei sottolineare un qualcosa che sta accadendo ma non se ne parla molto.
Lo sapete che da lunedì 24 a venerdì 28 c'è lo sciopero dell'autotrasporto??????Sarà un altra buffonata come sempre quello si sa …..
Penso che non molti ne siano informati infatti è solo un'associazione che lo fa
http://www.trasportounito.org/Notizia.aspx?ID=550 e io vorrei far notare che forse sarebbe meglio far qualcosa perchè tutti parliamo ma nessuno mostra i denti
Io non sono con loro ne con nessun altro perchè secondo me son tutti uguali,  ma voi riuscite a far quadrare i conti???
non se ne può più
Pensate che la ditta che mi da i viaggi ci ha dato l'aumento,ed è una delle poche nella piazza di Genova,e finalmente abbiamo raggiunto la tariffa piena……si ma quella del 1996 ….abbiamo fatto un affare …sembra che ci pagano oro…ma guardando indietro quanto costava il gasolio allora e quanto adesso?e tutto il resto?non se ne può piùnon se ne può più
Adesso lunedì cosa bisogna fare? Se parti sei favorevole a tutto ma se non parti sarò 99% l'unico camion fermo in piazzale anche perchè come sempre SIAMO MOLTO UNITI  comunque una cosa è certa la prossima settimana nel Porto ci sarà da ridere anzi proprio da piangere e come al solito non si sarà risolto nulla..
Scusate lo sfogo …
Ciao a tutte/i un abbraccio e BUONA STRADA SEMPRE!!!!!!!

                                                                              

Donne di…QUADRI

Ciao Lady
una mia amica mi ha detto che a Natale mi regalerà un quadro… io adoro i colori e lei lo sa; a questo punto sono già qui a immaginare… conosco il suo buon gusto a scegliere gli articoli per il suo negozio… non può certo essere un camion il soggetto… credo non abbia affinità con essi, per lei tra un camion e una caraffa non passa nessuna differenza se non le dimensioni… eppure lei ha quelle caratteristiche che nel nostro mestiere sono fondamentali… come la determinazione, la pazienza e la razionalità… e le ha applicate oltre che nella sua professione, anche nel tempo libero, iscrivendosi ad un corso di pittura… ora è arrivata alla prima meta del viaggio, insieme alle sue colleghe/ amiche… quindi ho visto una similitudine con il nostro gruppo: CONDIVIDERE UNA PASSIONE !!! La loro è la pittura…

DONNE DI QUADRI

esposizione dei loro quadri all'interno di Palazzo Rangoni a Castelvetro di Modena… comune noto per il Lambrusco e la sua Festa, il castello, la dama vivente e il Mercurdo… ma che apre le porte anche ad un gruppo di donne che ha realizzato un progetto… per tre domeniche, 23 ottobre,30 ottobre e 6 novembre, dalle 10,30 alle 19,30.
Se siete nelle vicinanze venite a vedere i loro quadri, a conoscerle,  oltre ad  assaggiare il vinbrulè e fare una passeggiata per il bellissimo centro storico..
donne_quadri_mostra BUONA STRADA alla mostra di pittura di Gabry & le sue Amiche….

La Solitudine dei numeri… CIVICI

 
Ciao Lady
Tutti sappiamo cosa sono e a cosa servono i numeri civici, ma chi si affida ad essi per trovare aziende e ditte spesso si trova a dover risolvere veri e propri rebus; ce ne sono di tutti i materiali e le forme, sì, ma QUANDO ci sono!!!
Nel nostro lavoro è fondamentale che siano visibili dalla strada, siamo ingombranti e tutti gli altri utenti sono infastiditi da un camion, grande o piccolo che sia, che procede lentamente perché sta cercando la propria meta: una ditta.

images

La fantasia di alcuni imprenditori è lodevole, perché  se scritto a pennello sul muro, col pennarello su di un pezzo di cartone o stampato sulla lamiera, rende bene il suo servizio e anche se non è il punto d’arrivo permette di orientarsi, capire più o meno quanto manca e si sta procedendo nel giusto senso.
I NUMERI CIVICI, quelli classici, nero su bianco, sarebbero un’ottima linea guida, se fossero al loro posto; invece troppo spesso sono: assenti, illeggibili, nascosti, sparsi, doppi e discontinui.
 Tutti insieme mischiati, senza una logica, pari e dispari, come una grande tombola  o solitari e  lontani … altri numeri sono quelli che contano i minuti che perdiamo: 10 minuti per  cercare un posto, 10 per un altro …
Si sa che i camionisti non sono molto fortunati, ne con i numeri ne con i tempi…
I nostri tempi  sono legati anche a solitari numeri… CIVICI.
Facciamo più calcoli dei contabili, è diventato il nostro impiego: con le ore di guida, di sosta, di pausa… decine di minuti persi in colonna, ad aspettare nei piazzali, sulle ribalte e a cercare solitari numeri CIVICI.

BUONA STRADA a TUTTE/I!!!