Viaggio a LUBLIN


Diario  di Agata De Rosa
A uno dei tanti raduni, del coast to coast, ho provato a lanciare un progetto che erano cinque anni che tentavo di realizzare: portare aiuto e solidarietà a 44 bambini disabili (non mentalmente) in Polonia.
Io, Gisella,Monica, Milena, tutte Lady Truck , eravamo sedute al nostro stand, alchè tra una discorso e l’altro , il progetto piacque a molte e così iniziammo ad organizzare il tutto…….
Non è facile organizzare un viaggio umanitario, perché oltre che a raccogliere il materiale , bisogna immagazzinare il tutto, trovare i fondi per poter effettuare il viaggio , persone che possono mettere a disposizione il proprio tempo per  consegnare la merce raccolta, sacrificando lavoro e famiglia.
Parlando con Marzio e Vittorio del Coast To Coast, abbiamo avuto il loro appoggio , essendo loro veterani di questi progetti , così abbiamo deciso di unire le forze e da qui comincia la storia.
Marzio , il nostro President, è riuscito a raccogliere tramite il gruppo missionario di Seregno 11 bancali tra vestiti , coperte , giochi, detersivi e sapone.
Le Lady Truck invece , meno brave a scroccare hanno comprato un bancale tra olio, zucchero, caffè, e altri generi alimentari e di prima necessità ….Oltre ad aver raccolto 7/8 bancali di vestiti tra Emilia Romagna e Veneto. Il Tartaruga Truck Team , ha donato un’ intero bancale di biscotti .
Anche io sono riuscita tramite la generosità della Scuola Cittadini e della Comunità di Mariano di Dalmine a raccogliere una trentina di cartoni .
A questo punto ci mancava il camion , che è stato messo a disposizione da Spinelli Vittorio , un veterano di queste missioni umanitarie, ma da solo il viaggio sarebbe stato più pesante, così in rappresentanza delle Lady Truck sono andata io.
Il tutto è stato spesato in parte dalle Lady Truck e un’ altra parte dal Coast.
Tutto questo sarà noioso da leggere, ma serve a far capire quante persone lavorano dietro un progetto simile , e che non è assolutamente facile.
Tutta la fatica fatta , personalmente è stata di gran lunga ripagata dai sorrisi di quei bambini che, si sono  sfortunati, ma dei quali non vi è motivo di provare pena.
“Questa esperienza mi ha fatto provare molta pena per la società di oggi, perché non è capace di cogliere ciò che questi bambini hanno da donare,e credetemi non è poco, ma soprattutto non è capace ad amarli, ma solo ad emarginarli!”
“Ho provato ammirazione per le persone che lavorano in quest’istituto e credono in questi ragazzi , li trattano come persone e li sanno davvero far sentire amati, non di certo per la paga che percepiscono(€130).”
Tutto questo l’ ho documentato con delle foto e penso che abbiano ripagato tutte le persone che hanno lavorato a questo progetto, sperando l’anno prossimo di trovare altre persone volenterose,potendo così ripetere il viaggio e donare altro sostegno a favore di questi bambini.
Ricordiamo che il 15 Ottobre è stato verrà realizzato presso l’oratorio di Mariano di Dalmine , un video in cui raccontiamo la nostra avventura. VI ASPETTIAMO NUMEROSI!!!! 
Si prega di confermare sotto il numero nome e cognome e numero di persone presente alla serata.

Precedente Incontrarsi a Collecchio: visi e sorrisi dal raduno!!!! Successivo I raduni del weekend! - 54

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.