Crea sito
Nessun
commento

La storia di Irma

Un’altra storia di una donna al volante di un camion, siamo ancora poche ma sempre di più!

Questo è il link dell’articolo che racconta la storia di Irma:

https://www.ilcentro.it/abruzzo/irma-io-donna-al-volante-di-un-bisonte-della-strada-1.2481434

E questo è l’articolo:

Irma: io, donna al volante di un bisonte della strada

TORREVECCHIA TEATINA. Si abbinano le parole “donna” e “camion” e subito viene in mente il film di Dino Risi “Teresa”, con Serena Grandi nel ruolo della procace conduttrice di tir che scorrazza per le autostrade d’Italia. Dal 1987, anno di uscita della pellicola, ad oggi l’immaginario non è cambiato molto: di donne in cabina ce ne sono ancora pochine. Battutine e ammiccamenti, invece, non mancano affatto.
Orari complicati, chilometri da macinare, merci da consegnare in tempo, spesso in posti sconosciuti perfino al gps: la vita del camionista è dura, ma Irma Stumbriene, bionda lituana dagli occhi azzurri che ridono, non la cambierebbe. Dietro al volante è arrivata dopo aver fatto i soliti lavoretti, la cameriera, la barista: l’idea di guidare il tir la deve al marito, autista anche lui. «Ho cominciato nel 2013», racconta. «Lui faceva questo mestiere e, visto che guido bene, mi ha incoraggiata a prendere la patente C per i camion».
Un lavoro ancora prettamente maschile, quella del camionista, come tutti quelli che hanno a che fare con i motori. «Vedo qualche donna al Nord, poche a dire il vero, ma qui da noi forse sono l’unica», osserva Irma. Che comunque pensa che l’impegno e la serietà necessarie per affrontare questa vita siano qualità anche (e soprattutto) femminili. Donne e motori? Un binomio perfetto. «Non per vantarmi» si schermisce la bella lituana (che vive a Torrevecchia Teatina), «ma dicono tutti che guido meglio di un uomo. Guido l’autotreno con il rimorchio, il più difficile da “domare”. E secondo me le donne sono comunque più prudenti e attente nella guida, soprattutto se conducono un camion».
Altro che “roba da uomini”, insomma. Irma porta il suo “bisonte” sulle strade d’Italia, per chilometri, caricando e scaricando da sola la merce, dormendo in cabina se necessario. «Prima mi capitava più spesso di viaggiare di notte, ma è una vita che non si concilia tanto con la famiglia, con i figli», spiega. «Mi succede ancora di dormire fuori, ma mai per più notti: cerco di limitare questo tipo di viaggio, per poter stare più tempo con la mia famiglia».
E la diffidenza dei colleghi? I primi tempi qualche pregiudizio c’era, conferma Irma, ridendo. «Quando ho cominciato, era raro vedere donne alla guida dei tir e gli altri camionisti rimanevano stupiti. Poi ci hanno fatto l’abitudine». Anzi, a volte essere la “quota rosa” in un mondo di uomini può anche essere un vantaggio. «Capita», confessa con un tono tra il divertito e il complice, «che qualche collega più galante mi assista o mi avvantaggi nel carico della merce». Certo, qualche battuta fuori luogo arriva. «C’è sempre quello che lampeggia se vede al volante una donna, o che sorpassa strombazzando. Ma non ci faccio caso, faccio finta di niente e vado avanti per la mia strada».
Sembra non avere paura di niente, la bionda e determinata camionista. Pesanti operazioni di carico e scarico, lunghi viaggi in solitaria, la responsabilità di un mezzo mastodontico. «Solo una volta ho avuto apprensione», racconta, «durante una nevicata, con la strada bloccata da un tir che si era messo di traverso in un incrocio. Ma me la sono cavata, ho sganciato il rimorchio, ho fatto manovra e sono ripartita, con i complimenti dei vigili che mi osservavano tra lo scettico e lo stupito».
Per ora, insomma, Irma vede ancora tanti chilometri davanti a sé. E se non l’ha fermata neanche il lockdown per l’emergenza Covid, possiamo essere certi che li farà tutti. (s.d.n.)

About The Author

No Comments

Leave A Reply