Crea sito
Nessun
commento

La storia di Sara e di Sara!

 

Due belle storie di due colleghe che hanno in comune il nome, Sara, la passione per i mezzi pesanti e anche la marca del camion: Volvo!

Gli articoli li ho trovati appunto nel sito di Volvo Truck Italia, ecco i link:

https://www.volvotrucks.it/it-it/news/magazine-online/2021/May/Mamma_camionista_volvo_ambassador_l_avventura_di_Sara_Marino.html

Mamma, Camionista, Volvo Ambassador: l’avventura di Sara Marino

| 3 Minuti
Sara lavora nell’azienda Vittoria Group S.r.l. che ha fondato da giovanissima insieme al marito. Venti austisti da gestire ogni giorno e la voglia di salire su un camion che non si esaurisce mai. Alla guida di un Volvo, naturalmente.

Cosa volevi fare “da grande”?

La hostess sugli aerei. Sono cresciuta in Germania, sono madrelingua tedesca e parlo molto bene l’inglese. In Germania avevo iniziato a studiare per realizzare il mio sogno, poi mi sono traferita con la mia famiglia in Italia e il sogno ha preso una piega inaspettata.

Quando hai capito di voler diventare camionista?

È una passione che avevo fin da piccola, adoravo quando mio padre mi portava con sé. A 18 anni ho conosciuto mio marito, era già camionista e ho iniziato ad accompagnarlo in tanti viaggi. Quando abbiamo deciso di aprire la nostra azienda avevamo pochi mezzi ma già il problema di sostituire gli autisti malati. Prendere la patente è stata una scelta dettata quindi dalla situazione, ma ho capito da subito che si trattava della mia strada: non scenderei mai da un camion!

Che cosa ti piace di più e che cosa di meno del tuo lavoro?

Sul camion mi sento al 100% me stessa, protetta e libera. Alla guida di un camion, ogni giorno è un’avventura: non conta quanti chilometri devo percorrere, anche su una tratta breve ho l’opportunità di vedere e conoscere nuove persone e nuovi luoghi.

La cosa che mi piace di mento è legata all’essere una donna: spesso le persone mi sottovalutano, vogliono aiutarmi a scaricare anche se non ne ho bisogno. Non si tratta di galanteria, ma di mancanza di fiducia.

(…) continua nel sito Volvo

*********************************************************

https://www.volvotrucks.it/it-it/news/magazine-online/2021/May/Sara_Libbinori_Volvo_Ambassador.html

Sara Libbinori, Volvo Ambassador, è un prezioso jolly con la passione per la guida

| 3 minuti
Sara Libbinori ha 29 anni e lavora per la Ceroni S.r.l. di Montefiore dell’Aso (AP). Si occupa di tante cose, dalla logistica all’amministrazione. Ama tutto del suo lavoro, ma la cosa che in assoluto le piace di più è guidare un camion. Un Volvo, naturalmente.

Quando hai capito di voler diventare camionista?

Avevo 22 anni e lavoravo per un’azienda di scarpe di proprietà della moglie del mio attuale titolare. Ogni volta che vedevo rientrare un camion mi si accendeva una luce dentro. Così alla fine mi sono buttata: ho preso le patenti ed è iniziata questa avventura.

Abbiamo 10 mezzi, tutti Volvo FH: non guido tutti i giorni, ma quando lo faccio non vorrei mai smettere.

Che cosa ti piace di più e che cosa di meno del tuo lavoro?

Quando sali su un camion vedi il mondo letteralmente da una prospettiva diversa. Noi facciamo lungo raggio, capita di stare fuori anche di notte, ma guidare è la cosa che in assoluto mi piace di più, non mi pesa mai.

La cosa che mi piace di meno è il ritorno a casa, quando scendo dal camion!

In quale aspetto del tuo lavoro essere una donna ti aiuta e in quale ti limita?

Quando arrivo a destinazione e devo scaricare il camion, in genere le persone sono più gentili e si offrono di aiutarmi: una “cavalleria” positiva che mi fa piacere ricevere. In genere verso i colleghi uomini non dimostrano la stessa disponibilità e attenzione.

Ma ci sono purtroppo anche dei limiti: è una questione di sicurezza, soprattutto. Se devo fare un viaggio lungo, che prevede la sosta di notte in un’area di servizio, non viaggio mai da sola. Come donna corro maggiori rischi: è un limite che non dipende da noi donne, ma dal contesto.

Se fai il giornaliero, parti al mattino e rientri a casa in serata, non c’è differenza tra uomo e donna. Se fai il lungo raggio purtroppo i limiti ci sono, anche se non si tratta di difficoltà oggettive.

(…) continua nel sito Volvo

*******************************************************

Buona strada a Sara & Sara!

About The Author

No Comments

Leave A Reply