“TIR” il film…

Finalmente sono riuscita a vedere il film “TIR” di Alberto Fasulo. Al cinema non ce l’avevo fatta, qui vicino non l’avevano programmato. Avevo letto che dal 23 giugno era disponibile in dvd su ibs.it ed era anche in offerta…
Cosi ne ho ordinati due, uno per me e uno per farne un regalo.
La copertina del DVD
Tempo qualche giorno ed è arrivato (sono io che sono in ritardo a scriverne!!)
Posso dire che mi è piaciuto? Forse perchè ne avevo letto tanto e ne conoscevo le motivazioni e sapevo già che non era un film sui camionisti che hanno passione per il proprio lavoro, per il proprio camion, che amano la strada e viaggiare e tutto quello che la nostra vita rappresenta. No, questo è un film su un uomo (dell’est) che è diventato camionista (in una ditta italiana) per guadagnare di più, che sta settimane lontano da casa per far star bene la sua famiglia che però non vede quasi mai. Cosi per far star bene loro sta male lui.. Era di questo paradosso che voleva parlare il regista… e secondo me ci è riuscito bene,  e si mi è piaciuto, altrimenti non ne avrei scritto!!!
Poi nel DVD c’è anche il documentario “I camion degli altri”  di Lorenzo Pirovano, e un libricino che racconta, appunto, come è nata e cresciuta l’idea di questo film.
La copertina del libricino
Uno sguardo diverso sul nostro mestiere, su quello che sta diventando, non per colpa nostra, ma per volere di chi cosi sfrutta le persone che hanno bisogno di lavorare… è cambiato cosi tanto il mondo del trasporto da quando ho cominciato… e se è vero che allora non si rispettava quasi nulla, oggi che il rispetto delle regole è molto più diffuso si è invece perso il rispetto dell’uomo camionista come persona… Forse non dappertutto ma di certo in alcune grosse ditte vali solo come numero di matricola. in tante cose si è andati avanti e in tante altre indietro… e chi sa tace per convenienza.