Posts Tagged "articoli"

da “Il Messaggero” la storia di Alessia Romeo

Alessia ferma il camion in una piazzola di sosta, a Zevio, 16 chilometri da Verona. “Ho una pausa di 45 minuti. Mi riposo in cabina con l’aria condizionata, fuori ci sono trenta gradi”.
Poi riparte, alla guida di un tir lungo 8 metri, che a pieno carico pesa 180 quintali. “Sono l’unica autista in azienda. Non sai quanti mi chiedono: perché fai questo lavoro? Perché mi piace, adoro guidare e viaggiare. Non vorrei fare altro. La mattina comincio con il sorriso e la sera stacco con il sorriso”.
Alessia Romeo, 33 anni, lavora per la ditta Carpella Battista Autotrasporti con sede a Capriano Del Colle, in provincia di Brescia. Una delle pochissime autiste di camion in Italia: sono appena il 2%, in calo rispetto al 2019, secondo i dati 2020 del Ministero del Lavoro. In pratica le donne al volante di mezzi pesanti sono circa 13mila contro 615mila uomini. E mentre scende il numero di quante sono in possesso della patente C, cresce quello delle imprese femminili nel settore del trasporto merci su strada: più 4,16% dal 2016 ad oggi.
Le è mai capitato di ricevere commenti sessisti?
“Ancora nessuno mi ha fatto battute fastidiose. È vero che vado in giro con i pantaloni da lavoro, le scarpe antinfortunistiche e una maglietta, d’inverno anche un giaccone, ma sono comunque una bella ragazza, non passo inosservata. Non so che cosa mi dicono alle spalle e non voglio nemmeno saperlo. All’estero è diverso, si vedono molte più autiste”.
Restano sorpresi i colleghi di altre ditte a vedere una donna che guida un camion?
“Capita che arrivo nel piazzale di un’azienda a fare una consegna e il mulettista che mi vede chiama gli altri. Vengono a guardarmi in gruppo, mi scattano anche le foto. Alcuni fanno i galletti, sa come sono gli uomini. Loro sono curiosi ma io un poco mi imbarazzo. Alla fine si ride. A volte il fatto di essere donna gioca a mio favore, mi vedono e dicono: facciamola scaricare subito”.
Read More →

La storia di Sara….

 

Un’altra collega di nome Sara! (Che sia un nome da camionista?)

Questa è la sua bella storia dalla pagina di Uomini e Trasporti, sempre a firma di Elisa Bianchi.

Buona strada sempre da tutte noi!

Questo è il link dell’articolo:

https://www.uominietrasporti.it/uet-blog/anche-io-volevo-il-camion/sara-bizzaro-come-inseguire-il-proprio-sogno-ogni-giorno-dalla-cabina-di-un-camion/

Inizia cosi:

Sara Bizzaro, come inseguire il proprio sogno ogni giorno, dalla cabina di un camion

Anni trascorsi a nascondere la passione per l’autotrasporto per paura di non essere compresa dalla famiglia. Poi la svolta, Sara Bizzaro sale sul camion e non lo lascia più fino alla nascita della sua bambina, Amy. Apre una panetteria e mette da parte il suo sogno per qualche tempo, prima di rendersi conto che per lei la felicità è guardare il sole nascere e tramontare dalla cabina del suo camion

Tutti i bambini hanno dei sogni nel cassetto. Alcuni si realizzano, altri vengono dimenticati, altri semplicemente si trovano a dover fare i conti con la realtà. Altri ancora vengono nascosti per la paura del giudizio altrui, ma prima o poi quei sogni tornano a bussare e non si può più ignorarli. È proprio questa la storia di Sara Bizzaro, classe 1978, un tempo bambina che guardava di nascosto e con occhi sognanti i camion e oggi qualificata e apprezzata autista della Manfrinato Giusto SRL, azienda di Monselice, in provincia di Padova, che l’ha accolta nella sua flotta permettendole di portare avanti il suo sogno. Eppure, la strada per arrivarci non è stata affatto semplice.

Sara, come è nata la tua passione per questo mestiere?

Vengo da una famiglia nella quale non ci sono autisti, i miei genitori erano infermieri e anche mia sorella, di poco più piccola di me, ha seguito le loro orme e oggi lavora nell’ambiente ospedaliero. Eppure, fin da piccolissima, camion e trattori mi sono sempre piaciuti. Io e mia sorella giocavano spesso in terrazza e da lì vedevo arrivare i camion che andavano in una fabbrica vicino casa. La strada era stretta e rimanevo sempre affascinata dalle grandi manovre che facevano.

Quando hai capito che volevi fare anche tu quelle manovre?

In realtà, agli inizi di vergognavo a confessare questo sogno. Non lo dissi neanche ai miei genitori e lo accantonai. Presi il diploma alla scuola alberghiera e iniziai a lavorare nel settore della ristorazione, come pasticcera. Poi, a seguito di una tragedia familiare che mi aveva gettato in uno stato di profondo shock, un amico autista a cui avevo confessato la mia passione mi propose di fare con lui qualche giro in camion, per tirarmi su di morale. In quel momento mi sono resa conto che quella doveva essere la mia strada, non potevo più ignorarla. Eppure, il senso di vergogna ancora c’era. Nel 2005 presi le patenti di nascosto dalla mia famiglia, erano altri tempi e c’erano ancora forti pregiudizi, sia in casa che fuori. Annunciai la mia decisione solo a cose fatte. L’amico che mi aveva incoraggiato mi portò a parlare con il titolare dell’azienda per cui lavorava che mi propose di iniziare a lavorare come magazziniera e all’occorrenza come autista. È iniziata così la mia esperienza in questo settore.

Però volevi qualcosa di più…

Più facevo esperienza sul camion, più mi rendevo conto che volevo farlo a tempo pieno. Mi chiamò un’azienda che faceva lavori stradali e accettai, iniziando a portare con la motrice asfalto e materiale inerte. Negli anni ho cambiato più volte aziende, ho la fortuna di poter dire che i tasselli mancanti sono sempre arrivati al momento giusto. Per esempio, allora lavoravo poco in inverno, e così per un certo periodo ho iniziato a fare anche linea con il bilico, toccando con mano il vero lavoro dell’autista. Passavo le notti fuori e diciamocelo era dura, soprattutto perché in quel periodo non c’era ancora la regolarizzazione che c’è oggi, ma quello è stato il coronamento del mio sogno. La vita però non aveva smesso di mettermi di fronte a delle sorprese e così nove anni fa sono diventa mamma di Amy.

Come hai conciliato le due cose?

Prima di rimanere incinta avevo iniziato a lavorare come autista di pulmini per pazienti in dialisi. Il lavoro era calato e avevo accettato questa opportunità che, almeno i primi tempi, mi permise di conciliare la gravidanza con il mio lavoro da autista. La verità però è a che a un certo punto ho dovuto mettere da parte del tutto la mia passione e lasciare il volante. Per qualche anno, grazie anche al grande aiuto di mio papà con la bambina, ho gestito una mia panetteria, ma appena Amy è diventata più grande ho capito che non potevo più stare lontana dai camion, non mi sentivo realizzata. Così lo scorso anno ho fatto domanda come autista alla Manfrinato Giusto, mi hanno presa e sono tornata a essere felice.


 

(…) il resto dell’intervista sulla pagina di Uomini e trasporti.

Buona lettura!

Read More →

La storia di Sara

 

La storia della collega Sara in un articolo de “La Sentinella del canavese” di qualche giorno fa.

Questo è il link (l’articolo completo è però risevato agli abbonati) :

https://lasentinella.gelocal.it/ivrea/cronaca/2022/05/18/news/rivara-una-donna-alla-guida-di-un-tir-la-vita-al-volante-della-camionista-sara-1.41449377

Inizia cosi:

Rivara, una donna alla guida di un tir: la vita al volante della camionista Sara

Rivara. Una donna alla guida di un autoarticolato, e anche da molti anni: un lavoro che è fatto di passione e rappresenta una vera scelta di vita, fatta di nuovi orizzonti e di tanta libertà.

La pensa così Sara Nepote, 42 anni, dipendente della ditta di autotrasporti Berca, che ha sede a Rivara: «Guido una motrice da 100 quintali per la Berca da circa 18 anni e per il momento non ho nessuna intenzione di cambiare mestiere – racconta Nepote.


 

Buona strada Sara!!!

Read More →

Un articolo interessante

 

Ho trovato e letto questo articolo su “La nuova Sardegna”, mi è piaciuto l’argomento e ho pensato di condividerlo qui nel nostro blog.

Perchè si fa tanto parlare di discriminazione nei confronti delle donne nel mondo del lavoro e poi le prime a discriminare sono altre donne…  per fortuna  ci sono anche uomini diversi, che vanno apprezzati per le loro scelte.

Buona lettura, questo è il link:

https://www.lanuovasardegna.it/oristano/cronaca/2022/05/19/news/la-risposta-sarda-alla-franchi-valentina-e-il-suo-pancione-non-abbiano-alcuna-fretta-1.41451342

E questo è l’inizio dell’articolo:

La risposta sarda alla Franchi: «Valentina e il suo pancione, non abbiano alcuna fretta»

La foto di Valentina Pala diventata virale sui social dopo il post pubblicato da Nicola Fabbri

 

Santa Giusta, Tirso e la dipendente in dolce attesa: «Deciderà lei quando lavorare»

SASSARI. Un pancione di sei mesi che buca l’obiettivo, il marchio aziendale sullo sfondo, poche righe di testo che colpiscono nel segno. Tirso manda un messaggio chiaro sul tema del lavoro femminile e della maternità, caldissimo in questi giorni. E praticamente dal nulla nasce una piccola campagna di marketing capace di diventare virale sulla rete. Potere del web, ma ancora di più delle idee.

La risposta tutta sarda alle parole della stilista Elisabetta Franchi («nelle posizioni di vertice assumo solo donne over 40, hanno già fatto figli») nasce quasi per scherzo nella sede di Santa Giusta della Tirso, storica azienda isolana di trasporti e logistica. Dove Valentina Pala, responsabile della finanza del gruppo, è al sesto mese di gravidanza. E dove Nicola Fabbri, nelle vesti del “capo”, decide di prendere posizione sulla questione. Sottolineando che alla sua dipendente non verrà posto alcun ostacolo nel suo percorso di maternità.

 

(….) continua sulla pagina de “La nuova Sardegna”.

Read More →

Principessa o…camionista?

 

Una camionista un pò particolare, visto che è una vera principessa, figlia dei reali di Norvegia!

Trovate l’articolo completo di foto a questo link:

https://www.milleunadonna.it/photogallery/gallery/l-incredibile-martha-louise-figlia-del-re-di-norvegia-prima-si-fidanza-con-uno-sciamano-poi-diventa-camionista/177410/167/

Questo è il testo:

L’incredibile Martha Louise, figlia del re di Norvegia. Prima si fidanza con uno sciamano poi diventa camionista

 

Se c’è una principessa fuori dal comune, e non solo nel contesto della Casa Reale norvegese, è proprio lei. Martha Louise di Norvegia spicca per eccentricità rispetto a tutte le altre Royal Family europee e la sua recente trasformazione in una camionista con il naso rifatto e solo l’ultimo episodio di una lunga serie. Come racconta il sito Histoires Royales, la figlia di re Harald V e della regina Sonia – quarta nella linea di successione al trono dopo il fratello Haakon e i figli di lui Ingrid Alexandra e Sverre Magnus – alla tenera età di cinquant’anni ha ottenuto il suo primo ruolo cinematografico, coronamento di una carriera dedicata all’arte, in particolare quella della recitazione ma anche della scrittura di libri.

Camionista in un road movie

L’illustre attrice finora aveva ottenuto solo piccole parti televisive, ma ora Martha Louise di Norvegia fa parte del cast del film Lange Flate Ballær 3, terza puntata di una saga cinematografica iniziata nel 2006. Il terzo film è una sorta di road movie ambientato su una roulotte, con il gruppo di norvegesi coinvolto nel contrabbando di alcolici. Martha Louise veste i panni di una camionista: nella sua scena principale, spruzza uno spray al peperoncino su uno dei personaggi principali che, confuso, si chiede chi sia davvero la donna così simile alla figlia del re.

La trasformazione

Per calarsi nella parte, Martha Louise ha dovuto subire anche qualche trasformazione fisica: a parte l’abbigliamento piuttosto casual, alla principessa è stata aggiunta una gobba sul naso. Per ciò che riguarda la guida di un camion, invece, Martha Louise non ha avuto grandi difficoltà a immedesimarsi. Come da lei stessa raccontato, è da anni che guida autocarri. Pochi lo sanno ma, essendo appassionata di cavalli, ha preso la patente per guidare i camion di trasporto animali per condurre le stessa i cavalli alle varie competizioni in cui gareggia Emma Tallulah Behn, una delle figlie che ha avuto dall’ex marito Ari Behn. Insomma, davvero una principessa fuori dagli schemi come era stato evidente fino dal 2019, quando si era fidanzata con uno sciamano –Shaman Durek, molto conosciuto a Hollywood – e aveva confessato di parlare con gli angeli.

Read More →

Un mondo di camioniste…

 

Eccomi di nuovo a raccontare il mondo delle camioniste. Come sapete sono sempre alla ricerca di articoli che parlano di noi. Partendo sempre dal presupposto che ci dicono che siamo solo il 2% del totale degli autisti e che siamo quella famosa “minoranza troppo visibile” e in quanto tale suscitiamo sempre l’attenzione, sia per strada che nei media.

Cosi vi propongo un’altra serie di articoli vecchi e nuovi che ho trovato in rete, aggiungendoli al nostro “album di famiglia”, come mi piace pensare che sia il nostro blog, un punto d’incontro virtuale dove c’è posto per tutte le donne che svolgono questo mestiere, che l’hanno fatto per un periodo della propria vita  o che aspirano ad ottenere un posto al volante di un camion.

Parto subito dalle nuove leve, ultimamente con il problema della carenza di autisti vengono sovvenzionati corsi per l’ottenimento delle patenti superiori per incentivare le persone a entrare nel mondo dell’autotrasporto.

E se in questi corsi c’è anche una donna… è subito notizia!

E’ in caso di Sharon, riportato dalla Gazzetta di Mantova, unica ragazza su 25 candidati:

https://gazzettadimantova.gelocal.it/mantova/cronaca/2021/10/30/news/mantova-in-25-per-fare-gli-autisti-via-al-progetto-formazione-e-patente-1.40865821

 

 

e di Giuseppina di Nola…

Tra quelle che hanno già trovato un impiego c’è Emily, 22 anni, prima donna al volante di un mezzo dell’Asite di Fermo:

https://www.cronachefermane.it/2021/10/12/lasite-si-tinge-di-rosa-il-saluto-dellassessore-ciarrocchi-allautista-emily-vallorani/456735/

E restando nel settore “ambiente”, ho trovato anche questa notizia su Contarina, dove al volante dei camion della raccolta rifiuti ora ci sono anche le donne:

https://tribunatreviso.gelocal.it/treviso/cronaca/2022/04/02/news/contarina-al-volante-dei-camion-che-raccolgono-rifiuti-ora-ci-sono-le-donne-1.41345452

Non solo new entry, ci sono anche le veterane, come Rossella che dal 1992 guida il camion nelle miniere di talco:

http://www.alpcub.com/le-donne-e-il-talco.htm

E storie un po’ diverse, come quella di Lella Lombardi, indimenticata pilota di Formula Uno (in questi giorni sono 30 anni dalla sua scomparsa) che da ragazza guidava i camion di famiglia:

https://autosprint.corrieredellosport.it/news/formula1/2022/03/03-5190707/in_ricordo_di_lella_lombardi_l_unica_donna_ad_aver_preso_punti_in_f1

 

E di Milena Bertolini – l’allenatrice della nazionale di calcio femminile – che aveva una zia,  Norma, camionista negli anni ’60, con cui adorava andare in giro da piccola. Ne parla in una puntata di “Le ragazze” che si può vedere su Rayplay a questo link, dove c’è anche qualche immagine d’epoca:

https://www.raiplay.it/video/2021/06/Le-Ragazze-65e36f49-c7ef-459c-a852-8eecb8406e72.html

A volte però si trovano anche notizie che preferiremmo non leggere, ecco un paio di titoli:

 

Chiudo con un paio di articoli di qualche anno fa (2018) che raccontano di Giada, prima donna alla guida del camion dei Pompieri in provincia di Lecco:

https://www.ilgiorno.it/lecco/cronaca/bellano-donna-autista-vigili-del-fuoco-1.3751800

https://primalecco.it/cronaca/giada-donna-fuoco-mamma-pompiere-tanto-patente/

Per questa volta mi fermo qui, a tutte l’augurio di una buona strada sempre!!!

Read More →

Due cuori e un camion, o due…

 

La storia di una coppia di camionisti, dalle pagine di Camionefurgonimagazine, “Lola” e “Jesus”  raccontano a Gabriele Bolognini come si sono conosciuti, il loro mestiere, le loro passioni, i sogni per il futuro…

Buona strada a tutti e due!!!

Questo è il link dell’articolo:

http://www.camionefurgonimag.com/lola-e-jesus-due-cuori-e-un-camion-o-due/

Inizia cosi:

“Lola” e “Jesus” due cuori e un camion, o due

28 marzo 2022
276 Views

Entrambi camionisti, entrambi appassionati di fuoristrada, di metal rock alternative e progressive… gli ingredienti ci sono tutti per una buona carbonara…

LEI

Nome: Marta

Cognome: Bertazzo

Età: 39

Città di nascita: Padova

Anzianità di servizio: 13 mesi

Settore di attività:

Trasporto Alimenti Freschi

Nickname: Lola

Dove vivete?

In campagna, in una frazione dimenticata dall’Universo, nel cuore del Polesine.

LUI

Nome: Marco

 

Cognome: Sacchetto

Età: 31

Città di nascita: Noventa Vicentina

Anzianità di servizio: 10 anni

Settore di attività:

Trasporto prodotti petroliferi

Nickname: Jesus

Dove vivete?

Pezzoli, frazione di Ceregnano in provincia di Rovigo.

Perché Lola?
È un soprannome che mi hanno dato gli amici, mi piaceva come suonava pronunciato da loro, era dolce e l’ho mantenuto. È il titolo di un brano della band danese Volbeat che racconta di una pole dancer… beh anche questo riferimento non è stato un caso! 
Perché Jesus?
Perché se mi sciolgo i capelli, con la barba assomiglio

a Gesù Cristo, soprannome che risale a un po’ di anni fa.

Me lo diedero degli amici ma prima ancora, un carrellista

di una cartiera che rideva ogni volta che mi vedeva mi

svelò che il motivo era il medesimo! 

 

Il primo incontro?
Ad un concerto live di una band amatoriale. Entrambe avevamo le nostre vite sentimentali quindi si è trattato soltanto di un saluto, qualche battuta, niente di che. A pensarci bene mi ero interessata più al suo fuoristrada V8 che a lui.

——————————–

Il primo incontro fu durante una serata in un music-pub. Io e alcuni miei amici per hobby avevamo l’attrezzatura per far service audio (dato che anche noi eravamo musicisti) e mentre stavamo montando il tutto lei comparve a sostegno della band ma fino a quel momento non ero a conoscenza della sua esistenza. 

 

 
La scintilla?
Diciamo che più che una scintilla immediata si è trattato di un fuoco partito con il metodo dell’archetto!

Siamo diventati amici perché mi aveva incuriosito il suo essere attratto dallo spirito di avventura.

Era l’unica persona che conoscessi ad avere un fuoristrada anziché un’auto nuova sportiva e l’unica ad avere una tenda da tetto invece di un camper lussuoso.

Passavamo il tempo scrivendoci, tra risate e raduni di fuoristrada americani.

Lui si è innamorato prima di me, anche se non lo ammetterà mai!

Io volevo solo una storia estiva ma qualcosa è andato meravigliosamente storto.

——————————————-

Sempre quella sera! Ah ah ah, scherzo…

Abbiamo avuto modo di conoscerci nel tempo. In seguito a vari fattori avevamo stretto una buona amicizia, poi, prima per me, e poi per lei le cose son chiaramente cambiate. In seguito, ci siamo avvicinati sempre di più.

 

Camionista per passione?
Prima di fare questo mestiere ho lavorato nel settore del web digitale insieme ad altri due amici soci per quasi quindici anni. Ma ad un certo punto quel lavoro non mi dava più soddisfazione. Non riuscivo più ad esprimere la mia creatività. Stava diventando una routine. Così ho deciso di mollare. Proprio in quel periodo stava nascendo in me una gran passione per le auto fuoristrada. Così ne comprai una ed iniziai a partecipare ai raduni. Mi affascinava la sfida di percorrere strade impossibili immersi nel fango. Diciamo che l’appetito vien mangiando… volevo spingermi oltre. I camion sarebbero stati la mia prossima meta. Nel mese di febbraio 2020 mi sono iscritta all’autoscuola e, tra una pandemia e l’altra sono riuscita a prendere tutte le patenti compreso il CQC.  A quel punto dovevo cercare lavoro. Andai a trovare mio cugino che lavora presso la Trans Lusia, un importante consorzio veneto di autotrasportatori. Mi fecero fare una prova e il 20 Febbraio 2021 mi presero. Dopo un mese e mezzo di affiancamento sono stata catapultata direttamente sul bilico. Oggi mi sembra incredibile di trovarmi qui a raccontare questa storia e, soprattutto, di fare questo lavoro che amo, con tutti i suoi pro e i suoi contro.


Certamente questo è un mestiere che si fa per passione. O ce l’hai, o è meglio che lasci perdere. Io iniziai a lavorare appena prese le patenti nel 2012 come autista dipendente. Nel corso del tempo son passato dal centinato alla cisterna. Oggi guido per un’azienda a conduzione familiare che fa trasporti e commercio di prodotti petroliferi. Sono alle loro dipendenze da più di quattro anni e mezzo e direi di aver trovato il giusto luogo con il giusto equilibrio.

(…) Il resto della storia (con tutte le foto)  lo trovate sulla pagina di camionefurgoni mag:

http://www.camionefurgonimag.com/lola-e-jesus-due-cuori-e-un-camion-o-due/

Read More →

Le donne sono la futura risorsa dell’autotrasporto?

 

Le donne sono la futura risorsa dell’autotrasporto? E’ la questione che si pongono in questo articolo di IT RISORSE:

https://www.itrisorse.it/tag/donne/

Inizia cosi:

 

Donne sui camion

 

Oggi vorremmo parlare di stereotipi di genere, che dovrebbero essere completamente scardinati e accantonati. Se è vero che solo il 2% degli autisti professionisti di camion sono donne è anche vero che quando vi è passione e viene data la possibilità di inserirsi in questo mondo la professionalità e l’efficienza di una donna al volante è perfettamente comparabile a quella di un uomo.

Le autotrasportatrici sono ancora poche; eppure, non bisogna assolutamente incorrere nell’errore di raccontare le loro storie in modo favolistico o paternalistico: sono lavoratrici, donne e camioniste.

Il maschilismo dilaga quando si parla di donne sui camion

Come abbiamo detto questo è un mondo che conta ben 13 mila unità e solo il 2% di esso è composto da donne, ciò permette che un certo tipo di maschilismo possa serpeggiare sia in chi di questo mestiere vive sia nelle aziende che utilizzano o hanno a che fare con gli autotrasportatori.

In questo caso IT Risorse si schiera al fianco di chi combatte ogni giorno per portare in questo mondo:

  • Equità.
  • Equiparazione degli stipendi.

Per farlo bisogna affrontare l’argomento e scardinare i luoghi comuni che permettono a ognuno di noi di immaginare le donne al volente sui camion come entità indistinte in un mondo di uomini. Questo, ovviamente, non è vero e ogni donna che sale su di un mezzo pesante possiede lo stesso grado di qualità di qualsiasi altro autotrasportatore.


 

(….) Il resto dell’articolo sulla pagina ufficiale

https://www.itrisorse.it/tag/donne/

 

Read More →

La storia di Beatrice, una giovane collega !

 

Vi ricordate di Beatrice?  Qualche settimana fa le ho consegnato il nostro libro, ora la sua bella storia la potete leggere sulla  pagina di “Uomini e trasporti”  a firma di Elisa Bianchi.

Una ragazza giovane ed entusiasta di aver intrapreso questa professione, a cui auguriamo tanta buona strada per il futuro!!! Vai Beatrice!!!

Questo è il link dell’articolo:

https://www.uominietrasporti.it/uet-blog/anche-io-volevo-il-camion/beatrice-donghi-dal-cantiere-al-camion-inseguendo-il-sogno-dellautotrasporto/

E questa è la prima parte della sua storia:

Beatrice Donghi, dal cantiere al camion inseguendo il sogno dell’autotrasporto

Classe 1995, varesotta, diplomata in lingue, inizia a lavorare nell’azienda di famiglia che si occupa di edilizia. Poi, da qualche piccola consegna con il furgoncino a conseguire le patenti C, E e Cqc, salire su un bilico e non scendere più, il passo è stato breve

Si chiama Beatrice Donghi, classe 1995 e originaria della provincia di Varese. Colpisce la sua storia perchè Beatrice non è “figlia d’arte”, ma ha un curriculum professionale che lascia innegabilmente di stucco chiunque. Diplomata in lingue, inizia a lavorare da subito nella ditta edile di famiglia. «Dato il mio titolo di studio mi sarei dovuta occupare della parte di ufficio, ma un giorno mi è stata chiesta una mano con il furgoncino della ditta e da quel giorno io l’ufficio non l’ho più visto». All’epoca, però, Beatrice non dava una mano solo alla guida del furgoncino. «Facevo di tutto all’occorrenza, anche la manovale quando c’era da aiutare in cantiere. Preparavo la malta, guidavo gli scavatori e i muletti telescopici. Sono cresciuta tra i cantieri e trovarmi lì a lavorare è stata una conseguenza naturale. Per me era come lavorare con tanti zii, perché i dipendenti mi hanno vista crescere e anche per loro la mia presenza lì era del tutto normale». La strada di Beatrice, però, stava per cambiare e questa volta non per naturale evoluzione delle cose, ma per una passione nascosta in lei da sempre.

Come è andata?

Dopo aver preso la patente C e il CQC per tre anni ho guidato un camion con cassone ribaltabile e gru, ma lavorare in famiglia non è sempre facile, iniziava a pesarmi il fatto che non ci fosse una separazione tra vita famigliare e vita lavorativa e soprattutto più guardavo i camion, più mi brillavano gli occhi e mi convincevo che fosse quella la mia strada. Così ho preso il coraggio con due mani e comunicata alla famiglia la mia decisione – accolta favorevolmente e sostenuta – ho cercato lavoro come autotrasportatrice. Ho mandato una trentina di curricula in una sola notte e la mattina successiva sono stata ricontattata da un’azienda della zona, che è quella per cui oggi lavoro. Per i primi tre mesi ho lavorato nell’ambito dei traslochi e nel mentre studiavo per prendere la patente E, ma dal giorno successivo al conseguimento il mio sogno si è realizzato. Sono salita sul bilico e oggi non ho intenzione di lasciarlo.

Che cosa trasporti?

Di tutto: bobine di carta, tubi di plastica, alimentare non da frigo, polimeri di plastica. Una cosa però è rimasta in comune con il mio precedente lavoro: capita ogni tanto di trasportare ancora cemento.

Che viaggi fai?

Lavoro prevalentemente nel Nord e nel Centro Italia e spesso capita di passare fuori le notti con il camion.

E come ti trovi?

Lavoro da poco in questo settore, ma mi sono resa conto da subito che la situazione per quanto riguarda i servizi non è delle migliori. Quando mi capita di trovare aree di sosta con servizi dedicati alle donne rimango davvero sorpresa, eppure mi è capitato. Una volta in zona Bergamo e un’altra in zona Brescello. Forse è un buon segnale.


 

(…) Il continuo della sua storia sulla pagina ufficiale di Uomini e trasporti

Read More →

La storia di Nikolina, una pioniera dalla Bulgaria

 

Alla storia di Nikolina  ci sono arrivata sbirciando nel fb di un amico (io non ce l’ho), c’era un articolo tradotto dal bulgaro, cosi me lo sono fatto inviare via mail e sono andata a cercare l’originale nel web. Ne ho trovato più di uno, naturalmente sono scritti in cirillico – impossibile per me leggerli – ma c’è il traduttore di Google e cosi ci ho provato…

Ne ho scelto qualcuno, li ho salvati, cosi come le sue foto, e ho cominciato a fare la traduzione, purtroppo alcune frasi non hanno molto senso (succede spesso col traduttore, anche con altre lingue), ma nell’insieme si capisce.

 

 

Alcuni link:

https://trud.bg/%D0%BF%D1%8A%D1%80%D0%B2%D0%B0%D1%82%D0%B0-%D0%B1%D1%8A%D0%BB%D0%B3%D0%B0%D1%80%D0%BA%D0%B0-%D0%BC%D0%B5%D0%B6%D0%B4%D1%83%D0%BD%D0%B0%D1%80%D0%BE%D0%B4%D0%B5%D0%BD-%D1%88%D0%BE%D1%84%D1%8C%D0%BE%D1%80-%D0%BD%D0%B0-%D1%82%D0%B8%D1%80-%D1%81%D1%82%D0%B0%D0%BD%D0%B0-%D0%BD%D0%B0-65/

https://novini247.com/novini/nikolina-maneva-e-parvata-jena-tiradjiya-v-balgariya-zad-garba_3907698.html 

https://www.168chasa.bg/article/10681059

Alcune foto: 

 

 

 

 

La storia è raccontata da sua figlia in un’intervista in occasione del 65° complenno della mamma che ora è andata in pensione. Una mamma veramente speciale: ha girato in camion Europa e Asia!

Ecco la traduzione:

Con velo e occhiali scuri nei paesi arabi: Nikolina

 

Nikolina Maneva è la prima camionista donna in Bulgaria. Alle sue spalle ha centinaia di viaggi in varie parti del pianeta. Ha viaggiato in tutta Europa e nella maggior parte del mondo arabo.

La donna bulgara si sta imbarcando in questo calvario
senza timore di dover dare indicazioni verso luoghi dove sono in pieno
svolgimento le feroci attività militari. In Iran, Libano e Siria, la gente del
posto non riesce a credere di vedere una donna al volante di una macchina da 40
tonnellate.

Solo pochi giorni fa, Nikolina ha compiuto 65 anni. Circondata dalle persone più  vicine, ha augurato la sua salute e il suo consenso. La sua storia emozionante è stata raccontata a “168 Hours” da sua figlia Jonah.

 
Jonah, tua madre è la prima donna camionista nella storia della Bulgaria. 
Quando e in che modo ha deciso che questa era la sua vocazione?

Sì, ai suoi tempi mia madre era in realtà la prima e unica donna in questa specialità
maschile. Mai prima d'ora vi era entrata, non aveva mai pensato di poterlo fare
 professionalmente. L'inizio è stato fissato da quando mio padre ed io ci siamo trasferiti
 a Sofia, dove ha iniziato a lavorare come autista di linea di autobus, e in seguito ha 
seguito corsi per autista professionista. Senza volere niente di speciale, gli venne in 
mente di offrirle un'istruzione. Mia madre acconsente immediatamente e intraprende
 per lei questo nuovo passatempo. Si iscrisse a un centro di formazione per leader 
internazionali e, con l'impavidità della sua giovinezza, accettò la sfida di studiare in 
questa scuola "maschile".
Dopo 6 mesi di studi terminò con un ottimo trionfo ed iniziò la professione di autista
 con un vero e proprio inizio alla grande. Fa subito sentire tutti disciplinati e responsabili. 
Poco dopo fece domanda per un lavoro nell'allora associazione statale d'élite 
Investigation Department of the District Prosecutor's Office International Road 
Transport - So Mat, che era l'orgoglio del sistema imprenditoriale 
socialista - una delle più grandi società di spedizioni e trasporti in Europa. 
In quel momento nella stessa azienda lavora attualmente mio padre, ed è stata 
subito approvata dal capo, quindi posso descrivere l'inizio del suo percorso in
 questo campo.
 
Vi ha detto che ha avuto momenti di tormento per il fatto che nel suo 
lavoro la classe maschile fosse la maggioranza incondizionata?
 
No, almeno non mi ha detto che era nei guai. Andava d'accordo con tutti i suoi colleghi. 
Né la guardavano in modo diverso solo perché era una donna. È abbastanza diretta 
e nel caso avesse qualcosa, lo diceva a se stessa senza tormento, e mio padre era 
accanto a lei. Tutti sapevano che erano una famiglia. Nessuno l'ha molestata. 
Anche altrimenti - si sono comportati in modo camerata e collegiale. Non sentiva 
alcun atteggiamento che la preoccupasse.
 
E quali carichi ha trasferito nei rispettivi punti? Ci sono stati dei rischi 
e durante il viaggio di ritorno in Bulgaria il suo camion è stato 
nuovamente sovraccaricato di merci destinate al nostro paese?
 
Non posso dirti esattamente quale carico hanno trasportato da un punto all'altro.
 Immagino fossero articoli di mercato come cibo, mobili e articoli per la casa. 
Era allora una delle più grandi aziende. Portavano ogni genere di cose. So che 
poco dopo aver iniziato a lavorare, le è stato affidato il compito di guidare una 
grossa nave cisterna che riforniva i terminal della compagnia. Non ha condiviso 
altri dettagli con me. Sono sicura che come donna, i suoi superiori 
probabilmente non l'hanno caricata di oggetti rischiosi.
 
Ha portato il capitano in passato? Si parla ancora del traffico di droga 
da parte dello Stato durante il comunismo?
 
No, posso dire esplicitamente che in nessun caso per i suoi 30 anni di servizio si è 
lasciata intenzionalmente rischiare la vita e la libertà. È una persona onesta e 
meritata e tutto ciò che hanno ottenuto con mio padre è stato fatto attraverso un 
lavoro intenso. Non accetterebbe mai di trasportare qualcosa di simile che 
danneggerebbe altre persone. Anche a costo del tuo lavoro; Sono sicura che avrebbe 
voluto essere licenziata invece di fare qualcosa di simile. Ancora una volta, stiamo
 parlando di veleno, che può avere conseguenze spiacevoli per le persone che lo 
usano. Per tutta la vita è stata contraria a cose simili.

 

In quali destinazioni è andata Nicolina?
 
Dopo che i suoi superiori si furono convinti che avesse notevoli qualità professionali, 
anche in giovane età, i responsabili del Dipartimento Investigativo della Procura 
Distrettuale del Trasporto Stradale Internazionale ( le  offrirono di seguire 
dei corsi all'estero).  Mia madre ha viaggiato in tutti i paesi europei, 
così come nei paesi del mondo arabo. Ha viaggiato in lungo e in largo e in due 
continenti: Europa e Asia. Dal mondo arabo era in Iran , Iraq, Libano, Siria, 
Pakistan, Tagikistan, la sua prima rotta fu Francia-Teheran, all'epoca molto tesa 
a causa della guerra in Iraq, ma accettò di percorrere 2.000 chilometri attraverso
 la Turchia e altri 1.000 Guidava in una carovana di camion, vestita di nero dalla 
testa ai piedi, con un velo sulla testa e occhiali scuri. - secondo le leggi dell'Islam.
 Al confine turco-iraniano, si è trasformato in una vera sensazione. Il capo della 
dogana ha esclamato che per la prima volta in 37 anni di lavoro al posto 
di blocco ha visto una donna al volante di una macchina da 40 tonnellate. 
Venne anche la polizia, perché nessuno riusciva a capire chi fosse questa signora, 
che girava tra i conducenti. Dopo aver accertato che fosse un impiegato di Willy 
Betz, la fecero entrare in testa alla colonna.
 
Ancora una volta, ha lavorato in tempi estremamente travagliati, fino
 al punto di agitazione nel mondo arabo. Ci sono ricordi chiari sui 
momenti in cui la sua vita era in pericolo?

 

C'è un rischio costante per la vita in questo mestiere, anche se non sei nel mondo 
arabo. Ho sentito tante storie, ma poi ero molto piccola e non davo un senso alle
 cose, non capivo quanto fossero devoti i miei genitori a me e a mio fratello Dimitar.
 Si trattava di darci le cose di cui avevamo bisogno.  Ho completato gli studi 
intermedi e poi mi sono iscritta a Giurisprudenza, così come mio fratello.
 Per quanto riguarda la domanda che mi fai, ricordo un caso del loro collega che è 
stato addormentato nel camion e poi gli è stato rimosso un organo dal corpo. 
Ci sono molte storie spiacevoli e fatali, ma per il benessere di coloro che ci 
circondano sono vive e vegeta.
 
E lei stessa ha assistito a panorami toccanti che riflettono la brutta 
faccia della guerra?
 
No, non ha raccontato storie così scioccanti sulla guerra nel mondo arabo. Hanno 
seguito direzioni pertinenti, con l'aiuto delle quali non hanno incontrato opinioni 
simili. Ancora una volta, i loro capi hanno pensato alla loro salute e sicurezza. 
Difficilmente sarebbero stati mandati nei punti più travagliati di un paese, dove, 
oltre a vedere qualcosa di spiacevole, poteva capitare loro qualcosa. Pensavano 
solo alla loro sicurezza.

 

Come consideravano la gente del posto il fatto che fosse una donna che 
guida un camion, a causa dei rigidi tabù religiosi e del rimorso dell'est?

 

Quello che ho sentito da mio padre Jordan sono storie dei suoi primi contatti con i 
doganieri alle frontiere. Queste persone sono state incondizionatamente scioccate 
dal fatto che una donna sotto il velo nero e gli occhiali stesse guidando un camion. 
Sotto shock non  in senso spiacevole. Sono rimasti stupiti dal suo coraggio. In 
qualche modo era insolito per loro vedere qualcosa di simile, perché le donne lì, 
sai, non sono autorizzate a lavorare nemmeno in una specialità leggera che non 
richiede molta forza e coraggio. Erano stupiti che mia madre si muovesse da sola 
attraverso i deserti del mondo arabo senza tormenti. Al confine con la Turchia, ad 
esempio, il doganiere è stato così sorpreso di vederla che le ha subito chiesto come
 avrebbe potuto recarsi in questi paesi se, ad esempio, ci fosse stata una sanguinosa
 guerra in Iraq.
 
Durante le guerre, quando certi pacchi venivano fermati alle frontiere, 
bisognava “riscattarsi”. Ha dovuto farlo in passato?
 
Sinceramente, non credo che avesse dovuto fare una cosa del genere. Non so se 
abbia avuto casi del genere, né che in passato abbia dato riscatti. Ho sentito 
parlare di pratiche simili, ma nella sua carriera professionale non ha riscontrato 
nulla di simile. Forse i suoi capi hanno scelto le direzioni giuste per evitare simili 
difficoltà che rallenteranno il lavoro dei loro dipendenti.

 

Come pensi che abbia accettato e superato tutti questi test?
È una donna coraggiosa e abbastanza forte. È il nostro sostegno e orgoglio, 
così come per i suoi adorabili genitori: i miei nonni Stoyanka Kancheva e Ivan 
Kanchev. Posso dirti che durante tutta la sua vita intenzionale, non si è mai 
lamentata del suo lavoro. Ha detto che c'erano complicazioni da risolvere che
 l'hanno scoraggiata, ma in nessun caso si è arresa. Immagino le cose che ha 
passato, ma non le ha condivise con noi, per non preoccuparci.

 

E aveva altre colleghe che hanno iniziato a lavorare in una fase 
successiva rispetto a lei? Cosa ha consigliato loro?
 
No, esplicitamente: è stata la prima e unica donna del suo tempo. Non ce n'erano 
altre nel 1988. Era circondato solo da uomini. Molto più tardi, la classe femminile 
è entrata a far parte di questa specialità. Forse fino ad allora mancava la 
determinazione. Mia madre non ci ha pensato.
 
Fonte: glasnews.bg


Read More →