Posts Tagged "lavoro"

Colleghe dalla Turchia

 

Un articolo di qualche mese fa che racconta di due colleghe camioniste turche, al volante dei mezzi della Mars Logistic, azienda che vuole raggiungere l’eguaglianza di genere tra i suoi dipendenti.

Questo è il link:

https://it.rayhaber.com/2021/10/kadin-tir-suruculeri-mars-logistics-ile-yola-cikti/

E’ scritto in un “italiano” un pò strano, sarà per via della traduzione?

Inizia cosi:

Autisti di camion donne partono con Mars Logistics

le autiste di camion sono partite con la logistica di Marte
le autiste di camion sono partite con la logistica di Marte

Mars Logistics sta lavorando sull’uguaglianza di genere, uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dalle Nazioni Unite, con il progetto Equality Has No Gender, iniziato a gennaio. Nell’ambito del progetto, 2 camionisti donne hanno iniziato a lavorare presso Mars Logistics.

Con l’obiettivo di rafforzare la percezione dell’uguaglianza di genere all’interno e all’esterno dell’azienda nell’ambito del progetto Equality Has No Gender, Mars Logistics ha iniziato a lavorare a partire da gennaio 2021. Il gruppo di progetto Equality Has No Gender, composto da dipendenti di Mars Logistics, svolge attività di sensibilizzazione all’interno e all’esterno dell’azienda.

Aggiungendo l’elemento per aumentare l’occupazione femminile nel suo piano strategico 2021, Mars Logistics ha reclutato 79 dipendenti donne dall’inizio dell’anno. Il presidente del consiglio di amministrazione di Mars Logistics, Garip Sahillioğlu, ha dichiarato: “Uno dei pilastri del progetto, che volevamo estendere all’intera operazione dell’azienda, era includere l’aumento dell’occupazione femminile nel nostro piano strategico. Da quando abbiamo aggiunto questo articolo, 79 colleghe si sono unite a noi”.

Credendo che il genere non sia il criterio per stabilire se un lavoro può essere svolto bene o meno, Mars Logistics ha assunto 2 camionisti donne mentre impiegava un camionista, una novità all’interno dell’azienda. Sahillioğlu ha dichiarato: “La cosa importante per noi è fare una valutazione imparziale e collocare le persone giuste nelle posizioni giuste. Abbiamo iniziato a lavorare con 2 delle nostre amiche camionisti nelle assunzioni che abbiamo svolto in modo trasparente senza discriminazioni di religione, lingua, razza o genere”. disse.

“Non c’è lavoro che una donna non possa fare se vuole”

Sevil Yıldız, che ha iniziato a lavorare come autista di camion nella flotta di Mars Logistics, ha dichiarato che il suo sogno era quello di diventare un camionista fin dalla sua infanzia, e ha detto quanto segue sulla guida di camion, che dall’esterno viene definita un lavoro da uomo: Vedono che una donna non può farlo, ma non c’è niente che una donna non possa fare se lo desidera».

Yıldız ha detto per le donne che vogliono essere un camionista ma non hanno il coraggio perché è visto come una professione maschile, “Non c’è niente che una donna non possa fare. Finché vogliono, osano.” disse.

“Penso che oggi non ci siano più uomini e donne in nessuna attività”

Kübra Şeker, un altro camionista che ha iniziato a lavorare presso Mars Logistics, ha parlato di essere un camionista donna in Turchia: “Non ci sono molte donne che lavorano in questa professione in Turchia. Non credo che ci siano uomini e donne in affari oggi. Chiunque ami guidare può diventare un camionista”. Şeker ha affermato che in Mars Logistics le donne sono coinvolte in tutti i processi e viene fornita un’atmosfera familiare.


 

(…) continua sulla pagina ufficiale.

 

Read More →

La storia di Frida

 

Un’altra testimonianza tratta dalla pagina del sito  di “Uomini e trasporti” dedicata alle donne camioniste: “Anche io volevo il camion”,  sempre a firma di Elisa Bianchi.

E’ la storia di Frida che a quarant’anni cambia mestiere e si mette al volante di un camion, non è mai troppo tardi per iniziare la professione di autista!

Buona strada Frida!!!

Questo è il link dell’articolo:

https://www.uominietrasporti.it/uet-blog/anche-io-volevo-il-camion/frida-fiocco-professione-autista-dal-mercato-al-camion-come-cambiare-la-vita-a-40-anni/

 

Inizia cosi:

Frida Fiocco, professione autista «Dal mercato al camion. Come cambiare la vita a 40 anni»

Fino a sei anni fa era un’ambulante di frutta e verdura. Poi, dopo che supermercati sempre più diffusi hanno messo in crisi quell’attività, la vita le ha chiesto una strambata. Così, è salita su un bilico e ha indossato una maschera da dura. Ma dietro c’è tanta voglia di normalità

«Essere uomo o donna dal punto di vista strettamente lavorativo non fa la differenza. Il problema più grande, per noi donne, è il tempo». Frida Fiocco ha le idee piuttosto chiare in merito a questo lavoro. Frida ha 46 anni e vive a Villa Estense, in provincia di Padova, e da quasi sei anni è alla guida di un bilico per il trasporto di frutta e verdura. Le colleghe la descrivono come una che ti osserva guardinga e che non le manda a dire. «La verità è che questo mestiere ti costringe a indossare la maschera da dura – spiega – ma sotto sotto sono una persona normalissima».
Partiamo dalla sua normalità, quindi, per raccontare la sua storia di straordinarietà. Sì, perché le donne autiste oggi sono ancora poche, pochissime verrebbe da dire guardando i dati che fotografano una situazione chiaramente ancora sbilanciata: la percentuale di donne alla guida di un veicolo è ferma al 2%, in Italia così come in Europa, mentre nel 2020 le autotrasportatrici sono calate di mille unità.

Ma come ci è arrivata Frida alla guida di un camion?

Ho iniziato la mia carriera come venditrice ambulante nei mercati, banco frutta e verdura. C’era parecchio lavoro all’epoca e dovevamo utilizzare il camion, per questo presi le patenti, anche se il mezzo che guidavo all’epoca era molto più piccolo del bilico che guido oggi. Poi il mercato è andato in crisi per via dei supermercati e così ho dovuto riciclarmi, anche se cambiare tutto a quarant’anni non è stato semplice. La vita è una serie di coincidenze e così poco tempo dopo ho conosciuto un ragazzo che lavorava nel Consorzio dove poi effettivamente sono andata a lavorare anche io, il Trans Lusia. Sapeva che avevo le patenti e mi ha proposto di provare: se non mi fossi trovata bene avrei sempre potuto cambiare strada.


(…)  Il resto della storia lo potete leggere nella pagina di Uomini e trasporti !

Read More →

Un premio a Ileana!

 

L’articolo che parla del premio è dello scorso ottobre, Ileana guida camion ed escavatori da ben quarantanni!

Questo è il link:

https://www.ecodibergamo.it/stories/bergamo-citta/e-bergamasca-e-guida-escavatori-la-donna-che-ha-lavorato-di-piu-in-italia_1409406_11/

Inizia cosi:

  • Sabato 09 Ottobre 2021

È bergamasca e guida escavatori la donna che ha lavorato di più in Italia

 

Si chiama Ileana Mensi, classe 1964, di Schilpario, si è aggiudicata il premio «Woman can build» con 1.632 ore lavorate nel 2020.

Ileana Mensi, classe 1964 di Schilpario, si è aggiudicata il premio «Women can build», per essere risultata la lavoratrice con più ore lavorate in Italia nel corso del 2020: ben 1632 . Il riconoscimento è stato consegnato venerdì sera, nell’ambito della terza edizione della manifestazione Casse Edili Awards, che si è tenuta alla Fiera del Levante di Bari.

Si tratta del premio che il sistema delle Casse edili riconosce annualmente a imprese, lavoratori e consulenti che si sono distinti, attraverso comportamenti virtuosi, per la sensibilità al lavoro regolare e sicuro nell’ambito del sistema bilaterale delle costruzioni.

 

Ileana Mensi, iscritta alla Cassa Edile di Bergamo, è dipendente dell’impresa Piantoni Severo srl, con sede a Schilpario, e da 40 anni è alla guida di camion e escavatori nell’azienda del marito Mario Piantoni. «È stata tanti anni fa una scelta d’amore, per essere a fianco di mio marito, ma è un lavoro che mi appassiona moltissimo – ha commentato – in un settore dove ogni giorno si impara qualcosa. Certo non è una vita facile, perché devi sempre essere reperibile, si lavora con il caldo e con il freddo, e quando serve non ho problemi a utilizzare anche il badile. Però questa attività mi piace e mi dà parecchie soddisfazioni. C’è un’ottima collaborazione con i miei colleghi, in azienda abbiamo la fortuna di poter contare su una squadra affiatata di circa 10 dipendenti, tutti molto capaci e disponibili».

(…) contina sul link ufficiale…

Read More →

Una professione importante

 

Ho trovato questo articolo su “Strada Facendo”, il blog di tgcom24, si parla dell’importanza della professione del camionista e del perchè, forse,  molti non vogliono più fare questo mestiere. C’è il parere della nostra collega Laura, sempre molto attenta alle problematiche del settore.

Questo è il link:

https://stradafacendo.tgcom24.it/2021/12/30/camionista-una-professione-importante-solo-quando-lintero-paese-lo-capira-i-giovani-torneranno-al-volante/

Inizia cosi:

Camionista, una professione “importante”. Solo quando l’intero Paese lo capirà i giovani torneranno al volante

“In Italia si continua a parlare di tagliare i costi delle patenti per arginare il problema della carenza di autisti, ma la vera soluzione del problema è un’altra e consiste nel restituire dignità e rispetto alla professione di camionista, nel far comprendere all’opinione pubblica che tutti i lavori hanno un valore sociale, ma che quello di chi ogni giorno consente alle aziende di lavorare le merci e ai cittadini di trovare i prodotti lavorati nei negozi vale molto, ma molto di più di tanti altri. Ai camionisti occorrerebbe dare un “titolo professionale “ che faccia adeguatamente percepire a milioni d’italiani l’importanza di questa professione. Ecco, io credo che molti giovani sarebbero più attratti da questa professione se si rendessero conto che scegliendo questo lavoro verrebbero considerati “importanti” , rispettati. Perché la scelta di cosa fare “da grandi” è legata sicuramente al guadagno che si potrà ottenere (e che per chi fa un lavoro importante e di sacrifici come questo dovrebbe essere adeguato) ma anche all’”importanza” che si dà a una professione”. Laura Broglio, 31 anni, che sulla sua pagina su facebook si definisce “Sono donna, mamma e camionista… n quest’ordine” e che afferma di provare piacere “nel raccontare nel blog il mondo dell’autotrasporto visto da dietro il volante di un Volvo FM, perché nell’FH non vede fuori….”, ha le idee chiare sul presente e sul futuro della professione di autotrasportatore.

 

(…) continua nella pagina ufficiale

Read More →

Donne alla guida dei camion

 

Ho trovato questo articolo su Golia che parla di un sondaggio effettuato tra le camioniste rivolto alle problematiche che devono affrontare: voi cosa ne pensate?

Questo è il link:

https://www.goliaweb.it/news/donne-alla-guida-dei-camion-numeri-e-futuro

 

Inizia cosi:

Donne alla guida dei camion: numeri e futuro

20/12/2021

Quanto sicure si sentono le donne alla guida di un camion? Avete mai provato a farvi questa domanda?

Certo, il raggio d’azione va allargato a tutto il mondo degli autotrasportatori, con aree di sosta e parcheggi poco sicuri, ma limitando questo interrogativo al mondo femminile si può inturire molto su un settore, quello dei trasporti e della logistica, che lotta da tempo sulla possibilità di diminuire il gender gap.

Secondo un sondaggio promosso dalla Women in Trucking Association, che ha coinvolto 450 autiste professioniste tra luglio e settembre 2021, circa il 54% ritiene il mondo dell’autotrasporto sicuro per le donne, mentre il 18% afferma che ci sia ancora molto lavoro da fare. I punti da migliorare? Addirittura l’87% ritiene i parcheggi poco sicuri, l’85% punta il dito contro le aree di sosta per poi passare a cabina (75%) e magazzino logistico (74%).

————————————————————–

(…) continua nella pagina ufficiale.

Read More →

MA QUANTE SIETE?

 

“Ma quante siete?” credo che sia una domanda che molte di noi si siano sentite spesso rivolgere nel corso della vita.

Arrivi per la prima volta a scaricare in un’azienda e ti guardano stupiti, qualcuno ti dice: “Sei la prima camionista che vedo!”, qualcun altro  “Che bello, finalmente una donna invece dei soliti  omaccioni!”, poi di seguito ti chiedono “Come mai hai scelto di  fare questo mestiere?” e dopo “Ma quante siete?”

Già, quante siamo? Non lo sappiamo nemmeno noi, nel gruppo siamo tante ma non ci siamo mai contate anche perché è praticamente impossibile conoscerci tutte tra di noi.

Quando ancora si usava comunicare col baracchino e ti mettevi a chiacchierare con qualcuno saltava sempre fuori il discorso sulle colleghe : “Conosci questa, conosci quella…”, “Io una volta ho incontrato una ragazza su un bilico…” e via di seguito.

E il più delle volte tu non le avevi mai incontrate né avevi mai sentito parlare di loro…

Non ho mai capito perché molti davano per scontato che in quanto donne ci dovessimo conoscere tutte tra di noi, anche se sarebbe stato bello!

In effetti nel corso degli anni ho conosciuto parecchie colleghe e ne ho anche incrociate tante con cui ci siamo scambiate un semplice sorriso o un gesto di saluto. Però credo di averne “conosciute” di più tramite gli articoli di giornale, soprattutto negli ultimi tempi. Si perché non c’è verso, una donna camionista fa sempre notizia. Una donna al volante di un camion è ancora vista come un’anomalia. Negli ultimi mesi è capitato di leggere di ragazze e donne che hanno dato una svolta alla loro vita, hanno mollato tutto per fare le camioniste (sono gli articoli che linko nelle pagine di questo blog quando li trovo,  una sorta di benvenuto nel nostro mondo oppure di ben vista nel caso di colleghe di lungo corso con cui non c’è mai stata l’occasione di incontrarsi di persona).

E’ bello sapere che molte ci riescono, che realizzano un sogno o che cercano di fare nuove esperienze di vita. Dico molte ma in realtà non è che siano poi cosi tante …io continuo col mio giochetto di guardare quante altre donne incrocio alla guida di un camion, quel famoso 2% sul totale dei camionisti di cui si legge spesso non sembra tanto corrispondere alla realtà. Logicamente non è che riesco a vedere in tutti i camion che incrocio, lo faccio solo sulle statali dove si è più vicini.

In una settimana di solito incrocio tre/quattro colleghe, e spesso sono le stesse, con alcune siamo amiche, con altre ci si saluta e basta… a volte nemmeno quello perché le vedo all’ultimo istante… Poi è logico che io non percorro tutte le strade d’Italia, il mio è soltanto un discorso di percentuali.

Tornando alla domanda iniziale “Ma quante siete?” mi viene da rispondere poche, pochissime, sembrava che sarebbero state le donne a risolvere il problema della carenza di nuovi autisti e al contrario sembra che invece che aumentare il numero delle camioniste stia diminuendo…peccato. (Anche questa cosa l’ho letta in un articolo!).

 

Read More →

La storia di Lucia

 

E’ bello scoprire che sempre più donne decidono di mettersi al volante di un camion, questo articolo è dedicato a Lucia, nuova collega che viaggia sulle strade d’Italia, a cui naturalmente auguriamo tanta buona strada!

Questo è il link dell’articolo:

https://www.giornaletrentino.it/cronaca/vallagarina/lucia-mazzucchi-la-principessa-dei-tir-1.3055532

Inizia cosi:

Lucia Mazzucchi, la “Principessa” dei tir

Dalla Val di Gresta ai lunghi viaggi sui mezzi pesanti: “Prima li organizzavo, ora al volante ci sono io”

di Daniele Peretti

 

VAL DI GRESTA. Quando è entrata nelle docce dell’area di servizio autostradale di Nogarole Rocca gli altri camionisti l’hanno guardata imbarazzati chiedendole se avessero dovuto uscire: “Non dimenticherò mai quella scena; gli uomini erano molto più a disagio di me, ma li ho tranquillizzati chiedendo se non avessero mai visto un paio di gambe, perché in doccia il resto è coperto”. Ironizza Lucia Mazzucchi, quarantenne della Val di Gresta che da sette mesi è camionista a tempo pieno, ma denuncia: “Genericamente in Italia i servizi igienici delle autostrade fanno schifo, ma per le donne non è previsto nulla e dire che siamo un numero sempre maggiore, specialmente straniere”.

Anche nel caso di Lucia Mazzucchi, come per Paola Cestari la cui storia abbiamo raccontato qualche giorno fa, è la passione a far prendere la decisione di cambiare vita. “La passione per i camion l’ho sempre avuta. Ho molti amici che fanno i camionisti che mi hanno fatto provare nei piazzali vuoti e la voglia di guidare i mezzi pesanti mi è cresciuta ancora di più. Nel 2019 ho preso la patente C e sette mesi fa la E ed eccomi qui alla guida della mia motrice Scania R 500 tre assi”.

(…)

Continua sul sito ufficiale.

Read More →

Un’intervista a Silvia!

 

Ancora da “Uomini e Trasporti“, una breve intervista – dieci domande – alla collega Silvia da Livorno.

Questo è il link dell’articolo:

https://www.uominietrasporti.it/dopolavoro/voci-on-the-road/10-domande-a-silvia-martellotta/

 

E questo è l’inizio:

10 domande a… Silvia Martellotta

CARTA DI IDENTITÀ

Nome Silvia
Cognome Martellotta
Età 50
Stato Civile single
Punto di partenza Livorno
Anzianità di Servizio 27 anni
Settore di attività Ferro e acciaio

 

  • Quando hai capito che il camion era la tua passione?

Sin da giovanissima. Avevo 23 anni quando decisi di prendere la patente C. Per conseguirla puntai tutti i miei risparmi, anche perché era quella la «strada» che sentivo per me. Negli anni ho fatto poi un percorso che mi ha portato a ottenere la CQC e infine la patente E, che pare offrire più opportunità in termini di lavoro.

  • Nel mondo del trasporto le donne sono ancora poco rappresentate o qualcosa sta cambiando?

Purtroppo siamo ancora rappresentate pochissimo, specialmente nel settore – come il mio – di chi lavora con camion centinati. Per dirne una: ci sono aziende che scartano le donne a priori. Puoi avere tutte le competenze del mondo, ma non prendono in considerazione neanche il curriculum.

  • Che mezzo guidi?

Un Iveco Stralis, con un rimorchio ultralight nuovissimo (non ha nemmeno un anno di vita).

  • Come si risolve il problema della carenza di autisti?

Avvicinando i giovani a questo lavoro, premesso ovviamente che abbiano passione, attraverso incentivi alla formazione e affiancamento nelle aziende. C’è poi il discorso degli stipendi, che andrebbero aumentati.

————————————————————-

(…) continua su “Uomini e Trasporti”

Buona strada sempre Silvia!!!

Read More →

La storia di Lola

 

Ecco un’altra bella storia di una ragazza che ha mollato tutto per diventare camionista, non il sogno di una vita, ma una scelta maturata negli ultimi anni e ora realizzata, questa è la storia di Marta, “Lola” per gli amici, la trovate nelle pagine di “Uomini e trasporti”  a questo link:

https://www.uominietrasporti.it/uet-blog/anche-io-volevo-il-camion/come-lasciare-tutto-per-correre-dietro-a-un-camion/

 

L’articolo,  di Elisa Bianchi,  inizia cosI:

Come lasciare tutto per correre dietro a un camion

Stravolgere la propria vita per inseguire il sogno di guidare un camion. No, non è la trama di un bel film, ma una storia di vita vera e, soprattutto, una storia di coraggio e determinazione. È la storia di un’autista, Marta Bertazzo – “Lola” per chi la conosce e la vede a bordo del suo mezzo – che dopo quindici anni trascorsi a lavorare come grafica pubblicitaria ha lasciato tutto per ritrovare se stessa, in cabina

39 anni, coraggio da vendere e la calma nella voce di chi sa di aver intrapreso la strada giusta, Marta soppesa le parole, così come racconta di aver soppesato bene la sua scelta prima di lanciarsi in questa avventura. «Mi è sempre piaciuto guidare, ma mai avrei creduto di farlo per lavoro. È un sogno relativamente recente, un’idea che ha iniziato a balenarmi in testa solo qualche anno fa, fino ad allora l’unico camion che avessi mai visto era quello della Coca Cola nelle pubblicità natalizie», racconta ridendo.

Cosa è scattato poi?

Sono una persona riflessiva, se mi viene un’idea non la assecondo subito, lascio che si sedimenti e quando mi rendo conto che continua a tornarmi in testa, allora valuto il da farsi. Cinque anni fa quando ho capito che quella per la guida era una passione troppo forte ho comprato un fuoristrada. Ho iniziato ad approcciarmi a questo mondo e mi è piaciuto. Allora lavoravo come grafica e sviluppatrice di siti internet, nessuno in famiglia faceva l’autista, mio papà era un programmatore di software, mamma un’educatrice privata. Non è stata una decisione presa d’istinto quella di lasciare tutto per fare l’autista. Ho aspettato, ho riflettuto e alla fine ho deciso. Mi piaceva lavorare come grafica, ma a un certo punto mi sentivo troppo dentro a quei pixel, avevo bisogno di persone, di concretezza, avevo bisogno dell’asfalto. Era l’autunno del 2019 quando mi sono iscritta per prendere la patente C, poi è arrivato il Covid. Ho studiato durante il lockdown e nel giro di un anno ho preso anche la CQC e la E. Sapevo di dover arricchire il mio curriculum, completamente vuoto in questo settore, per crearmi più possibilità in futuro.

 

(…) il resto della storia di Lola nella pagina ufficiale di “Uomini e trasporti”

Buona strada Marta!!!

Read More →

Benvenuta Giulia!

 

Questa è la storia di un’altra Giulia, nuova collega di Follonica a bordo di un camion alla quale auguriamo tanta buona strada!

Questo è il link dell’articolo che racconta la sua storia:

https://www.ilgiunco.net/2021/08/06/il-lavoro-che-cambia-giulia-prima-donna-a-guidare-i-camion-della-cooperativa/

Inizia cosi:

FOLLONICA – È di oggi la notizia del conseguimento della patente C per Giulia Boschi, la giovane socia di 28 anni e dipendente della Cooperativa Melograno.

Attraverso il “Bando di sostegno al conseguimento patenti per aspiranti autisti per le cooperative del settore merci” emanato dalla Fondazione Noi – Legacoop Toscana, Giulia ha raggiunto un obiettivo importante per quanto riguarda l’inclusione lavorativa di genere. Giulia, infatti, è la prima donna all’interno della Cooperativa Melograno ad aver conseguito questo importante traguardo. Giulia è inoltre iscritta al corso Cqc (carta di qualificazione del conducente) e dovrà sostenere gli esami per il conseguimento della qualifica e partecipare ai relativi corsi di aggiornamento previsti per mantenere l’abilitazione. (…)

Il resto lo potete leggere nella pagina  de “IL GIUNCO.net” il quotidiano della Maremma.

 

 

 

Read More →