Crea sito

Posts Tagged "lavoro"

Da You Tube: Bozena!!

 

Ci sono un pò di colleghe in giro per il mondo che amano condividere il proprio lavoro con i video su Youtube.

Questa volta vi segnalo il canale di Bozena Kusek https://www.youtube.com/user/afrykaamer

e vi linko il suo ultimo video, un’altra ragazza veramente in gamba!!!

Buona strada  e buon lavoro Bozena!!!

 

Read More →

Una collega betonierista!!

 

 

Un altro articolo trovato in rete in occasione della festa della donna.

Lei è Iolanda Martinelli e lavora con una betoniera!

Questo è il testo dell’articolo e naturalmente anche il link: http://www.ecodibergamo.it/stories/valle-cavallina/faccio-la-betonierista-unica-in-italiaiolanda-racconta-mi-fermarono-in-canti_1227954_11/

 

Giovedì 09 marzo 2017

«Sono betonierista, unica donna in Italia»
Iolanda racconta: mi fermarono in cantiere

 

Chi l’ha detto che una donna non può condurre una betoniera? Iolanda Martinelli, di Castelli Calepio, è l’unica betonierista donna in Italia.

Chi dice che le donne possono fare qualsiasi cosa non sbaglia. Per lo meno se dicendolo si riferisce a Iolanda Martinelli, 40 anni, di Castelli Calepio, che di professione fa la betonierista e che è l’unica donna in Italia a fare questo specifico lavoro.

«Ho iniziato a guidare i mezzi pesanti a vent’anni– racconta –. Una scelta dettata dalla volontà di poter esser più vicina a mia madre, di ripagarla di tutto quello che aveva fatto per me negli anni, di tutti gli sforzi e i sacrifici. Mi attirava, non lo nascondo, l’idea di avere una vita economica più tranquilla, non dover stare ogni fine mese a misurare i centesimi». Così è arrivata l’idea di dedicarsi al mondo dei trasporti. «Ho iniziato con la patente del pullman – continua -, inizialmente la mia intenzione era quella. Solo che poi non me la sono sentita di essere responsabile del trasporto di tutte quelle persone. Sì, anche guidando una betoniera si ha una grande responsabilità perché bisogna fare attenzione a quanto (e a chi) si ha intorno, ma non si ha la responsabilità di tante persone. Così ho iniziato a fare l’autotrasportatore».

Un cammino non semplice: «Sono stata assunta da una ditta che faceva trasporti con le celle frigorifere: stavo in giro dalla domenica al venerdì. La ditta poi ha chiuso e mi ha “ceduta” ha un’altra. Lì ho lavorato per qualche tempo in ufficio. Poi anche quella ditta ha chiuso e io sono passata al mondo dell’edilizia, a guidare le betoniere. In ufficio non ci tornerei mai e poi mai. Nessuno (a casa, o tra gli amici) ha mai cercato di scoraggiarmi in questo mio percorso professionale. Forse perché anche prima di salire sulle betoniere ero una donna a cui piaceva il mondo dei motori».

Anche se, in un mondo quasi prettamente maschile, qualche episodio difficile da digerire c’è stato. «Una volta soltanto – dice – un tizio ha cercato di buttarmi fuori da un cantiere. Farneticava cose sul fatto che le donne non dovrebbero stare in cantiere, ma a casa. Dopo averci discusso un po’ gli ho chiesto, visto che non voleva proprio lavorare con me, di scrivere almeno sul documento di trasporto il motivo per cui non mi lasciava scaricare. Allora ha chiamato la ditta dove avevo caricato, e loro gli hanno detto che aveva a che fare con un’autista con i fiocchi. Si è un po’ ammorbidito e mi ha lasciato scaricare: ha dovuto ricredersi sulle mie capacità. In quel cantiere poi ci sono tornata decine di altre volte e non ho più avuto problemi».

Una professionalità che è andata oltre il pregiudizio, anche se in Italia (per ora) Iolanda è l’unica betonierista donna. «Che io sappia c’è solo un’altra ragazza che fa questo lavoro, in Svizzera – conclude –. In realtà è una professione come tutte le altre e la mia vita è come quella di tutte le donne: torno a casa e devo fare i mestieri, esco con gli amici, porto in giro i miei cani. Solo che poi la mattina, invece di andare in ufficio e sedermi dietro a una scrivania, salgo sulla betoniera e vado in cantiere».

Read More →

Un pò in ritardo: il Sabo Rosa 2017…

Lo so, sono un pò in ritardo a scriverne, ma ci tenevo a farlo, visto che tutti gli anni parliamo dell’assegnazione del “Sabo Rosa” offerto dalla Nuti S.P.A., in occasione dell’8 marzo, a una donna che si è distinta nel mondo dell’autotrasporto.

Quest’anno il premio è andato a Ethel Bianchi a cui tutte noi auguriamo tanta buona strada sempre!!!

IMG-RNB170005SABO-ROSA-2017-ETHEL-BIANCHI-mmph-Rizomedia-2858-Medium

Riporto l’articolo apparso sulla pagina della Nuti http://www.robertonutinews.info/sabo-rosa-2017-votazioni/

Si chiama Ethel Bianchi, è nata a Pomezia e lavora a Moncalieri, la vincitrice dell’edizione 2017 del premio SABO Rosa, dedicato, nella ricorrenza dell’Otto Marzo, alle donne che lavorano nella filiera del trasporto pesante: dalla guida alla logistica, passando per le officine e i ricambisti. Il SABO Rosa è uno speciale ammortizzatore in edizione limitatissima poiché creato appositamente una volta all’anno. A scegliere la vincitrice, sulla base delle candidature pervenute attraverso il Web e in seguito a una votazione online, è stata una giuria composta da tre giornalisti e dalle dipendenti del main sponsor dell’iniziativa, il Roberto Nuti Group di Bologna, che produce da oltre mezzo secolo dei ricambi a marchio Sabo, leader nel settore dei veicoli industriali.

“Ricevere il SABO Rosa significa molto per me – racconta Ethel Bianchi, camionista dell’anno 2017 -, perché finalmente c’è qualcuno che riconosce alle donne il valore che hanno in un ambiente difficile, e molto ‘maschile’, come quello del trasporto. Sono rare le persone che ti dicono ‘brava’, e per questo sono davvero grata alla Roberto Nuti. Questo è un premio che dedico all’azienda Linea Azzurra di Moncalieri per cui lavoro, alle ragazze dell’ufficio Daniela, Lorenza e Valentina, al signor Giuseppe Macaluso che ha creduto in me, e alla mia famiglia, che mi ha sempre sostenuto. Mio padre faceva il camionista, il mio ex marito era camionista e mia zia è stata una delle prime donne a guidare camion all’inizio degli anni ’80. Sarà per questo motivo che sono sempre stata attratta da questo mondo, anche se agli inizi non è stato semplice. Figuriamoci che ancora c’è qualcuno che quando vede che al volante c’è una donna storce un po’ il naso o sbuffa”.

Ethel ha cominciato molto giovane a trasportare frutta, nella tratta Roma – Sicilia, e dopo qualche tempo ha deciso di provare con il trasporto passeggeri. “I primi tempi ho lavorato sugli scuolabus – racconta sorridendo la camionista dell’anno -, ma era davvero durissima perché il fatto di essere una donna, quindi bersaglio di occhiate storte e risatine, si aggiungeva all’abituale confusione che fanno i ragazzi. Allora sono passata al turismo, che è un lavoro che richiede molta flessibilità, visto che ti porta fuori casa anche per diversi mesi in giro per l’Europa. Ma questa è davvero la mia vita, è il lavoro che mi piace fare e non lo cambierei con altro. E ora che ho ricevuto il SABO Rosa non mi fermerà più nulla”.

A consegnare il riconoscimento è stata Elisabetta Nuti, direttore finanziario dell’azienda Roberto Nuti Group e presidente della giuria. Questa la motivazione: “Quest’anno la giuria ha deciso di assegnare il SABO Rosa a Ethel Bianchi per sottolineare l’impegno e la gioia che questa donna mette nel proprio lavoro, apprezzato da tutti coloro che negli anni ha portato in viaggio per l’Europa. Ethel ha ricevuto una grande quantità di voti online, da persone che hanno deciso di premiare il suo entusiasmo, la sua storia e la sua professionalità”. “Il SABO Rosa, giunto quest’anno all’ottava edizione – ha sottolineato Elisabetta Nuti -, continua a evidenziare come in ogni mestiere, e in particolare quello dell’autista di mezzi pesanti, le persone possano esprimersi con passione e amore: due caratteristiche che le donne possiedono in modo naturale. Quello dell’autotrasporto è un mondo sicuramente complicato e competitivo ma oggi, grazie a Ethel e alla sua storia, fatta di sacrifici, competenza e perseveranza, possiamo raccontarne il lato risoluto e solare”.

E anche il link del video della premiazione:

Read More →

La storia di Angela!!

Questa è la storia della nostra collega Angela, a raccontarcela è il suo papà, giustamente orgoglioso di sua figlia!!!

Grazie di averla voluta condividere con noi!!!

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

“Tutto ha inizio nel lontano 1950, era il dopoguerra e venivano utilizzati per il trasporto ancora asini o cavalli che trainavano carretti ma mio padre, il nonno di Angela comprò il suo primo camion e inizio cosi L’attività di auto trasportatore per conto terzi.
Io allora ragazzino vivevo quel lavoro come un’avventura e quando insieme a mio padre, seduto in cabina lo accompagnavo nei suoi viaggi, orgoglioso ne raccontavo agli amici gli eventi come se quelle giornate fossero per me lo scoprire la luna.
All’età di 11 anni iniziai ad avere i primi approcci al volante e così ho imparato a guidare i camion ancor prima della macchina; pur frequentando la scuola appena rientravo era una gioia seguire gli insegnamenti di mio padre alla guida e quel mio desiderio di imparare cresceva ogni giorno di più.
Sì, mi dicevo,un giorno guiderò questo bisonte!
Gli anni passarono e, finalmente presa la patente,iniziai la mia avventura alla guida di 6 ruote.
A questo puntomisi su famiglia e arrivarono così i miei figli e tra di essi Angela.
Angela fin da piccola mostrò un attento interesse a quel mio lavoro tanto che quando io e mio padre la portavamo con noi lei era un vero libro di perché e soprattutto ci chiedeva ogni cosa che fosse inerente agli altri camion che incontravamo.
Nel frattempo io avevo ampliato il mio pacco macchine con i tre assi di massima portata che a quei tempi erano iFiat 642 e il 682.
Angela all’età di 11 anni, quando non andava a scuola, mi accompagnava nei lunghi viaggi in tutta la nostra penisola, era attenta ad apprendere ogni singola cosa come se per lei il resto non contasse e ritrovarsi in cabina con me fosse il suo desiderio più grande.
Dopo qualche anno io iniziai un’attività di trasporto di fertilizzanti naturali (letami) perché all’epoca vi era ancora agricoltura e floricultura.
E fu proprio in quel periodo tra 11 e i 12 anni che Angela iniziò a guidare una pala meccanica modello Venieri 363, aiutandomi in quella attività ma continuando comunque negli studi.
Durante il periodo del carico dei pomodori Angela iniziò a 14 anni a guidare l’autotreno in strade sterrate interne ai poderi dove andavamo a caricare.
Crescendo la sua voglia di essere sempre più partecipe all’attività di famiglia fece sì che lasciasse la scuola di ragioneria al suo quarto annoiniziando a lavorare con me assiduamente tutti i giorni.

received_150486808761622
Per farle imparare a fare la retromarcia con l’autotreno, uno Scanio 141 con anno 80 di costruzione che non erano facili da guidare, ci recavamo a Sala Consilina in una Fungaia dove vi era un grande piazzale il sabato pomeriggio certi che non vi fosse nessuno e lì le facevo scuola guida.
Fu proprio in quel luogo che imparò con dedizione a fare questa manovra sudando e con tale ansia tanto era il mio zelo nel cercare di fargliela fare come si deve che quando tornavamo a casa Angela si confidava con la mamma dicendole che questo lavoro era duro e che io ero tanto esigente
La mamma le diceva: Vedrai un giorno tutti questi sacrifici ti renderanno unica.
Da premettere che in quell’epoca Angela non aveva ancora la patente.
Nel 2002 Angela prese la prima patentee con il susseguirsi dei tempi tutte le altre esclusa la D che avrebbe presa all’età di 21 anni
Pur risultandovincitrice di concorso nell’azienda auto tranviaria della nostra città rifiutò il posto perché la sua passione erano i camion e sempre nel 2002, visto che Angela aveva deciso che questo sarebbe stato il suo lavoro comprò un altro Scania sempre con rimorchio e ribaltabile.
Quindi iniziammo a lavorare con due camion ma essendo Angela una delle prime donne alla guida di un bisonte della strada non tardarono ad arrivare per me momenti non facili da gestire, in quanto una donna al volante fece sì che la mente contorta e retrograda di alcuni colleghi ci creassero non poche difficoltà.
Ma Angela non mollò e andò avanti per la sua strada.
Purtroppo con l’arrivo della concorrenza siamo stati costretti a dedicarci ad altri tipi di merce da trasportare, i più svariati e tra essi trovammo il trasporto di legna da ardere:il viaggio era a peso e quindi anche le macchine venivano sovraccaricate mentre purtroppo in quel periodo sopraggiunse un nuovo infarto e quindi un grande problema di salute ma Angela non ne volle sapere di rinunciare e continuo cosi a fare tre viaggi a settimana da Napoli in Toscana esclusivamente di notte.
Mi ripeteva in continuazione di stare tranquillo ma, nonostante fosse affiancata dal minore dei suoi fratelli a cui lei stessa aveva insegnato a guidare i camion, io non ero tranquillo.
Appena la salute mi permise di rimettermi alla guida lasciammo il carico di legna per iniziare a trasportare sabbia che andavamo a caricare a Roma per noi meno distante, però successivamente fummo vittime di un sabotaggio (sabotarono il camion mettendo sabbia nel motore dove c’è l’imbocco dell’olio) ragion per cui dovemmo lasciare anche questo lavoro.
Pur di lavorare avevamo iniziato una nuova collaborazione con alcuni depositi di grano e foraggi nel porto di Napoli; il guadagno però era limitato per cui continuammo anche a fare altri viaggi a seconda del bisogno di chi ci assoldava nel lavoro tra cui trasporto di mais e grano.
Fu proprio però che in quel periodo dovetti per forza maggiore fermarmi perché attraverso tutte queste peripezie lavorative e soprattutto perdite di ingenti somme di denaro era anche sopraggiunto un terzo infarto costringendomi questa volta a rinunciare al mio lavoro.
In quel periodo Angela si trovò ad un raduno di camion nei pressi di Salerno con il camion di un conoscente, vincendo e proprio attraverso le foto e il computer conobbe una sua collega e con essa strinse una vera e sincera amicizia.
received_150487322094904
La collega successivamente venne a casa mia per un altro raduno insieme ad altre colleghe e, notate le nostre condizioni lavorative, la signora dopo aver parlato con il suo datore di lavoro fece sì che Angela potesse andare a lavorare a Modena comprando un altro camion con una motrice Iveco euro cargo 120/24.
Inizialmente Angela fu ospite a casa di quest’amica per 7 mesi fino a che non potette prendere una casa tutta sua e grazie alla disponibilità di queste grandi persone oggi Angela lavora presso una delle più grandi case automobilistiche a Maranello.
Sono ormai trascorsi 3 anni e tutti hanno potuto apprezzare la sua disponibilità solarità e dolcezza .
Alcuni colleghi appresa la notizia che Angela si sarebbe trasferita al Nord le dissero:
– Angela ci fa piacere che vai a lavorare ma sappi che noi qui a Napoli perdiamo un pezzo importante e che sei sempre inarrestabile.”

 

 

Read More →

“Les femmes de la route”

Iera sera giravo per Youtube, nel canale di un collega francese (Philippe Fournet) ho trovato questo documentario sulle camioniste francesi, l’epoca, visti i camion, gli anni ’90.
Bello, tutto da vedere!!!!
“Les femmes de la route”… buona visione!!!

Read More →

Lady Truck… dal mondo….

Torno a proporvi video di colleghe dai quattro angoli del pianeta!!!

Perché la passione per i camion non ha confini, non conosce latitudini e unisce tutte le lady truck of the world!!

Comincio dall’Africa….

 

Poi in Asia…

…e in Australia…

Tanti modi di essere camioniste… tutte orgogliose di esserlo… buona visione!!!

Read More →

Questo weekend tutti a Monza!!!

Questo week end tutti a Monza al Truck Emotion!

Di tutto e di più! 

Raduno, giro in pista, prove dei camion, ecc, ecc!!

Per tutti gli appassionati un appuntamento da non perdere!!!

10255093_787642807959421_7428314929357792341_o

Per tutte le info   http://www.truckemotion.it/

Buon weekend a tutti!!!

 

Read More →

Un appuntamento per il sabato sera!

Un appuntamento da non perdere per chi passerà il sabato sera in casa:

Va in onda su RAI NEWS 24 la video inchiesta “I CAMION DEGLI ALTRI” di Lorenzo Pirovano.

I camion degli altri

Si parla tanto di diritti dei lavoratori, soprattutto in questi giorni… credo che questa inchiesta metterà in luce delle situazioni di sfruttamento “legalizzato” che non dovrebbero esistere…

In attesa del film, vi linko un altro video che lo riguarda:

 

Buon ascolto e buona strada a Lorenzo e alle sue inchieste!

Read More →

“I camion degli altri”, un film documentario…

I camion degli altri” è un film documentario vincitore ex aequo del premio Roberto Morrione 2014.
Un inchiesta realizzata da Lorenzo Pirovano, giovane giornalista ventiduenne che va alla scoperta delle condizioni contrattuali del mondo dell’autotrasporto, condizioni che sempre più si rivelano una sorta di schiavitù legalizzata…
Vi cito qualche link in cui si parla del film:

http://www.premiorobertomorrione.it/?p=443

http://www.uominietrasporti.it/notizie_dettaglio.asp?id=3398

http://www.libera.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/10325

http://www.tuttotrasporti.it/archivio/notizie/2014/09/10/vince_il_documentario_sugli_autisti.html

Il film verrà trasmesso prossimamente su RaiNews 24, questo è il link del trailer che si trova su Youtube:

 

Invece in questo video l’autore ci parla di come ha deciso di realizzare questo progetto: 

 

Nell’attesa di vederlo, un grazie all’autore Lorenzo Pirovano e l’augurio di una buona strada per il suo futuro di giornalista d’inchiesta!
Read More →

Ho trovato questo articolo…

Ho trovato questo articolo girando per il web, non è recente, è di fine 2012, però mi è piaciuto molto, è tratto dal sito trasportiamo.eu, si intitola: “Dichiarazioni dal mondo dei vip  –  IO E IL CAMION, PAROLA DI GASSMAN, BOLLANI, LAGERBACK E…”

Questo è il link del pdf:

http://www.trasportiamo.eu/public/comunicati/2012-12-17_Io%20e%20il%20camion,%20parola%20a%20Gassman,%20Lagerback/2012-12-17_Io%20e%20il%20camion,%20parola%20di%20Gassman,%20Bollani,%20Lagerback.pdf

E questa, che trascrivo, è la parte che mi è piaciuta di più (senza nulla togliere agli altri!), perché in poche righe ha descritto alla perfezione il problema e la soluzione! Grande Antonio Lubrano!!!

 “(…) Più seria e competente la valutazione di Antonio Lubrano che, oltre alla sua fortunatissima «Mi manda Lubrano», ha condotto diverse trasmissioni sulla sicurezza stradale. «Credo che il trasporto su gomma in questo momento si attesti intorno all’80% del traffico merci globale. E di questo mai nessuno tiene conto quando viaggia sulle strade. Io lo chiamo l’egoismo del volante, perché pensiamo di essere sempre i padroni delle strade e che i tir e i camion siano dei nemici da sconfiggere, mentre invece stanno svolgendo un servizio importante per il Paese e per il nostro vivere quotidiano. Il loro è un compito primario ed imprescindibile per l’economia, mentre noi ogni giorno li facciamo sentire degli intrusi. Il problema è che l’italiano è un popolo di individualisti: non pensiamo mai abbastanza agli altri, siamo dei grandi egoisti e lo diventiamo ancora di più quando siamo al volante».

Buona lettura dell’articolo (ne vale la pena!!) e buona strada a tutti!!!

Read More →