il nickname dei camionisti

Oggi stavo viaggiando sulla A22 e stavo pensando a tutti quei camion che avevo incrociato e anche ormai riconosciuto dal tipo di mezzo ma soprattutto dal nome davanti al parabrezza: Iceman, Fastidio, Altin, Pisu, Mauro, Vagabondo, Strunz… e voi che nome portate sul parabrezza? ormai sono rari vedere quelle classiche tabelle giallo ocra con il nome stampato a caratteri neri cubitali, ce l'avevo anch'io così con il mio nome di battesimo, ma ormai le tabelle in lamiera sono sorpassate e sono state sostituite da quelle luminose e devo dire che fanno molto effetto la notte! e voi che nome portate?  e se non siete camionisti o lo state per diventare, cosa scegliereste? e se di fantasia cosa vi ha spinto a scegliere proprio quello? questo invece è il mio e penso che dice tutto (e niente) 


 

Aspettiamo le vostre storie ciaoooooooooooooo

Camion & Acrobazie

Ciao a tutte/i tir[1]

navigando sul sito di Professione camionista ho guardato un video di Holer Togni, famoso stuntman italiano, alla guida di un 190, ho ricordato gli spettacoli a cui avevo assistito e l'adrenalina che producevano in noi spettatori; nostalgia per gli anni passati e sono andata a trovarlo sul suo canale youtube, risponde personalmente, anche se non di frequente… si vede in un video anche alla guida di uno Stralis…  ho trovato anche un sito in cui si può leggere la sua storia, gli spettacoli,tractorpulling e altro:
 

 http://www.youtube.com/user/holertogni

http://www.holertogni.it/01.htm

cam02

 Personalmente lo ricordo un pò antidivo e socievole, si raccomandava di evitare di "provare i loro numeri" e in caso di "imprevisti" alla guida cercare di non perdere mai il "sanguefreddo", erano ancora lontano dai miei pensieri i camion e vederlo alla guida di un "bestione" per me fu un'emozione un'unica… ricordo che già allora, prima delle campagne sulla sicurezza ufficiali, diceva a noi Principianti di non bere, di non drogarci e di non farci prendere la mano dall'ebbrezza della velocità, quel sintomo "d'onnipotenza" che TI FREGA!!! cam20[1]
Predicava cinture, caschi e rollbar per chi voleva "correre"… in anticipo su tanti, ma col sorriso e senza salire in cattedra, con una modestia rara, in un campione, perchè per me lo è stato: CAMPIONE del rischio.

BUONA STRADA a Holer Togni, qualsiasi mezzo guidi ora…. e Grazie per lo spettacolo!!!

Pulizie

PULIZIE DI PRIMAVERA

 
Abbiamo sempre lasciato porte e finestre aperte per far sì che entrasse  aria nuova, così è stato per molto tempo; poi ha cominciato ad entrare polvere.Pulizie

Per chi soffre di allergia, è una cosa insopportabile!!!

Esistono cure, più o meno efficaci, ma la polvere rimane una cosa insopportabile e intollerabile.

Non possiamo solo chiudere porte e finestre, non è bello e non ci siamo abituate.

Per colpa della polvere in casa rischiamo di perdere amiche preziose che hanno contribuito a gettare le fondamenta della nostra casa.

Ne hanno costruito le pareti e il posato il tetto.
Ne hanno dipinto le pareti (di rosa), hanno messo gli arredi, l’hanno resa una casa accogliente.
Pulizie

Adesso per colpa della polvere la nostra casa si stà svuotando.
Non si vedeva l’ora di rientrare per venire a vedere cosa c’era di nuovo in casa, adesso che non ci sono più gli arredi e le pareti sono coperte di polvere la nostra casa non è più accogliente e presto si svuoterà!!!

E’ arrivata la primavera e da brave donne di casa facciamo le pulizie, togliamo la polvere e ridipingiamo le pareti di rosa!!!
Poi lasceremo sempre porte e finestre aperte, perché è cosi che ci piace!!!

Ma metteremo delle zanzariere molto robuste!!!Pulizie

L’aria nuova, pulita fa bene sia al corpo sia alla mente e predispone l’animo al pensare positivo nonostante tutte le brutture e le cattiverie che ci circondano!!!

Benvenuta aria di Primavera, fai tornare presto le Rondini nella loro casa!!!Pulizie

Buona Strada a tutte Milly!!!

Per il Pirata

monumento monte cippoCorri più veloce del vento
il vento non ti prenderà mai
corri ancora adesso lo sento
sta soffiando sopra gli anni tuoi.
Dammi la mano fammi sognare
dimmi se ancora avrai
al traguardo ad aspettarti
qualcuno oppure no

Dimmi cos’è che fa sentire
il vuoto che ti toglie tutto
e fa finire il gioco
dimmi cos’è dentro di te
dimmi perchè

Cerchi questo giorno d’inverno
il sole che non tramonta mai
lo cerchi in questa stanza d’albergo
solo e sempre con i tuoi guai.
Dammi la mano fammi sognare
dimmi se ancora avrai
al traguardo ad aspettarti
qualcuno oppure no

Dimmi cos’è che fa sentire il vuoto
che ti toglie tutto
e fa finire il gioco
dimmi cos’è dentro di te
dimmi perchè

Dimmi cos’è che fa sentire
il vuoto che ti toglie tutto
e fa finire il gioco
dimmi cos’è dentro di te
dimmi perchè

A braccia alzate verso il cielo
nella notte te ne andrai
e a pugni chiusi sulla vita
la tua vita graffierai

Dammi la mano fammi sognare
dimmi se ancora avrai
al traguardo ad aspettarti
qualcuno oppure no

Dimmi cos’è dentro di te
dimmi perchè
dimmi cos’è dentro di te
dimmi perchè….

Il testo dell’ ULTIMA SALITA dei Nomadi racchiude tutta la storia di Marco Pantani in poche righe….

pantani imola
Anche Fabri Fibra riduce a poche parole un’esistenza finita tragicamente…

"perché è la coca che distrugge un grande come Pantani, mica è la gente che c’è intorno e vuole show da marziani"

"e ti ritrovi in questi alberghi lussuosi, come Marco Pantani con in mano due dosi e con gli occhi esplosi"
biglia pantani
Dentro un’enorme biglia, un’immagine di un ciclista, sotto sforzo che guarda l’orizzonte… l’A14 all’altezza di Imola, non è uno qualunque, è il Pirata, uno che ha fatto seguire il ciclismo anche a chi non lo aveva mai fatto…lui che ha lanciato la moda della bandana…lui che rimaneva un ragazzo timido e cordiale, appena sceso dalla Sua bicicletta… lui che un anno ha cantato la sigla di un giro d’Italia e qualche anno dopo non vi ha potuto partecipare…lui che si è fatto benvolere da chiunque ci ha scambiato una sola parola di persona…

Da quella biglia guarda i veicoli passare veloci, attraversare la sua Romagna che gli ha insegnato tanto, ma non abbastanza da sopravvivere nella fossa dei leoni… Le fauci del mondo dello sport stritolano chiunque, quando sei in alto, catapultato sempre più su e appena scivoli, vieni abbandonato nella tua discesa da tutti, anzi, sempre c’è qualcuno pronto ad affossarti, ancor di più… se possibile… Dopo anni saltano fuori i difensori… tanti, ma qualcuno non ha la coscienza pulita… dopo anni sono cambiati i valori di riferimento, ma i ciclisti "cadono" ancora, in quella buca che sono le "analisi a campione", perché non è più il ciclismo di una volta…perché ci sono dietro troppi interessi economici, perché un campione è considerato tale solo dal pubblico vero quello genuino, per gli altri sei solo businnes; ma Marco Pantani non è più qui a vedere le scalate e le cadute degl’altri; non è qui a sentire le canzoni che gli Stadio, I Nomadi, I Litfiba, Francesco Baccini, Riccardo Maffoni e tanti altri hanno dedicato a una vita spezzata troppo presto, che con le parole cercano di rendergli merito, di ringraziare chi porta nel cuore il ricordo di un ragazzo timido che solo sulla sua bici era a suo agio, che ha pedalato con tutte le forze, che riusciva a tirar fuori e che aveva esaurito quando gli sarebbero servite a salvarsi la vita.

marco-pantani

Gli anni passano e dalla biglia osserva il traffico dell’autostrada, adesso non è solo, chiunque percorra quel tratto lancia uno sguardo, lo cerca, tifoso o no, solidale per ciò che ha subito, riconoscente per le emozioni che ci ha regalato, pedalando con tutte le sue forze, vincendo, per lui, per la sua squadra, per chi ci guadagnava, per chi ci credeva, ma anche per i colori di una bandiera.

E’ l’anniversario della sua caduta e vorrei rendergli un piccolo omaggio anche da queste pagine…
la canzone degli Stadio, E MI ALZO SUI PEDALI…

 Io sono un campione questo lo so
È solo questione di punti di vista
In questo posto dove io sto
Mi chiamano Marco, Marco il ciclista
Ma è che alle volte si perde la strada
Perché prima o poi ci sono brutti momenti
Non so neppure se ero un pirata
Strappavo la vita col cuore e coi denti
E se ho sbagliato non me ne son reso conto
Ho preso le cose fin troppo sul serio
Ho preso anche il fatto di aver ogni tanto
Esagerato per sentirmi più vero

E ora mi alzo sui pedali come quando ero bambino
Dopo un po’ prendevo il volo dal cancello del giardino
E mio nonno mi aspettava senza dire una parola
Perché io e la bicicletta siamo una cosa sola
E mi rialzo sui pedali ricomincio la fatica
Poi abbraccio i miei gregari passo in cima alla salita
Perché quelli come noi hanno voglia di sognare
E io dal passo del Pordoi chiudo gli occhi e vedo il mare
E vedo te…e aspetto te…

Adesso mi sembra tutto distante
La maglia rosa e quegli anni felici
E il Giro d’Italia e poi il Tour de France
Ed anche gli amici che non erano amici
Poi di quel giorno ricordo soltanto
Una stanza d’albergo ed un letto disfatto
E sono sicuro di avere anche pianto
Ma sono sparito in quell’ attimo esatto

E ora mi alzo sui pedali all’ inizio dello strappo
Mentre un pugno di avversari si è piantato in mezzo al gruppo
Perché in fondo una salita è una cosa anche è normale
Assomiglia un po’ alla vita devi sempre un po’ lottare
E mi rialzo sui pedali con il sole sulla faccia
E mi tiro su gli occhiali al traguardo della tappa
Ma quando scendo dal sellino sento la malinconia
Un elefante magrolino che scriveva poesie
Solo per te… solo per te…

Io sono un campione questo lo so
Un po’ come tutti aspetto il domani
In questo posto dove io sto
Chiedete di Marco, Marco Pantani

Dalla Sua biglia veglia anche su di noi, perché la nostra Strada sia Sempre Buona!!!

 

Camionisti al cinema

Ciao a tutti/e

al cinema diverse volte i camionisti sono stati protagonisti di film più o meno conosciuti, propongo quelli che conosco e chiedo a voi se ne conoscete altri…

autostrada

 

 

1. Lincoln Hawk (Sylvester Stallone) guida come Rambo e si allena come Rocky (nella cabina del TIR!) per vincere un torneo di braccio di ferro in Over The Top.

 

2. Anatra di Gomma. Nel film Convoy Kris Kristofferson interpreta un “truck driver” duro come un cofano. Anche se il soprannome non gli rende affatto giustizia.

 

3. Il conducente senza nome di Duel, invisibile quanto bastardo, protagonista muto del primo cult di Steven Spielberg che rende un TIR più minaccioso di uno squalo.

 

 

4. Jack Burton è un camionista sbruffone ( Kurt Russell) che con il suo ‘Pork Chop Express’cerca di sistemare un Grosso guaio a Chinatown.

 

5. Chiodo Arrugginito di Radio Killer. Altro horror “on the road” che vede protagonista un camionista psicopatico armato di motrice e rimorchio.

 

 

6. Jack Crews del film Black Dog. Patrick Swayze soffre i colpi di sonno ma per salvarsi dallo sfratto accetta di trasportare un ultimo pericoloso carico.

 

7. Nel film Teresa (1987)è Serena Grandi, la sexy camionista con l’accento romagnolo e l’air-bag incorporato.

 

8. Nino Patrovita (Giancarlo Giannini) guida un camion negli anni settanta nel film “Il Bestione”. Commedia all’italiana strafamosa…

 

9. Optimus Prime di Transformers. Un robot che si trasforma in camion: autista di se stesso.

 

10. Dennis Hopper interpreta John Canyon in Space Truckers– Camionisti spaziali e trasporta maiali… quadrati.

 

11.I camionisti” altra commedia all’italiana con Gigi e Andrea.

 

Ho dimenticato qualche conducente che meritava di essere menzionato?

 

Viaggi alternativi…

Ciao a tutte/i

in questi giorni ho percporso parecchi kilometri da passeggera, sono in vacanza e ho avuto anche tempo per viaggiare nel web; ho trovato un racconto di una blogger  col nick "oceanomare" che fantastica sull’autista di un camion che vede passare… mi è sembrato carino e lo riporto qui, commenti compresi…

Il camion fucsia (racconto breve… ma tanto breve!) 

fucsia 

Ci sono pomeriggi in cui non so fare altro che guardare il panorama dalla mia finestra: sotto i miei occhi un continuo scorrere di veicoli, ad occupare le corsie della tangenziale di questa città senza più ossigeno.

Oggi spiccava tra tutti un camion a rimorchio: colore fucsia! Mi sono chiesta "chi mai può guidare un mezzo pesante di quel colore assurdo?"…

 

Immagino ne esca un tipo massiccio, capello lungo e crespo, camicia aperta su un petto villoso, catena d’oro con crocifisso, pantalone basso in vita a causa della troppa pancia, apparentemente rozzo nei modi… ma poi, una volta sceso, spalanca un sorriso tanto, ma tanto, simpatico! Ha due figlie a casa, che quando ritornerà gli correranno incontro saltandogli in braccio: lui le accoglierà con gioia e loro già sanno che non è un burbero! Diventeranno grandi e si ricorderanno della felicità provata da piccine nel veder arrivare un camion fucsia, colorato così apposta per loro dal più simpatico babbo del mondo!

 

Oppure alla guida potrebbe esserci una donna. Non è esile e nemmeno bellissima, necessita di abbandonare le maniere aggraziate durante il suo lavoro. E’ difficile essere camioniste con gentilezza… Però la sera, quando il suo uomo la porta fuori a cena, fa uscire la sua femminilità: è bella perchè è donna! Ma sul lavoro deve essere forte, energica, "armata" per resistere in un ambiente fisicamente rude, ma, lei lo sa bene, caratterialmente debole. Così ha colorato il suo camion di fucsia per far emergere anche lì il suo essere donna: forse più debole nei muscoli, ma nella sostanza massiccia come un mezzo pesante!

 

E se invece ci fosse un uomo… robusto a vedersi, ma appena lo avvicini lo senti gracile nel suo essere di poche parole e nel suo vivere solitario, con il viso segnato da una mascella volitiva e un naso importante, ma dagli occhi dolci. Se li guardi bene ti sembra di perderti dentro un mare di acqua calda e profumata. Non ha grandi amici nel suo lavoro: con il C.B. dialoga spesso con Hard Angel, padre di due bambine che adora, e Sweet Rock, una delle poche donne camioniste… anche loro hanno un camion dello stesso colore del suo… Roby ’62 è omosessuale e guida un rimorchio fucsia per essere senza apparire troppo…

 

Bye,

Silvia

oceanomare

2 commenti:

mary47 ha detto…

Durante il mio lavoro, anni fa, avevo a che fare anche con il ricenimento merci, pertanto con camionisti di tutti i tipi, e anche donne. Ero meravigliata dalle donne. Donne che sembravano uscite da una beauty farm, carine, truccate, sexi nelle movenze, con i magazzinieri che correvano sempre alla banchina di scarico dove sostavano loro per essere i primi all’approccio. Ecco per me poteva essere una donna alla guida di quell’articolato fucsia, colore molto di moda in questi anni.
Bel racconto Silvia, mi piace molto!

betty boop ha detto…

è pazzesca la tua fantasia quando va a briglie sciolte…..cavalla fantasiosa!!

6 maggio 2009 17.5o

Buona strada a Oceanomare e a tutte/i Voi!!!

 

E' LUI O NON E' LUI???

Ciao a tutti…

Oggi rientrando dalla toscana l’argomento per baracchino era il “Paolino”….

Chi fa il nostro mestiere e passa da Milano sa di chi sto parlando (difatti in tangenziale Ovest non si parlava d’altro)…è un mito in negativo del baracchino, una persona che passa le ore a offendere la categoria…ognuno ha i suoi hobbies, il suo è quello…

Ma la novità è che ieri sera l’hanno fatto vedere a “Striscia”: Capitan Ventosa è andato a trovarlo a casa e si è fatto promettere che non lo farà più….

Effettivamente oggi Paolino non si sentiva…chissà se poi qualcuno ne sentirà la mancanza?

Nei discorsi di oggi però in molti erano scettici che fosse veramente lui la persona in questione, anche perché chi si è presentato con quel nome non parla per niente come lui….chissà se hanno colpito nel segno oppure no?

Comunque se qualcuno vuol vedere il video è on line nel sito di Striscia….tanto per togliersi la curiosità!

link: www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoll.shtml

Io quando lo sentivo abbassavo il volume….non mi cambierà la vita…

Buona strada a tutti!

 

Viene,viene la befana…

Ciao a tutte/i

sarà vero che la befana vien di notte, ma può anche essere che non si faccia in 06012009993tempo a consegnare tutti i doni e riempire le calze preparate dai bambini… giuro che ero partita in perfetto orario, ma purtroppo ad Albareto(MO) sono arrivata poco dopo pranzo, in sostituzione di una Befana designata che ha marcato visita per non contagiare i bimbi… successo lo hanno avuto i regali, ma non la mia presenza, il piccolo Fabio è rimasto scosso e ha pianto spaventato, non si è avvicinato ma ha gradito i regali… mandando baci solo con la manina al 060120091010momento della partenza per un’altra meta, Samuele forse mi ha riconosciuta ma da bravo ometto non ha indagato più di tanto… Auguri a questi bimbi e ai loro genitori…; grazie a Monica per aver procurato uno splendido vestito e per l’ospitalità a pranzo, come sempre…  La mia "bambina" nonostante fosse andata a ballare, poi al mare oggi, ha comunque preparato la calza davanti al camino, anzi due e al rientro stasera, il papà ha provveduto a riempirle con alcuni dolcetti e qualche banconota… forse è vero che non si vorrebbe che diventassero adulti così in fretta… L’Epifania tutte le feste si porta via… al prossimo anno… e nel frattempo BUONA STRADA a Tutte/i!!! gisy

Un sogno americano…

LIVING LEGEND

3 foto di un camion mito: un Kenworth K100 Aerodyne,

dedicate a tutti i miei amici che come me sognano orizzonti lontani…

Living legend 1

Eravamo a scaricare nello stesso stabilimento martedi mattina, peccato che c’era poca luce… living legend 2  Living legend 3ma è bellissimo lo stesso…

 

Buona strada e buona domenica a tutti!!!

Moni

Che Spettacolo!!!

Ciao a tutte/ivalentino_rossi

Vale 2so che è banale parlare di Valentino Rossi oggi, che ha vinto ed è in testa alla classifica; non voglio descrivere la corsa, sicuramente c’è chi potrebbe farlo meglio di me, ma è stato commovente vederlo in sella alla sua moto, guidata da un altro Grande del passato come Angel Nieto, a rendere merito alla storia del motociclismo, una riconoscenza verso quelle persone che forse da piccolo sognava di raggiungere… ora che ce l’ha vale 3fatta!!! Ora gli rimane da inseguire un altro italiano, ma il primato di Giacomo Agostini è ancora lontano… Un personaggio che ci ha abituato a emozioni forti ma anche a piccole icone: le tartarughine, il sole, la luna, la scritta "the doctor" colorata e il suo inseparabile 46… per non parlare dei piccoli show a fine gara… Tutto fà personaggio e tutto entra nel cuore anche i buoni risultati al volante di una macchina da rally o le performance in tutte le altre discipline motociclistiche che si diletta a provare… Questo "fuoriclasse" ha respirato fin da piccolo aria di competizioni al seguito del papà e ora dimostra di portare rispetto al passato… Che Spettacolo!!! Tante volte campione e un pizzico di modestia!!!

Buona Strada ai Campioni, ma soprattutto a noi che le percorriamo per professione!!!