In ricordo di MICHELA CIULLO

Ciao Lady

in questo periodo Splinder non funziona bene e scrivere è diventato difficoltoso, vi comunicheremo in seguito il nuovo indirizzo e come ogni trasloco comporta delle valutazioni, tempo e fatica; nonostante questo, oggi è il giorno in cui ricordare la scomparsa di Michela e anche se gli anni passano non dobbiamo e non vogliamo dimenticarla.
Parlando con la sua mamma mi vengono le lacrime perchè non si può far niente per alleviare il dolore di questa famiglia, i ricordi , le senzazioni, la tristezza, le tribolazioni sono tutte lì, giorno per giorno ad accompagnare loro e rendere sempre più grande un vuoto che non si colmerà più. Serve tanta forza e Nadia ce la sta mettendo tutta, ma a volte si deve aggrappare ad un qualsiasi racconto della vita di sua figlia che già non conosce… a volte si aggrappa ai sogni, a volte si aggrappa a chi la ascolta… e mi dice: " Manca a tutti Michela, e io devo far finta che la vita va avanti…!!!" ; Non abbiamo parlato di processi, tribunali o guard-rail oggi, ma di addobbi natalizi, tolti dalle scatole, gli stessi che Michela aveva riposto con cura e che nessuno aveva più toccato… gli stessi che da oggi faranno pesare ancor di più la sua assenza, ma li aveva scelti lei e sarà avere in casa un pò di se.
Le parole s'incrociano, le mie e le sue, gli argomenti sono tristi, ma non abbiamo scelta, oggi non ci va di cambiar discorso, oggi parliamo di Michela e di come era… Di una donna solare, tenace, generosa che faceva un mestiere che amava, ma che a casa aveva una famiglia e da cui non è più tornata, non si dovrebbe morire giovani, ma non SI DEVE morire di lavoro… 
Nadia mi ha raccontato che la nipotina le ha chiesto perchè zia MIKY non torna e lei ha risposto, con il groppo alla gola: " Zia Miky non può tornare, sta insegnando agli angeli a guidare!" la risposta è stata:" Nonna, ma gli angeli sono troppo piccoli per guidare…"
michela ciulloOvunque tu sia Michela… BUONA STRADA!!!

Per chiunque voglia mettersi in contatto con Nadia, anche solo per un saluto, scrivete una email al gruppo e vi manderò il numero di telefono.
gisella

A tutti i camionisti che non ci sono più

Ecco un video realizzato in occasione di un'intervista radiofonica nel programma "Uomini e camion" di Fabio Montanaro, dove Franco Sette, responsabile del gruppo dei Belli e Budelli, parla del progetto per la creazione del Monumento al camionista. Da tempo sta portando avanti questa iniziativa  in memoria dei colleghi che hanno perso la vita durante il lavoro, dedicando un monumento anche per trasmettere alla gente che lo vedrà, l'importanza del ruolo che ricopre il trasportatore nello svolgere il proprio lavoro, che lo porta lontano dalla propria famiglia con la speranza di poter tornare ad abbracciarla! Massimo rispetto per il camionista! 

Saranno Belli e Budelli,ma sono anche gran Bravi! continuate così!

Camion & Viadotti

Ciao Lady

sono passati pochi giorni dall'inizio del 2011 e già un camion è caduto da un viadotto, ma non precipitano solo camion, anche auto e per chi li occupa raramente c'è scampo… la sicurezza stradale non è anche proteggere gli utenti da un salto verso la morte?
Un video e alcuni link su questo triste argomento…

 http://www.italpress.com/sicilia/3917/incidenti-stradali-camion-giu-da-viadotto-un-morto-nel-palermitano
 
http://www.cittadigenova.com/Genova/Cronaca/Tragedia-sulla-A12-tir-precipita-da-29439.aspx
 
http://www.ilrestodelcarlino.it/fano/cronaca/2010/10/26/405346-incidente_mortale_cagli.shtml
 
http://www.histonium.net/archivio_news/2010/GI-DAL-VIADOTTO-CON-IL-CAMION-CHE-POI-PRENDE-FUOCO-AUTOTRASPORTATORE-USTIONATO-IN-GRAVI-CONDIZIONI_12997.php
 
http://www.amicidelcirco.net/index.php?option=com_content&task=view&id=2032&Itemid=2
 
http://www.tuttotrasporti.it/archivio/articolo.cfm?codice=218262
 
http://www.cittadigenova.com/Genova/Cronaca/Camion-cade-dal-viadotto-ripreso-il-29461.aspx
 
 
http://www.ligurianotizie.it/index.php?option=com_content&task=view&id=61603&Itemid=
 
http://ilcentro.gelocal.it/pescara/multimedia/2010/12/22/fotogalleria/tir-vola-giu-dal-viadotto-incidente-mortale-sull-a14-27558690/1
 
http://www.ligurianotizie.it/index.php?option=com_content&task=view&id=63504&Itemid=36
 
http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo486061.shtml
 
http://www.primocanale.it/news.php?id=78734
 
http://www.intornoamessina.it/news/703/incidenti-tir-vola-da-viadotto-a20-a-messina-feriti/
 
http://www.repubblica.it/2004/b/sezioni/cronaca/scarpata/scarpata/scarpata.html
 
http://www.ivg.it/2010/02/incidente-sulla-a10-furgone-vola-giu-dal-viadotto-allaltezza-di-borghetto/
 
http://affaritaliani.libero.it/cronache/cassino_tir_viadotto070309.html
 
http://www.calabrianotizie.it/2010/04/21/sfonda-il-guardrail-e-vola-dal-viadotto-giovane-marchigiano-morto-sulla3-stanotte-chiuso-il-tratto-autostradale-tra-frascineto-sibari-e-altomonte/
 
http://www.ilgiornale.it/genova/tir_sbanda_e_vola_viadotto_lautista_muore_illesi_altri/24-07-2007/articolo-id=195016-page=0-comments=1
 
http://www.piazzarossetti.it/un-camion-vola-da-un-viadotto-dell-a14-tra-vasto-e-san-salvo_51650.html
 
 
http://www.telesanterno.com/giu-dal-viadotto-con-il-tir-sulla-e45-morta-donna-camionista-1208.html
 
 

Per Michela… – 1

171020101144A te,
che sei partita senza ritornare…
a te,
che hai lasciato tutti nello sconforto…
a te
che sul più bello la strada ti ha spezzato le ali….
a te
che hai lasciato cuori che non risaneranno….
a te Michela,
voglio dedicare la mia giornata,
le mie preghiere, i miei pensieri, i miei discorsi……..
Di te si parla sempre con gli amici,
quegli amici che ti vogliono bene e che piangono tanto;
quegli amici che ancora oggi parlando di te mi chiamano Michela
e io sò che d'avanti ai loro occhi vedono te.
Per questo non morirai mai perchè lo sò che ovunque noi siamo tu ci sei.
Il Signore ti ha voluto al suo cospetto,
ci ha privato della tua persona ma non della tua presenza.
Sei viva nei ricordi e sei viva nello spirito,
noi preghiamo per te Michela,
tu che puoi prega per noi..
Ci sei in un arcobaleno,
ci sei in una notte di stelle,
ci sei in un lampo di luce….
ci sei e sempre sei viva nei nostri cuori…..
ti abbraccio a nome di tutti.

Queste sono le parole di Stella, una Lady Truck, scritte oggi, per ricordarla a nome di tutti.
La mamma di Michela, tramite me, invita chi è in zona e ha voglia di partecipare, alla messa in ricordo della figlia che si terrà nella Chiesa di San Mauro Pascoli alle ore 19,00 di domani 7 Dicembre.
Ringrazia tutte le persone che ieri, alla Statale 45, le hanno rivolto un pensiero… e chi non la dimentica.
Ringrazia Professione Camionista per aver ricordato Michela senza strumentalizzare e/o polemizzare.
Ringrazia chi vorrebbe portare un fiore sulla tomba, ma non può farlo materialmente, virtuamente può da questa pagina… una rosa… una preghiera… una poesia…
Chiede a tutte/i di non dimenticare mai, la sua Michela!

Un anno è passato… non dimentichiamoci Michela!

Ciao a tutte/i
oggi, giornata uggiosa, almeno in Piastrellawalley, è primo anniversario della morte di Michela…. vorrei scrivere una bella preghiera, invece mi vengono in mente solo dettagli di quel terribile salto, le notizie sui quotidiani e i racconti di Nadia, nelle nostre conversazioni; 
Michela amava la vita… dicono le amiche e la mamma…Michela amava la sua famiglia e gli amici…. Michela amava il suo lavoro e non avrebbe dovuto morire, non così presto….
Quando Nadia racconta i viaggi sul camion con Michela e le piccole avventure gli s'illuminano gli occhi e a chi ascolta viene il nodo alla gola, quando parla del suo dolore, non si riesce a trattenersi dalle lacrime… la solitudine di aver perso una figlia e continuare a vivere per crescere la nipote…
La solitudine dei ricordi che non ti fanno vedere il futuro, perchè non vuoi dimenticare nulla, perchè non ce ne saranno altri e devi conservarli per sempre… per questo chiedo sempre di scriverle…mi dice sempre:

MICHELA AMAVA LA VITA!!!

e così vogliamo ricordarla… come vuole la sua mamma….
BUONA STRADA Michela!!!

La famiglia di Michela RINGRAZIA tutte/i!!!

 Ciao a tutte/i

Ieri ho incontrato ancora una volta la mamma di Michela,  è Ancora dal web...sempre difficile ma allo stesso tempo emozionante, perché anche se non posso alleviare il suo dolore, posso ascoltare le sue parole e condividere le sue lacrime, parlare delle sue difficoltà a continuare una vita senza una figlia che le dava tanta forza e che le manca tantissimo.

Posso guardarla negli occhi quando parla di Claudia, l’altra figlia, con cui condivide il dolore e la responsabilità di crescere Jessica,  posso vedere la gioia con cui racconta delle nipoti, posso vedere che splendida persona sia…
La famiglia di Michela è per me un esempio ed un confronto, so bene cosa voglia dire perdere un familiare, so bene quanta discrezione e sensibilità ci voglia ad avvicinarsi… e in punta di piedi mi sono avvicinata, perché veder  partire qualcuno per andare al lavoro e sapere da un estraneo che non ci sarà più un’occasione per parlarci e uno strazio troppo grande… ci vuole tempo ad accettarlo e lascia una ferita che non rimargina mai…

La mamma di Michela, Nadia, è una persona dolce, schietta e diretta, a cui vuoi bene istintivamente, non si piange addosso, si è rimboccata le maniche e ha preso in mano la situazione, senza mai lamentarsi se non della malinconia che le mette addosso la mancanza di sua figlia.
 
NADIA, CLAUDIA e JESSICA ringraziano con tutto il cuore chi ha contribuito a raccogliere la cifra che gli abbiamo consegnato;
a chi ha partecipato alla partita, giocatore o spettatore…
invitano tutte/i a non dimenticare mai Michela e il suo impegno per migliorare il lavoro, suo e dei colleghi, senza aver avuto nulla in cambio.

 
Il percorso di questa famiglia è molto duro e noi gli auguriamo
 

BUONA STRADA!!!

gisy
 

Da Reporter

Autostrade nega l'affissione della targa in memoria di Gabriele Sandri

gabrielesandriunannodoposshot-1Giulia ZocchiMartedì 09 Novembre 2010 18:06
È stata negata dalla società Autostrade per l'Italia la targa, in memoria di Gabriele Sandri, che doveva essere esposta nella stazione di servizio “Badia al Pino” sull'A1. L'11 novembre è il terzo anniversario dalla morte del ragazzo.
TARGA. Doveva essere inaugurata giovedì prossimo, 11 novembre, la targa in memoria del tifoso laziale, Gabriele Sandri, ucciso tre anni fa (11 novembre 2007) nella stazione di servizio “Badia al Pino” da un poliziotto.
SCRITTA. Sulla targa, che doveva essere appesa nella stazione di servizio sull'A1 all'altezza di Arezzo, avrebbe dovuto comparire la scritta “Nel ricordo di Gabriele Sandri, cittadino italiano”.
STOP. Ma il “no” deciso arriva dalla società Autostrade che ha vietato l'affissione della targa per paura che si evocasse “un precedente da evitare”, come ha dichiarato Giorgio Sandri, padre del ragazzo.
 

Domani è il terzo anniversario della morte di Gabriele Sandri, e la Società Autostrade ha negato il permesso di esporre una targa in suo ricordo, allo stesso modo come lo ha negato alla famiglia di Michela Ciullo, a chi è toccato personalmente sembra ingiusto, ma altrimenti i kilometri non sarebbero scanditi dalle "cartoline" ma da mazzi di fiori, targhe, croci ecc.. ecc.. l'unico esempio in cui la parcondicio rattrista…

BUONA STRADA a Gabriele, a Michela e a tutti coloro che hanno perso la vita in Autostrada!!!
gisy

Il mio modo di fare sindacato

Ciao a tutte/i

sappiamo tutti con quanto impegno Michela ha difeso i diritti dei lavoratori, colleghi,autisti, uomini e donne; sempre in prima linea, sempre determinata; con le parole espresse nel congresso della CGIL ad ABANO TERME lo ha ribadito con fermezza, già dal titolo si capisce che si misurava con caparbietà con le problematiche del settore, quanto fosse coinvolta, quanto fosse impegnata…Come quelle volte che al telefono mi diceva:" Non ho tempo per queste frivolezze, qui sono in gioco decine di posti di lavoro."oppure:" Devi fare controlli più spesso, la salute è una cosa che svanisce e il nostro lavoro ci consuma, tutti." " Non c'è scampo per chi si lascia ricattare una volta, se lasciato solo." Questi erano i discorsi che facevamo… l'ascoltavo sempre perchè si sentiva che era giustamente motivata, l'ascoltavo anche quando non condividevo in pieno e dopo ci scontravamo verbalmente, ma civilmente, come si condividono le strade, poi la Sua non è stata Buona e mi ritrovo a leggere senza poter commentare…
 


Vorrei fare un appello a chiunque possedesse materiale video o fotografico di quell'evento di contattarci, la famiglia sarebbe felice di averne una copia.

 

 Il mio modo
 

di fare sindacato
di Michela Ciullo *Ancora dal web...

 

Dobar dan svima.
Ja sam tu da obiasnim moj poso.
Ja sam jedna vosac i radim u firmi sa
preko 200 vosaca uglavnom srba Koja
voze po celoj Evropi
Non sono parolacce ma solo il mio “cavallo di battaglia”!! La comunicazione diretta col lavoratore è uno dei principali problemi dell'attività sindacale.
Sono una camionista, lavoro in un’azienda di circa 200 autisti quasi tutti di nazionalità serba, che girano per tutta Europa e ho conquistato la loro fiducia parlando la loro lingua.
 Il mio modo di fare sindacato è questo, aiuto i miei colleghi nelle questioni a noi più comuni come la compilazione del 730, la richiesta degli assegni familiari, le detrazioni, i codici fiscali.
È diverso dall'approccio che si ha con chi lavora in fabbrica.
Nell'azienda dove lavoro hanno aderito al referendum per il welfare in 62 e non è stato facile recuperare le firme in tutta l'Europa.
Quando si parla di modello contrattuale, noi dove siamo? Il 40% degli iscritti alla Filt siamo noi camionisti ma all'interno del settore siamo poco rappresentati ed ancor meno per quello che
riguarda le donne.
Come lavoratrici non siamo tutelate, non siamo libere di poter conciliare maternità e lavoro, famiglia e vita sociale.
Bisognerebbe mettere nel contratto un'indennità sostitutiva della trasferta per permetterci
di scegliere la maternità senza arrivare al livello di povertà.
A partire da queste questioni chiedo un impegno alla categoria per il mio settore anche perché
le 27 ore di guida filmate da Le Iene eravamo proprio noi.
 
*Filt Cgil Cesena