Posts Tagged "passione"

La storia di Katia!

 

Su “Il mattino di Padova” ho trovato questo articolo con la storia di Katia, una nuova collega felicissima di fare la camionista!

Questo è il link dell’articolo:

https://mattinopadova.gelocal.it/padova/cronaca/2021/06/03/news/donna-e-camionista-mai-discriminata-la-scommessa-vinta-di-mamma-katia-1.40349042

E questo è l’inizio (il resto lo trovate sul sito):

 

«Donna e camionista, mai discriminata» La scommessa vinta di mamma Katia

Borgo Veneto: nel 2020 prende le redini dell’attività del padre e, a 30 anni, è felice. E non rinuncia alla sua femminilità

la storia

BORGO VENETO

Se c’è qualcosa che finora non ha mai incontrato è la discriminazione per il fatto di essere donna, nonostante abbia scelto di intraprendere un lavoro che sembra aver poco a che spartire con la femminilità: il camionista. Katia Ambrosi ha 30, un marito e tre bambini, ma ogni mattina esce dalla sua casa di Borgo Veneto e sale nella cabina di un tir, un peso massimo da 44 tonnellate, per avviarsi ad interporti e aziende tra Padova, Vicenza, Venezia, Verona e Treviso. La svolta della vita, prima dedicata interamente alla famiglia, arriva per Katia nell’autunno del 2020, quando prende le redini dell’attività di papà Francesco, anch’egli autotrasportatore con un’azienda a Mirano. «Già durante il lockdown avevo parlato con mio padre di questa opportunità», racconta. «La passione c’era, un po’ di esperienza anche, e mi sono buttata in quest’avventura. Sono felicissima della mia scelta e ogni mattina metto in moto il camion con grinta e determinazione».

(…) continua

 

Buona strada Katia!!!

Read More →

Camioniste “eccezionali”!

 

Si, sono camioniste “eccezionali” per il genere di trasporti che fanno le due protagoniste di questo documentari di ARTE, un’emittente franco.tedesca.

Loro sono Iwona Blecharczyk (la famosa collega polacca nota come  “Trucking girl”) e Anja Bowens.

Tutte e due sono molto appassionate del loro lavoro, il video racconta la loro vita al volante di un camion per trasporti eccezionali, con tutto ciò che questo comporta.

E’ in tedesco, ma si possono mettere i sottotitoli in italiano!

Buona visione e buona strada sempre!

 

Read More →

Fare o non fare la camionista?

 

Fare o non fare la camionista? Questo è il dilemma! Chissà se sono tante o poche le ragazze in cerca di lavoro che si pongono questa domanda oggi, anno 2021. La pongo io per curiosità, c’è un gran parlare di carenza di nuovi autisti, di ricambio generazionale, di provare a rivolgersi alle donne per colmare questo gap.

Le stesse donne che comunque, ancora oggi, in alcune zone si scontrano con pregiudizi e maschilismo. Oggi come dieci, venti, trenta, cinquanta e più anni fa.

Una volta la maggior parte delle donne che intraprendeva questa “carriera” lo faceva perché veniva da una famiglia di autotrasportatori, chi aveva il marito camionista, chi il fratello, chi il papà. Quella era la loro porta di ingresso in questo mondo da sempre appannaggio degli uomini. Molto più difficile era riuscire a diventare autiste dipendenti partendo solo da una passione innata, dalla voglia di una vita diversa.

Quelle che ci riuscivano spesso era perché chi le assumeva voleva solo metterle alla prova, convinto già in partenza che non ne erano in grado, “Vediamo quanto duri su un camion!”, pronti a scommettere che alla prima difficoltà avrebbero rinunciato. E invece… invece gli uomini non hanno mai capito, o hanno fatto finta di non capire, che per una donna fare la camionista non era un capriccio temporaneo ma una vocazione profonda.

E purtroppo, per chi spera di risolvere il problema della mancanza di nuovi autisti ingaggiando le donne, era e credo sia ancora, un desiderio di una minoranza (anche se negli anni ’90 ci fu un’inchiesta che rilevò che il sogno delle italiane era di fare la camionista…ma sono passati tanti anni da allora!).

E se è  anche vero che ci sono donne che hanno aspettato anni per realizzare il proprio sogno di guidare un camion è altrettanto vero che non ci sono poi cosi tante ragazze disposte a farlo.

Guardatevi in giro, anzi guardate nelle cabine dei camion che incrociate, se siete fortunati in una giornata magari ne vedrete anche un paio di donne al volante, ma in rapporto a quanti uomini? Le statistiche dicono che le camioniste sono il 2% del totale degli autisti, a volte penso che sia una stima fin troppo alta…

Eppure sarebbe bello se questo mestiere si tingesse un po’ più di rosa, ma resto dell’idea che sarà molto difficile.

Perché? Perché il nuovo modo di fare autotrasporto sta togliendo “poesia” al mestiere, si guarda solo ed esclusivamente al profitto fine a se stesso, l’autista è solo un ingranaggio di un meccanismo sempre più sofisticato dove conta solo la consegna del carico nel più breve tempo possibile e al minor costo possibile. Il camionista, uomo o donna che sia, non ha più nessun valore dal punto di vista umano.

 

Cosi, quando scomparirà l’ultima generazione di camionisti che hanno vissuto gli anni belli dell’autotrasporto e che ancora cercano di svolgere il mestiere con passione ed umanità, perché sono nati e cresciuti in mezzo ai camion, quando non ci saranno più loro sarà la “catastrofe” totale. Sui camion ci saliranno (forse) solo persone che hanno bisogno di uno stipendio, persone  per cui un lavoro vale l’altro, e la figura del camionista, uomo libero, con la strada nel cuore, con la voglia di partire per rincorrere sempre nuovi orizzonti ma anche con un grande amore per il proprio mezzo, considerato come un compagno di vita, scomparirà del tutto, diventerà mitologia.

Io credo che se le cose continueranno cosi, se la disumanizzazione del settore non si fermerà, le donne sui camion non ci saliranno, le donne inseguono i loro sogni, e se la realtà non corrisponde alle aspettative, cambieranno prospettiva.

L’unica speranza è che siano le donne a ridare dignità, cuore, sensibilità e passione a questo mestiere. Ma non so se ci riusciranno, sono sempre state troppo poche e le leggi di mercato stanno stritolando tutto.

In ogni caso, buona strada sempre!

Read More →

La storia di Sara e di Sara!

 

Due belle storie di due colleghe che hanno in comune il nome, Sara, la passione per i mezzi pesanti e anche la marca del camion: Volvo!

Gli articoli li ho trovati appunto nel sito di Volvo Truck Italia, ecco i link:

https://www.volvotrucks.it/it-it/news/magazine-online/2021/May/Mamma_camionista_volvo_ambassador_l_avventura_di_Sara_Marino.html

Mamma, Camionista, Volvo Ambassador: l’avventura di Sara Marino

| 3 Minuti
Sara lavora nell’azienda Vittoria Group S.r.l. che ha fondato da giovanissima insieme al marito. Venti austisti da gestire ogni giorno e la voglia di salire su un camion che non si esaurisce mai. Alla guida di un Volvo, naturalmente.

Cosa volevi fare “da grande”?

La hostess sugli aerei. Sono cresciuta in Germania, sono madrelingua tedesca e parlo molto bene l’inglese. In Germania avevo iniziato a studiare per realizzare il mio sogno, poi mi sono traferita con la mia famiglia in Italia e il sogno ha preso una piega inaspettata.

Quando hai capito di voler diventare camionista?

È una passione che avevo fin da piccola, adoravo quando mio padre mi portava con sé. A 18 anni ho conosciuto mio marito, era già camionista e ho iniziato ad accompagnarlo in tanti viaggi. Quando abbiamo deciso di aprire la nostra azienda avevamo pochi mezzi ma già il problema di sostituire gli autisti malati. Prendere la patente è stata una scelta dettata quindi dalla situazione, ma ho capito da subito che si trattava della mia strada: non scenderei mai da un camion!

Che cosa ti piace di più e che cosa di meno del tuo lavoro?

Sul camion mi sento al 100% me stessa, protetta e libera. Alla guida di un camion, ogni giorno è un’avventura: non conta quanti chilometri devo percorrere, anche su una tratta breve ho l’opportunità di vedere e conoscere nuove persone e nuovi luoghi.

La cosa che mi piace di mento è legata all’essere una donna: spesso le persone mi sottovalutano, vogliono aiutarmi a scaricare anche se non ne ho bisogno. Non si tratta di galanteria, ma di mancanza di fiducia.

(…) continua nel sito Volvo

*********************************************************

https://www.volvotrucks.it/it-it/news/magazine-online/2021/May/Sara_Libbinori_Volvo_Ambassador.html

Sara Libbinori, Volvo Ambassador, è un prezioso jolly con la passione per la guida

| 3 minuti
Sara Libbinori ha 29 anni e lavora per la Ceroni S.r.l. di Montefiore dell’Aso (AP). Si occupa di tante cose, dalla logistica all’amministrazione. Ama tutto del suo lavoro, ma la cosa che in assoluto le piace di più è guidare un camion. Un Volvo, naturalmente.

Quando hai capito di voler diventare camionista?

Avevo 22 anni e lavoravo per un’azienda di scarpe di proprietà della moglie del mio attuale titolare. Ogni volta che vedevo rientrare un camion mi si accendeva una luce dentro. Così alla fine mi sono buttata: ho preso le patenti ed è iniziata questa avventura.

Abbiamo 10 mezzi, tutti Volvo FH: non guido tutti i giorni, ma quando lo faccio non vorrei mai smettere.

Che cosa ti piace di più e che cosa di meno del tuo lavoro?

Quando sali su un camion vedi il mondo letteralmente da una prospettiva diversa. Noi facciamo lungo raggio, capita di stare fuori anche di notte, ma guidare è la cosa che in assoluto mi piace di più, non mi pesa mai.

La cosa che mi piace di meno è il ritorno a casa, quando scendo dal camion!

In quale aspetto del tuo lavoro essere una donna ti aiuta e in quale ti limita?

Quando arrivo a destinazione e devo scaricare il camion, in genere le persone sono più gentili e si offrono di aiutarmi: una “cavalleria” positiva che mi fa piacere ricevere. In genere verso i colleghi uomini non dimostrano la stessa disponibilità e attenzione.

Ma ci sono purtroppo anche dei limiti: è una questione di sicurezza, soprattutto. Se devo fare un viaggio lungo, che prevede la sosta di notte in un’area di servizio, non viaggio mai da sola. Come donna corro maggiori rischi: è un limite che non dipende da noi donne, ma dal contesto.

Se fai il giornaliero, parti al mattino e rientri a casa in serata, non c’è differenza tra uomo e donna. Se fai il lungo raggio purtroppo i limiti ci sono, anche se non si tratta di difficoltà oggettive.

(…) continua nel sito Volvo

*******************************************************

Buona strada a Sara & Sara!

Read More →

La storia di Sakura

 

Ecco un’altra bella storia di una collega appassionata del suo lavoro, lei si chiama Saura, “Sakura” per gli amici, l’articolo è su Camion e furgoni mag“, firmato da Gabriele Bolognini.

Questo è il link dell’articolo:

http://www.camionefurgonimag.com/saura-sacchetti-sakura/

E questo è l’inizio della sua storia:

 

Saura Sacchetti (Sakura)

Saura, Sakura per gli amici, è una ciociara DOC. Camionista nel DNA ha ereditato geni e passione dal papà Giuseppe

Nata 44 anni fa a Frosinone, Saura oggi vive a Vallecorsa, un paesino del Frusinate di 2500 anime ai piedi di Monte Calvilli. Saura ama la sua terra ricca di storia e verde come le centinaia di ulivi piantati su terrazzamenti secolari trattenuti dai muri a secco, testimonianza della grande operosità che contraddistingue la gente del luogo. I momenti di tempo libero Saura se li divide tra le campagne intorno a casa ed i suoi due cavalli che tiene in un maneggio vicino Fondi (LT): “Mi piace stare a contatto con la natura e passeggiare a cavallo è una cosa che amo profondamente e mi rilassa!”

Il camion nel DNA

“La passione per il camion l’ho ereditata da mio padre – racconta Saura – Lui ha una ditta di autotrasporto ed ha fatto sempre il camionista in vita sua. Io sin da bambina sono stata ammaliata dai camion. Li vedevo così grandi e potenti. Papà qualche volta mi portava in giro con lui e poi a 17 anni me lo fece provare, un’emozione incredibile. Finite le scuole presi subito tutte le patenti e mi misi a lavorare con lui. Poi, dopo una decina d’anni, decisi di sganciarmi per diventare un’autista dipendente. Volevo viaggiare senza i pensieri e le preoccupazioni della vita da imprenditrice. E poi volevo rendermi indipendente economicamente dalla famiglia. Ancora oggi mi va bene così anche se continuo a vivere con i miei genitori.”

Dal centinato al frigo

“Con mio padre facevamo trasporto centinato, ma non mi piaceva molto. Fino a che non ho deciso di staccarmi dall’azienda di famigli per andare a lavorare presso un’azienda che faceva trasporto frigo. Da allora sono rimasta sempre su questo settore. Il lavoro non è molto diverso dal centinato, ma è molto più pulito, anche se ha i suoi contro: si viaggia giorno e notte, sia di domenica che nei giorni festivi. Tuttavia lo preferisco, e, soprattutto, lo faccio con passione. Aggiungo anche che non è un lavoro per tutti, devi amarlo.”

Trasporti nazionali ed esteri

“Fino a poco tempo fa lavoravo per un’azienda che faceva estero. Mi piaceva molto anche se mi teneva molto lontano da casa e dalla mia famiglia. Una volta mi capitò di andare in Inghilterra, a Liverpool. E’ stata un’esperienza bellissima – racconta entusiasta Saura – Ero già stata in Inghilterra, ma come turista. Andarci con il camion però è stata un’esperienza magnifica. La cosa incredibile è che mi sono trovata bene anche con il diverso senso di marcia. Stavo attaccata al bordo della strada, potendolo controllare bene senza dare fastidio a nessuno. Non ho mai avuto problemi. Solo nelle rotonde mi sono trovata un po’ in difficoltà inizialmente ma poi ci ho preso la mano. Poi mi sono voluta avvicinare a casa e per qualche tempo ho fatto solo viaggi nazionali. Oggi lavoro nuovamente per una ditta che fa estero. Mi piace troppo viaggiare e merita sicuramente qualche sacrificio.”

Il Grifone nel cuore

“I camion li ho provati quasi tutti ma la mia passione è lo Scania. Ho avuto modo di lavorare per qualche tempo con un 500 S  di ultima generazione. Una macchina stupenda con la quale si è creato subito un feeling. Poi cambiando ditta mi è capitato di guidare un nuovissimo IVECO S-Way. Non male come macchina anche se il mio cuore appartiene solo al Grifone svedese da sempre. Chiaro che col nostro lavoro alla fine ti abitui a qualsiasi veicolo, l’importante è che non dia noie. Anni fa ero alla guida di un vecchio Mercedes che, purtroppo, mi giocò un brutto scherzo: rimasi senza freni! Ad un certo punto andai a frenare prima di una rotonda e scoppiò un tubo dell’impianto idraulico. Scalai e feci di tutto per rallentarlo. Bene o male riuscii a fare la rotonda e, per fortuna, subito dopo iniziava una salita. Così rallentai al massimo e riuscii a riportarlo in magazzino con i nervi a fior di pelle. Non si può assegnare un veicolo ad un autista in quelle condizioni. I mezzi vanno sempre controllati e la manutenzione deve essere eseguita regolarmente se non si vogliono sorprese. Con il lavoro attuale guido un Volvo FH500. Atra macchina di gran pregio anche se la tenuta di strada dello Scania mi da più sicurezza. So che la ditta ne ha ordinati di nuovi, 500 S come quello che guidavo prima, spero proprio me ne assegnino uno!”

Read More →

Un articolo di 26 anni fa…

 

Un articolo di 26 anni fa… questo della rivista “Tuttotrasporti” n° 160 del mese di febbraio del 1995.

Un articolo dedicato alle donne camioniste di allora: “Tocco rosa in cabina“.

A rileggerlo non sembra che le cose siano cambiate poi cosi tanto, è vero che il numero delle camioniste è aumentato nel corso degli anni, ma è anche vero che il settore dell’autotrasporto è ancora prevalentemente maschile, soprattutto al volante dei mezzi pesanti. E le donne ancora oggi vengono guardate con curiosità… forse c’è meno discriminazione quando si cerca un lavoro, ma la strada per la parità è ancora lunga…

Queste sono le pagine:

 

 

Read More →

La storia di Dayana

 

Un altro bel articolo che racconta la storia di una collega tratto dalla pagina di “Uomini e Trasporti” a firma di Elisa Bianchi.

E’ la storia di Dayana, una delle amiche del gruppo, camionista da sempre, nata e cresciuta in una famiglia di camionisti, sposata con un camionista, innamorata del suo lavoro!

Buona strada sempre Dayana !!!

Questo è il link dell’articolo:

https://www.uominietrasporti.it/uet-blog/dayana-baruzzo-faccio-lautista-perche-sono-figlia-del-camion/

E questo è il testo:

Dayana Baruzzo: «Faccio l’autista perché sono figlia del camion»

Per Dayana l’autotrasporto è una questione di famiglia, ce l’ha nel DNA. Sale sul camion a 20 anni quando inizia a lavorare per la ditta del papà e da quel momento la passione che la lega al mondo dei trasporti non si è mai esaurita. E, com’è naturale, ha finito per trasmetterla ai suoi figli

«Non mi piace essere definita una veterana del settore, faccio solo il mio lavoro. Sono un’autista per passione». Dayana è abituata ad avere a che fare con i camion fin da piccolissima, quando guardava con ammirazione i mezzi della ditta del padre. A vent’anni si mette per la prima volta al volante e da allora la sua passione non l’ha mai più abbandonata. Oggi di anni ne ha 34, è mamma di due bimbi di 5 e 3 anni e ha lasciato la ditta del papà, in Veneto, per trasferirsi a Cremona per amore.

La storia professionale di Dayana inizia 14 anni fa a Venezia: «Fin da piccola ho sempre visto i camion di papà nel cortile – ci racconta – e raggiunta l’età giusta per guidarli non sono più riuscita a stargli lontano. Il mio lavoro era molto diverso da quello che svolgo oggi, ossia il trasporto bestiame. Portavo un bilico con cisterna per il trasporto di rifiuti e materiale chimico».

Cosa è cambiato dal tuo primo impiego ad oggi?

Grazie al mio primo lavoro come autista ho potuto girare ogni angolo dell’Italia e scoprire posti bellissimi che altrimenti, forse, non avrei mai avuto modo di vedere. Ero più giovane all’epoca, mi divertivo tantissimo con il mio lavoro, passavo intere settimane fuori con il camion. Per otto anni ho amato alla follia questo mestiere, poi ho incontrato l’amore della mia vita, anche lui un autista, e ho stravolto tutto. Mi sono trasferita in provincia di Cremona per stare con lui e l’anno dopo è nato il nostro primo bambino che oggi ha cinque anni. Ho deciso di prendermi una pausa dal lavoro, ma appena ho potuto sono tornata alla guida.

Quando hai ripreso a lavorare?

Tre anni fa, poco dopo la nascita della nostra seconda figlia. I bambini hanno iniziato ad andare al nido e così ho voluto ricominciare da dove ero rimasta, ma cambiando settore. Oggi infatti mi occupo di trasporto bestiame, suini per la precisione, per la FAVA Autotrasporti. Si è trattato di un cambio di rotta voluto, perché mi ha sempre affascinato l’idea del trasporto animali. È un lavoro molto più adrenalinico, ci vuole parecchia attenzione e cautela, soprattutto nei confronti degli animali. Io sono da sola, mi occupo anche del carico e scarico: è una responsabilità. Insomma, prima guidavo di più e facevo viaggi più lunghi, oggi al contrario percorro tratte più brevi, ma non mi fermo mai.

«Le donne che fanno questo lavoro sono abituate ad avere a che fare con gli uomini; ora gli uomini si dovranno abituare ad avere a che fare con le donne»

Come è la tua giornata tipo?

Tosta. Ho la sveglia prestissimo, solitamente verso le 2.30/3 del mattino e rientro con il camion nel pomeriggio, così da poter passare del tempo con i miei bambini, anche se non è facile. Quando torno sono in piedi da molte ore, sono stanca, loro invece sono dei vulcani, non vedono l’ora di vedermi e giocare con me. Io faccio il possibile per godermi il tempo con loro, cerco di dedicargli tutte le mie ultime energie.

Loro come percepiscono il tuo lavoro?

Sono ancora molto piccoli, ma nonostante questo saprebbero riconoscere il camion della mamma tra mille. Per loro è normale, sono sempre stati abituati a vedere sia me che il mio compagno alla guida di un mezzo pesante, entrambi ci sono già saliti. Sono a tutti gli effetti figli del camion. L’autotrasporto è una questione di famiglia, come per mio padre è stato naturale vedermi salire al volante, così per loro è normale vedere la mamma e il papà alla guida di un bestione della strada e se un giorno vorranno continuare questa tradizione io sarò contenta per loro.

Come riesci a coniugare l’essere mamma con il tuo lavoro? 

Non è facile, ho dovuto fare qualche rinuncia, come per esempio vederli la mattina e accompagnarli a scuola, ma è inevitabile. Mi faccio aiutare da una babysitter e pensa lei ad accompagnarli all’asilo. In compenso non dormo quasi mai fuori casa come facevo spesso un tempo e quindi posso vederli la sera.

Ci sono molte donne nel tuo settore? 

No, siamo pochissime e spesso ancora siamo guardate con sorpresa e un po’ di diffidenza. Si fa ancora fatica a capire il mestiere dell’autista. A volte mi chiedono se so fare manovra o se so caricare gli animali. Io sorrido, non c’è motivo di prendersela, effettivamente siamo poche donne ancora a fare questo mestiere, quindi rispondo che sono tre anni che ci provo e che mi sembra di riuscirci piuttosto bene, oppure quando termino la manovra con successo chiedo: «Allora, vanno bene le donne?».

«Fare il lavoro dei propri sogni è appagante, vedere che i tuoi figli lo apprezzano lo è ancora di più. La loro mamma è un’autista e ne vanno parecchio fieri»

A tuo avviso, cosa manca per rendere più attrattivo il settore anche per il mondo femminile?

Le donne che fanno questo lavoro sono abituate ad avere a che fare con gli uomini; ora gli uomini si dovranno abituare ad avere a che fare con le donne. Come autisti abbiamo tutti le stesse esigenze e necessità, si tratta solo di eliminare questo pregiudizio nei nostri confronti. Io ormai sono temprata, ma chi decide di iniziare a fare questo lavoro deve sapere che bisogna farsi le spalle forti, ingoiare tanti rospi, ma anche che un giorno si proverà così tanta soddisfazione da poter rispedire i rospi al mittente.

Il 2020 ha acceso un faro sul mondo del trasporto, tu come lo hai vissuto?

È stato un anno strano e difficile che ho avvertito particolarmente per via del settore di cui mi occupo, il trasporto bestiame appunto. Inizialmente abbiamo avuto un boom di domanda di carne e quindi più viaggi, più lavoro. Poi la richiesta è calata e così anche la mole di trasporti. Ci sono stati dei momenti in cui non era chiaro se avremmo lavorato ancora la settimana successiva oppure no. Dal punto di vista sanitario, invece, trattandosi di un lavoro prevalentemente all’aperto e con pochi contatti non mi ha creato particolari problemi.

Ad oggi qual è l’aspetto più bello del tuo lavoro? 

Sicuramente la soddisfazione che vedo negli occhi dei miei bambini quando rientro la sera e loro esplodono di gioia urlando «È arrivato il camion della mamma!». Fare il lavoro dei propri sogni è appagante, vedere che i tuoi figli lo apprezzano lo è ancora di più. La loro mamma è un’autista e ne vanno parecchio fieri.

Read More →

La storia di Sara dalla Sardegna

Un altro articolo che racconta la storia di una collega tratto dalla pagina di “Uomini e Trasporti” a firma di Elisa Bianchi.

E’ la storia di Sara, una delle poche camioniste che viaggiano in Sardegna ma che con orgoglio percorre le strade della sua bella isola!

Buona strada Sara!

Questo è il link dell’articolo:

https://www.uominietrasporti.it/uet-blog/anche-io-volevo-il-camion/sara-cenedese-una-delle-pochissime-autotrasportatrici-sarde-ragazze-non-abbiate-paura-di-guidare-un-camion/

E questo è il testo:

” Sara Cenedese, una delle pochissime autotrasportatrici sarde: «Ragazze, non abbiate paura di guidare un camion»

Prima la passione per l’insegnamento, poi il sogno di entrare nell’esercito, infine la decisione di portare avanti l’azienda di famiglia. Lei è Sara Cenedese, ad oggi tra le pochissime donne autotrasportatrici presenti in Sardegna che dal 2008 affianca il papà alla guida (oltre che del suo camion) anche della Cenedese Sergio Pietro Autotrasporti

Sara nasce nel 1979 a Terralba, in provincia di Oristano, ma prima di intraprendere la strada dell’autotrasporto nell’azienda di famiglia, fondata a metà degli anni 50 dal nonno paterno, e trovarsi alla guida del suo camion frigo giallo paglierino – un Mercedes-Benz Actros di cui va molto fiera e con cui trasporta latte e latticini – di strade ne ha provate altre: «Avevo le idee un po’ confuse da piccola, prima volevo fare la maestra d’asilo, poi ho provato ad entrare nell’esercito e nella polizia».

Cosa ti ha fatto cambiare idea?

In realtà quella di prendere le redini dell’azienda di famiglia è un’idea che mi ha sempre stuzzicato, anche se papà non ha mai fatto pressione su me o i miei fratelli. Terminati gli studi superiori sono andata due volte a chiedere informazioni a scuola guida prima di prendere la decisione di iscrivermi. Ci ho voluto riflettere con calma, anche se la passione per la guida non mi è mai mancata. Una volta presa la decisione, però, non mi sono più fermata: nel giro di un anno ho conseguito tutte le patenti necessarie, grazie anche all’incoraggiamento di mio nonno materno che mi ha sempre spronata.

E così hai iniziato a lavorare con tuo papà…

Sì, inizialmente gli davo una mano part-time, lo accompagnavo nei viaggi più lunghi e guidavo al ritorno. Per i primi due anni ho lavorato anche a chiamata con una compagnia privata di pullman: accompagnavo i ragazzi a scuola e per un certo periodo ho guidato un pulmino per un ragazzo disabile. Nel 2015 ho deciso di dedicarmi totalmente all’azienda di famiglia, di cui oggi gestisco anche la parte amministrativa, coadiuvando papà che non poteva più continuare a fare tutto da solo. Ci siamo dati il cambio, oggi è lui ad accompagnare me quando può, ma anche mia mamma spesso mi segue nei viaggi più brevi. Ci ha sempre dato una mano in azienda e le sarebbe piaciuto poter guidare anche lei un camion.

Come è stato passare dal pulmino della scuola a un camion frigo? Un bel cambiamento…

All’inizio non è stato facile. In Sardegna ci sono parecchie strade strette e io mi irrigidivo. Ho dovuto fare molta pratica, ma grazie all’aiuto e agli insegnamenti di mio padre oggi so come affrontarle. Ricordo una mattina di qualche anno fa, il camion mi dava problemi, il rallentatore si surriscaldava e me la sono cavata da sola, scalando le marce a mano. Sono soddisfazioni quando riesci ad affrontare un problema. Ormai non mi ferma più niente o nessuno e quando serve guido anche l’ambulanza. Sono una volontaria della Croce Rossa, per cui a volte mi capita di dover guidare anche quella. Eppure, per un certo periodo, ho avuto paura delle auto.

Hai guidato praticamente ogni mezzo, perché proprio l’auto?

Nel 2013 ho avuto un brutto incidente, qualche giorno prima di Natale. Ero uscita dal corso della Croce Rossa e mi stavo dirigendo verso quello per il CQC quando mi hanno tagliato la strada. Ho distrutto la macchina. Sono stata fortunata, però, perché proprio quella mattina avevo deciso di prendere in prestito l’auto di mio padre, più grande e robusta, invece che la mia. Non posso fare a meno di pensare che se non avessi fatto quella scelta inconsapevole sarebbe andata diversamente. È stato un incidente importante e che mi ha scossa parecchio. Quando sono tornata a guidare mi tremavano le gambe, avevo paura.

Come l’hai superata?

Sono molto testarda, mi sono detta «Sara, tu lavori guidando, non puoi permetterti di avere paura, devi vincere tu». Così ho fatto. Oggi la paura è scomparsa. In realtà, per fortuna, alla guida del mio camion mi sono sempre sentita sicura e a mio agio, non mi sono mai tremate le gambe. Se ho difficoltà cerco di battere la paura sul tempo, non bisogna lasciarsi intimorire, ma reagire. Diciamo che è la mia personale ricetta contro la paura, la stessa che mi sento di suggerire quando mi chiedono se non ho timore a guidare un camion.

È una domanda frequente? 

In Sardegna siamo pochissime donne a fare questo mestiere. Quando ho iniziato eravamo un paio, non di più, e la gente ancora si sorprende quando mi vede alla guida del mio camion giallo, che peraltro non passa per nulla inosservato. Capita spesso quindi che qualcuno mi guardi con stupore o mi dica che non ha mai visto una donna alla guida di un mezzo del genere, io sorrido e rispondo che c’è sempre una prima volta. Molte donne si congratulano con me, mi dicono che se potessero tornare indietro lo farebbero anche loro. Mi fa piacere sentirmelo dire, vuol dire che stiamo abbattendo dei muri. Da queste parti guidare è una necessità: se non hai la macchina diventa difficile spostarsi o essere indipendente, per cui dico: «Ragazze, non abbiate paura: se potete guidare una macchina, potete guidare anche un camion!».

Che altre passioni hai oltre alla guida? 

Nel tempo libero sono una ballerina di balli caraibici, anche se ora sono ferma per via del Covid. Qui la pandemia ci ha dato parecchi problemi anche sul lavoro: non essendoci autostrade non avevamo modo di fermarci in aree di ristoro. I bar lungo le strade erano chiusi e nei punti di scarico non si poteva andare in bagno. Sono stati mesi difficili, penso che questo aspetto sia stato sottovalutato. Mi sono arrangiata cercando di bere il meno possibile così da non dover avere questa esigenza, ma non è giusto. La mia salvezza erano i viaggi ad Olbia, dove potevo usufruire dei servizi della stazione marittima, ma significava comunque fare oltre 200 chilometri senza trovare un bar aperto. Sicuramente è stata una difficoltà per tutti, ma per noi donne, anche se siamo poche, lo è stata molto maggiore.

Cosa ti aspetti dal futuro? 

Ho due obiettivi: tenere in piedi l’azienda di famiglia e continuare a guidare. La passione c’è ed è tanta, alla fine anche se ho tergiversato prima di prendere questa strada sento di aver fatto la scelta giusta. Oggi sono felice, ma non è sempre facile e qualche tutela in più non guasterebbe. Sicuramente così facendo si invoglierebbero anche più donne a intraprendere questa professione. Sarebbe un’altra bella sfida per il futuro.

 

Read More →

La storia di Tiziana

 

Girando e rigirando nel web ho trovato anche la storia di Tiziana, è tratta da un libro:

https://www.acegasapsamga.it/chi_siamo/comunicazione_media/24ore/

che si trova anche in pdf a questo link:

https://www.acegasapsamga.it/binary/hera_acegas//2017_11_03_Acegas_booklet_web.pdf

che racconta la giornata lavorativa di 24 persone, donne e uomini che sono impiegati all’AcegasApsAmga di Trieste.

Tiziana è una delle protagoniste e guida un camion per la raccolta dei rifiuti per le vie della sua città.

Questo è il link del suo “capitolo”:

https://www.acegasapsamga.it/chi_siamo/comunicazione_media/24ore/pagina81.html

E questa è la sua storia:

“24 ORE IN ACEGASAPSAMGA”, UN LIBRO PER RACCONTARE L’AZIENDA

LA WONDER MAMMA E IL SUO MOTORE

 

  • 24
    ore 24:00

TIZIANA VILLANOVICH

RACCOLTA RIFIUTI URBANI A TRIESTE


 

Le mamme sono tutte una specie di supereroine. Vuoi per quella virtù tutta femminile di essere multitasking.
Vuoi per l’arte di inventarsi una cena per quattro persone in quindici minuti netti. Vuoi perché la mamma è sempre la mamma. Ma alcune lo sono più di altre. Soprattutto se, mentre si addormentano, i figli la possono immaginare ai comandi di un camion da 11 tonnellate, un colosso lucido che attraversa con borbottio possente la città. Ha molti occhi Tiziana Villanovich: due, impreziositi da un velo di ombretto celeste, le servono per controllare la strumentazione di bordo, i passaggi stretti per le vie del centro di Trieste e i cassoni dei rifiuti alzati dalle forche del suo camion.

Altri due, o forse di più, per vigilare sul sonno dei suoi bambini, Nicholas e Kevin, mentre lei di notte svuota i contenitori della plastica in città. Perché una madre turni non ne ha mai: è in servizio attivo permanente 24 ore al giorno.
Una cosa però è certa: quel lavoro non solo se l’è scelto, ma se l’è conquistato passo dopo passo, con la determinazione che solo una donna può mettere nel raggiungere uno scopo.

Una determinazione che raddoppia se l’ambiente, quello della gestione rifiuti, è tipicamente maschile. Tiziana è entrata nell’allora Acegas nel 2003 con le idee già chiare: guidare i camion. E ha iniziato dal basso: in coppia con un autista a movimentare a mano i cassonetti da svuotare. Un lavoro duro per un uomo, con sollecitazioni importanti ai polsi e alla
schiena, figurarsi per una donna.
Poi, dopo qualche anno, l’acquisizione della patente C e finalmente il passaggio alla guida: prima su camion di dimensioni
normali con carico posteriore, poi sui monoperatori. Bestioni da quattro assi capaci di regalare uno sguardo inedito sulla città.

“A guidare da quell’altezza, alle volte Trieste appare diversa”, spiega. “Appaiono dettagli dei palazzi o delle strade stesse, di cui non ti accorgi guidando un’auto”.
Ma quello fra Tiziana e i motori era un appuntamento scritto dal destino molti anni prima. Quando a quella ragazza rossa con le lentiggini tirò un brutto scherzo. Lei amava gli aerei militari e avrebbe dato qualunque cosa pur di pilotarli.
Da bambina aveva passato domeniche con i genitori oltre le recinzioni della base militare di Aviano. Il naso all’insù, il cuore a inseguire quel rombo supersonico e un sogno: essere un giorno ai comandi di quei jet. Avrebbe fatto qualunque cosa, anche accettare i rigori della vita militare, ma non fu possibile.

“Allora esisteva una norma che impediva alle donne di guidare gli aerei militari per via della cassa toracica troppo piccola”.
Adesso ci ride sopra, però le costò parecchio accettarlo. “Più avanti venne superata, ma avevo già 26 anni e ormai la mia vita aveva preso un’altra piega”.
Una piega comunque sempre con un volante in mano, perché prima del lavoro in AcegasApsAmga, Tiziana per anni ha guidato spazzatrici stradali per conto di un’azienda privata.
“Non c’è solo la bellezza dello spostamento, guidare mi è sempre piaciuto”, spiega. “A differenza di tanti, mi rilassa, anche se sono nel traffico di Trieste”. Che neppure di notte è una passeggiata, soprattutto se ti capita di lavorare su vie strette, piene di auto in sosta e locali, come quelledel centro città. Ma per quello ci sono i molti occhi di Tiziana. Quello che magari infastidisce è il nervosismo delle persone che si incrociano sugli altri mezzi.

“È forse questo l’aspetto più stressante: avere a che fare con gente che spesso è frenetica, nervosa… direi, addirittura furiosa. E gli uomini decisamente di più delle donne”.

Ma Tiziana anche se non guida aerei, lo spirito militare ce lo ha dentro comunque. E ha imparato bene a mantenere il sangue freddo in ogni situazione, a non farsi mai prendere la mano. Anche perché, in quasi 25 anni di lavoro in un ambiente per lo più maschile, ha avuto più di un’occasione per esercitarsi nell’arte della cortese fermezza.

“Del resto dobbiamo essere concentrati sul servizio, che poi è quello che dà più soddisfazione. Soprattutto perché vedi immediatamente il frutto di ciò che fai. Se lavori a regola d’arte la città è pulita e si vede”.
Poi alle volte non basta neppure la perizia marziale di Tiziana. Magari di fronte a qualcuno che da uno scooter in movimento cerca di fare canestro (e sbaglia, ovviamente), lanciando un sacchetto dell’immondizia.
O constatando i tanti, troppi, rifiuti ingombranti che ancora vengono ammassati all’esterno dei cassonetti.
“Abbiamo da anni un servizio di ritiro gratuito, i camion tappezzati di pubblicità… Non so davvero cosa si possa fare di più…”.
Ma la marcia di Tiziana non si ferma certo davanti a un manipolo di distratti. Scrolla le spalle, sale in cabina e veste i panni della Wonder Mamma, che con il suo grande motore rinnova ogni giorno la bellezza di Trieste.


Buona strada Tiziana!

Read More →

La storia di Debora

 

Debora è una delle prime ragazze a far parte del nostro gruppo, ha partecipato spesso alle nostre iniziative, è davvero una veterana tra le camioniste italiane e Elisa Bianchi di  “Uomini e Trasporti” le ha dedicato questo bell’articolo in cui ci racconta la sua lunga storia d’amore con i camion, una passione cresciuta con lei, un sogno realizzato!

Buona strada sempre Debora!

Questo è il link dell’articolo:

https://www.uominietrasporti.it/debora-facchetti-una-veterana-del-trasporto-ho-girato-leuropa-inseguendo-una-passione/

E questa è l’intervista:

Debora Facchetti, una veterana del trasporto: «Ho girato l’Europa inseguendo una passione»

Alla guida da oltre trent’anni, Debora ha attraversato le strade di tutta Europa trasportando con il suo camion frigo frutta e verdura. Erano gli anni 90 quando decise di inseguire la sua passione con  dedizione, nonostante le difficoltà e una brutta rapina che nel 2009 l’ha portata a essere sequestrata nella sua cabina per cinque ore

Debora Facchetti, classe 1971, è originaria di Grassobbio, in provincia di Bergamo, dove oggi è tornata a lavorare dopo aver girato l’Europa a bordo del suo bilico. Oggi è una veterana dell’autotrasporto, un’icona per le nuove leve, e ha molto da raccontarci sulla sua vita trascorsa a bordo dei mezzi pesanti.  Fin da piccola ha sempre avuto le idee chiare: il suo sogno “da grande” era guidare un camion. Un sogno nato tra i tavoli della trattoria di famiglia frequentata dai molti camionisti che guardava con ammirazione e invidia. Osservava i loro camion e sapeva che un giorno, anche lei, ne avrebbe avuto uno.

Determinata e spigliata, quando si tratta di aprire l’album dei ricordi Debora si fa più timida: «Per me l’autotrasporto è tutta la mia vita, raccontare del mio lavoro è come raccontare me stessa».

Partiamo dagli esordi, come hai iniziato? 

 

Sono cresciuta in mezzo ai camionisti che frequentavano la trattoria di famiglia, li ho sempre ammirati per il loro lavoro. Quando ho spiegato ai miei genitori che volevo diventare anche io un’autotrasportatrice penso che mamma abbia segretamente esultato. Abbiamo pochi anni di differenza per cui ci capiamo molto bene, in più da giovane anche lei avrebbe voluto guidare un camion, ma la vita l’ha portata a fare altro. In qualche modo con il mio lavoro ho realizzato anche il suo sogno nel cassetto. Appena compiuti i 18 anni ho preso la patente e l’anno successivo, era il 1990, ho iniziato a lavorare con DHL Aviation all’aeroporto di Orio al Serio. Inizialmente era un lavoro part-time: di giorno davo una mano ai miei genitori in trattoria e la sera, per 4 ore, guidavo i furgoni. Anni difficili, ma bellissimi.

Quando hai iniziato a dedicarti totalmente a questo mestiere?

Qualche anno dopo, nel ’98, ho cambiato società e mi sono messa alla guida di un bilico con cui ho iniziato a fare tratte soprattutto all’estero. Ho lavorato anche in Sicilia e a Napoli, ma ho sempre fatto tratte lunghe: Spagna, Portogallo, Svezia, Svizzera, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca. Non ricordo neanche tutti i paesi in cui ho guidato, ma è grazie a questi viaggi che mi si è aperto un mondo: in Italia, agli inizi, erano poche le donne che facevano questo lavoro, circa una ventina (me compresa) e nella mia azienda ero l’unica. In giro per l’Europa, invece, di donne ce ne erano eccome, soprattutto tedesche, olandesi e francesi. All’estero fare la camionista era un lavoro come un altro, in Italia invece sono sempre stata guardata con un misto di ammirazione e diffidenza. Le persone si complimentavano con me per quello che facevo, ma c’era sempre il dubbio che non fossi in grado di farlo bene come lo avrebbe fatto un uomo.

Oggi è ancora così?

Sono cambiate tante cose. Oggi ci sono molte più donne in questo settore e con gli anni, con il lavoro e con l’impegno abbiamo saputo dimostrare che siamo perfettamente qualificate per fare questo mestiere. C’è molto rispetto tra i colleghi, ognuno di noi fa cose diverse e in modo diverso e se lo facciamo bene o male non dipende certo dal nostro genere. Quando si decide di intraprendere questa strada bisogna essere consapevoli che non è facile, ci sono barriere all’ingresso, ma l’essere donna non deve essere una di queste: io e le mie colleghe ne siamo la dimostrazione.

E con i colleghi all’estero i rapporti com’erano?

Ho sempre amato viaggiare all’estero, ho girato l’Europa per 22 anni e ad oggi è la cosa che mi manca di più del mio lavoro. Conoscevo poco le colleghe straniere, ma mi sono sempre trovata benissimo a lavorare con tutti. Spagna e Olanda, in particolare, erano le mie tratte preferite: lì la gente è calorosa e accogliente, mi hanno sempre fatto sentire come a casa, anche perché capitava che non rientrassi per 40/45 giorni consecutivi.

Quando stavi via così a lungo dove dormivi?

All’estero non è mai stato un problema passare tante notti fuori. Ci sono aree di servizio attrezzate con bagni per uomini e donne, docce, spogliatoi, lavatrici e asciugatrici, soprattutto in Germania e in Francia. Devo essere sincera: non posso dire di non avere mai paura. Soprattutto dopo la rapina che ho subìto. È successo nel 2009, ero a Cassino. Stavo dormendo quando due uomini mi hanno assalita in cabina bloccandomi. La loro prima reazione quando si sono accorti che ero una donna è stata di sorpresa, ricordo che addirittura si scusarono, ma mi dissero che dovevano fare il loro lavoro. Mi hanno tenuta sequestrata in cabina per cinque ore, mentre uno rubava il carico e l’altro mi controllava. Sono state ore terribili, anche se io reagii con più calma di quanto anche loro non si aspettassero. Mi misi addirittura a chiacchierare con l’uomo con me in cabina: era una situazione surreale, ma a distanza di diversi anni penso di essere stata fortunata e che in fondo mi sia andata bene. La paura è stata tanta e ancora oggi non nego di averne, sono cose che ti segnano. Nonostante questo episodio ho continuato a fare il mio lavoro con passione e con la consapevolezza che anche le situazioni più difficili si possono superare. Mi è capitato altre volte di subire tentativi di furto, fortunatamente non andati a buon fine, ma ho imparato a gestire certe situazioni: mi tutelo, chiamo subito qualcuno e aspetto in cabina. La paura non deve essere un limite, il mio lavoro è bellissimo e non permetto a niente o nessuno di rovinarmelo.

Oggi dormi ancora fuori con il camion? 

Sì, lavoro principalmente nel Nord Italia. Parto da Bergamo la domenica e rientro il venerdì sera facendo varie tappe tra Tortona, Alessandria, Milano e Brescia. Non è mai stato un problema per me stare fuori casa, l’autotrasporto era ed è ancora la mia unica e più grande passione. Motivo per cui non ho mai pensato a una famiglia: non è mi è capitato di trovare la persona giusta e quindi mi sono dedicata al mio lavoro. Non me ne pento, è una scelta che rifarei altre cento volte: io sono felice.

Cosa ti aspetti dal futuro? 

Non vedo l’ora tornare a viaggiare in Europa, mi piacciono le tratte lunghe, hai molto tempo per stare con te stessa e pensare. Uno dei ricordi più belli che conservo risale al 1999: eravamo sei camion e dovevamo andare in Inghilterra. Siamo rimasti bloccati a bordo della nave per diciotto ore. Un viaggio interminabile ma in cui abbiamo fatto squadra e ci siamo sostenuti a vicenda. Ecco, è questo il bello di questo mestiere, secondo me: un lavoro solitario, dove si impara a fare i conti con sé stessi, ma in cui quando ho avuto bisogno di una mano c’è sempre stato qualcuno disposto ad aiutarmi.

Read More →