Archive for Febbraio 29th, 2024

La storia di Silvia

 

 

Silvia lavora in ufficio nell’azienda di trasporto della sua famiglia, ma se serve guida anche il camion!

Il link:

https://www.sabo.it/silvia-chiari/

La sua intervista:

Silvia Chiari

Attività: autista di camion
Residenza: Neive (CN)

Quando hai capito che quello del trasporto sarebbe stato il tuo lavoro, il tuo mondo?

Fin da quando frequentavo le scuole superiori ho dato una mano per la fatturazione nell’azienda di autotrasporti di famiglia. Dopo il diploma ho lavorato per qualche anno in una software house ma poi ho preferito entrare nella società dei miei genitori. Oggi lavoro in ufficio e seguo la parte amministrativa e la logistica, ma ho la

patente C e quando occorre do una mano anche con i camion. La nostra è una piccola realtà circondata da grandi aziende di trasporto. Una specie di Davide in un territorio pieno di Golia. Però siamo contenti, perché c’è lavoro per tutti.

Perché hai deciso di partecipare al Sabo Rosa?

Ho seguito le scorse edizioni del Sabo Rosa e mi è sempre piaciuto leggere i profili delle candidate e scoprire. Quest’anno ho deciso di confermare la mia partecipazione

Quali sono i lati positivi del tuo lavoro e quelli che vorresti cambiare?

Sono molto soddisfatta quando riusciamo a far circolare tutto il parco mezzi dell’azienda, che a giugno 2023 abbiamo ampliato con l’acquisto di un nuovo bilico guidato da un nuovo autista.

Da parte mia mi sono iscritta al secondo anno del corso universitario di scienze e tecnologie dei trasporti, per mantenermi sempre aggiornata e competente.

Read More →

La storia di Daniela

 

Il link:

https://www.sabo.it/daniela-de-ledda/

La sua intervista:

Daniela De Ledda

Attività: autista di autobus
Residenza: Napoli

Quando hai capito che quello del trasporto sarebbe stato il tuo lavoro, il tuo mondo?

Guido e sono appassionata di autobus. Da piccola andavo con il mio papà in Sicilia, partivamo da Napoli con il suo piccolo camion e ricordo ancora l’entusiasmo che avevo quando ci mettevamo in strada.
Poi, circa 15 anni fa, ho deciso di conseguire le patenti di guida professionali. Nonostante avessi due bambini piccoli decisi di mettermi in gioco. Partecipai a diversi concorsi, ma senza esiti positivi.
Nel 2018 venne pubblicato a Napoli, la mia città, un bando per “operatore di esercizio”, partecipai con poche speranze, dicendomi che quello sarebbe stato l’ultimo tentativo. Per mia sorpresa, già nella selezione dei test andai benissimo e mi caricai per dare il massimo. Dopo tre anni fui assunta. Oggi lavoro per l’Eav, un’azienda che opera su Napoli e Provincia, trasporto pubblico.

Perché hai deciso di partecipare al Sabo Rosa?

Un mio collega mi ha inoltrato il link di partecipazione al Sabo Rosa, leggendolo ho deciso di candidarmi per motivare altre donne, visto che in questo campo siamo poche e, spesso, quando si vede una “donna” su un mezzo pesante, si ha l’impressione che non sia all’altezza, io invece credo il contrario.
Si, forse è vero che è un lavoro cosiddetto “maschile”, ma non vuol dire che non possiamo farlo o che non siamo capaci, anzi, io credo che le donne autiste, camioniste… siano molto più attente, precise e professionali di alcuni uomini. Quindi la mia candidatura è rivolta a incitare le donne a fare questo lavoro perché, anche se complicato, siamo all’altezza e abbiamo le capacità per farlo.

Quali sono i lati positivi del tuo lavoro e quelli che vorresti cambiare?

Amo il mio lavoro, autista di autobus, perché mi piace rendermi utile alle persone, a tanta gente che la mattina deve andare a lavorare, studiare o che deve tornare semplicemente a casa! Questo mi da soddisfazione. E quando le persone ti vedono e dicono: “Ah, questa mattina siamo in buone mani”, significa che stai facendo bene il tuo lavoro!

Tuttavia sono anche alcune cose che non mi piacciono. Sono per strada ogni giorno, lavoro su turni, anche serali, e in una grande città come Napoli non è sempre facile. Devo combattere contro la sosta selvaggia, il traffico tipico delle grandi città e un’utenza di ogni età e fascia, ci si deve armare di molta pazienza.

Read More →

La storia di Luisa

 

Luisa è una padroncina NCC, anche lei partecipa al Sabo Rosa 2024.

Il link:

https://www.sabo.it/luisa-carotenuto/

La sua intervista:

Luisa Carotenuto

Attività: padroncina NCC
Residenza: Boscoreale (NA)

Quando hai capito che quello del trasporto sarebbe stato il tuo lavoro, il tuo mondo?

Cinque anni fa, per una serie di combinazioni favorevoli, ho potuto cogliere l’opportunità di fare il lavoro che ho sempre desiderato, in un modo alternativo al solito. Mi spiego: il mio sogno è da sempre quello di lavorare nel turismo come accompagnatrice, ma dalle nostre parti è molto difficile arrivare al compimento della carriera di guida turistica. Così, grazie all’apertura di un concorso che aspettavo da tempo, ho preso la licenza per driver NCC e oggi mi occupo di accompagnare le persone raccontando loro la storia del territorio che attraversiamo e mostrando le bellezze storiche. Concilio così due cose molto diverse tra loro ma in qualche modo convergenti.

Perché hai deciso di partecipare al Sabo Rosa?

Ho visto su Facebook il post, mi ha incuriosito e ho deciso così di inviare la mia candidatura. Penso sia una cosa molto interessante per le donne che lavorano nel trasporto.

Quali sono i lati positivi del tuo lavoro e quelli che vorresti cambiare?

La libertà di gestire il mio tempo e il mio spazio è sicuramente uno dei lati positivi più evidenti. Però la cosa più bella in assoluto è poter viaggiare e incontrare persone che vengono da tutto il mondo, con cui scambiare esperienze e idee. Adoro i lavori che permettono il contatto umano e quello che faccio è davvero il massimo. Non mi pesa trascorrere anche un’ora in più del pattuito con qualche cliente che, incuriosito, chiede informazioni. Amo molto la mia professione. Una passione che mi fa sorvolare sul fatto che, lavorando nella costiera amalfitana e salernitana, c’è spesso un gran traffico.

Read More →