Non sempre colpevoli…

Ciao Lady

questo è uno dei video di Fabio, figlio di camionista, con semplici parole esprime uno dei concetti che noi ribadiamo da sempre, lo fa con lo strumento che conosce e parole semplici, un grande messaggio  che viene da un giovanissimo e che merita diffusione…

Grazie Fabio, bel video & splendido messaggio!!!

Proprio ieri notte sull'A1 un collega ci ha lasciato la vita e altri l'hanno rischiata; nazionalità e dinamiche sotto i riflettori, il giornale scrive che il primo ha causato un incidente, uno dei camion si è intraversato, formando un "tappo su cui gli altri sono andati a sbattere… ma la realtà, forse, la sa solo chi era presente e neanche tutti, altrimenti avrebbero cercato di evitare l'impatto… in ogni caso non siamo coinvolti da dover a tutti costi avere una spiegazione logica,  per me un collega ha perso la vita e altri due sono gravemente feriti; meritano di essere considerati VITTIME SUL LAVORO, una semplice frase ma contiene una DIGNITA', quella dell'uomo uscito di casa per andare al lavoro e mai più tornato ad abbracciare i familiari.
Non m'interessa leggere nazionalità e professionalità, se non era in grado di svolgere quel lavoro, qualcuno lo aveva permesso… qualcuno gli ha dato patente e cqc & qualcun altro un mezzo da guidare e sono altrettanto colpevoli, ma chi conferma che non si è trovato davanti un veicolo a 30km orari, praticamente "fermo" che se n'è andato tranquillamente senza essere coivolto… di notte succede spesso di raggiunger "lumache"…ma ci sono figure preposte a questi compiti e speriamo svolgano bene, con professionalità il loro lavoro…

Il lavoro è un diritto, come la vita, come lo studio e uno non deve togliere l'altro!!!

BUONA STRADA a Tutte/i!!!

Buona Strada… anche l'ultima.

Ciao Lady
oggi è una giornata in cui sono triste, Patrizia,  sorella di Claudia, lady truck della provincia mantovana ha perso la sua battaglia contro il cancro… proprio con queste parole mi è stato comunicato; e mi tornano in mente tanti ricordi… quando in un supermercato riempivo il carrelli per una comunità e lei mi diceva:" Lo so perchè compri tante cose, perchè ci siamo noi ad aiutarti con i cartoni pesanti… ma si prendi anche questo! " e metteva un cartone da 10 Kg di farina… O quella volta che a una cena in provincia di Vicenza le abbiamo detto che fino a qualche decennio prima la specialità locale era cucinare il gatto e lei scandalizzata si è alzata tra le risate generali e io a rincorrerla a spiegare che in tutte le province italiane la miseria e la fame costringevano a utilizzare tutto ciò fosse commestibile… o l'anno scorso quando al pranzo a Piacenza ha vinto una sciarpa fucsia ed era entusiasta, incredula che fosse lana riciclata e l'avessi confezionata io, e l'indossava anche quando è venuta a trovarmi per il mio compleanno, ho faticato non poco a convincerla a portarsene via anche un'altra… o quando osservando un cavallo si è avvicinata senza timore, perchè lei diceva che dagli animali non c'è nulla da temere, è dalle persone che bisogna guardarsi, ed aveva tutte le motivazioni per dirlo…images (1) O quando chiacchierava a tavola col mio papà, rispondendo senza problemi alla tipica curiosità delle persone anziane e facendo i complimenti a mia mamma per i tortellini… vorrei andarla a trovare e invece sono qui ad assistere il mio papà… vorrei averla abbracciata un ultima volta e invece erano settimane non ci sentivamo… vorrei che il tumore non l'avesse scelta e invece se l'è portata via e spero proprio non abbia sofferto… spero non si sia resa conto che era la fine di un viaggio…

CIAO PATRIZIA & Buona Strada per questo ultimo viaggio… veglia su Claudia che ti ama tanto…