Scrivono di noi… – 11

Ciao a tutti/e

Di conseguenza all’articolo sul Corriere.it di Ambra, già impegnata in altre cose, anche un altra testata ha scritto di noi, pubblicando anche l’indirizzo del blog…. se volete darci un’occhiata…

http://blog.donnamoderna.com/stampaalfemminile/ gisytruck

Ripeto sempre che non siamo a caccia di pubblicità personale, anzi sacrifichiamo parte della nostra privacy per dare un’altra visione del mondo dei trasporti, dove solo pochi sono come l’immaginario collettivo pensa… si fa di tutta l’erba un fascio… noi cerchiamo, a piccoli passi, di cambiare questo modo di pensare…  Non servirà a cambiare lo stato delle cose, ma se anche solo 10 persone si convinceranno che non partiamo da casa con l’intenzione di andare ad ammazzare la gente, per noi sarà già un successo…

http://www.corriere.it/cronache/09_maggio_23/camioniste_craighero_f5a34a9a-47a0-11de-ac74-00144f02aabc.shtml

Già sul volto delle persone che scrivono su di noi, vediamo stupore quando gli facciamo vedere che gli specchi sono tanti, ma gli occhi solo due e se ne può vedere uno solo per volta e c’è una zona cieca, nonostante si abbia già quelli previsti dalla Comunità Europea… oppure quando dobbiamo rischiare vita e carico per evitare chi si è immesso invadendo la nostra corsia di marcia… quando stiamo aspettando ore e nessuno si preoccupa di darci informazioni, tanto il camionista ASPETTA!!!

BUONA STRADA A TUTTI!!!

In silenzio…

In silenzio o perlomeno senza troppa visibilità alla notizia, il 1 Maggio sono state "adeguate" le tariffe autostradali; io non leggo tutto  e sempre il quotidiano, ma spesso… settimana scorsa ho trovato notizie e titoli riguardanti l’inasprimento delle leggi che riguardano i conducenti che guidano sotto l’effetto di stupefacenti e alcool, nuove restrizioni e pene per infrazioni al codice stradale ecc. ecc.. Notizie di vari incidenti, su diverse testate… Quindi con mia grande sorpresa… un tratto di circa 160 Km è aumentato di 40 centesimi, in silenzio o perlomeno sottovoce, ma a voi sembra giusto? Abbiamo forse avuto miglioramenti al servizio? Perchè i pannelli non scrivono tempestivamente, in modo da poter cambiare itinerario, quando un tratto è chiuso? Perchè dobbiamo giocarci parecchie delle nostre ore di guida settimanali senza  che nessuno le riconosca? Perchè non siamo stati informati dagli organi d’informazione di questa novità, come lo siamo stati per le pensate del Ministro e suoi collaboratori? Qualcuno di voi aveva letto, e se sì, dove? Il viaggio, conti alla mano, è aumentato di 1 € e la committenza vuole allungare i tempi di pagamento e concordare volta per volta una tariffa che per anni è stata a forfait, chi dovrebbe sostenerci durante questa crisi, perchè ha permesso questo aumento, non si dovrebbe "congelare" anche queste tariffe o addirittura farle scendere, esattamente come le nostre? Aspetto anche le vostre impressioni, se la pensate come me o pensate che sto sbagliando…

come Sempre Buona Strada a Tutte/i!!! gisy

Senza titolo 22

Dopo le somme tratte e pubblicate da Mony e Milly, comincio anch’io a voltarmi indietro e guardare al 2008, da portavoce ho avuto diversi contatti da quelli comunemente detti media, personalmente nutro un certo sospetto, ho visto troppe volte stravolgere notizie che conoscevo bene o per interpretazione personale o per incomprensione, tutto sommato a noi Lady Truck è andata bene…:Gisy al lavoro

*La rivista Tuttotrasporti  ha dedicato diversi spazi alle nostre iniziative, attraverso le parole del Sig. Bossi e del sig. Massa; noi ci siamo rallegrate del fatto che a dirigerla da quest’anno c’è una donna.

*Anche su Professione Camionista sono state scritte notizie sul gruppo, ma pur conoscendoci bene, non ci hanno mai contattato, di conseguenza sono imprecise.

*Repubblica.it  Mi hanno accompagnata in una giornata di lavoro a Sassuolo Simone Cerotti e un operatore, ne hanno ricavato un bel video, intervengono anche Anto e Rosy, troppo simpatici loro e il risultato.

*Airone. Manuela Stefani mi ha inserito in un articolo che descriveva l’ingresso delle donne nel mondo del lavoro “duro”, maschile per tradizione.

*GIOIA .Ilaria Solari ha scritto di Patty,Cristina e Simona, tre amiche che si sono incontrate “on the road”, ognuna con la propria storia ma un’unica passione.

*Trasportare Oggi. Francesca Lugaresi ha scritto un articolo vasto e preciso sui diversi aspetti del mondo del trasporto, inserendoci nelle associazioni, con particolare rilievo al questo blog.

* il Resto del Carlino. Un articolo che mi riguardava dopo l’uscita del video di repubblica.it

* Gazzetta di Modena. Uno spazio per una modenese “nota” per un giorno.

* Trasporto commerciale. Ha ricordato la nostra partecipazione ad un raduno.

*Vado e Torno ha pubblicato il nostro indirizzo del blog.

*  Repubblica Parma.it ha scritto dei nostri calendari e ricettari, intervistando Marzia.

* Lilli Gruber nel suo “Streghe” ha dedicato un capitolo a Cate descrivendo lei e le impressioni che  ha avuto durante il viaggio, sullo Scania.

*Sabato e Domenica. Elisa Isoardi ed Eva Crosetta mi hanno dedicato molte premure per farmi affrontare la diretta televisiva, che non è uno scherzo e le ringrazio.

*Visto.Tramite le parole di Edoardo Montolli che ne ha descritto la storia, abbiamo visto  la nostra Rò in copertina, per una volta per niente Misteriosa…

*Gente motori. Un articolo per descrivere il nostro mondo e le nostre iniziative.

*Cronaca Vera. Prima hanno scritto del “Buona Strada Lady Truck Driver”, in altro numero del nostro Roby.

*Mattino 5. Io, Patty e Angela siamo state ospiti di Barbara d’Urso su Canale 5 in diretta, che organizzazione a Mediaset.

* RadioRai1 ho raccontato del nostro gruppo ne “l’uomo della notte”a Maurizio Costanzo.

*Uomini e Camion. Con Fabio Montanaro per far conoscere i nostri calendari e il gruppo.

*In camion. Con Michele Latorre due chiacchiere sul mondo del traspoto “in rosa”.Dragon truck Team

*Persone Rai 3. Valeria Collevecchio e Stefano sono stati miei ospiti “sacrificati” in cabina parecchie ore e ne hanno ricavato un bel servizio.

*Sat 2000. Ha ospitato Marzia in trasmissione, che già li aveva ospitati in cabina durante un viaggio”on the road”.

*Il Sassolino. Giornale a diffusione gratuita della Piastrellavalley, tramite le parole di Susanna ha parlato del nostro ricettario.

 

Elencati in questo modo sembrano una fredda successione di “media”; in realtà è un domino naturale che si è creato dopo l’articolo su Varesenesw a novembre 2007, per merito di Pierfausto Vedani che ci ha spronato a non evitare i media,  cercare di sfruttare gli spazi per dare una sfumatura “di rosa”, alla visione del mondo del trasporto, senza timore perché la nostra semplicità è forza. Un parere così autorevole non potevamo ignorarlo.

Ci sono state anche progetti senza nessun seguito, non siamo a caccia di notorietà a tutti i costi.

Buona Strada a tutte/i !!!

Il "Basso Vicentino" parla di noi

Ciao a tutte/i,
Vi riporto l’articolo pubblicato sul mensile locale de "Il Basso Vicentino" .

Il calendario del Club dei Camionisti

Domenica 4 gennaio, in occasione della riapertura del bar trattoria "el Portego" (ex Cà Riviera) di Mossano, storico locale di ritrovo per i camionisti, sono stati presentati i calendari della solidarietà "Lady Truck 2009" e "Mister Truck 2009" realizzati dai camionisti, uomini e donne, che fanno riferimento al gruppo "Buona strada – Lady Truck Driver Team". Tra i progetti solidali, dei regolari viaggi di carattere umanitario in Bosnia, delle sottoscrizioni durante le feste sociali, le adozioni a distanza e questo calendario.
Le prime a partire acon l’idea dei calendari della solidarietà sono state 4 anni fa le donne del gruppo "Buona strada – Lady Truck Driver Team" coordinate da Gisella Corradini, una camionista di Modena che ha nell’area berica come referente Rosa di Gregorio curatrice anche del blog del gruppo. Sulla spinta di Ivan Dal Toso e di Tomas Barbieri di Barbarano, promotori del meeting "Truck and Cars", che si tiene ogni anno a Sossano nel mese di Luglio, si è fatto il calendario. Questi calendari come ha spiegato la Lady Truck Gisella Corradini, sono un modo di socializzare con le attività dei gruppi e dei club dei camionisti, per unire e collegare il nord e il sud. Il ricavato della vendita dei calendari, infatti, è devoluto in beneficienza ad associazioni e ospedali che si occupano della ricerca per la lotta ai tumori, o che seguono bambini affetti da gravi malattie, e le loro famiglie. Dopo i calendari Ivan Dal Toso ha illustrato l’ultimo viaggio umanitario supportato dal team "Buona strada" nella città di Monstar in Bosnia; quindi Franco Sette, portavoce del gruppo "Belli e Budelli", ha delineato il progetto per la realizzazione di un monumento al camionista a Grisignano.

IL GIORNALE

Ciao a tutte/i

 anche se non eravamo state in grado di rispondere tempestivamente a Pamela Dell’Orto, ci ha comunque inserito nel contesto del suo articolo On roaddedicato alle Donne al Volante, è sul quotidiano Il GIORNALE di oggi, nelle pagine nazionali, un bel premio per il nostro impegno.. La ringrazio a nome di tutte da queste pagine..  riporto il testo:

Ad abbattere a colpi di blog e di testimonianze tanto grintose quanto avventurose su un lavoro di solito tutto maschile, anche le 120 camioniste del «Lady Truck Driver Team». Una squadra che ha creato il blog «Buona strada», raccoglitore di racconti ed esperienze on the road. E che trova anche il tempo di fare del bene: alcune di loro si sono fatte fotografare in un calendario a scopo benefico.

 

Il resto dell’articolo riporta dati ed esperienze di Donne austiste di svariati mezzi, dal taxi alle auto da rally, dal bus alle  lussose autonoleggio… Uno spazio dedicato a noi ci Onora…

Grazie Pamela e BUONA STRADA!!!!

Senza titolo 20

La settimana è volata via, il ruolo della badante-accompagnatrice ha avuto il il Gladiatoresopravvento su quello di autista e mercoledì è stato il primo giorno intero alla guida, ma bisogna dare delle priorità e la salute di chi mi sta vicino ce l’ha… Non è comunque stata una noiosa, sono successe un sacco di cose… La Rai sta cercando storie INCREDIBILI da proporre in un nuovo programma, qualche suggerimento lo abbiamo dato e forse hanno trovato ciò che fa il loro caso, mi sarebbe piaciuto fossero interessati al record del Caccia, ma non essendo più in vita non è stata ritenuta proponibile, io ci ho provato..; Sabry vive con ansia, legittima, l’ultimoTruck 3 periodo prima dell’esame, si cerca di tranquillizzarla… Elda ha incontrato Maurizia in un magazzino zona Mi, ma per le operazioni di carico non sono riuscite a scambiarsi una parola… Milly ha incontrato Giorgia e non è riuscita a farsi notare, così l’ha filmata per qualche minuto… Tania ha cominciato a fare trasporti di generi alimentari, nuovo per lei e con entusiasmo affronta la novità… Mi ha chiamato una Lady Truck 2Truck che ancora non conoscevamo, una romagnola simpaticissima, speriamo capiti presto l’occasione d’incontrarci… Già settimana scorsa si è messa in contatto con noi una toscana “adescata” da Milly mesi prima… Una giornalista di un quotidiano vorrebbe scrivere di noi e del nostro modo di fare gruppo… Mercoledì sera ho incrociato Gianpiero, dopo un msg e una lunga telefonata ho invaso la sua riservatezza e l’ho fotografato, pessimo risultato… pazienza; un’ora dopo ho incrociato Mony che non ancora TRUCK 1ristabilita completamente andava in Toscana…; Tante persone mi dicono di aver visto i Calendari Lady Truck a Mattino5 settimana scorsa, se li ripropongono vuol dire che sono piaciuti, purtroppo la crisi ha colpito anche quelli e non sono ricercati come l’hanno scorso, però gli affezionati rimangono, mi ha chiamato un fan dal Sud, settimana prossima carica a Fiorano e vorrebbe averli… Dany ha fatto un breve viaggio col Bimbo e soffre di nostalgia… non ha però perso la sua grinta… Simo si è iscritta a scuolatruck guida e ci teniamo in contatto… Gianni è sempre disponibile a dare informazioni e consigli e l’ha fatto anche con lei e Sabry… Anche sul blog ci sono novità, è arrivata l’Indomabile… La Tata… Simo… Sony Benvenute!!! Aspettavo uno spazio dedicato ad Anto e il suo camion, su una rivista settimanale, che ormai compro da un mese, ma gli avvenimenti internazionali hanno riempito tutte le pagine… Nel riassunto della settimana dovrei scrivere dei viaggi…, sono stati all’insegna della pioggia e delle attese interminabili, si parla interno trucktanto di Malpensa che va male… questa settimana ho fatto 2 viaggi il primo impiegandoci 12 ore e il secondo 15 contro le 7 o 8 di tempi ragionevoli… se va male ci saranno svariati motivi… voi che ne dite? Senza contare che giovedì hanno accettato e imbarcato una spedizione che non era destinata a loro senza che nessuno se ne renda conto, noi non ne abbiamo la possibilità perché non vediamo i documenti, sono sigillati…poi ieri leggo sul quotidiano:” Da Malpensa a Roma non ci si arriva neanche da morti”, una salma destinata a Roma è arrivata in Marocco… Malpensa cargocity e i suoi misteri…

Buona Strada a Tutte/i  !!! gisy

Senza titolo 18

Ciao a tutte/i

vi riporto l’articolo che è stato pubblicato sul Giornale di Vicenza domenica 4 gennaio proprio il giorno dell’inaugurazione del ristorante al quale abbiamo partecipato. In questa maniera è stata data comunicazione dell’evento tramite il quotidiano della provincia oltre a far conoscere il nostro club e le iniziative, che ho informato io stessa qualche giorno prima al giornalista Matteo Guarda.

PONTE DI MOSSANO IL CALENDARIO DELLE CAMIONISTE

di Matteo Guarda

Calendari per promuovere la solidarietà. A farli stavolta si sono messe le camioniste. Alla guida dell’iniziativa è il "Buona strada – Lady Truck driver team", il gruppo formato da un centinaio di ragazze che girano l’Italia e l’estero al volante di poderosi bisonti, quest’anno impegnate a raccogliere fondi da destinare a favore dei progetti dell’Alts, l’associazione per la lotta del tumore al seno. Nello scopo benefico si sono lasciati trasportare pure i colleghi maschi che, non a caso, hanno voluto chiamare il loro club dei "Lady Truck fans", a sostegno della Paolo Belli Onlus di Bergamo per la ricerca e la prevenzione contro le leucemie. Il risultato del progetto sono sei diversi calendari per i trucker e cinque per le Lady che in sessanta scatti sono state ritratte in posa davanti ai loro bestioni. "Il nostro gruppo – afferma Rosa di Gregorio portavoce delle intraprendenti guidatrici di Vicenza – è da sempre a fianco di chi è meno fortunato. Lo spirito che ci accomuna è aiutare gli altri coinvolgendo quante più persone possibile e sfatare una certa immagine di camionista, professione dove sta prendendo sempre più piede la componente femminile. Come Lady ci siamo incontrate tramite il passaparola, agli eventi di settore o più semplicemente nei piazzali di carico, tra noi funziona come un domino: una lega l’altra". L’appuntamento per la presentazione dei calendari Lady e Mister Truck 2009 che ha  avuto la prima nazionale a Milano e poi a Piacenza è fissato per domenica 4 a partire dalle 10 al bar trattoria "El Portego" a Ponte di Mossano in via Montruglio, 20 lungo la Riviera berica. Per ulteriori informazioni sull’evento, le altre iniziative in corso o ordinare una copia è possibile consultare il blog ufficiale all’indirizzo web http://buonastrada.splinder.com/.

E per concludere una foto di gruppo della bella giornata trascorsa insieme, che è stata occasione  x noi Lady e fans di ritrovarsi, che se nn c’era la ressa fra gente e camion x noi vale sempre il principio che nn contano i numeri ma la sostanza!!!!

01-Gruppo

Scrivono di noi… – 10

Ciao a tutte/i

A Dicembre nelle aziende si compilano i bilanci… si fanno progetti per il futuro e considerazioni Tuttotrasporti_n_312_dicembre_2008-_ritagliosul passato; noi guardiamo indietro, ai mesi passati insieme, siamo cresciute numericamente ma non è dal numero delle unità che raccogliamo soddisfazione, è dall’atmosfera che si respirava ieri sera…

Abbiamo passato una serata fra amici, sorrisi, saluti e tanti complimenti… abbiamo nel corso dell’anno ricevuto l’attenzione da parte di diverse riviste, ma  la prima a credere in noi con e parole del Signor Bossi,  ha voluto rinnovarci la stima, pubblicando sul Nr. 312  Dicembre 2008 a pagina 138 i “nostri” calendari 2009, lo trovate in edicola in questi giorni… Ringrazio la Redazione per lo spazio che ci ha riservato e in particolare il Signor Massa per aver riportato fedelmente le mie parole e aver dato spazio alla problematica della maternità. GRAZIE!!!

 

News…

Alcune news di oggi…

Reggio Emilia, 4 dicembre 2008 – Giornata all’insegna dei controlli ai veicoli commerciali per le pattuglie della polizia stradale di Castelnovo Monti. Alcune pattuglie hanno svolto per tutta la giornata di ieri una serie di verifiche ai mezzi industriali che circolavano lungo le strade del comprensorio ceramico, da Veggia fino a Roteglia.

 Lo scopo, quello di verificare il corretto peso della merce trasportata e la regolarità dei documenti di viaggio e del conducente. Il peso eccessivo di questi veicoli, infatti, è spesso una delle maggiori cause di incidente stradale per la forte sollecitazione dei freni.

 A fine giornata sono stati multati otto conducenti e sono state ritirate due carte di circolazione di altrettanti veicoli che non erano stati sottoposti alla visita di revisione entro il termine di legge.

 Per ciascun conducente è scattata una contravvenzione di 370 euro, oltre alla decurtazione di 4 punti dalla patente di guida e l’obbligo di ripristinare correttamente il carico prima di riprendere il viaggio.

Mi auguro che questi controlli siano stati fatti davvero a tappeto e non a rete come al solito, una rete che dalle proprie maglie lascia fuoriuscire sempre i mezzi di alcune ditte locali, che chiamarli inefficenti è un complimento.

04 Dicembre 2008, 18:38

VERONA – Un istinto di solidarietà che gli è stato fatale: sceso dal suo camion per soccorrere un automobilista vittima di un incidente in autostrada, un autista moldavo è stato travolto e ucciso da un Tir. È successo all’altezza di Bussolengo, nel veronese, sulla A22 del Brennero. La vittima si chiamava Anton Cretu e aveva 50 anni. L’autista del Tir e la donna che ha subito l’incidente sono stati portati in ospedale. (Agr)

Tutta la nostra solidarietà alla famiglia di questo collega!!!

 

Auto:Ipsos, italiani trasgrediscono

50% non rispetta limiti velocita’, 52% telefona senza auricolare

(ANSA) – BOLOGNA, 4 DIC – Gli italiani si sentono prudenti al volante. Peccato, pero’, che la loro percezione si riveli assolutamente infondata. Secondo un’indagine Ipsos, il 50% ammette di non rispettare i limiti di velocita’ e il 52% di guidare telefonando senza auricolare. Inoltre solo il 50% riconosce di aver ceduto il volante a un’altra persona dopo aver consumato alcol e ancora meno, il 29%,si organizza nominando un ‘tutore’ che non beve per accompagnare a casa gli amici in sicurezza.

Questi dati si riferiscono ai conducenti, quindi dimostrano che non sono solo i camionisti colpevoli di distrazione e infrazioni gravi; riconosciamo che ce ne siano, ma va ricordato a tutti che è una minoranza.

BUONA STRADA A TUTTE/I!!!!

 

Una chicca tra le notizie…

Leggendo le cronache oggi tra le tante tragedie ho trovato questa notizia che mi ha fatto ridere, la trascrivo per far sorridere anche voi… Affidarsi al navigatore può andar bene… ma fino a un certo punto; speriamo sia più atteto quando è in sala operatoria, perchè per strada mi sembra distratto… Buona Strada!!!SEGUE IL NAVIGATORE, IN AUTO GIU’ PER LE SCALE A TRIESTE Ha seguito passo passo le indicazioni del navigatore satellitare e, all’improvviso, senza rendersene conto, si è ritrovato con l’auto giù per due rampe di scale, a Trieste, con danni alla carrozzeria e la necessità di uno speciale carro attrezzi per rimetterla in carreggiata. E’ successo a un chirurgo di Udine che, nel capoluogo giuliano, doveva raggiungere i suoi ex compagni di Liceo per festeggiare insieme i 40 anni dall’esame di maturità. Il professionista ha impostato il navigatore satellitare con le indicazioni del ristorante di via delle Campanelle dove avevano deciso di trascorrere la serata. Venendo giù lungo la strada di Fiume, a un certo punto ha svoltato seguendo le indicazioni del navigatore ma, complice la scarsa illuminazione, si è ritrovato nell’area privata di un comprensorio di case popolari dove ha percorso ben due rampe di scale prima di fermarsi. A quel punto – si è appreso dalla Polizia Municipale di Trieste, intervenuta sul posto – gli mancavano 12 scalini per arrivare effettivamente in via delle Campanelle ma il medico ha preferito chiedere aiuto e far riportare l’auto sulla strada. Alla cena – hanno precisato i vigili urbani – il medico è arrivato comunque, nonostante l’ora e mezza di lavoro del carro attrezzi per rimettere l’auto su strada.

VIA LIBERA AI COMMENTI….